Connect with us

Roma

SCUOLA, EDUCAZIONE E SOCIETA' ODIERNA

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 5 minuti
image_pdfimage_print

di Mario Torosantucci

Il padre al figlio: Ma è possibile, che nun riesci proprio a sta’ fermo e bono a scuola? M’ ha detto tu’ madre, che le maestre so’ molto 'ncaz…. con te.                                                                                                                                                                                                                                                                                                      

Figlio: Nun è vero ! Io ho detto soltanto quarche parolaccia. Gli altri invece hanno sputato, gettato di tutto, e fatto cose sporche.                                                                                                                                                                                                                

Padre: Degl’artri nun m’enteressa, dopo quelle vengono a rompe’ a me, e me tocca da reagì .                                                             

Figlio: Ma papà, che stai a parlà italiano, che è successo quarche cosa ? Pe mme, nun te devi da preoccupà, tanto ce devono da promuove pe’ forza. Ce stanno le nuove regole, e nun ce posseno manco da toccà, sennò le denunciamo e je famo passà li guai, così ‘ mpareno a toccà li piccoli.                                                                                                                                                              

Padre: Loro nun ve posseno da toccà, ma io te rompo l’ ossa. M’ hai capito ?                                                                                                            

Figlio: ‘E no ! Manco tu me poi da toccà, sinnò co ‘na telefonata, te manno ar gabbio.                                                                                                                              

Padre: Ahò ! Statte carmo. Fra te e tu’ madre, me fate diventà scemo, e si le maestre me chiamano, va a finì che me tocca sfogamme co’ loro, perché nun ve devono da toccà, e nun me devono da scoccià.                                                                                                                                      

Figlio: M’ hanno detto pure, che devi ancora da pagà la quota pe’ magnà, sinnò nun me fanno magnà più. E se so’ pure ncazz… perché co’ na spinta ho fatto cadè Gisella pe’ le scale,e       m’ hanno detto che loro so’ responsabili, e che devono da pagà de persona.                                                                                                                                                 

Padre: So’ c…. loro. Se facessero n’ assicurazione e nun ce rompessero. Ma come, li stranieri nun pagano, li rom nun pagano, e che so’ fesso io che devo da pagà?  Si nun te danno gnente, li vai a fregà agl’artri. Perciò, fatte furbo.                                                                                                                                                                                                                                     

Morale: Una volta un bambino, tornando a casa, essendo stato discolo a scuola, avrebbe ricevuto rimproveri e qualche schiaffo. I genitori  sarebbero andati a scusarsi e complimentarsi con l’ insegnante, per la sua severità e professionalità.

Ora gli alunni sono spesso maleducati e prepotenti, approfittano del potere loro concesso dalle nuove regole, ed i genitori, in parte, applicano la severità, l’arroganza e l’aggressività, verso l’insegnante inerme, in questa nostra scuola ormai nel degrado totale. Gli insegnanti per cautelarsi, devono sottoscrivere delle assicurazioni private, per eventuali spiacevoli episodi che possono accadere, poiché le cose che li responsabilizzano sono molteplici, con turni ed incombenze, che li rendono estremamente vulnerabili. In Italia si riesce a distruggere tutto. Purtroppo, questo argomento lo tratteremo di nuovo, perché necessita di un’ analisi più accurata.            

                             
CONTADINO CON FIGLIO IN CITTA’:


Papà: Me raccomanno, nun te mette a ffà l’ italiano, che ormai semo malvisti. Tutto quello che vedi , fa' finta de gnente, nun annamo a cercà guai.                                                                                                                                                                                                              

Figlio: ‘Anvedi oooh , so tutti neri, marroni e gialli. E qua ce riconoscono puro, semo bianchi, e tu t’ enc…. quando me vojo abbronzà, nun lo vedi che me potrei mischià mejo.                                                                                                                                    

Padre: A li tempi miei, quando ch’ avevo la tu’ età, quando se vedeva n’ artro colore, era tutta ‘na festa. Doppo, cor fatto che semo cristiani, che ce dovevamo emancipà, che bisogna accoglie tutti, MA PROPRIO TUTTI, co’ l’ europa che ce spigne d’annà avanti, perché je viè da ride, che dovemo dà, quello che ch’ avemo agl’artri, eccoce che ce dovemo abbassà pure li pantaloni.                                                                                                                                                

Figlio: Ma dovevamo pijà per forza sta metro che nun me fa respirà?……. Oh… quella me stava a tastà er c…                                                                                                                                                                           

Padre: Devi da stà ‘ncampana, quella nun te stava a tastà, ma te voleva fregà li sordi. Queste, ch’ anno le mani d’ oro, guadagneno li miliardi, devono stà attenti solo a nun fasse pijà, sinnò devono perde tempo ad annà ar commissariato pe’ l’ identificazione, pe’ poi tornà de corsa a lavoro. Sti poveracci de ladri, so’ stati costretti a venì in Italia, perché a casa loro i poliziotti so bestie e li menano pure, li fanno magnà male, e li tengono in galera a scontà la pena per INTERA. Invece noi, semo un paese accogliente, basta che ce promettono de nun fallo più, li lassamo annà liberi. È vero che qualcuno ce l’ ha promesso già ‘na settantina de vorte, ma noi semo cristiani, e dovemo da perdonà.                                                                                                                                                                                                     

Figlio: ‘A pà, ma ‘ndove devo da guardà, questa a fianco m’ha guardato storto, perché pensava che stavo a legge’ quello che scriveva cor telefonino, quello de fronte stà a pommicià,e m’ha fatto cenno d’ annarmene, e io me so stancato de fissà tutte le fermate sulle porte.                                                                                                                                                 

Padre: Nun te dimenticà che semo cristiani e dovemo avè pazienza,….. ma me stavo a domannà: Li cristiani velocemente stanno a finì, e co’ ‘ste religioni estremiste che so arrivate, doppo saranno pure c… loro.                                                                                                                                                                             

Figlio: ‘A pà, Me sa tanto, che in città se spaccia la droga pure de giorno, ma nun fa male ed è pericoloso ?                                                                                                                                                                   

Padre: Non più di tanto, perché la maggior parte de sti spacciatori sò clandestini. Poveracci, questi a casa loro nun ch’avevano da magnà e magara guadambiavano soltanto un euro al giorno i più fortunati. Qua da noi, paese accogliente e paziente, loro ce mettono tanta buona volontà a lavorà con dei turni incredibili, e un pò con lo spaccio della droga ed un po’ con lo sfruttamento della prostituzione, riescono a guadambià quei miliardi delle vecchie lire, PE’ LA SOPRAVVIVENZA, sperando che le autorità nun se ne accorgano. Eh sì, perché com’ è integerrima  la nostra politica, sti’ poveri stranieri, rischierebbero di doversi dedica’ ad altri lavori, a cui nun sò preparati, oppure a fa’ finta de scappà.                                                                                                                       

Figlio: ‘A pà, ma sti’ stranieri , fanno tutte ste cose…..                                                                                                                                                 

Padre: No ! Ce ne stanno tanti che so’ fessi come noi. Osservano le leggi, lavorano duramente, se vogliono ‘ntegrà, e purtroppo, pijano le botte da tutti, come noi italiani, perché noi e loro, nun ch’ avemo fantasia pe’ migliora’.                                                                                                                                                                                                                      

Figlio: E intanto gli artri  guadambiano un sacco de sordi.                                                                                                                                        

Padre: Non proprio tutti. Ce stanno pure quelli che guadambiano un po’ de meno. S’accontènteno. Se dedicano a li Bancomat, carte de credito, documenti farsi e quarche artro ‘mbrogliuccio a li vecchietti, che so’ un po’ rincoglioniti, ingenui e se meritano de resta’ senza la pensione. Tanto so’ abituati a magnà poco, che je fa pure bene.                                                                                                                                                                                          

Figlio: Qua, pe’ gl’ italiani, è mejo restà dentro casa, pe esse più sicuri.                                                                                                                                           

Padre: Eh no ! Perché te vengono a fregà  puro dentro casa . Te possono aprì la porta blindata, perché loro ce se dedicano a queste cose, studieno e diventano esperti. Se per caso t’entrano de notte, mentre che stai a dormì, te spruzzano er sonnifero, e sei fortunato si nun te violentano puro. Si poi, per puro caso, li dovessi da scoprì, li riesci a trattenè, riesci a chiamà la polizia o li carabinieri, la legge nostra, gagliarda e tosta, questo nun c’entra, ma ce stà bene pe’ la rima, te inquisisce pe’ sequestro de persona, così t’ empari a reagì, che da buon cristiano, nun se deve fa’, MAI.                                                                                                                                                             

Figlio: Insomma, me sembra d’avè capito, che noi italiani, saremo, come dicono quelli che hanno studiato, dei cogl… ghettizzati, che dovremo sopportà il dolore, come l’ asino delle mazzate, i dispiaceri, le umiliazioni, dovremo pagà pe’ gl’artri, stacce zitti, e portà la croce perché semo CRISTIANI ITALIANI.                                                                                                                                                             

Padre: So’ contento che hai capito il concetto. Annamo……annamosene va…..                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         
 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Metropoli

Monterano antica, case a 1 euro…l’ultima bufala sul bel borgo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Ormai le fate news che girano in rete fanno più danni della grandine. Il sindaco di Canale Monterano Alessandro Bettarelli ha dovuto smentire un grande bufala. Ecco cosa ha detto:

“Generalmente evito di rispondere a certe stupidaggini che leggo in Rete: un fiume di piccole, medie o grandi fake news scritte e dette da chi dovrebbe prima collegare la tastiera al cervello, ma questa è davvero incredibile. In pratica a Monterano si potrebbero comprare “case” ad un euro per “rilanciare” un borgo disabitato, soprattutto dai giovani. Con 10 euro si porta a casa San Bonaventura e ci si apre una pizzeria? Con 20 il Castello Ducale per farci un b&b?Li perdoniamo solo per i complimenti alla bellezza di Monterano, che ormai stabilmente viene citato dai Media nazionali tra le ghost town più belle d’Italia”.

Continua a leggere

Roma

Roma, Settecamini. In macchina con pistola pronta a sparare: arrestati due uomini

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

La pistola è stata sequestrata ed inviata ai laboratori del RIS per verificare l’eventuale utilizzo in episodi criminali

ROMA – I Carabinieri della Stazione di Roma Settecamini hanno arrestato due cittadini italiani, di 33 e 40 anni, già noti alle forze dell’ordine, con le accuse di porto illegale di arma e ricettazione in concorso.

La scorsa notte, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio effettuati nella periferia est di Roma, i Carabinieri hanno intimato l’alt ad un’autovettura che, alla loro vista, rallentava notevolmente la marcia.

A bordo del veicolo, i due sono apparsi fin da subito molto nervosi per il controllo che li vedeva coinvolti. I Carabinieri hanno deciso quindi di approfondire e hanno effettuato la perquisizione dell’auto trovando una pistola carica e pronta a sparare celata all’interno di un sacchetto.

Interrogati sul perché viaggiassero con l’arma al seguito e di chi fosse, i due non hanno fornito valide risposte cercando anche di giustificarsi goffamente riferendo che l’avevano appena trovata. La pistola è stata sequestrata ed inviata ai laboratori del RIS per verificare l’eventuale utilizzo in episodi criminali.

Gli arrestati sono stati portati in caserma e trattenuti fino al rito direttissimo, al termine del quale il 33enne è stato portato in carcere e il 40enne sottoposto ai domiciliari.

Continua a leggere

Metropoli

Palombara Sabina, sequestrata area di 700 mq con rifiuti speciali e autodemolizioni abusivo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

PALOMBARA SABINA (RM) – A Palombara Sabina, i Carabinieri della locale Stazione Forestale hanno scoperto, unitamente ai colleghi del luogo, una discarica abusiva a cielo aperto annessa ad una attività di autodemolizione non autorizzata oltre a diverse autovetture di origine sospetta.

Un’area di circa 700 mq è stata sottoposta a sequestro per dispersione di rifiuti speciali, ma oltre ai rifiuti, regolarmente accatastate e sistemate per l’esposizione, i Carabinieri hanno scoperto decine di parti di carrozzeria ricavate nel tempo dalle autovetture “cannibalizzate” per la rivendita di pezzi usati (sportelli, cruscotti, parabrezza, paraurti). Sono tuttora in corso le ulteriori indagini per risalire alle origini del materiale sospetto.

Continua a leggere

I più letti