1

SANITÀ, SANZIONI AI MEDICI CHE PRESCRIVONO ESAMI NON APPROPRIATI: SCOPPIA LA BAGARRE

Il Presidente delle Regioni Chiamparino bacchetta la Lorenzin che vuole scaricare le responsabilità alle Regioni: “sono state scelte condivise”

LEGGI ANCHE: 03/07/2015 RIDUZIONE DEL FONDO SANITARIO 2015: ECCO L’ACCORDO STATO-REGIONI

di Cinzia Marchegiani

Il 2 luglio 2015 era stato siglato l’accordo sulla riduzione del fondo sanitario 2015, pari a 2,35 miliardi al termine della conferenza Stato-Regioni tenutasi al Ministero per gli Affari Regionali, che aveva al primo punto proprio il nodo sulle risorse per la sanità. Il via libera delle Regioni era stato annunciato nelle prime ore della giornata dal presidente della Conferenza e governatore del Piemonte, Sergio Chiamparino.

Lo scarica responsabilità, di fatto dimostrano la veridicità delle multe ai medici. Ora è bagarre sulle responsabilità della bozza del DM nel passaggio dove si specifica che ci saranno sanzioni ai medici che prescrivono esami non appropriati, e ora lo stesso ministro Lorenzin, sotto il fuoco crociato delle associazioni dei medici che hanno annunciato battaglia contro la libertà etica e deontologica del medico, cerca di smorzare le polemiche. Stamattina infatti la Lorenzin ai microfoni Rai, spiega che dopo questo decreto non cambierà assolutamente nulla: “Il loro rapporto con il medico, e quindi con le cure e gli screening necessari alla loro salute, resterà inalterato. A non essere più eseguiti saranno soltanto gli esami che non servono al paziente e costituiscono fonte di sprechi e abusi» – la Lorenzin cerca di chiarire.

Ecco gli scheletri nell'armadio. Ma gli scheletri nell’armadio di questi contestatissimi tagli alla sanità e sanzioni ai medici che prescrivono una lista di 208 prestazioni/esami dichiarate inappropriate, o meglio inutili, stanno emergendo con tutta la loro evidenza e solo dopo che la Lorenzin ha scaricato questa scelta totalmente alle Regioni:“Le sanzioni a carico dei medici previste dal decreto sull’inappropriatezza non le volevo, le hanno volute le Regioni”.

Bagarre tra la Lorenzin e il Presidente delle Regioni Sergio Chiamparino. Il Presidente della Conferenza delle Regioni, Sergio Chiamparino infatti replica al Ministro Lorenzin, che in alcuni passaggi dell’intervista rilasciata lo scorso 23 settembre al Quotidiano sanità ha detto che le sanzioni ai medici sarebbero state volute dalle Regioni: “L'atteggiamento del ministro della Salute non mi sembra corretto e soprattutto non ci fa andare da nessuna parte: se si sono condivise delle scelte, lo si è fatto insieme" – spiega Chiamparino.

Chiamparino redarguisce la Lorenzin e rinfaccia il taglio dei due miliardi. Al termine della riunione della Conferenza, del 24 settembre 2015, il Presidente delle Regioni Chiamparino, in merito alla bozza del Decreto ministeriale specifica: “C'è stato un gruppo di lavoro fatto da tecnici di Regioni e ministero della Sanità che hanno condiviso un testo – ha evidenziato ancora Chiamparino – quando si condivide un testo lo si fa in due”.

Chiamparino rinfaccia il taglio di 2 miliardi alle Regioni. Chiamparino ai microfoni continua la sua arringa e ribatte: “Io potrei dire allora che bastava non togliere i due miliardi alle Regioni, di questo passo si fa la corsa del gambero. Se si condivide un percorso lo si condivide fino in fondo. Potrei dire che Lorenzin non ha voluto che si intervenisse su altri capitoli”.

Insomma il presidente Chiamparino accusa la Lorenzin di scaricare le responsabilità: “E’ abile. Un atteggiamento che non fa fare passi avanti, è sbagliato scaricare il problema sugli altri per ragioni di consenso. Non mi sembra l'atteggiamento corretto”. E poi ancora: “Io non gioco a ping pong – ha continuato il presidente della Conferenza delle Regioni – ma nell'ambito dei tagli ci è parso, ed è parso anche al governo, che una misura utile per risparmiare e necessaria per migliorare la qualità dell'assistenza fosse l'attenzione all'appropriatezza. Non è una misura voluta dalle Regioni ma condivisa in uno spirito di collaborazione”.

Lapidario Gino Strada medico di Emercency, su tutta questa pazzesca situazione: "Chi decide se un esame è inutile, la Lorenzin?. È l'ultimo scempio ai danni della Sanità: ormai medici e infermieri fanno il lavoro non grazie alle politiche pubbliche, ma nonostante queste. Nello specifico, alcuni di questi esami si potranno prescrivere solo in caso di anomalia pregressa: ma come posso accertarla se l'esame non si può fare?”

Tra gaffe, polemiche, rimane evidente che le sanzioni ai medici saranno reali, grazie a chi ha deciso che alcuni esami sono inutili, e quando si possono e si devono prescrivere. Ma i medici, tutti coesi hanno deciso di dare battaglia, si confirurerebbe una sanità di serie A e di serie B, inaccettabile per uno stato di diritto.