Connect with us

Costume e Società

Salone Nautico di Bologna: tendenze e novità del settore

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Design, attenzione alla ecosostenibilità, tecnologia e comfort. La produzione del settore nautico, in esposizione al Salone Internazionale di Bologna sino al 7 novembre nei padiglioni 19-21-22 del quartiere fieristico, proposta da oltre 60 cantieri e aziende, propone una ampia offerta di novità e tendenze, tutte focalizzate sulle esigenze e i gusti degli appassionati e dei neofiti delle vacanze in barca.

Design: cresce l’attenzione per la progettualità, sia nei dettagli interni sia nelle linee di costruzione, con la tendenza a forme più squadrate che ottimizzano gli spazi per l’ospitalità. Molte, infatti, le famiglie in cerca di un modello di barca ideale su cui trascorrere i fine settimana o periodi di vacanze estive all’aria aperta. Dal punto di vista estetico, il colore, in varianti personalizzabili, diventa protagonista: tinte pastello accanto a tonalità decise e accattivanti come il rosso, l’arancione, il giallo e il blu, conferiscono un tocco glamour apprezzato dal pubblico.

Complemento d’arredo: sentirsi sempre a casa, in barca, con la qualità e l’eleganza artigianale del Made In Italy. La giovane azienda campana Amperial Luxury Design presenta mobili nella linea di legno massello dallo stile più classico e quella più moderna in legno laccato, mentre la cura artigianale dell’azienda di pelletteria parmense, Gaffe srl, debutta nel settore nautico con oggetti, borse, portachiavi e complementi di arredo in pelle idrorepellente che non teme la salsedine. Per tavola e cambusa, le stoviglie, e tutto l’occorrente per la mise en place in tema marinaro, trovano la qualità nel materiale melamina infrangibile, e sempre più somigliante al vetro e alla ceramica, nelle proposte dell’azienda Ga.Mar.

Evoluzione tecnica: tecnologia a bordo, un aiuto per gli armatori. Come accade già nel settore automobilistico, anche in quello nautico i sensori per l’ormeggio e l’ancoraggio presentati da Garmin garantiscono manovre di precisione e in sicurezza anche per i meno esperti. Tra gli accessori hi-tech, l’impianto audio DSP Marine di Elettromedia, novità assoluta sul mercato attraverso il marchio Hertz, rende la diffusione della musica a bordo un’esperienza di altissima qualità, grazie ad un sistema di taratura memorizzato su scheda digitale, personalizzabile in base al modello di barca e delle preferenze personali.

Ambiente: grande l’attenzione sulla ecosostenibilità, un tema storico su cui anche il settore nautico ha deciso di puntare. Al Salone Nautico Internazionale di Bologna l’associazione Refiber promuove un’attività di sensibilizzazione rivolta ai costruttori della filiera, con l’obiettivo di coinvolgere anche le Istituzioni per nuove norme nazionali in materia di recupero e trattamento della vetroresina. 

Rispetto per l’ambiente e innovazione vedono protagonista il progetto UniBoAT – UniBo Argonauts Team, del dipartimento di ingegneria industriale dell’Università di Bologna. Qui nasce, infatti, il particolare catamarano monoposto Futura. Supportato da un motore elettrico a emissioni zero alimentato da un pacco batteria prototipale e una cella ad idrogeno, insieme atre pannelli fotovoltaici ad alta efficienza, il catamarano è stato costruito quasi interamente con materiali di scarto dagli studenti coinvolti nel progetto.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Costume e Società

Horror, giallo e thriller: ecco i vincitori del “Bloody Festival Roma 2021”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

ROMA – Si è svolta la serata conclusiva di premiazione del “Bloody Festival Roma 2021”, presso la sede di L. Armonia in Via dei Banchi Vecchi 108. 


Testimonial di questa nuova edizione del festival il Maestro dell’italian thrilling, Dario Argento, con la madrina d’eccezione, Manuela Arcuri, e con il critico cinematografico Francesco Lomuscio, nel ruolo di presentatore.

Tra le pellicole in gara, sono stati assegnati i premi come Miglior giallo Yuria di Mattia Riccio. Miglior horror Italian horror stories di Daniele Malavolta, Andrea D’Emilio, Antonio Losito, Vincenzo Della Corte, Francesco Giorgi, Gianluca Bonucci, sotto la supervisione di Claudio Fragasso. Premi Roberto Pariante alla carriera a Claudio Fragasso e Angelo Iacono. Premio speciale a Doppia luce di Laszlo Barbo. Mentre il premio per il Miglior corto è stato assegnato a Massimiliano Reina.

Ad assegnare i premi la produttrice Carla Finelli, la financial manager e produttore esecutivo Sonia Giacometti, il regista e sceneggiatore Giovanni Galletta, il pittore Roberto Russo, la make-up artist Isabella Morelli, lo scenografo Arturo Andreoli e gli attori Eleonora Pariante, Giulio Neglia e Claudio Collevecchio.

Suddivisi in tre diverse sezioni che prevedono Horror, Giallo e Thriller, a concorrere erano i lungometraggi Clara di Francesco Longo, Nati morti di Alex Visani, L’uomo col cilindro di Stefano Simone, Yuria di Mattia Riccio e Italian horror stories, film a episodi diretto da Antonio Losito, Daniele Malavolta, Andrea D’Emilio, Vincenzo Della Corte Gianluca Bonucci e Francesco Giorgi sotto la supervisione di Claudio Fragasso, storica firma del cinema di genere italiano cui si devono, tra gli altri, Palermo  Milano solo andata e La casa 5. Molto spazio anche per i cortometraggi, che, come i film citati, sono stati premiati con appositi sampietrini da una giuria di qualità costituita da professionisti della Settima arte, con direttrice artistica l’organizzatrice esecutiva di ZTV Production Sabina Pariante e presidente il direttore della fotografia e sceneggiatore Mark Melville.

Continua a leggere

Costume e Società

Ecco alcune esperienze da fare almeno una volta nella vita

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Viaggi ed esperienze che almeno una volta nella vita andrebbero fatti. Quante volte ci siamo domandati quanto possa essere bello andare in un determinato posto e vivere emozioni uniche? Sebbene non tutto possa essere realizzato, ci sono alcune cose che almeno una volta nella vita dovrebbero essere fatte. Vediamo quali!

Grand Canyon – Rim to Rim

Gli amanti della natura e del trekking specialmente sicuramente dovrebbero provare almeno una volta la passeggiata del Rim to Rim del Grand Canyon. Si tratta di una esperienza unica, che permette di percorrere le due sponde, prima scendendo e poi salendo. Sicuramente si tratta di un’avventura non per molti, visto e considerato che è necessario essere preparati fisicamente e allenati: basta tener conto del fatto che si parla di un percorso di 37 chilometri, oltre 1700 metri in discesa e 1300 in salita. Il percorso mediamente dura due-tre giorni.

Casino di Las Vegas

Come non prendere in considerazione i principali casino di Las Vegas? In tutti i casi si tratta di strutture che sono simbolo del lusso e del divertimento: alcune di queste attirano milioni di turisti ogni anno, e tantissime celebrità da tutto il mondo. Posti esclusivi, dove il lusso la fa da padrone e dove ci si può divertire al tavolo verde o magari assistere ad uno degli spettacoli che vengono ogni giorno organizzati. D’altronde, il territorio è proprio stato pensato come la sede di strutture di questo tipo ed è impossibile non trovare qualcosa che faccia ai propri gusti. Davvero un’esperienza incredibile.

Visitare l’Antartide

Uno dei luoghi più affascinanti e particolari del pianeta. L’Antartide è il continente meno popoloso ed esplorato del mondo. Ghiacci e freddo fanno da contorno ad un’atmosfera davvero impressionante. Il fascino che conserva questo territorio ancora oggi lascia senza fiato. Il viaggio è sicuramente difficile e costoso, ma ne vale la pena: un’avventura senza precedenti, che consente di vivere un’esperienza da vero esploratore. Si respirano avventura e natura appieno.

Aurora boreale in Islanda

Avrete sicuramente visto nei libri o su internet delle immagini della magnifica aurora boreale in Islanda. Si tratta di uno spettacolo senza precedenti, che si palesa nelle fredde notti di inverno e che permette di assistere a qualcosa di magico. Una volta pensato un percorso studiato e preciso, ci si potrà cimentare in questa avventura. Ovviamente l’aurora boreale può essere vista anche in altre zone del mondo, ma quella islandese è davvero particolare.

Giro degli Stati Uniti in auto

Altra esperienza davvero unica nel suo genere e molto particolare. Il giro degli Stati Uniti in auto è forse uno dei sogni più diffusi di grandi e giovani. Le strade che collegano i vari Stati americani fanno venire in mente i grandi film della storia recente e passata. Un viaggio in libertà che permette di vivere un’esperienza unica: partire da New York, per esempio, e raggiungere Los Angeles, passando per l’arcinota Route 66 è appagante e risveglia sentimenti alle volte mai provati. Da provare sicuramente una volta nella vita.

Continua a leggere

Costume e Società

Poste Italiane, un francobollo per commemorare Leonardo Sciascia nel centenario della nascita

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Poste Italiane commemora Leonardo Sciascia, nel centenario della nascita, con un francobollo al valore della tariffa B pari a 1,10€.

Il francobollo è stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A., in rotocalcografia, su carta bianca, patinata neutra, autoadesiva, non fluorescente.

Il Bozzetto a cura di Fabio Abbati e la vignetta riproduce un ritratto di Leonardo Sciascia delimitato, in basso, dalla stilizzazione di un libro aperto. Completano il francobollo le leggende “LEONARDO SCIASCIA” e “1921 – 1989”, la scritta “ITALIA” e l’indicazione tariffaria “B”.

Continua a leggere

I più letti