Connect with us

Politica

Sovraffollamento carceri, Marco Silvestroni (FdI) interroga il ministro della Giustizia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

“Nell’ultimo anno il sovraffollamento nelle carceri del Lazio ha raggiunto percentuali da capogiro ed è diventata una vera e propria emergenza che provoca quotidianamente problemi di sicurezza ai danni degli agenti di polizia penitenziaria. In particolare gli istituti penitenziari di Velletri e di Roma sono ormai al collasso con l’aggravante di una significativa carenza di personale. Una condizione più volte denunciata dai sindacati di polizia penitenziaria a cui però non è mai arrivata una adeguata risposta. Fatti di cui il Ministro della Giustizia Bonafede non possiamo credere non sia a conoscenza. Ma sapere non basta, è urgente intervenire. Per questo nella mia interrogazione ho chiesto a Bonafede quali iniziative ritenga di adottare per dare risposte congrue agli agenti di polizia penitenziaria e soprattutto quali azioni urgenti intenda mettere in campo per consentire loro di svolgere il proprio ruolo in condizioni adeguate. La sicurezza è una priorità su cui non si e può e si non si deve derogare” così il deputato di Fratelli d’Italia, Marco Silvestroni ha illustrato l’interrogazione parlamentare da lui sottoscritta e depositata ieri.

Il testo dell’interrogazione dell’On. Marco Silvestroni (FdI)

Al Ministro della giustizia – Per sapere – premesso che:

nel Lazio dal 2016 al 2017 l’aumento di detenuti è stato calcolato in 108 unità; il sovraffollamento nei 14 istituti penitenziari del Lazio, dove al 31 dicembre 2017 sono stati contati 6.237 detenuti rispetto a una capienza regolamentare di 5.258 unità è diventata una questione di sicurezza;

il bilancio delle aggressioni negli istituti penitenziari risulta direttamente proporzionale al sovraffollamento, e, in particolare, preoccupa il sovraffollamento negli istituti di: Viterbo (+176); Cassino (+121); Frosinone (+76); Civitavecchia ( +62); Rebibbia (+53 per la sezione femminile); Rebibbia (+250); Regina Coeli (+318); Velletri (+139), Latina (+ 51) Rieti( +69);

le ragioni di tale situazione, così come nel resto delle carceri italiane, oltre al sovraffollamento, sono da ricercarsi principalmente nell’inadeguatezza delle strutture e nella ormai cronica carenza di personale della polizia penitenziaria;

a Velletri, come anche a Roma, gli istituti penitenziari sono ormai prossimi al collasso e la situazione lavorativa degli agenti di polizia penitenziaria è diventata inaccettabile, come confermato anche dagli ultimi fatti di cronaca relativi alle continue aggressioni a danno degli agenti;

i più colpiti da questa situazione emergenziale, oltre gli agenti di polizia penitenziaria, sono i pochi addetti impiegati nelle carceri, gli educatori e gli psicologi, continuamente sotto pressione e a rischio per la propria incolumità personale;

nel carcere di Velletri, addirittura, a causa della carenza di personale non si è potuto provvedere all’apertura di un nuovo padiglione appena completato;

E’ recentisima l’ennesima aggressione nel carcere di Velletri da parte di un detenuto di nazionalità Algerina a scapito di tre agenti entrambi refertati con 10 giorni di prognosi. A dare la notizia questa volta è stato direttamente il segretario OSPP (Organizzazione sindacale autonoma Polizia Penitenziaria) che ribadisce che senza interventi dalla parte politica al fine di ripristinare l’ordine e la sicurezza negli Istituti penitenziari si corre il rischio di trascorrere una estate di fuoco.

la legge 15 dicembre 1990, n. 395, ha istituito il Corpo di polizia penitenziaria che svolge compiti di polizia giudiziaria, pubblica sicurezza e gestione delle persone sottoposte a provvedimenti di restrizione o limitazione della libertà personale, partecipa al mantenimento dell’ordine pubblico, e svolge attività di polizia giudiziaria e pubblica sicurezza anche al di fuori dell’ambiente penitenziario;

il quadro normativo sinteticamente descritto assegna al personale della polizia penitenziaria funzioni ben più ampie di quelle di sicurezza dei centri detentivi, addirittura il personale viene a volte impiegato per garantire la sicurezza dei varchi dei palazzi di giustizia, sottraendo il poco personale alla sicurezza delle carceri -:

se sia a conoscenza dei fatti esposti, specie in relazione agli atti posti in essere in danno al personale della polizia penitenziaria di Velletri;

quali iniziative abbia adottato, o ritenga di adottare, al fine di garantire negli istituti penitenziari italiani una adeguata dotazione di agenti di polizia penitenziaria, con priorità nelle carceri del Lazio di Velletri e Rebibbia;

in che modo intenda intervenire per tamponare nell’immediato il problema legato alla carenza di agenti di polizia penitenziaria e per prevenire il verificarsi di eventi tragici.

Politica

Roma, piazza del Popolo strapiena per i leader del centrodestra. Salvini: “Qui la squadra per il governo del futuro”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

“Dalla piazza un segnale di speranza, di voglia di ripartire”. Così il leader della Lega, Matteo Salvini, appena arrivato a Piazza del Popolo. “Sul Mes avremo la forza, la costanza e la bravura di convincere gli altri sulla bontà delle nostri posizioni. Ma oggi in questa piazza c’è la squadra per poter governare l’Italia nei prossimi anni. Da questa piazza parte la libertà dall’altra parte solo il flop assoluto e la burocrazia. Per dialogare – conclude – bisogna essere in due”. 

Di Berlusconi mi fido “totalmente”. Così Matteo Salvini, risponde prima dell’inizio della a manifestazione del centrodestra in piazza del Popolo a Roma. Il leader della Lega è poi tornato sull’invito ricevuto dal premier Conte: “Anche noi dialoghiamo, non solo Forza Italia, però – sottolinea – per dialogare bisogna essere in due”.

“Grazie per aver rinunciato al mare, per aver voluto esserci. Avremmo potuto dire nulla ma mettere solo insieme due immagini: loro chiusi nella loro villa, nel Palazzo, e noi, il popolo, in mezzo alla gente, in Piazza e per questo che facciamo paura”. Così la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, dal palco di Piazza del Popolo. “Non ci farete trasformare le mascherine in bavagli, non abbiamo paura”.

“Forza Italia e tutto il centrodestra ha anteposto il tricolore alle proprie bandiere di partiti, l’Italia agli interessi di parte”. Così il vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani dal palco di Piazza del Popolo. “Bisogna rivoluzionare la giustizia penale e civile: i processi lumaca ci costano il 2% di Pil. Dicono che siamo divisi, siamo tre partiti differenti, ma sappiamo fare sintesi. Noi abbiamo candidati unitari alle regionali, loro stanno ancora cercando un’intesa. La via maestra è andare al voto, sperando che ci facciano votare. Siamo alternativi a loro, perchè difendiamo sempre la libertà. Loro con la Cina, noi con i ragazzi di Hong Kong, noi con il popolo venezuelano, loro con il regime di Maduro”.

Continua a leggere

Politica

Elezioni 2020, dove va Italia Viva? L’intervista al coordinatore provinciale Luca Andreassi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Il coordinatore provinciale di Italia Viva per la provincia di Roma Luca Andreassi ospite della trasmissione di approfondimento giornalistico Officina Stampa condotta da Chiara Rai.

Andreassi fa una disamina su quelle che sono le posizioni del partito di Renzi per le prossime elezioni di settembre nei vari comuni della provincia di Roma.

Officina Stampa puntata del 02/07/2020 – L’intervista a Luca Andreassi

Continua a leggere

In evidenza

Il SINLAI spegne 10 candeline e si conferma come punto di riferimento nel mondo del lavoro

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Dieci anni di attività per il SINLAI, il Sindacato Nazionale Lavoratori Italiani nato con l’obiettivo di dare informazioni di carattere sindacale e previdenziale, ed analizzare, con occhio diverso, le molteplici iniziative messe in campo dalle varie sigle sindacali, sia confederali che autonome.

Il SINLAI nasce come strumento di tutela, non solo per i lavoratori dipendenti ma anche per le partite IVA come ditte individuali e imprenditori includendo nel proprio raggio d’azione anche casalinghe e disoccupati.

Il video servizio trasmesso a Officina Stampa del 25/6/2020

E dopo un primo anno di attività, svolto soprattutto attraverso i social, dove tantissime persone hanno iniziato a chiedere informazioni riguardo la compilazione di pratiche presso Enti previdenziali, Agenzia delle Entrate oppure richiedendo di intervenire presso alcune aziende per cercare di risolvere diverse criticità che si andavano a creare nei luoghi di lavoro il SINLAI oggi rappresenta un punto di riferimento per tante realtà rappresentative del mondo del lavoro. 

L’intervista a Valerio Arenare Segretario Nazionale SINLAI – Officina Stampa del 25/6/2020

E Valerio Arenare, segretario nazionale del SINLAI ha voluto riassumere questi primi 10 anni di attività con una lettera inviata a tutti i sostenitori e fruitori del sindacato chiudendo con “Il popolo non crede ai cultori delle cedole bancarie. Crede all’azione, a chi gli indica le vie del destino. Crede soprattutto a chi gli aprirà le strade vere della giustizia sociale”.

Continua a leggere

I più letti