1

Saints Row The Third Remastered, la gang torna a 60 fps

Saints Row The Third Remastered arriva sulle attuali piattaforme di gioco a quasi 10 anni dall’uscita del titolo originale e lo fa con una veste grafica del tutto restaurata e molte piccole chicche che faranno la gioia dei gamers. Lanciata inizialmente nel 2011 per le maggiori piattaforme del tempo, questa bizzarra ed egocentrica opera di Deep Silver Volition torna in grande spolvero per far nuovamente morire dalle risate a suon di colpi di armi da fuoco ed esplosioni pirotecniche. Ricordato per essere sempre stato “il fratellastro meno cool di GTA“, con questo terzo capitolo Saints Row ritrovò la sua dimensione discostandosi dal classico stereotipo e, soprattutto, dall’ombra del suo “parente non di sangue” targato Rockstar Games. Restando sempre sopra le righe per non perdere l’identità costruita con i precedenti titoli, nel 2011 era riuscito a ritagliarsi il suo spazio e a conquistare una buona fetta di mercato. Saints Row The Third Remastered è disponibile per Xbox One, versione da noi testata, ma anche per PlaySation 4 e PC. Prima di parlare dell’aspetto puramente tecnico di questa riedizione, vogliamo introdurre brevemente l’opera per far comprendere a chi non avesse mai giocato prima d’ora a quest’avventura di che cosa si sta parlando.

In Saints Row The Third i giocatori vestiranno i panni di una gang di criminali chiamata per l’appunto i Third Streets Saints. Nata da piccoli crimini stradali e controlli di quartiere nella città di Stilwater (Michigan), la banda di delinquenti è ormai divenuta un vasto impero criminale e mediatico che ha guadagnato un potere incredibile, al punto da avere la maggiore influenza come brand a livello nazionale. Saints Row The Third Remastered inizia con il protagonista, che l’utente potrà creare a suo piacimento tramite un editor ben fatto che permetterà anche di regolare la dotazione sessuale del proprio alter ego virtuale, impegnato in un ambizioso colpo a una banca. Purtroppo la rapina però non va liscia come avrebbe dovuto, e da qui il giocatore sarà impegnato in una rocambolesca fuga che definire cinematografica è persino riduttivo: sterminando praticamente un intero esercito di nemici costituito da guardie del corpo spietate, gang nemiche e persino agguerritissimi agenti SWAT. Il protagonista, insieme ai suoi fidati compagni, si farà strada sul tetto di un edificio facendo saltare in aria innumerevoli elicotteri e riuscendo persino a sfuggire dall’aereo del “Sindacato” (organizzazione rivale che ricatta i Saints), e a salvarsi tramite una surreale escursione in parapendio con sparatorie volanti incorporate. Dopo questa fase action inizierà la classica esperienza di gioco open world criminale, avendo accesso a un appartamento munito di garage che ospita già tanti mezzi disponibili, e potendo contare su diversi contatti che ci offrono rapine, crimini e lotte con le gang rivali per allargare il territorio. Tutte queste missioni ricompensano con denaro e con punti rispetto, che consentono si salire di grado e di sbloccare nuove bocche da fuoco, potenziamenti, proprietà e quant’altro, in un modo abbastanza familiare per chi conosce i free roaming criminali. Nonostante il gameplay di Saints Row The Third Remastered soffra ormai il peso degli anni, il gioco risulta ancora molto divertente. Sebbene alcune meccaniche non siano articolate quanto ci si aspetterebbe, l’estrema irriverenza e la follia di tutto ciò che ci viene offerto farà soprassedere sulle dinamiche di gameplay non proprio fresche. Dal linguaggio estremamente scurrile alle auto istrioniche, ai mezzi estremi e alle armi teleguidate, tutto quello che si può fare risulta folle, estremamente soddisfacente e incredibilmente divertente.

Dopo questo breve ma doveroso riassunto della trama passiamo a descrivere i cambiamenti tecnici apportati a questo Saint Row The Third Remastered. Prima di ogni cosa si nota che la risoluzione nativa è stata incrementata, arrivando a 1080p su console base e 1440p (con upscaling a 4K) su PS4 Pro e Xbox One X, mentre su PC ovviamente c’è il supporto alle risoluzioni native più estreme. Per quanto riguarda il frame-rate, questo è bloccato di default a 30fps, un aspetto che potrebbe inizialmente dar storcere la bocca, ma fortunatamente nel menu delle opzioni esiste l’opzione per passare ai tanto agognati 60fps. L’aumento di risoluzione è il classico lavoro che si fa in sede di rimasterizzazione ma anche il minimo sindacale. Il remaster di Saints Row The Third va però fortunatamente ben oltre: il gioco infatti gira su un motore basato sulla fisica che applica anche un’inedita illuminazione globale. Il look ora risulta totalmente nuovo grazie a tre nuovi metodi di occlusione ambientale che si combinano tra loro a seconda del tipo di oggetto o texture. Depth of field e motion blur sono stati potenziati, così come la nebbia e gli effetti volumetrici. Sono stati aggiunti anche nuovi effetti post-processing come aberrazione cromatica e grana cinematografica, che assieme a nuovi filtri UV, anti-aliasing, riflessi ambientali e delle superfici, HDR e nuovi gradienti di colore in base all’ora del giorno, restituiscono al mondo di gioco un aspetto nuovo e più realistico. Un grande lavoro è stato svolto anche sulle texture e sugli elementi del mondo. Le texture presenti in Saints Row The Third Remasterd sono ad alta risoluzione e le animazioni dei modelli non sono più compresse. Elementi come vegetazione, cespugli degli alberi e shader in alcuni casi sono stati completamente rifatti da zero. La tessellazione è stata migliorata, sono state aggiunti materiali riflettenti ai vetri di finestre e finestrini delle auto, e l’illuminazione degli interni è stata riprogettata per adattarsi al nuovo sistema governato dalla fisica. Insomma, ci si trova dinanzi a un lavoro davvero curato e ben fatto.

Saints Row The Third Remasted però ha anche altro da offrire, infatti, il pacchetto comprende tutti gli oltre 30 DLC rilasciati dopo il lancio originale su console last-gen, alcuni dei quali sono disponibili da subito in forma di elementi cosmetici o missioni alternative. Questi contenuti aggiuntivi sono davvero tanti e all’epoca del lancio costavano anche parecchio. Se tutto questo non dovesse bastare, sottolineiamo che si può affrontare l’intera storia in co-op online e aiutare i propri amici entrando nella loro partita, alzando così l’asticella del divertimento. Ultima ma non per questo meno importante è anche la “Modalità Lorda”, che permette di affrontare una serie di scagnozzi a ondate come una sorta di Orda, impugnando armi pazze come un enorme dildo di gomma. Insomma, tirando le somme, il pacchetto offerto da Saints Row The Third Remasterd è davvero un’ottima occasione per poter rivivere in maniera migliorata l’esperienza di gioco vissuta un decennio fa, poter giocare a tutti gli elementi post lancio, ma anche, nel caso in cui non si abbia avuto la fortuna di giocare al titolo originale, di scoprire un videogame esilarante, volutamente iperbolico, spregiudicato, ma soprattutto estremamente divertente. Credete a noi: lasciarselo sfuggire sarebbe un vero peccato.

GIUDIZIO GLOBALE:

Grafica: 9

Sonoro: 9

Gameplay: 8

Longevità: 8

VOTO FINALE: 8,5

Francesco Pellegrino Lise