Connect with us

Cronaca

SANREMO: IL FIOR FIORE DELLA MUSICA DELL'ARISTON

Clicca e condividi l'articolo

L’unico evento collaterale competitivo con l’Ariston è stato quello realizzato dalla REA con la finale della Milano Sanremo della Canzone Italiana svoltosi nel Gran Galà del Shù Noseda

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

di Antonio Diomede e Paolo Lunghi

Sanremo – Sanremo è Sanremo, si sa, e anche per quest’anno le luci si sono spente sulla grande kermesse. I giochi sono stati fatti. C’è chi ha vinto e chi ha perso, c’è chi ha vissuto una nuova esperienza di vita e chi ha scritto una pagina della propria storia. C’è chi come noi della REA (Radiotelevisioni Europee Associate) é stato, ancora una volta, protagonista della grande macchina con la finale de “La Milano Sanremo della Canzone Italiana”. Abbiamo avuto anche la grande opportunità mediatica, vissuta a tuttotondo per l’intera settimana, di far parte della Giuria della sala stampa del Palafiori e dell’Ariston oltre a direttamente seguire il Festival dal Teatro. L’unico evento collaterale competitivo con l’Ariston è stato quello realizzato dalla REA con la finale della Milano Sanremo della Canzone Italiana svoltosi nel Gran Galà del Shù Noseda, frutto di una selezione di artisti di primissima qualità scelti dalle Radio e Tv locali nelle precedenti tappe di Milano, Firenze, Forlì, Roma, Avellino, Sciacca. Gli artisti della Milano Sanremo della Canzone Italiana, senza temere smentite o confronti, si sono dimostrati all’altezza di rappresentare il fior fiore della qualità musicale e canora dell’Italia nel mondo. Se qualcuno avesse dei dubbi è molto semplice: richieda alla REA i filmati dello loro esibizioni. Si convinceranno che il festival dell’Ariston, spogliato del fascino che la tv produce e del mito conquistato in 64 anni attività, “non è tutto oro ciò che luccica” e che sarebbe ora di sottoporlo ad un impietoso lifting sia per non continuare a perdere ascolti, sia per creare le condizioni di un rilancio della canzone italiana. Il Festival ha anche una sua funzione nel panorama internazionale e, a differenza di ciò che si vocifera, non andrebbe assolutamente soppresso ma riformato partendo dalla sostituzione della parola “Festival” con “Rassegna della Canzone Italiana, dove gli artisti scelti dal pubblico delle radio e tv locali, esattamente com’è accaduto con “La Milano Sanremo della Canzone Italiana”, si presentano alla Rassegna finale di Sanremo senza vinti o vincitori ma con una grandissima e variegata esposizione del canzoniere italiano da offrire al pubblico e per il rilancio del mercato discografico italiano ed estero. L’obiettivo è anche quello di allargare la base della proposta musicale per andare davvero a coltivare “il vivaio dei giovani artisti italiani” così ricco di talenti e professionalità all’interno della nostra amata Italia. La Milano Sanremo della Canzone Italiana, che ha visto andare in scena la serata conclusiva dell’edizione 2014 proprio in quel di Sanremo, con il Gran Galà al Shù Nuseda, è l’esempio più calzante. Sono passati in rassegna tanti giovani di altissimo livello e con grandi doti vocali che non avrebbero niente da invidiare agli altri saliti sul palco dell’Ariston. Un modo anche per fare gruppo e sviluppare sinergie coinvolgendo direttamente tutti i vari operatori del settore dai livelli più locali a quelli nazionali, cosa che mai come ora serve a questa Nazione, ma sappiamo che le teste d’uovo della RAI, perfette fotocopie della politica vigente, difficilmente capiranno. Peggio per loro, presto, molto presto saranno travolti dal nuovo che avanza. Nel frattempo , noi della REA, mentre del Festival già più nessuno ne parla, stiamo programmando il tour del 2015 che partirà da Milano il 24 ottobre 2015 con nuove proposte musicali rigorosamente inedite per percorrere le 20 regioni italiane alla scoperta di nuovi talenti pronti a dimostrare che Sanremo non può essere soppresso. 

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Castelli Romani

Ciampino, lite condominiale: 43enne accoltellato dal vicino di casa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Lite condominiale sfociata nel sangue. E’ accaduto questa notte a Ciampino, ad essere costretto alle cure dell’ospedale un uomo di 43 anni, a ferirlo con un coltello il vicino di casa, un 39enne.

A ricostruire i fatti la Polizia di Stato, dopo essere intervenuta intorno alla mezzanotte del 20 agosto per un ragazzo ferito al braccio con un’arma da taglio. Ad allertare i soccorritori la madre del 43enne, con lo stesso trovato in via Col di Lana ad attendere i soccorsi. 

Ferito al braccio da una coltellata, l’uomo è stato trasportato in codice rosso in ospedale dall’ambulanza del 118, non in pericolo di vita. A ricostruire i fatti sono quindi intervenuti gli agenti del Commissariato Frascati di Polizia. Ascoltato il 39enne ed altri testimoni, questi hanno riferito che l’accoltellato, poco prima, avrebbe avuto un acceso diverbio cin il vicino di casa dai balconi delle rispettive abitazioni. 

Dalle parole si sarebbe però passati ai fatti, con il 43enne che sarebbe andato a bussare alla porta del vicino. Questi però lo avrebbe aspettato con un coltello, con il quale lo avrebbe ferito al braccio. Rintracciato l’accoltellatore dagli agenti del commissariato dei Castelli Romani l‘uomo di 39 anni è stato poi denunciato per “lesioni aggravate”
 

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Milano, sacerdote aggredito perché di colore: “Ho paura”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Aggredito perché nero in pieno giorno: è successo al sacrestano della Basilica di Santa Maria Assunta di Gallarate, nel Varesotto. Un aggressione che ha causato a Deodatus Nduwimana, italiano originario del Burundi da quasi 20 anni sacrestano della basilica, una lussazione. Nduwimana ha spiegato che finora c’erano state da parte della stessa persona solo insulti e minacce a parole. “È successo in pieno giorno – ha riferito a Varesenews il sacrestano annunciando che presenterà denuncia -, stavo andando ad aprire la basilica, lui era lì come sempre e mi ha spinto dopo avermi insultato. Ho paura per la mia vita. Questa persona è sempre in piazza, è un nullafacente e mi ha preso di mira”.

Al sacrestano arriva la solidarietà della pastorale dei migranti dell’arcidiocesi Ambrosiana, di cui Gallarate fa parte. “Coraggio Deodatus, nonostante le apparenze attuali, la cattiveria, la violenza, l’ignoranza e la stupidità non prevarranno” ha scritto su Facebook il responsabile dell’ufficio don Alberti Vitali, che ha espresso la “solidarietà della Pastorale diocesana dei Migranti della diocesi di Milano”. Lo “abbiamo incontrato in occasione della Festa delle genti nella scorsa Pentecoste – ha ricordato -. Abbiamo ascoltato la sua interessante testimonianza e ci ha aiutato nella realizzazione di questo importante evento diocesano”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Ostia, delfino morto: forse morbillo. Vietato toccarlo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

 E’ un’estate nera per i delfini del Mediterraneo. Un altro esemplare e’ stato trovato morto sulla costa di Ostia, su una scogliera tra il porto e Fiumara Grande.
    Potrebbe essere una nuova vittima del morbillivirus, il virus che ha colpito gia’ e ucciso quaranta esemplari fra la Toscana e la Liguria. Una moria che preoccupa sempre di piu’, soprattutto ora con questo caso sulle coste laziali. A renderlo noto e’ stata la onlus Oceanomare Delphis, che da tempo cura il progetto dei ‘Delfini Capitolini’. La preoccupazione del team di Oceanomare Delphis è che l’individuo spiaggiato sia uno dei “Delfini Capitolini”, nome del progetto di ricerca e monitoraggio dei cetacei del litorale romano, tra Ostia, Fiumicino e Torvaianica condotto dal 2011″. Gli istituti zooprofilattici di Lazio e Toscana interverranno per comprendere le cause della morte. Tra le concause della moria di delfini per il morbillovirus gli esperti hanno indicato anche l’inquinamento del mare causato dalle attivita’ dell’uomo.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Agosto: 2019
L M M G V S D
« Lug    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it