Connect with us

Cronaca

SALENTO: ALLARME ULIVI

Clicca e condividi l'articolo

Al momento gli ettari interessati dal fenomeno sono diecimila, localizzati nella fascia ionica del Salento

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

di Silvio Rossi

La notizia dovrebbe far allarmare l’intero settore agroalimentare italiano: gli olivi sono a rischio estinzione. Probabilmente quanto scritto è solo la peggiore delle ipotesi, certamente però l’infezione di "Xylella fastidiosa", un batterio proveniente dagli Stati Uniti (prevalentemente in California e Florida) che ha provocato danni in numerose specie arboree (vite, pesco, susino, acero, quercia, oleandro), e ha già contaminato alcune coltivazioni di vite in Francia.

Al momento gli ettari interessati dal fenomeno sono diecimila, localizzati nella fascia ionica del Salento (i primi focolai sono stati individuati nei pressi di Gallipoli), con migliaia di piante compromesse. Se non vengono adottate contromisure efficaci, il rischio di danni irreversibili a una delle maggiori risorse del nostro patrimonio agroalimentare è notevole.

Il responsabile del dicastero all’agricoltura, Maurizio Martina, nel prossimo Consiglio dei Ministri del 29 agosto, che dovrà affrontare tra l’altro la riforma della giustizia, lo “Sblocca Italia” e la scuola, ha promesso interventi decisi per bloccare l’epidemia che sta mettendo in ginocchio l’economia della provincia di Lecce e rischia di estendersi oltre i confini regionali.

La speranza è che in questo caso non si ripetano gli errori compiuti con il punteruolo rosso, coleottero che da alcuni anni sta falcidiando le palme presenti in numerose regioni italiane. In questo caso il rimpallo di responsabilità tra amministrazioni pubbliche e privati ha fatto sì che gli interventi di disinfestazione non siano stati adeguati, e il killer delle piante ha potuto agire in molti casi praticamente indisturbato.

Non possiamo permetterci, però, lo stesso atteggiamento con l’olivo. Se le palme nel nostro territorio sono prevalentemente utilizzate a scopo ornamentale (se si eccettuano alcune coltivazioni in Sicilia), l’olivo, assieme alla vite, rappresenta una delle maggiori risorse produttive del nostro settore primario. 

Gli imprenditori del settore lamentano in ogni caso la scarsa attenzione che finora è stata dedicata al problema, poiché i primi focolai si sono manifestati un paio di anni fa, e già lo scorso novembre il National Geographic aveva lanciato l’allarme. Il batterio patogeno può essere sconfitto, ma bisogna non perdere altro tempo e impegnarci attivamente per combatterlo.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Passo Corese: donna si sente sola, chiama i Carabinieri per un po’ di compagnia e loro la raggiungono a casa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

PASSO CORESE (RI) – Nel tardo pomeriggio di ieri, la Sig.ra Ivana, domiciliata a Passo Corese, 72enne, ha chiamato i Carabinieri perché si sentiva sola.

Il centralinista di turno, percepito lo stato particolarmente triste nel quale si trovava la Signora, ha avvisato il Ten. Carmelo Ceraolo, Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia, il quale, unitamente al Comandante della Stazione CC di Passo Corese Luogotenente Rosario Caliendo e al Maresciallo Giuseppe Farinelli, Addetto alla Stazione di Fara Sabina, si è recato immediatamente presso il domicilio della Signora Ivana, donandole il calendario storico del 2021.

La donna, commossa dal gesto, ha ringraziato i militari e ha espresso loro il cordoglio per l’uccisione del Carabiniere Iacovacci in Congo.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Milano, arrestati i 10 componenti della banda criminale dei bancomat

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tra febbraio 2017 e aprile 2019 sono 73 gli assalti portati a compimento dal sodalizio in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Lazio, con un bottino che supera i 3, 5 milioni di euro

MILANO – Alle prime ore di questa mattina i Carabinieri del Comando Provinciale di Milano, a conclusione di una lunga attività di indagine, hanno arrestato i dieci componenti della banda criminale responsabile di aver assaltato diversi sportelli bancomat in tutta Italia.

In manette 10 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di un numero indeterminato di furti di denaro contante presso gli sportelli ATM di istituti di credito su tutto il territorio nazionale mediante assalto con miscela esplosiva, riciclaggio ed altro.

Le indagini, condotte dal Nucleo Investigativo e dirette dalla Procura della Repubblica di Milano, hanno consentito di disarticolare un sodalizio, i cui capi ed organizzatori abitano e sono cresciuti nel quartiere “Pilastro” di Bologna, specializzato nella realizzazione di assalti notturni in danno di sportelli bancomat.

Le violente esplosioni causate per scardinare gli sportelli bancomat hanno spesso provocato ingenti danni alle strutture e in alcuni casi con conseguenze di inagibilità ad interi edifici.

Tra febbraio 2017 e aprile 2019 sono 73 gli assalti portati a compimento dal sodalizio in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Lazio, con un bottino che supera i 3, 5 milioni di euro.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Emilio Orlando, una firma della cronaca sull’Albo dei Giornalisti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Il giornalista Emilio Orlando figura nuovamente nell’albo dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio come pubblicista dopo che nel 2019 il suo nominativo non compariva nell’elenco dell’Ordine dei Giornalisti.

A quanto risulta oggi la sua posizione di iscritto è regolare. Emilio Orlando svolge attività giornalistica principalmente su casi di cronaca nera e di giudiziaria e spesso è ospite di trasmissione televisive.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti