Connect with us

Cronaca

Scomparsa Mirella Gregori, la sorella: “Abbiamo elementi per riaprire il caso”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Faccio un appello finalizzato alla riapertura del caso di mia sorella Mirella Gregori.  Se c’è un avvocato che se la sente di rimettere mano agli atti processuali, alle prove raccolte negli anni per presentare una solida istanza di riapertura del caso io sono qui. Perché per noi questo caso non è chiuso, Mirella è scomparsa e noi vogliamo arrivare alla verità”.

L’appello, lanciato da Maria Antonietta Gregori giovedì 3 maggio in occasione della trasmissione web tv Officina Stampa condotta dalla giornalista Chiara Rai

Maria Antonietta Gregori ha ripetuto l’appello nell’aula magna dell’Università eCampus in via Matera a Roma di fronte a un gremito pubblico di persone che hanno partecipato al convegno promosso in occasione della ricorrenza dei 35 anni dalla scomparsa della 15enne Mirella Gregori che oggi avrebbe 50 anni.

Il convegno

Un convegno molto interessante con ospite principale Maria Antonietta Gregori e che ha vantato la presenza di Rita Neri, responsabile Università degli Studi eCampus sede di Roma, Andrea Mario Ferraris presidente dell’associazione Penelope Lazio, Flaminia Bolzan Mariotti Posocco consulente in processi penali di rilievo nazionale e ospite di trasmissioni televisive su temi di cronaca e sociale, Marina Baldi biologa e specialista in genetica medica e consulente tecnico in materia di genetica forense, Chiara Rai giornalista direttore del quotidiano d’inchiesta L’Osservatore d’Italia e collaboratore del quotidiano Il Messaggero, Fiore De Rienzo giornalista responsabile della cronaca nera de La Vita in diretta, Già inviato de la trasmissione Chi l’ha visto?

Una pagina di cronaca nera italiana che non è mai stata risolta

I crimini, le scomparse hanno sempre qualche falla, non sono perfetti ed è ai presunti errori che bisogna dare la caccia. È importante che negli anni non si dimentichi. Spesso Gregori e Orlandi vengono accomunate, ma forse sostanzialmente perché  entrambe sono scomparse nel 1983 a 40 giorni di distanza l’una dall’altra e perché ci sarebbero alcuni elementi che e pseudo testimonianze che vorrebbero legare i due fatti. Comunque le ragazze non si conoscevano e neppure le famiglie delle stesse. Ma ci sono elementi che le avvicinano o accumunano come il fatto che nei comunicati dei rapitori di Emanuela spuntò il nome di Mirella; i contatti delle adolescenti con venditori di prodotti Avon; la presenza nelle due indagini dell’allora vicecapo della vigilanza vaticana, Raoul Bonarelli

Come scompare Mirella Gregori?

Nel pomeriggio del 7 maggio 1983 Mirella uscì di casa e non vi fece più ritorno. Il giorno della scomparsa, la ragazza si recò regolarmente a scuola e tornò a casa attorno alle 14, dopo essersi intrattenuta qualche tempo in un bar vicino a casa assieme ad un’amica. Quest’ultima dichiarò che lei e Mirella avevano parlato del più e del meno e non seppe fornire altre informazioni.

Tornata a casa, Mirella fu chiamata al citofono da un sedicente amico, tale “Sandro”, alle cui richieste di uscire avrebbe esclamato: «Se non mi dici chi sei, non scendo!», per poi prendere tempo e proporre di vedersi attorno alle 15:00. A quell’ora, la ragazza effettivamente uscì, dicendo alla madre che “aveva un appuntamento” presso il monumento al bersagliere di Porta Pia con un vecchio compagno di classe, il quale, peraltro, quel pomeriggio era impegnato altrove. Da quel momento la famiglia non ha più avuto notizie della ragazza.

La ricostruzione nel servizio di Officina Stampa

 

L’americano e il canale con la Santa Sede

Emblematica e di rilievo la figura dell’“Americano“, colui che ha è riuscito ad avere un canale telefonico privilegiato con la Santa Sede e ha rivendicato entrambe le sparizioni. Chiamò al bar dei Gregori, rispose il marito di Maria Antonietta e disse ‘Prendi carta e penna e scrivi’ e dettò le etichette degli abiti che Mirella indossava il giorno della scomparsa, biancheria compresa. Mirella poteva aver avuto un canale con il Vaticano? È possibile.  Il collegamento con la Santa sede può essere stato rappresentato dalla figura di una guardia del corpo di papa Giovanni Paolo II. Quest’uomo abitava vicino alla casa della famiglia Gregori e qualche volta si sarebbe fermato a parlare con Mirella.

Fu la madre di Mirella a riconoscere quest’uomo

La donna, il cui stato d’animo e ricordi hanno fatto parte di un interessante racconto del cronista Di Rienzo che l’ha conosciuta, ha visto  durante una visita del Papa alla parrocchia romana di San Giuseppe il 15 dicembre 1985, un uomo della Vigilanza vaticana facente parte della scorta, Raoul Bonarelli. Quella persona spesso si intratteneva con la figlia e una sua amica in un bar vicino a casa. Dopo un primo riconoscimento però la mamma di Mirella, secondo i racconti del giornalista Di Rienzo, quando le furono fatti vedere dei filmati di quel giorno diede l’impressione di avere paura, di essere intimorita e neppure si soffermò tanto a guardare le immagini. Insomma disse di non riconoscere nessuno

Ma ci sono anche altri elementi di cui si è parlato al convegno

Chiara Rai ha commentato nei particolari il documento del 31 ottobre 1983 che avrebbe meritato un approfondimento da parte degli inquirenti. Invece i nomi presenti su quel documento del SISDE pubblicato in esclusiva dal giornalista Tommaso Nelli su Cronaca&Dossier.it, non sono stati ascoltati in merito. I servizi segreti hanno riportato i particolari di una intercettazione ambientale dalla quale si evince chiaramente che la figlia dei gestori del bar situato all’epoca sotto l’abitazione dei Gregori (nell’intercettazione parlava con una commessa di un negozio vicino, sua amica) sarebbe stata al corrente dell’identità dell’uomo che convinse Mirella a seguirlo.

Gli inquirenti concentrarono le attenzioni su Sonia De Vito, coetanea e definita da Maria Antonietta Gregori la migliore amica di Mirella. Sonia è la figlia dell’allora proprietario del bar “Italia”, situato all’inizio di via Nomentana, proprio sotto casa dei Gregori.

Le due ragazze, quel pomeriggio, prima che Mirella andasse via con “Alessandro”, trascorsero alcuni minuti assieme. Come scritto nel documento , a un certo punto, pronunciate dalla De Vito, «venivano udite chiaramente le seguenti frasi:

Certo… lui ci conosceva, contrariamente a noi che non lo conoscevamo… quindi poteva fare quello che voleva…

Come ha preso Mirella poteva prendere anche me, visto che andavamo insieme…».

Sonia De Vito conosceva l’uomo che portò via per sempre Mirella Gregori. Ma chi era? Perché non hanno accertato chi fosse l’altra amica della conversazione e se fosse al corrente dell’identità del misterioso rapitore?

Nel corso del convegno sono stati snocciolati diversi aspetti

Correttamente è stata anche fatta la cronaca della vile messinscena dei due plichi con la lettera, i ritagli di giornale, capelli, terriccio, un merletto e alcuni negativi fotografici recapitati oltre cinque anni fa alla sorella di Mirella Gregori e a una compagna di musica di Emanuela Orlandi. Il materiale fu sequestrato dalla Squadra mobile e l’epilogo è noto a tutti. Come lo stesso mistero della foto con il teschio: il cranio, appartenuto a una certa Eleonora De Bernardi, morta il 23 agosto 1854, si trovava nei sotterranei della chiesa di Santa Maria dell’Orazione e Morte, in via Giulia. Alla cripta si può accedere liberamente e il teschio era collocato su una nicchia ad altezza d’uomo, quindi facilmente fotografabile. Inutile continuare a ricordare il codardo atto di chi all’epoca ha cercato notorietà.

Cronaca

Viterbo, fine di un incubo per una invalida civile assegnataria di una casa Ater

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

VITERBO – Divieto di Avvicinamento alla Persona Offesa, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Viterbo, nei confronti di una 52enne e di un uomo di 50 anni, indagati per atti persecutori.

La coppia è ritenuta responsabile di avere, con condotte reiterate, minacciato e molestato una donna, assegnataria di una casa dell’edilizia popolare ATER, cagionandole un perdurante e grave stato di paura nonché ingenerando nella stessa un fondato timore per la propria incolumità, al fine di costringerla ad abbandonare l’appartamento.

La persona offesa, che presenta un’invalidità civile al 100% ed è immobilizzata su una sedia a rotelle, è stata costretta a subire le continue angherie degli indagati, consistite in minacce di morte ovvero di violenze di tipo sessuale qualora la stessa non avesse ottemperato alle loro direttive. 

Continua a leggere

Cronaca

Trento, Polizia locale: Alberto Adami è il nuovo Vicecomandante

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

TRENTO – È Alberto Adami, 43 anni, il nuovo vicecomandante della polizia locale. Assume l’incarico ricoperto da Luca Sattin, che a sua volta prende il posto di Lino Giacomoni, dal 1° agosto ufficialmente in pensione, e diventa il comandante del Corpo di polizia locale Trento Monte Bondone.

Il nuovo vertice è stato presentato dal sindaco Franco Ianeselli, che ha sottolineato il ruolo importante della polizia locale nel contesto urbano: “Si tratta di una polizia di prossimità, vicina alle persone, una polizia che oggi ha una pluralità di compiti, dalla sicurezza ai grandi eventi alla sicurezza stradale, da non dimenticare perché da noi i morti da noi sono soprattutto quelli degli incidenti. La polizia locale poi in questa fase è quella che può accorgersi di quel fenomeno nascosto costituito dai prestiti troppo facili agli esercenti in difficoltà: solo chi sta sul territorio e parla con le persone è in grado di vedere i tentativi di infiltrazione nel tessuto economico di una criminalità che si presenta non con la coppola, ma in giacca e cravatta. Certo, è importante poter contare su un numero di agenti adeguato a una città capoluogo con 16 mila studenti universitari”.

Il neo comandante Sattin ha definito l’incarico “un grande onore” e ha dichiarato di essere “consapevole di aver ereditato un patrimonio di storia e professionalità”. Ha poi aggiunto: “Sono riconoscente all’Amministrazione comunale per avermi affiancato un vicecomandante con qualità notevoli e con un’esperienza importante maturata in una città turistica, ricca di grandi eventi. Anche Trento si trova ad organizzarne sempre più spesso: pensiamo solo agli Europei di ciclismo di settembre”. Infatti il vicecomandante Adami arriva a Trento a Lignano Sabbiadoro, città in cui ha guidato la polizia locale e ha gestito grandi concerti come quelli di Vasco Rossi o di Jovanotti. “Sono nato in Alto Adige, ma sono trentino – si è presentato il nuovo vicecomandante Adami – Ho iniziato la mia carriera a Pinzolo, poi a Riva, infine a Lignano, che d’inverno a 5 mila abitanti, d’estate arriva a 250 mila. Trento naturalmente è diversa e per Trento assicuro il mio massimo impegno”.

Continua a leggere

Cronaca

Milano, arrestato il piromane della zona est

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

MILANO – Arrestato e trasferito in carcere un 32enne di Milano (A.R.), pregiudicato ed attualmente sottoposto all’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria, poiché ritenuto responsabile di due incendi causati lo scorso mese di marzo 2021.

Dall’inizio dell’anno si sono verificati una dozzina di episodi incendiari in zona Città Studi, corso XXII Marzo, corso Plebisciti, via Aselli, viale Montenero, viale Bligny, via Amadeo e via Fantoli: le indagini svolte dai poliziotti del Commissariato Lambrate hanno incrociato l’attività dei carabinieri del Comando Stazione Porta Monforte che, lo scorso 4 aprile, avevano arrestato il 32enne dopo che, prima delle ore 6, aveva dato fuoco ad un’edicola in viale Corsica 38.

L’analisi dei tabulati telefonici e delle immagini estrapolate dai sistemi di videosorveglianza lungo tutto il percorso seguito dall’uomo, suffragata dagli accertamenti informatici eseguiti su computer e telefoni cellulari a lui sequestrati dai Carabinieri della Stazione Porta Monforte in occasione dell’arresto in flagranza del 4 aprile, ha permesso agli stessi Carabinieri ed agli agenti del Commissariato Lambrate di identificare il 32enne quale autore dei due incendi appiccati nelle prime ore del 23 marzo scorso quando lo stesso aveva dapprima, poco dopo le ore 02.00 incendiato un materasso abbandonato davanti all’ingresso di un condominio in via Aselli 6, causando il danneggiamento della citofoniera; successivamente, verso le ore 03.45, si era portato presso la sede dell’Associazione SOS Lambrate Onlus di via Amedeo 78 dove, dopo aver maneggiato tra i cassonetti dell’immondizia, aveva appiccato l’incendio che avrebbe poi interessato anche i bidoni della vicina Balera dell’Ortica.

In tutti gli episodi il 32enne indossava i vestiti che i Carabinieri del Comando Stazione Porta Monforte hanno rinvenuto e sequestrato nel corso della perquisizione domiciliare eseguita successivamente all’arresto in flagranza eseguito il 4 aprile scorso.

Nel febbraio 2012, l’uomo era già stato indagato per il furto e il danneggiamento di alcune telecamere installate presso l’Associazione SOS Lambrate Onlus che non lo aveva accettato come volontario.

Continua a leggere

I più letti