Connect with us

Sport

Rugby Frascati Union 1949, Caffaratti torna alla guida del primo XV: “Mi mancava il campo”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Frascati (Rm) – Il Rugby Frascati Union 1949 riparte. Il sodalizio tuscolano, dopo aver aggiornato il consiglio direttivo, nell’ottica di continuare il percorso interrotto dalla pandemia Covid19 ha scelto di “tornare al passato” per ciò che concerne la guida tecnica della prima squadra, nell’attesa di conoscere la categoria di competenza dopo l’ottimo campionato di serie C1 della passata stagione. Il coach sarà l’argentino Sebastian Josè Caffaratti, il quale ha già avuto la responsabilità tecnica della prima squadra per tre stagioni (dal 2015 al 2018) e che poi aveva proseguito la sua esperienza all’interno della dirigenza del team frascatano. Assieme a lui ci saranno il collaboratore tecnico Matteo Pietrosanti (una novità per lo staff frascatano) e il preparatore atletico Andrea Zingale (al suo terzo anno con il Rugby Frascati Union 1949). “Ho grandi stimoli – dice Caffaratti, per tutti “Seba” – Tornare in campo era una cosa che desideravo perché mi mancava e quando c’è stata questa opportunità non ci ho pensato un momento. La voglia di stare coi ragazzi è enorme, a maggior ragione dopo il lungo stop dovuto alla pandemia. Sarò affiancato da Matteo Pietrosanti e anche questo è un aspetto che mi fa piacere: so di che persona si tratta, siamo in sintonia sull’idea di gestione del gruppo. Obiettivi? Siamo in attesa di conoscere le decisioni della Federazione circa la struttura dei campionati, ma a prescindere dalla categoria in cui militeremo, il primo obiettivo da raggiungere sarà quello di provare a far crescere qualitativamente e numericamente questo gruppo. Dal punto di vista sportivo ci sarà tempo per valutare il tipo di campionato che ci aspettiamo di fare, ne parleremo con la squadra e lo condivideremo insieme”.
Non vede l’ora di cominciare la sua avventura con il primo XV del Rugby Frascati Union 1949 anche Matteo Pietrosanti: “Sono frascatano e ho giocato qui per diverso tempo. Alleno da molti anni i bambini con la squadra dei Lupi Frascati Rugby e questa sarà la prima esperienza con i senior. Ho accettato perché è un’avventura che nella mia testa avevo messo in preventivo di provare. Come Sebastian, sono carico e voglioso di ritrovare un contatto con i ragazzi e con lo sport che amo di più. Di sicuro ce la metteremo tutta, poi vedremo cosa saremo riusciti a fare”.
Carico al punto giusto anche il preparatore atletico Andrea Zingale: “I frutti di un buon lavoro atletico si vedono nel corso del tempo e in questo senso l’aver seguito questo gruppo nelle ultime due stagioni è sicuramente un vantaggio. Concorderemo con lo staff le specifiche sul lavoro e cercheremo di preparare la squadra per avere fiato e resistenza e produrre un gioco veloce. Sarà la prima esperienza diretta di lavoro con Sebastian che ho conosciuto per averlo frequentato qui al campo: ho visto in lui grandi capacità tecniche. Sono curioso di vedere cosa uscirà fuori dal nostro rapporto visto che siamo due testardi. Anche quest’anno curerò pure il lavoro atletico del settore femminile dove ho grandissima sintonia con tutto lo staff e il gruppo delle ragazze che piano piano hanno assorbito i miei metodi”.
La società si sta dunque preparando ad una ripartenza alla grande ed in tal senso intende continuare ad avvalersi dell’operato di Luciano Bronzini e Claudio Girini (in posizioni di staff da definire) che tanto bene hanno fatto nel recente passato, contribuendo in maniera sostanziale alla creazione di un gruppo coeso e motivato, e verso i quali la società, per bocca dei vertici dirigenziali, nutre profonda stima e sinceri sentimenti di gratitudine.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Calcio

Cynthialbalonga (calcio, serie D), Panaioli: “Con l’Agnonese due punti persi, ora il Campobasso”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Genzano (Rm) – Ha segnato il suo terzo gol stagionale (il secondo in campionato dopo quello in Coppa Italia a inizio stagione con la maglia della Sambenedettese), ma non è servito alla Cynthialbalonga per conquistare il bottino pieno. Lorenzo Panaioli, centrocampista (o trequartista) classe 1999, si rammarica ancora per l’1-1 nell’anticipo di sabato sul campo dell’Olympia Agnonese (ex ultima della classe). «Sicuramente sono due punti persi: dovevamo dimostrare la nostra superiorità nei confronti degli avversari, ma abbiamo sciupato troppe occasioni e abbiamo pagato a carissimo prezzo una disattenzione difensiva in avvio di ripresa. Peccato perché eravamo riusciti a indirizzare la partita nel verso giusto, non possiamo perdere queste occasioni e soprattutto fuori casa bisogna migliorare il rendimento attuale». L’unica consolazione è stato proprio il suo gol: «Merito di Di Cairano che ha messo un ottimo pallone al centro su cui mi sono inserito e di testa sono riuscito a beffare il portiere avversario. Nel secondo tempo, evidentemente, non siamo rientrati in campo con la giusta concentrazione e abbiamo subito l’1-1 finale su una disattenzione difensiva generale». La Cynthialbalonga non ha tempo per rammaricarsi perché mercoledì al “Bruno Abbatini” di Genzano c’è il big match col Città di Campobasso: «Affronteremo una grossa squadra che ha individualità importanti e che da molti viene indicata come una delle favorite. Ma in casa noi sembriamo avere quasi un atteggiamento diverso e poi quando affrontiamo le squadre più forti gli stimoli e la concentrazione sono altissimi in maniera naturale. Il nostro obiettivo? Conosciamo il valore dell’organico, dobbiamo limare i dettagli e guardare avanti perché tutto è possibile». Il giovane atleta (che arriva dalle esperienze con la Primavera del Perugia, con cui fece anche qualche panchina in B, e Torino e anche dai due anni di serie C con la Sambenedettese) spiega i motivi che lo hanno portato alla corte del club del presidente Bruno Camerini: «Sono venuto qui perché avevo voglia di giocare e crescere, sperando di risalire al più presto di categoria. Ringrazio il presidente, ma anche il direttore sportivo Giorgio Tomei e mister Mauro Venturi per la fiducia che mi hanno sempre dimostrato».

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Sport

A Montefiascone, sfida al vertice tra Maury’s Com Cavi Tuscania e Videx Grottazzolina

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Maury’s Com Cavi Tuscania alla ricerca della decima vittoria di fila domani sul taraflex di Montefiascone dove alle 18 è in programma lo scontro al vertice con l’altra delle quattro capolista del girone blu la Videx Grottazzolina. L’incontro è valido per la terza giornata di ritorno della serie A3 Credem Banca.

Le due squadre si sono affrontate non più tardi di tre settimane fa nel recupero della terza di andata; nell’occasione i ragazzi di Tofoli si imposero nettamente per 1/3. Entrambe provengono da due convincenti vittorie: i padroni di casa ai vantaggi sull’altra capolista Galatina, gli ospiti per 3/1 in casa con Aci Castello.


“Affrontiamo una squadra che negli ultimi anni ha sempre fatto bene -presenta l’incontro capitan De Paola – nonostante si sia rinnovata mantenendo però delle pedine fondamentali quali Vecchi, Marchiani e il libero Romiti. Noi siamo fortemente determinati a continuare la striscia di vittorie mantenendo la nostra mentalità positiva: è un’altra sfida al vertice per cui gli stimoli si trovano da soli. Il loro attaccanti migliori potrebbero essere appunto Vecchi, nei momenti più importanti, insieme a Calarco. Da tener d’occhio anche Starace che ha ottime potenzialità. Noi dobbiamo fare una bella partita, se continueremo a giocare di squadra come stiamo facendo sono sicuro che potremo toglierci delle belle soddisfazioni”.


Probabile formazione degli ospiti: Marchiani in palleggio con Calarco opposto, Vecchi e Starace laterali, Romagnoli e Cubito centrali, Romiti libero. All. Ortenzi.
Si gioca alle 18 al Palazzetto dello Sport di Montefiascone (VT) agli ordini dei signori Beatrice Cruccolini e Maurizio Merli. Diretta Legavolley.tv

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Calcio

Polisportiva Borghesiana (calcio), il presidente Gagliarducci: “Il comitato restituisca le iscrizioni”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Roma – L’attività “in forma individuale” continua in casa Polisportiva Borghesiana. La società del presidente Enrico Gagliarducci sta consentendo di allenersi a tutti i gruppi dalla Scuola calcio agli Allievi (che si sono aggiunti al resto delle categorie da qualche tempo). “Abbiamo fatto sforzi notevoli sia a livello economico che organizzativo per adeguarci ai protocolli proposti dalla Federazione – dice il massimo dirigente della Polisportiva Borghesiana – Ma evidentemente non sono bastati visto che, ormai da tempo, l’unica forma consentita è quella degli allenamenti in forma individuale. Inoltre il divieto di utilizzare gli spogliatoi per fare la doccia, ma anche solo per utilizzare il phone e asciugare i capelli prima di tornare a casa, ha creato ulteriori notevoli difficoltà in un periodo di basse temperature come questo. Ringrazio comunque le famiglie dei nostri ragazzi che ci hanno testimonianza vicinanza e fiducia più volte, non a caso sono pochi coloro che hanno deciso di interrompere l’attività sportiva”. Più passa il tempo, però, e più l’ipotesi di una ripresa dei campionati diventa debole: “Dopo l’ultimo decreto governativo, credo che oggettivamente le speranze siano davvero al lumicino – rimarca Gagliarducci – Inoltre finora non è trapelata nessuna ipotesi concreta sulle nostre categorie e si è sentito parlare soprattutto dell’Eccellenza: penso non sia giusto fare distinzioni. In ogni caso faccio anche pubblicamente una richiesta al comitato: abbiamo pagato le iscrizioni dei nostri gruppi giovanili e della prima squadra e praticamente non abbiamo cominciato a giocare. Dopo aver saltato gli ultimi tre mesi della passata annata, credo sia giusto rimborsare alle società almeno le quote di questa stagione. Il comitato regionale dovrebbe dare un segnale forte e mettere in campo delle iniziative concrete a sostegno delle società, ma vedo un ente “stanco”, fermo, che avrebbe bisogno di nuove energie e invece è guidato da anni dalle stesse persone”.



Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti