1

Sindacato Cronisti Romani: il nuovo presidente è Roesler Franz

Il nuovo presidente del Sindacato Cronisti Romani è Roesler Franz. Il Sindacato è stato fondato il 5 agosto 1910 da una sessantina di giornalisti dei quotidiani più importanti d’Italia.

La sua nomina arriva a un mese circa dalle elezioni da cui era uscito eletto Emilio Orlando con un voto di scarto.

Orlando ha rimesso al Direttivo del Sindacato Cronisti Romani il suo incarico di Presidente.

Il Direttivo, lo ha ringraziato e sulla base dei risultati elettorali ha insediato Presidente Pierluigi Roesler Franz, al quale ha rivolto auguri di buon lavoro.

Chi è Roesler Franz?

Romano, classe 1947, laureato in Economia e Commercio, é giornalista professionista in pensione iscritto all’Ordine del Lazio. Già cronista giudiziario per il Messaggero, L’Europeo e L’Espresso ha lavorato per 9 anni presso la redazione romana del “Corriere della Sera” e per 25 anni a quella de “La Stampa”scrivendo oltre 6 mila articoli riguardanti i diritti dei cittadini, la Corte Costituzionale, la Cassazione, il Consiglio di Stato, il Tar del Lazio, la Corte dei Conti, il Tribunale e la Corte d’Appello di Roma. Per 11 anni fino al 2004 è stato Presidente dell’Associazione Stampa Romana (sindacato unitario dei giornalisti del Lazio). E in tale veste il 20 novembre 2002, in occasione dei 125 anni dalla fondazione dell’Associazione Stampa Romana, ha consegnato a Papa Giovanni Paolo II il microfono d’oro come grande comunicatore di libertà. Per 10 anni é stato consigliere nazionale dell’Ordine dei giornalisti. E per conto del CNOG ha firmato il 21 maggio 2009 il Codice di autoregolamentazione in materia di rappresentazione di vicende giudiziarie nelle trasmissioni radiotelevisive ed ha fatto parte dell’apposito Comitato presso l’AGCOM. E’ stato consigliere nazionale della FNSI, consigliere di amministrazione dell’INPGI e Fiduciario INPGI del Lazio. Dal 2008 é Sindaco dell’ente previdenziale. Assieme ad Enrico Serventi Longhi ha curato il volume di 448 pagine “Martiri di carta. I giornalisti caduti nella Grande Guerra”, stampato nel 2018 da Gaspari Editore di Udine per conto della Fondazione sul giornalismo “Paolo Murialdi” di Roma e presentato il 10 maggio dello scorso anno al Salone del libro di Torino.