1

SANT'AGATA DI MILITELLO: AL CASTELLO GALLEGO PRESENTATO "INTERIOR OF SICILY"

di Vincenzo Giardino

Sant'Agata di Militello (ME) – A Sant'Agata di Militello, il 29 dicembre 2015, nella sala dei Principe del Castello Gallego si è tenuta la mostra fotografica e documentario con presentazione del libro di Franco Blandi dal titolo  Interior of Sicily. Il lavoro dell'autore è frutto di un mix di tecnica e creatività, con il quale viene esaltato l'infinito ciclo nel susseguirsi delle stagioni, in luoghi dove natura, paesaggio e l'opera dell'uomo sopravvivono in equibrio tra tradizione e modernità.

Per due anni, Franco Blandi ha filmato e fotografato un tratto di circa dieci chilometri da Cesarò in provincia di Messina a Troina in provincia di Enna. Un tratto di stada statale che si inerpica tra colline e vallate sul digradare dei Monti Nebrodi e lo sfondo dell'Etna. Il titolo Interior of Sicily nasce dal significato che dà l'autore, in questo contesto, al termine interiore, tradotto come intimità.

Dice l'autore santagatese : – Mi piace l'assonanza che interior ha come interiore, nel senso di intimo. Come qualcosa che senti dentro , che senti tuo. Un legame atavico lega, infatti, ogni siciliano con l'interno dell'isola, con il paesaggio, con la terra, le attività, i prodotti. Ogni zolla di terra siciliana è passata sotto le mani dei contadini e dei braccianti , che con il loro lavoro disumano, dietro il compenso di poco più di un pezzo di pane hanno consentito ai proprietari terrieri di diventare ricchi e potenti.
Lo spopolamento delle campagne, portò non solo alla perdita del primato quantitativo e qualitativo nella produzione del grano, ma addirittura alla scomparsa di alcune tipicità culturali. Non a caso oggi si parla sempre più spesso dei grani antichi siciliani come di un patrimonio perduto da recuperare. In molte zone della Sicilia la coltivazione del grano, dell'orzo, del foraggio è comunque proseguita. Le macchine agricole hanno sostituito molti lavori manuali. Il paesaggio agrario siciliano, in alcune zone, nonostante la meccanizzazione, riesce ancora a raccontare in maniera armonica il legame tra l'uomo, le sue attività e la terra.
Terre arse, altre volte vegetazione ricca e colorata, altre ancora terra nera appena arata. La presenza dell'uomo è sempre stata discreta, non invadente. C'è e si vede, ma non è lui il protagonista. La natura riesce ancora a prevalere e all'uomo va bene così. Immagini uniche, emozionanti delle quali però non si riesce ad avere una visione d'insieme.Come le tessere di un mosaico, che da sole non riescono a dare l'idea del disegno completo. Ho ricercato in queste visioni la chiave per aprire le porte di quel paesaggio a nuove letture.Alle immagini stereotipate dei territori dell'interno della Sicilia riarsi dal sole, brulli e cupi, se ne affacciano di nuove, diverse., con inaspettati giochi cromatici creati dalla natura e dall'uomo, dalla vegetazione, dalle stagioni. La chiave che ho trovato è il tempo ed attraverso di esso è cambiato il mio modo di osservare, di capire e di raccontare il paesaggio.-

In tutti i lavori di Franco Blandi si evince un'amore per la storia e le tradizioni millenarie della terra di Sicilia, testimoniata con immagini e filmati del tutto originali.