Connect with us

Sport

Rugby Frascati Union 1949, Bellusci e Pillinini: «Il futuro sindaco tratti equamente tutte le società»

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Redazione

Frascati (Rm) – E’ andata in scena nel tardo pomeriggio di ieri presso l’Hotel Flora la conferenza stampa indetta dalla Fondazione Rugby Frascati (di cui il Rugby Frascati Union 1949 è il “braccio sportivo”) per fare il punto sul tema sempre caldo della gestione degli impianti sportivi. A condurre l’incontro, svoltosi alla presenza della quasi totalità dei candidati sindaci alle prossime elezioni comunali, sono stati Luigino Bellusci, presidente della Fondazione Rugby Frascati, e Diego Pillinini, massimo dirigente del Rugby Frascati Union 1949. E’ stato proprio Bellusci a prendere per primo la parola. «Innanzitutto, devo fare i complimenti al Frascati Rugby Club (l’altra società tuscolana, ndr) che ha conquistato la promozione nel prossimo campionato di serie B e che sono certo terrà alto il nome della nostra cittadina. Abbiamo convocato questo incontro per fare il punto della situazione dopo la nostra ultima conferenza stampa e l’incontro con il commissario straordinario di Frascati Bruno Strati di fine marzo scorso nel corso del quale avevamo palesato l’iniquità della suddivisione degli spazi e l’esigenza di poter accedere agli atti con cui erano stati affidati. Il commissario si impegnò entro sette giorni a “riequilibrare” le cose promettendo un affidamento pro tempore per sei mesi ad una società e per altri sei all’altra, ma da allora nulla è più cambiato tranne il fatto di aver potuto prendere visione dei documenti dai quali non emerge nessuna motivazione per l’affidamento di tali spazi da parte della Sts ed è probabilmente per questo motivo che ci sono voluti due anni per consegnarceli. Comunque, questo per noi ormai è il passato: quello che chiediamo al prossimo sindaco di Frascati è quello di avere un rapporto trasparente nella gestione degli impianti sportivi garantendo un accesso equo e con pari dignità a tutte le società». Sulla stessa lunghezza d’onda anche il presidente Pillinini che ha cominciato il suo intervento parlando prima dell’aspetto sportivo del Rugby Frascati Union 1949. «Siamo molto contenti dei nostri ragazzi, in primis di quelli della serie C che hanno dato vita a uno splendido derby vinto meritatamente dal Frascati Rugby Club. Abbiamo una squadra giovane, di prospettiva e siamo sicuri che la nostra società proseguirà il proprio processo di crescita che già quest’anno l’ha vista triplicare il numero dei tesserati. Tra l’altro non è detto che il nostro primo XV non possa disputare anch’esso il prossimo campionato di serie B, vedremo cosa accadrà in estate dal punto di vista delle iscrizioni. Siamo altrettanti soddisfatti delle cose fatte dalla nostra Under 18 e dal settore femminile che saranno ancora protagonisti nelle prossime settimane. Per quanto riguarda la questione dell’impiantistica, la cosa che più mi ha amareggiato da presidente è stato il non poter far celebrare ai nostri atleti dei “terzi tempi” consoni allo spirito del nostro sport, ma ringraziamo il Comune di Frascati per aver contribuito a “forgiare” i ragazzi costringendoli a “terzi tempi” all’aperto anche in periodo invernale… A tal proposito ringrazio per la disponibilità il Frascati Rugby Club che ci ha concesso, da gennaio in avanti, di fare i “terzi tempi” all’interno della club house dello stadio di Cocciano (uno degli spazi su cui il Frascati Rugby Union 1949 ha chiesto maggiore equità al Comune, ndr). Avevamo chiesto l’utilizzo della club house anche a Vermicino per i terzi tempi delle gare della C2, ma nessuno ha risposto e così abbiamo dovuto rinunciare a uno dei momenti più alti per i valori del rugby. Infine vorrei ricordare che il Rugby Frascati Union 1949 ha presentato un anno fa un progetto di riqualificazione dell’impianto di Cocciano, senza avere costi per la collettività e per il Comune. Ma anche su questa idea non abbiamo avuto alcuna risposta».
 

Calcio

Polisportiva Borghesiana (calcio, I cat.), il neo tecnico Abate: “Squadra giovane? E’ uno stimolo”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Roma – Andrea Abate è il nuovo tecnico della Prima categoria della Polisportiva Borghesiana. L’ex allenatore del Real Valle Martella ha già preso in mano il gruppo capitolino da un paio di settimane, quando è ufficialmente cominciata la preparazione pre-campionato. “Vengo da un bel periodo a Valle Martella e da un anno di stop nella stagione appena messa alle spalle – dice il tecnico – Com’è nato l’accordo con la Polisportiva Borghesiana? Ho portato mio figlio Mattia a fare Scuola calcio qui e ho cominciato a parlare con il responsabile del settore Lino Virgili che già conoscevo per motivi lavorativi: è uno dei più competenti dirigenti calcistici e conosce benissimo questa disciplina. Tra l’altro alla Polisportiva Borghesiana ci allenò anche mio padre Domenico nel settore giovanile, quindi questo ambiente lo conosco bene”. La filosofia del club capitolino in questa stagione è stata chiara fin da subito: “Hanno voluto puntare su un gruppo giovanissimo, composto da ragazzi nati dal 1999 in avanti: un aspetto che non mi ha spaventato, anzi è stato molto stimolante e mi ha convinto ad accettare la proposta. Mi affiderò alle “guide esperte” di questo gruppo che sono il capitano Luca Ferraro, Matteo Biticchi e mio fratello Manolo Abate, poi potrò contare sui miei collaboratori Simone Paglia e Fabio Pulcini. A livello tecnico la squadra ha qualità importanti, anche se chiaramente potrebbe pagare qualcosa dal punto di vista dell’esperienza. Sarà importante partire bene anche per alimentare l’autostima di questi ragazzi, ma dipenderà anche dal girone in cui verremo inseriti. In ogni caso dovremo tirare fuori le unghie e lavorare in prospettiva: con un po’ di esperienza in più e qualche innesto, questi ragazzi l’anno prossimo potrebbero davvero puntare ai vertici”. Nell’ultimo test amichevole, la Polisportiva Borghesiana ha battuto di misura (1-0) proprio l’ex squadra di Abate: “Quel club rappresenta un pezzo di cuore per il sottoscritto. Al di là di questo i ragazzi hanno fatto una buona gara al cospetto di un avversario di ottimo livello e domenica faremo visita al Gallicano, un’altra compagine di Seconda categoria”.

Continua a leggere

Calcio

Asd Valmontone 1921 (calcio), presentata la Promozione e la maglia ufficiale: “Stagione speciale”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Valmontone (Rm) – Il Valmontone 1921 ha “aperto il sipario” in grande stile ieri sera. Il club ha presentato tutta la rosa della Promozione da cui ci si aspetta tanto: i portieri Alessandro Rovitelli, Jacopo Bartolelli e Cristian Bauco, i difensori Emanuele Ansini, Cristian Romaggioli, Antonio Procacci, Jacopo Sarnino, Piergiorgio Pizzuti, Matteo Antonucci, Marco Moratti e Francesco Petrosini, i centrocampisti Renato Lustrissimi, Andrea Pasquazi, Alessio Moroni, Marco Avallone, Marco Pizzuti, Luca Pizzuti, Riccardo Ceccarelli, Graziano Romagnoli, Gabriele Ciampi e Alessio Mizzoni e gli attaccanti Yuri Fazi, Moreno Barani, Claudio Parfene, Daniele Colaiori, Roberto Romagnoli, Marco Antonucci e Simone Matozzo. “La società ha fatto grandi sforzi e noi cercheremo di ripagarli” hanno promesso i giocatori. Poi è stata la volta dello staff tecnico formato da mister Aurelio Sarnino, dal vice Antonio Cristofari, dal preparatore atletico Alessandro Terenzi e da quello dei portieri Angelo Petruzzellis. “La responsabilità la sento, ma lavoriamo con serenità e convinzione nei nostri mezzi” ha detto l’allenatore. Dopo gli applausi ai dirigenti (Maurizio Bucci responsabile della prima squadra e poi anche Maurizio Moratti, Stefano Lanna, Arcangelo Piacentini e Massimiliano Ceccarelli) e al responsabile dello staff medico Vincenzo Pilozzi, c’è stato spazio per la presentazione della maglia ufficiale del centenario calcistico valmontonese su cui c’è il simbolico Palazzo Dorja Pamphili stilizzato. Infine ha preso la parola il patron Manolo Bucci che ha ringraziato i rappresentanti del Comune intervenuti (il vice sindaco Veronica Bernabei, il consigliere delegato allo Sport Pierluigi Pizzuti e i consiglieri comunali Roberto Matrigiani e Piero Attiani) e poi ha promesso: “Cercheremo di onorare al meglio il nome di questa città”.
Presenti alla serata anche Corrado Corradini (ex tecnico della Nazionale femminile Under 19 campione d’Europa nel 2008), Fabio Caselli (ex club manager delle giovanili dell’As Roma) e il presidente del Valmontone Calcio Manolo Simeoni, l’altra compagine calcistica cittadina.

Continua a leggere

Sport

Volley Club Frascati, che entusiasmo! Musetti: “Boom di richieste per le nostre squadre giovanili”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Frascati (Rm) – Il Volley Club Frascati sembra aver sconfitto la “paura della pandemia”. I primi allenamenti settembrini hanno confermato quanto si era già intuito in estate: c’è una grande voglia di sport (e in particolare di pallavolo) tra i ragazzi e le loro famiglie. A confermarlo è il presidente Massimiliano Musetti: “Stiamo avendo numerose richieste di iscrizione, in special modo per le nostre squadre giovanili e in particolare minivolley, Under 12, Under 13 e Under 14, soprattutto femminili, ma anche maschili. Sicuramente può avere influito la “pubblicità” arrivata dal recente successo ai campionati europei della Nazionale “rosa” e dall’attuale cammino continentale degli uomini azzurri (che domani disputeranno la semifinale contro la Serbia), ma ha pesato molto anche la voglia di far tornare all’attività e alla socialità i ragazzi che hanno sofferto le restrizioni della pandemia. E’ chiaro che, in riferimento ai minori di 12 anni, le famiglie non hanno avuto nemmeno il dubbio legato all’obbligatorietà del green pass che invece vige per i ragazzi più grandi, ma anche nelle fasce d’età maggiori i riscontri sono stati notevoli. Proprio per questa ampia richiesta, abbiamo pensato di portare avanti fino a fine settembre le prove gratuite per chi volesse entrare a far parte del Volley Club Frascati”. La società tuscolana, che da anni è uno dei punti di riferimento regionali (e non solo) per l’attività pallavolistica, sta lavorando alacremente per “fronteggiare” a queste richieste senza abbassare la qualità della propria offerta: “Il nostro staff tecnico è ampiamente qualificato e ci faremo trovare pronti anche nel caso di un sensibile aumento numerico dei tesserati – rimarca Musetti – Il tutto portando avanti in maniera certosina pure il lavoro dei gruppi di ragazze e ragazzi che hanno una maggiore esperienza pallavolistica”.

Continua a leggere

I più letti