Connect with us

Esteri

SCOMPARSA DEL BOEING MALAYSIA AYRLAINS: E' ANCORA GIALLO, SOI PARLA DI ATTENTATO TERRORISTICO

Clicca e condividi l'articolo

Nuova area inesplorata di oceano verrà passata al setaccio per circa 60 mila chilometri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

di Cinzia Marchegiani

Oceano Indiano Meridionale – Ricerche tutte da riorganizzare. Continua il mistero sul Boing 777-200 della Malaysia Ayrlains scomparso lo scorso 8 marzo mentre sorvolava il mare del sud Vietnam, che durante la rotta Kuala Lumpur-Pechino aveva misteriosamente virato verso sud-ovest. Ben 239 persone compreso l’equipaggio sono state inghiottite nel nulla e le ricerche sottomarine finora portate avanti sembrano suggerire che la zona dell’Oceano Indiano Meridionale al centro delle verifiche non sia quella d’impatto del disastro aereo. Gli esperti australiani che hanno condotto le ricerche confermano che dall’area di rilevamento delle trasmissioni acustiche non arrivano segnali di rottami aerei. Le news orientali riportano che dalla Joint Agency Coordination Centre (Jacc) non danno notizie positive ai familiari che attendono da mesi la possibilità di dare almeno una giusta sepoltura ai propri cari. Il verdetto lascia intendere che in quella zona oggetto di studi e ricerche dove non vi sono segni di rottami o di parti di aereo è inutile continuare le ricerche, non è lì che giace il relitto dell'MH370. Per due lunghi mesi navi e aerei hanno cercato di seguire il segnale della scatola nera del boing 777-20, ma senza risultati. L’ipotesi ora che emerge è che forse i calcoli satellitari che hanno indicato quella parte dell’Oceano Indiano potrebbero essere sbagliati. Anche se la Malaysia Ayrlines è considerata una delle compagnie migliori, si legge che negli ultimi anni, l'azienda abbia innescato perdite di bilancio a causa della competizione portata dal settore delle compagnie low-cost, tra cui la connazionale Air Asia e proprio nei giorni scorsi c’è stato un nuovo incidente, un velivolo decollato a Kuala Lumpur e diretto a Seoul ha fatto un atterraggio di emergenza a Hong Kong per un guasto al generatore elettrico principale. La strategia che verrà messa in atto dagli esperti della Commissione congiunta Jacc, riguarderà un'area finora inesplorata di oceano di circa 60 mila km quadrati. Ma la paura e l’angoscia dei parenti delle vittime, è nel dover assistere ad altre ricerche infruttuose e che il mistero di questo volo MH370 resti avvolto nella nebbia. Gli stessi parenti dei passeggeri, molti originari della Malaysia e della Cina, hanno espresso il loro rancore e frustrazione per queste ricerche a vuoto e per questo hanno accusato il governo di Kuala Lumpur di nascondere dati satellitari essenziali per il ritrovamento dell'aereo. Domande senza risposte per un aereo che improvvisamente cambia rotta, dove non ci sono né cadaveri né rottami, l’ipotesi che sempre con più forza si accredita è la possibilità di un attentato terroristico realizzato da esperti nel settore che potrebbero anche aver preso in ostaggio l’intero aereo. Fantasia, realtà, difficile distinguere, ma il dato oggettivo è che quell’aereo nel mistero è stato inghiottito e i dubbi e le prove inesistenti del suo ritrovamento fanno supporre altre ipotesi, soprattutto perché il silenzio delle istituzioni e della compagnia aerea amplificano ulteriori sospetti.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Usa, no vax muore di Covid: lascia 4 figli

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

“Smascherata, senza museruola e libera pensatrice”. Così si definiva sui social la 40enne della California Kristen Lowery, attivista no-vax e madre di quattro figli morta per il covid il 15 settembre.

Del decesso della donna ha dato notizia la pagina GoFundMe in cui si raccoglievano fondi per le spese del funerale, dove si afferma che Kristen è morta “inaspettatamente”.

All’inizio di settembre invece era stata sua sorella Cassie a scrivere su Facebook che la 40enne era “in ospedale a lottare per la sua vita contro il Covid e la polmonite”. “Per favore, non arrenderti”, aveva aggiunto, precisando che non si trattava di un post politico e che non era interessata a sentire le opinioni di nessuno sui vaccini.

Lowey aveva partecipato a tante manifestazioni no-vax: in una foto postata sui social indossava una maglietta con la scritta “ex pro vaccini, mi fidavo di loro, mai più”, in un’altra mostrava lo slogan “una mamma per la libertà”. Dopo l’annuncio della morte la sua pagina Facebook è stata quasi subito trasformata in privata per evitare che risultassero visibili i commenti degli estranei.

Continua a leggere

Esteri

Usa, Covid: riapertura ai viaggiatori vaccinati

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Gli Stati Uniti riaprono: a partire dagli inizi di novembre i viaggiatori internazionali completamente vaccinati potranno entrare nel Paese. Lo afferma la Casa Bianca confermando le indiscrezioni circolate.

Il Centers for Disease and Prevention determinerà cosa si intende per pienamente vaccinati.I viaggiatori internazionali – Europa, Gran Bretagna, Cina, Iran e Brasile – che entreranno negli Stati Uniti dovranno presentare la prova del vaccino prima dell’imbarco, insieme all’esito negativo di un test per il Covid condotto nei tre giorni precedenti al viaggio, afferma il coordinatore della risposta al Covid della Casa Bianca, Jeff Zients. Nell’annunciare l’allentamento delle restrizioni, l’amministrazione Biden mette in evidenza che i cittadini americani non vaccinati avranno bisogno di un test il giorno prima di partire per gli Usa. Coloro che sono vaccinati non dovranno effettuare la quarantena e le compagnie aeree, in base alle disposizioni, dovranno raccogliere le informazioni dei passeggeri per facilitare il tracciamento. 

Continua a leggere

Esteri

Afghanistan, nuovo governo: il ministro dell’Interno è ricercato dall’FBI

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Nominato il governo talebano alla guida dell’Afghanistan che vede come ministro dell’Interno Sirajuddin Haqqani, leader dell’omonima rete di milizie ritenuta vicina ad Al Qaida, è attualmente ricercato dall’Fbi per terrorismo, con una taglia di 5 milioni di dollari, secondo quanto riferisce la stessa agenzia Usa. Mohammad Hassan Akhund, il nuovo primo ministro afghano nel governo dei Talebani, figura nella lista dell’Onu di persone designate come “terroristi o associati a terroristi”. Mohammad Hassan è stato in passato consigliere politico del Mullah Omar, già leader dei Talebani, oltre che governatore di Kandahar e ministro degli Esteri negli anni del primo governo degli studenti coranici, tra il 1996 e il 2001.

Il mullah Mohammad Hasan è stato nominato primo ministro ad interim del nuovo governo “provvisorio” dei talebani.

Il mullah Mohammad Hasan (anche detto Mohammad Hasan Akhund, laddove akhund è un sinonimo di mullah) è figura meno nota di altre nella leadership dei Talebani, ma non per questo meno potente. A lui era infatti affidata fino ad oggi la presidenza del Rahbari Shura, (letteralmente il ‘Consiglio della guida’, cioè il Consiglio direttivo), che ha svolto praticamente le funzioni di governo dei Talebani, prendendo tutte le maggiori decisioni prima di sottoporle all’approvazione della guida suprema del movimento, il mullah Hibatullah Akhundzada. Nei giorni scorsi media pachistani avevano riferito che lo stesso Akhundzada aveva scelto Mohammad Hasan come nuovo primo ministro.

Il mullah Abdul Ghani Baradar, co-fondatore dei talebani, negoziatore con gli Usa a Doha e capo politico in pectore degli studenti coranici, sarà il vice leader del nuovo governo a Kabul. Il figlio del mullah Omar, il mullah Yaqoub, sarà il ministro della Difesa del nuovo governo provvisorio dei talebani. All’Interno c’è Serajuddin Haqqani, leader della temibile e omonima rete alleata dei talebani Lo ha annunciato il portavoce Mujahid in conferenza stampa. “I preparativi per l’annuncio del governo islamico (in Afghanistan) sono stati completati, il governo sarà annunciato a breve, a Dio piacendo”: ha scritto su Twitter Ahmadullah Muttaqi, capo del settore multimedia della commissione culturale dell’Emirato islamico, che aggiunge che “sarà l’unico governo in 40 anni di storia afghana a governare sull’intero Afghanistan”. Sono diversi giorni che viene dato come imminente l’annuncio del nuovo governo dei talebani, ma negli ultimi giorni si è combattuto nella Valle del Panshir per sottomettere l’ultima sacca di resistenza contro l’Emirato talebano.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken, in una conferenza stampa in Qatar, ha dichiarato che i talebani hanno rinnovato la promessa di consentire agli afghani di partire liberamente, dopo il diffondersi di timori per una serie di voli charter bloccati a Kabul. I talebani hanno detto agli Stati Uniti che “lasceranno partire liberamente le persone in possesso dei documenti di viaggio”, ha detto Blinken in una conferenza stampa in Qatar. “Ci aspettiamo che si attengano a questo”. 

I talebani a Kabul hanno sparato per disperdere una manifestazione di protesta contro il Pakistan. Lo rivelano fonti giornalistiche sul posto. La manifestazione di una settantina di persone, in maggioranza donne, ha protestato davanti all’ambasciata pachistana. ToloNews su Twitter parla di “centinaia di manifestanti oggi a Kabul” che “gridano slogan contro il Pakistan”. Nelle foto di ToloNews si vedono in prima fila diverse donne che reggono uno striscione. 

I testimoni affermano che gli spari erano diretti in aria. Filmati ripresi sui social e diffusi da ToloNews mostrano centinaia di donne che gridano rabbiosamente slogan di protesta contro il Pakistan, accusato di appoggiare il regime talebano. Le donne reggono cartelli, striscioni e alcune bandierine nazionali afghane. In un altro breve filmato si vede della gente fuggire mentre in sottofondo si sentono spari e raffiche. 

“Preoccupa l’emergenza umanitaria nel Panshir, dove i talebani stanno stroncando nel sangue la rivolta dei cittadini. Migliaia di persone senza né cibo, né farmaci: sì a un corridoio umanitario per dare urgente soccorso a chi ha bisogno”. Lo scrive il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, su Twitter

I talebani hanno annunciano di avere il controllo totale del Panshir, ultima sacca di resistenza in Afghanistan e hanno avvertito  che “qualsiasi tentativo di insurrezione sarà duramente colpito”. L’Iran condanna “con fermezza l’assalto” dei Talebani. E intanto il leader del movimento di resistenza nella valle afghana, Ahmad Massoud, lancia l’appello per una “rivolta nazionale” contro i talebani: “Ovunque tu sia, dentro o fuori, ti invito a iniziare una rivolta nazionale per la dignità, la libertà e la prosperità del nostro Paese”. Secondo Al Arabiya, un aiuto ai talebani per espugnare il Panshir è arrivato dalle forze armate del Pakistan, con “appoggio dall’aria e lancio di paracadutisti”.

Continua a leggere

I più letti