Connect with us

Sport

Scuola, in 500 alla Festa dello Sport. All’IC Fantappiè di Viterbo il VII Trofeo “Città di Viterbo” per le Scuole di I grado

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Grande partecipazione alla finalissima del VII Trofeo “Città di Viterbo” che ha visto in campo le le rappresentative vincitrici dei quattro gironi di qualificazione provinciali riservati agli Istituti di I grado svoltisi nei mesi scorsi a Viterbo, Montalto di Castro, Montefiascone e Orte.

Ad aggiudicarsi l’ambito trofeo l’IC “L. Fantappiè” di Viterbo che per un solo punto (14 contro 13) ha avuto la meglio su l’ICS Montalto di Castro. A seguire, l’IC “A. Marchini” di Caprarola (8) e l’ IC “Via Ruspantini” di Grotte di Castro con 5.

L’evento rientra nella programmazione del Progetto “Scuola-Movimento-Sport-Salute” per la realizzazione del quale si sono unite in un accordo di rete tutte le Scuole di I grado della Provincia di Viterbo concapofila l’IC “L. Fantappiè” di Viterbo. Il progetto è patrocinato da: CONI Lazio, Amministrazione Provinciale, Comune di Viterbo, ASL, Ordine dei Medici di Viterbo, Panathlon Club di Viterbo, UIL Scuola di Viterbo ed è sostenuto dall’Ufficio Scolastico Provinciale.

I quattro istituti finalisti hanno partecipato alla manifestazione finale, ciascuno con una rappresentativa di 35 elementi, guidati dai Proff. Cerasi, Bocci e Bartoletti per la Fantappié; Bastreghi, Leone e Giambrone per il Marchini; Palumbo, Suatoni, Galli, Poponi e Camuzzi per Grotte di Castro e Sacconi, Procenesi, Magrini e Barocco per Montalto di Castro.

I giovani atleti si sono confrontati in quattro tornei all’italiana presso i seguenti impianti: “acquacanestro” piscina MGM Pool, pallavolo (Palavolley), pallamano e calcio a 5 (Oratorio S. Maria della Grotticella). Al termine dell’intensa giornata di gare, è stata stilata la classifica finale sommando i punteggi conseguiti da ciascuna squadra nelle quattro discipline.

Acquacanestro”: 1° Fantappiè – punti 4; 2° Montalto – punti 3; 3° Marchini – punti 2; 4° Via Ruspantini – punti 1

Pallavolo: 1°Montalto – punti 4; 2° Fantappiè – punti 3; 3° Via Ruspantini – punti 2; 4° Marchini – punti 1

Calcio a 5: 1° Fantappiè – punti 4; 2° Marchini – punti 3; 3° Montalto – punti 2; 4° Via Ruspantini – punti 1;

Pallamano: 1°Montalto – punti 4; 2° Fantappiè – punti 3; 3° Marchini – punti 2; 4° Via Ruspantini – punti 1;

Hanno presenziato alle premiazioni il delegato provinciale Coni Ugo Baldi – per il quale il progetto andrebbe proposto a livello regionale per la sua validità- e Matteo Antonucci dell’ASD Volley life che si è complimentato con i giovani atleti incoraggiandoli sulla via della pratica sportiva, vero “baluardo” educativo, rinnovando la disponibilità a collaborare per l’organizzazione delle manifestazioni scolastiche. La prof. Maria Luisa Vincenti ha portato il saluto della dottoressa Maria Patrizia Gaddi Dirigente Scolastico degli Istituti Savi e Fantappiè, capofila delle Reti istituite per il Progetto. Silvia Somigli Segretario organizzativo regionale UIL Scuola, si è detta felice di aver contribuito alla realizzazione di un anno tanto ricco di appuntamenti sportivi per i giovani studenti: “lo sport è un fondamentale strumento di formazione per i futuri cittadini”.

Ringraziamenti particolari sono stati fatti dalla Prof.ssa Letizia Falcioni a nome dell’Ufficio Scolastico di Viterbo a quanti hanno consentito a vario titolo la realizzazione della manifestazione: le Società sportive che hanno concesso gli impianti, gli insegnanti per l’ottima preparazione delle squadre e per tutto il lavoro organizzativo svolto e gli arbitri che hanno gestito con professionalità tutte le gare in programma: i Proff. Luigi Brachetti direttore di gara, coadiuvato dai colleghi Ilaria Boni (acquacanestro), Elisa Presutti (pallavolo), Elena Ponici (pallamano) e Maurizio Sbarrini (calcio a 5). Preziosa la collaborazione degli arbitri scolastici: Leonardo Saccone, Damiano Murvana, Ilaria Fiocchetti, Wilber Casulli, Lorenzo Della Porta.

Un particolare ringraziamento all’Associazione Misericordia di Viterbo al Dott. Giuseppe Bagnato e al Dott. Franco Lepri, sempre disponibili a prestare l’assistenza sanitaria per lo sport scolastico.

Festa dello Sport

Nella stessa giornata di martedì 4 giugno, si è svolta la Festa dello sport. La manifestazione ha visto la partecipazione dei seguenti Istituti: ITE P. Savi (Proff. Topi, Alcini, Marconi, Marcucci, Petri); ITT L. Da Vinci (Proff. Amici, Boinega, Cruciani); Liceo S. Rosa (Proff. De Falco, Giorgini); IIS F. Orioli (Proff. Amorosi, Graziani); IO Orte (Proff. Carbonio, Ferrari); IIS U. Midossi (Proff. Calcinari, Ruggeri) IIS A. Farnese (Prof. Mariano Giovannini).

Le squadre si sono cimentate in una serie di tornei sportivi: pallavolo e tennistavolo presso l’ITE P. Savi; calcio, calcio a 5, pallamano, beach volley e beach tennis presso il CUS Viterbo.

Imponente lo staff arbitrale: il Prof. Gianfranco Proietti, direttore di gara, è stato coadiuvato per il calcio e calcio a 5 dal collega Luca Fortuni e dagli arbitri: Giovanni Maita, Matteo Tavani,e Moetez Fraj; per la pallamano Nicola Abbate; per il beach volley Marco Noto e Alessio Proietti; per il beach tennis Luca Scipioni; per la pallavolo Francesco Ramacci, Eleonora Gallino e Julio Del Monte; per il tennistavolo Gianni Baleani. Le premiazioni della festa dello sport si svolgeranno a settembre 2019 nel corso della presentazione del programma di attività per l’anno scolastico 2019/20.

GG

in 500 per festa dello sport.doc

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Calcio

Colleferro (calcio, Promozione), il ds Di Cori: “Peccato per la Coppa, ora testa al campionato”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Colleferro (Rm) – Sfuma ai calci di rigore uno dei due obiettivi stagionali del Colleferro. La squadra di mister Antonio Battistelli ha pareggiato 2-2 nei tempi regolamentari del match del primo turno di Coppa Italia di Promozione sul campo del Rocca Priora (che si è esibito per l’occasione nella frazione di Colle di Fuori) e poi è stato condannato nella “lotteria” degli undici metri. “Ci dispiace perché questo era uno dei due obiettivi della nostra annata e in Coppa avremmo potuto far pesare la larghezza della nostra rosa – dice il direttore sportivo Pino Di Cori – Sinceramente non ho capito perché due squadre di Promozione di Colleferro hanno dovuto giocare entrambe fuori casa, questo regolamento è un po’ particolare però ormai è andata così. La partita? I gol subiti sono arrivati da due errori individuali, ma eravamo riusciti a sistemare le cose grazie a una doppietta di Amici (primo gol strepitoso, ndr). Abbiamo avuto una certa padronanza territoriale e qualche occasione l’abbiamo creata, ma purtroppo non siamo riusciti a portarla a casa. C’è da considerare che questo era il debutto stagionale ufficiale e vedo anche squadre professionistiche che sono in difficoltà dal punto di vista del ritmo in questo periodo. Non abbiamo quasi mai sofferto e ho poco da rimproverare ai ragazzi”. Ora il Colleferro si concentrerà totalmente sul campionato, a cominciare dalla sfida interna di domenica al “Caslini” contro il Giardinetti: “Ce la metteremo tutta per cercare di essere protagonisti, sperando di avere un pizzico di fortuna in più rispetto alla sfida di Coppa – rimarca Di Cori – Affronteremo un avversario che già l’anno scorso ha fatto bene e che si è mosso altrettanto bene a livello di mercato, prendendo un attaccante di valore come Bacchi: cercheremo di partire con il piede giusto”. Il direttore sportivo conclude parlando degli equilibri del girone: “Oltre al Colleferro, metterei Subiaco, Torrenova e Morena. L’anno scorso partimmo in sordina e finimmo con un ottimo ritmo, mentre quest’anno cercheremo di essere protagonisti valorizzando sempre i ragazzi del nostro settore giovanile”.

Continua a leggere

Calcio

Cynthialbalonga (calcio, serie D), Giannotta: “Vogliamo far crescere ancora il settore giovanile”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Genzano (Rm) – Non solo prima squadra. Il progetto della Cynthialbalonga prevede anche una costante crescita del settore giovanile che già nelle ultime stagioni ha fatto passi da gigante (sia nella “vecchia” Albalonga che nella “vecchia” Cynthia). Per questo il presidente Camerini ha messo a segno un autentico “colpo di mercato”, affidando il ruolo di direttore dell’area tecnica del settore agonistico a Cosimo Giannotta. Un personaggio che non ha bisogno di grandi presentazioni, avendo lavorato per dieci anni alla Vigor Perconti: “Lascio una società dove mi sono trovato benissimo e in cui ho potuto lavorare fianco a fianco con una persona eccezionale come il presidente Perconti. Nella vita c’è un inizio e una fine per tutto ed era arrivato il momento di cambiare: avrei dovuto fare il salto nei professionisti, ma poi alcune esigenze familiari mi hanno costretto a rinunciare. Ho trovato comunque un’ottima soluzione perché la Cynthialbalonga è un club in grande crescita dal punto di vista del settore giovanile e cercheremo di proseguire questo processo: mi anima un grande entusiasmo in vista di questa avventura”. Piangerelli seguirà l’Under 19 nazionale di Miccio e le altre quattro squadre d’Elite: l’Under 17 di Talarico, l’Under 16 di Colucci, l’Under 15 dello stesso Miccio e l’Under 14 di Sambucci: “Ci sono gruppi validi che cercheremo di completare assieme al direttore sportivo Massimo Piangerelli. Per quasi tutte le formazioni il primo obiettivo sarà la salvezza, ma soprattutto con qualche gruppo potremo toglierci anche altre soddisfazioni. L’impatto col presidente Camerini? E’ stato molto positivo, si tratta di una persona di calcio e ha una grande passione nei confronti di questa società – spiega ancora Giannotta –. Ma tutto l’ambiente mi ha accolto benissimo e ne approfitto per ringraziare il vice presidente Nerino Tabanelli, il direttore generale Alessandro Bianchi e il ds Massimo Piangerelli”. Giannotta parla anche del rapporto di collaborazione che dovrà nascere con quest’ultimo: “Non ho dubbi che avremo una grande sintonia, io sono per il rispetto dei ruoli e non ci saranno problemi di sovrapposizione di competenze”.
Intanto è iniziata la settimana che porterà al debutto stagionale della prima squadra in serie D: l’appuntamento è fissato per domenica sul campo della quotata Recanatese per un esame da subito probante.

Continua a leggere

Calcio

Asd Grottaferrata calcio a 5 (serie C2), Galante: “La società ha lavorato tanto, non ci nascondiamo”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Grottaferrata (Rm) – E’ l’elemento più esperto del Grottaferrata calcio a 5. Giuseppe Galante sta per cominciare il suo 31esimo anno di carriera nel mondo del calcio a 5 e non sembra aver per niente terminato gli stimoli: “Questo sport è una malattia per me e ho ancora tanta voglia di fare. Per esigenze familiari e lavorative ho dovuto lasciare gli Hornets Roma di cui ero capitano e che sono stati promossi in serie B. La categoria nazionale prevedeva un impegno troppo pesante e a me piace dare il massimo una volta che ho dato la parola. Mi è dispiaciuto tanto, ma ho trovato la miglior soluzione possibile col Grottaferrata calcio a 5, una società estremamente organizzata e ambiziosa che giustamente pretende il massimo da tutti noi. Obiettivi? E’ inutile nascondersi, lavoriamo per vincere il campionato anche se sappiamo che ci saranno tante difficoltà”. La squadra del presidente Manuel Masi ha disputato una doppia amichevole ravvicinata nello scorso fine settimana: “Prima abbiamo giocato col Pomezia, formazione di serie B che ha diversi giocatori di qualità e un gruppo rodato – osserva l’ultimo classe 1977 – Abbiamo fatto un buon primo tempo e poi siamo calati nel secondo e nel terzo. Successivamente abbiamo sfidato il Palombara, compagine ambiziosa di serie D (battuta 2-0 con le reti dello stesso Galante su rigore e di Kuster, ndr): anche in quel caso sono arrivate delle buone indicazioni, ma sappiamo che c’è tanto da lavorare”. Lo scoglio principale da superare per il Grottaferrata calcio a 5 è abbastanza chiaro: “Siamo un gruppo quasi totalmente nuovo e dobbiamo sfruttare queste due settimane prima dell’esordio in campionato per conoscerci meglio – rimarca Galante – Il girone sarà complicato e le avversarie ci “aspetteranno” sapendo che tipo di rosa ha allestito il Grottaferrata calcio a 5. Già il debutto a Sora sarà un bel test e noi ci dobbiamo far trovare pronti”.

Continua a leggere

I più letti