Connect with us

Roma

SAN BASILIO, 5 BOMBE CARTA E 18 ORDIGNI ESPLOSIVI ARTIGIANALI TROVATI E SEQUESTRATI DALLA POLIZIA

Clicca e condividi l'articolo

Arrestato 1 romeno

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Redazione

Sono 5 bombe carta e 18 ordigni esplosivi artigianali ad essere stati ritrovati ieri dagli agenti del Commissariato S. Basilio, diretti dal dr. Adriano Lauro.

Ancora un sequestro di materiale pirico ad elevato potenziale dunque, che gli agenti della Polizia di Stato hanno messo a segno nel corso di un’attività che prosegue anche al fine di intercettare i canali di distribuzione “illegale” connessi all’episodio di Capodanno.

A finire in manette la scorsa notte è stato S.G., romeno di 40 anni, accusato di detenzione illegale di materiale esplodente.

Alla vista della Polizia, il 40 enne ha provato a scappare, rifugiandosi in un bar attiguo al casolare.

Gli agenti hanno immediatamente circondato lo stabile e quando S.G. ha provato a lasciare l’esercizio commerciale da un’uscita secondaria, è stato bloccato.

Nelle sue tasche sono state trovate le chiavi d’accesso dell’immobile.

I controlli mirati nella zona stanno proseguendo su disposizione del Questore di Roma, anche nell’ottica di dare supporto alle indagini relative alla deflagrazione avvenuta nel quartiere la notte dello scorso capodanno, e di accertare gli eventuali canali di approvvigionamento del materiale pirico illegale rinvenuto all’interno dell’appartamento coinvolto nell’esplosione.

Nella stessa direzione si lavora per risalire ai canali di distribuzione legati ai depositi scoperti nella zona a dicembre, che hanno condotto al sequestro di oltre 3 quintali di fuochi.

Anche per il materiale esplodente sequestrato la scorsa notte gli Artificieri della Questura di Roma procederanno alla distruzione in sicurezza.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Roma

Roma, week end di Pasqua: si prepara la task force contro i furbetti del coronavirus

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROMA – Servizi mirati e rafforzamento dei controlli della polizia locale a Roma soprattutto sulle strade consolari e sulle direttrici verso il mare in vista del weekend di Pasqua.

Sarà massima l’attenzione per monitorare eventuali spostamenti verso il mare, verso le seconde case e in tutte le aree verdi e i parchi. Verranno effettuati posti di blocco con controlli a campione, dove possibile, incanalando tutte le auto in sicurezza per verificare il rispetto delle misure di contenimento. 

Continua a leggere

Ambiente

Linea Verde: domenica va in onda un focus su “l’agricoltura che resiste”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Viaggio attraverso la filiera agricola al tempo dell’emergenza

Domenica 5 aprile Linea Verde, alle 12, 50 su RAI UNO vi porta a seguire la filiera alimentare in tempi di crisi. L’emergenza Coronavirus sta cambiando la vita e le abitudini degli italiani. In questo scenario, però, c’è un comparto, quello dell’agricoltura, che va avanti pur tra mille difficoltà, per continuare a rifornire le industrie e i negozi di alimentari, non lasciare la popolazione in difficoltà, insomma per consentire agli italiani di resistere. Linea Verde racconterà la filiera agricola al tempo dell’emergenza, i passaggi, dal produttore, ai mercati generali fino al piccolo commercio che si è dovuto reinventare con le consegne a casa per non soccombere. LINEA verde, con un focus particolare su Roma, racconta questa Italia silenziosa, produttiva, l’abnegazione di un mondo che resiste in attesa del ritorno alla normalità.

Linea Verde è un programma di Camillo Scoyni e Nicola Sisto e di Giuseppe Bosin, Dario Di Gennaro, Lucia Gramazio, Carola Ortuso e Yari Selvetella

Regia di Daniele Agostini

Produttore esecutivo Federica Giancola

Continua a leggere

Castelli Romani

Albano laziale, l’iniziativa di FdI per le famiglie bisognose e i disseminatori di odio sociale: “Pane e pasta non hanno colori politici!”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ALBANO LAZIALE (RM) – Tante le iniziative messe in campo per cercare di aiutare quelle famiglie che a causa dell’emergenza coronavirus non sanno più come sbarcare il lunario a fine mese, soprattutto dove trovare i soldi per acquistare beni di prima necessità come pane e pasta.

Iniziative che vanno ad affiancarsi a quelle messe in campo dalle varie Istituzioni nazionali, regionali e locali come quella promossa dal partito di Giorgia Meloni che attraverso la campagna “Povera Patria” sta raccogliendo adesioni da parte di molti supermercati dell’area dei Castelli Romani tra i quali l’Eurospin di Ariccia e la Conad di Cecchina che hanno accettato di esporre presso i rispettivi ingressi i contenitori per raccogliere i beni di prima necessità – alimenti, disinfettanti e quanto altro necessario per il vivere quotidiano – che i cittadini potranno lasciare, se lo riterranno, al termine della loro spesa.

Beni che successivamente verranno distribuiti per mezzo del personale autorizzato alle famiglie bisognose che ne faranno richiesta.

Una iniziativa che purtroppo ha suscitato non poche polemiche e tentativi di strumentalizzazione politica da parte di alcune persone che hanno voluto parlare di razzismo e xenofobia alimentando, con comunicati e post sui vari social quello che viene definito come “odio sociale”.

Eppure queste iniziative, soprattutto in un momento che definire drammatico è poco, dovrebbero essere condivise anche da chi la pensa diversamente perché pane e pasta non hanno colori politici.

L’intervista

Chiara Rai intervista Roberto Cuccioletta Coordinatore FdI ad Albano Laziale e Simone Carabella ideatore dell’iniziativa

Continua a leggere

I più letti