Connect with us

Cronaca

SESSO PER I DETENUTI: ARRIVA LA PROPOSTA DI LEGGE, MA E’ POLEMICA

Clicca e condividi l'articolo

Per la Lega, le galere diventano bordelli e in totale privacy è senza alcuna sicurezza

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

di Cinzia Marchegiani

Padova
– Approda oggi la proposta di legge in commissione Giustizia sulle relazioni affettive dei carcerati. Sesso per i detenuti in locali a prova di privacy. Il primo firmatario del testo, Alessandro Zan PD si dichiara ottimista, certo dell’accordo politico e del parere positivo del ministro Orlando.

Audizione con detenuti in collegamento Skype in Commissione Giustizia. Un gruppo di carcerati che sta scontando la pena in una sezione di alta sicurezza a Padova verrà ascoltato in Parlamento per la prima volta. Saranno sentite in audioconferenza anche le famiglie. Anche i detenuti potranno dire la loro per difendere questa proposta di legge, infatti la commissione Giustizia si è organizzata con un collegamento Skype che permetterà a due detenuti del carcere di Padova e ai loro familiari di collegarsi con i deputati, e raccontare le loro necessità.

20 firmatari della proposta di legge. I firmatari spiegano questa proposta di legge: “E’ tesa a garantire il diritto all'affettività in carcere inteso in senso ampio: dalla sessualità, all'amicizia e al rapporto familiare. Un diritto all'affettività che sia, in primo luogo, diritto ad avere incontri, in condizioni di intimità, con le persone con le quali si intrattiene un rapporto di affetto. Per tale motivo i proponenti auspicano che il Parlamento esamini tempestivamente la presente proposta di legge, finalizzata a garantire la dignità nella prioritaria sfera affettiva delle persone che si trovano detenute in carcere".

Proposte al diritto alle affettività. Per tutelare e garantire il diritto alle affettività, il testo prevede una visita al mese, fino a un massimo di 24 ore, in locali a prova di privacy senza controlli visivi e auditivi. Le visite lontane da occhi indiscreti potranno avvenire con qualsiasi persona che già effettua i colloqui ordinari. I detenuti e gli internati hanno diritto a una visita al mese della durata minima di 6 ore e massima di 24 ore con le persone autorizzate ai colloqui.

La Lega solleva forti critiche e polemiche sulla sicurezza. Follia totale. "Galere diventano bordelli" ecco come giudica la proposta di legge la Lega. L'esponente della Lega, Nicola Molteni caustico tuona: "Ennesimo delirio targato Pd: stanze per il sesso in carcere per allietare i detenuti. In pratica il partito di Renzi vuole trasformare le galere in veri e propri bordelli. Anziché calendarizzare la nostra proposta di legge sulla legittima difesa, portano avanti una legge per offrire sesso ai detenuti. Ormai siamo alla follia totale".

La presidente della commissione Giustizia, Donatella Ferranti respinge le accuse: «E’ propaganda e banalità l’idea che si voglia trasformare le celle in bordelli: il diritto all’affettività non coinvolge solo i detenuti, ma si estende a tutte quelle persone, dal coniuge ai figli e ai familiari, con cui vi è un rapporto d’amore che il carcere non può e non deve spezzare».

Il problema trascina con se risvolti sicuramente legati alla sicurezza e alla possibilità di non saper gestire trasferimenti di notizie sensibili dall’esterno all’interno o viceversa, essendo i beneficiari, detenuti che si trovano in detenzione di alta sicurezza. In totale privacy ciò potrebbe pregiudicare processi personali o addirittura anche di altri detenuti, con un inquinamento delle prove. Insomma se per un aspetto questa proposta di legge permette la tutela delle affettività, dall’altra dovrebbe assicurare il rispetto della sicurezza legata a situazioni ovviamente estreme, ma di particolare sensibilità e importanza. Una proposta di legge che dovrà essere analizzata in ogni minimo dettaglio.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Passo Corese: donna si sente sola, chiama i Carabinieri per un po’ di compagnia e loro la raggiungono a casa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

PASSO CORESE (RI) – Nel tardo pomeriggio di ieri, la Sig.ra Ivana, domiciliata a Passo Corese, 72enne, ha chiamato i Carabinieri perché si sentiva sola.

Il centralinista di turno, percepito lo stato particolarmente triste nel quale si trovava la Signora, ha avvisato il Ten. Carmelo Ceraolo, Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia, il quale, unitamente al Comandante della Stazione CC di Passo Corese Luogotenente Rosario Caliendo e al Maresciallo Giuseppe Farinelli, Addetto alla Stazione di Fara Sabina, si è recato immediatamente presso il domicilio della Signora Ivana, donandole il calendario storico del 2021.

La donna, commossa dal gesto, ha ringraziato i militari e ha espresso loro il cordoglio per l’uccisione del Carabiniere Iacovacci in Congo.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Milano, arrestati i 10 componenti della banda criminale dei bancomat

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tra febbraio 2017 e aprile 2019 sono 73 gli assalti portati a compimento dal sodalizio in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Lazio, con un bottino che supera i 3, 5 milioni di euro

MILANO – Alle prime ore di questa mattina i Carabinieri del Comando Provinciale di Milano, a conclusione di una lunga attività di indagine, hanno arrestato i dieci componenti della banda criminale responsabile di aver assaltato diversi sportelli bancomat in tutta Italia.

In manette 10 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di un numero indeterminato di furti di denaro contante presso gli sportelli ATM di istituti di credito su tutto il territorio nazionale mediante assalto con miscela esplosiva, riciclaggio ed altro.

Le indagini, condotte dal Nucleo Investigativo e dirette dalla Procura della Repubblica di Milano, hanno consentito di disarticolare un sodalizio, i cui capi ed organizzatori abitano e sono cresciuti nel quartiere “Pilastro” di Bologna, specializzato nella realizzazione di assalti notturni in danno di sportelli bancomat.

Le violente esplosioni causate per scardinare gli sportelli bancomat hanno spesso provocato ingenti danni alle strutture e in alcuni casi con conseguenze di inagibilità ad interi edifici.

Tra febbraio 2017 e aprile 2019 sono 73 gli assalti portati a compimento dal sodalizio in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Lazio, con un bottino che supera i 3, 5 milioni di euro.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Emilio Orlando, una firma della cronaca sull’Albo dei Giornalisti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Il giornalista Emilio Orlando figura nuovamente nell’albo dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio come pubblicista dopo che nel 2019 il suo nominativo non compariva nell’elenco dell’Ordine dei Giornalisti.

A quanto risulta oggi la sua posizione di iscritto è regolare. Emilio Orlando svolge attività giornalistica principalmente su casi di cronaca nera e di giudiziaria e spesso è ospite di trasmissione televisive.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti