Connect with us

Calcio

Ssd Roma VIII (calcio), il ds Fagotti sulle giovanili: «Bene la Juniores, sfortunati gli Allievi»

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Roma – La Roma VIII sta provando a crescere e a strutturarsi. Non soltanto con una prima squadra che l’anno scorso vinse sul campo il campionato di Prima categoria (con il salto in Promozione negatole per i noti fatti) e che quest’anno può essere ancora tra le protagoniste, ma anche un settore giovanile che comincia a crescere. Dopo lo “start-up” della scorsa stagione con l’allestimento di una squadra Juniores provinciale, la Roma VIII ha raddoppiato quest’anno aggiungendo anche un gruppo Under 17 provinciale (ex Allievi fascia A). A metà stagione, il direttore sportivo Roberto Fagotti traccia un primo bilancio. «La Juniores, pur essendo la rosa quasi totalmente nuova rispetto all’anno passato, ha sfruttato questo anno di esperienza in più e sta facendo abbastanza bene. Gli Allievi stanno soffrendo soprattutto a causa di una serie di infortuni pesanti che hanno accorciato una rosa già non lunghissima». Il diesse è abbastanza chiaro sugli obiettivi che dovranno perseguire le due squadre nella seconda parte di stagione. «Gli Allievi devono continuare il loro percorso di crescita ascoltando le indicazioni di mister David Trombetti, sperando di poter recuperare al più presto qualche elemento. Per quanto riguarda la Juniores di mister Massimiliano Mancuso, sono convinto che la squadra possa ancora ottenere un piazzamento tra le prime tre del girone. Inoltre già in questa prima parte di annata, qualche ragazzo ha cominciato ad affacciarsi nel gruppo della prima squadra guidata da mister Fabrizio Fiaschetti, sempre attento alle attività di questa selezione giovanile. Pinciotti e Monterisi oltre al portiere Spalletti sono nel giro della Prima categoria, mentre l’altro estremo difensore Di Ruzza è in pianta stabile coi grandi e ha pure disputato qualche partita». La Roma VIII non ha mai nascosto l’idea di proseguire questo percorso di crescita del settore giovanile. «La proprietà è soddisfatta di come si stanno comportando i ragazzi e la voglia di aggiungere altre categorie c’è. Bisognerà vedere se ci sarà la possibilità di strutturarsi anche a livello dirigenziale per dare a questi ragazzi la giusta vicinanza e il dovuto sostegno».

Commenti

Calcio

Colleferro (calcio, Promozione), scacco alla regina. Roberto Galeazzi: “Che spettacolo il Caslini”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Colleferro (Rm) – La Promozione del Colleferro fa sognare davvero. Sarebbe bastato vedere il colpo d’occhio di un “Caslini” da tutto esaurito ieri mattina, quando i ragazzi di mister Antonio Battistelli hanno stracciato la capolista Città di Monte San Giovanni Campano per 3-1 schierando tra l’altro una formazione titolare giovanissima (tre ragazzi nati nel 2002, due 2001, un 2000 e due 1999 nell’undici iniziale). E la partita non ha deluso le attese dei tanti appassionati colleferrini giunti allo stadio: “Abbiamo fatto un favore alle squadre in lotta per il vertice, ma soprattutto ce lo siamo fatti da soli – dice Roberto Galeazzi, centrocampista esterno o interno classe 1997 che ha indossato i gradi di capitano per l’occasione – Abbiamo sfoderato una super prestazione contro una capolista venuta a Colleferro col chiaro intento di prendere un punto. Siamo passati in vantaggio a metà della prima frazione col sottoscritto e poi abbiamo raddoppiato i conti con D’Albenzo. Nella ripresa gli ospiti hanno accorciato le distanze, ma ormai abbiamo acquisito una mentalità vincente e non ci siamo fatti prendere dal panico: il 3-1 di Mastrella ha chiuso i giochi per un successo meritatissimo, arrivato nonostante assenze pesantissime come quelle di Amici, Romagnoli, Michelangeli e Bernabei. La fascia di capitano? E’ il mio quinto anno qui, per me ha rappresentato una bella soddisfazione perché questa è una piazza importantissima per il calcio laziale”. Il Colleferro rimane ancora distante dalla zona play off, ma nel team rossonero sembrano tutti determinatissimi a giocarsi le proprie carte: “Non è semplice, ma ci crediamo e vogliamo provarci fino all’ultimo – dice Galeazzi – Le prossime tre partite ci diranno sicuramente di più”. La prima della serie è quella di Roccasecca: “Un campo complicato, ma noi stiamo bene e vogliamo dare il massimo anche nella prossima sfida”. Il Colleferro sembra davvero voler rialzare la testa dopo alcune stagioni sofferte: “Il progetto della società è ambizioso e altrettanto chiaro: c’è voglia di scommettere sui giovani e sui ragazzi del territorio, anche per questo la gente apprezza e ci viene a sostenere al “Caslini” in gran numero”.



Continua a leggere

Calcio

Zagarolo, una partita in ricordo di Christian Franciosi: gli amici sfidano la Nazionale Poeti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Roma – Una partita per Christian Franciosi. Il prossimo 15 marzo, presso il campo di calcio di via Valle del Formale a Zagarolo, si terrà una gara speciale: in campo una rappresentativa di “amici di Christian”, sfortunato ragazzo scomparso a 20 anni in seguito ad un drammatico incidente stradale sul Grande Raccordo Anulare nello scorso mese di settembre, e la Nazionale Poeti. Un evento fortemente voluto dai genitori (e in particolare dalla mamma) e dagli amici di Christian che prossimamente dovrebbero costituire un’associazione che servirà per sensibilizzare ulteriormente i giovani sulla tematica della guida in sicurezza. Lo slogan della costituenda associazione è già pronto: “Siamo solo noi”, frase che campeggerà sulle maglie della squadra degli amici di Christian. Ma la partita sarà solo l’atto finale dell’evento di domenica 15 marzo: in mattinata si terrà una messa in ricordo dello sfortunato ragazzo di Zagarolo, poi un partecipatissimo pranzo a cui interverranno oltre duecento persone e infine dal ristorante la carovana si sposterà a piedi (quasi in processione) verso il campo di calcio dove alle 16 avrà inizio la partita contro la Nazionale Poeti. Tutto il ricavato della giornata verrà devoluto in beneficenza. A dirigere la squadra degli “amici di Christian” ci sarà il tecnico dell’Under 19 provinciale del Torre Angela Acds Daniele Polletta: “Sono stato molto colpito in maniera positiva quando mi è arrivata la proposta di fare l’allenatore di questa rappresentativa – spiega l’allenatore – Christian l’ho conosciuto benissimo per averlo allenato ai tempi degli Esordienti a San Cesareo e averlo ritrovato in seguito a Zagarolo quando facevamo gli Allievi. In campo ci sarà anche il fratello maggiore e l’emozione sarà forte. Per preparare al meglio questa partita, farò disputare agli “amici di Christian” due amichevoli contro il “mio” Torre Angela Acds in programma lunedì 24 febbraio e il successivo lunedì 2 marzo. Ma al di là dell’aspetto tecnico, quello che ci preme di più è ricordare la figura di un ragazzo molto semplice e grande appassionato di calcio”. Gli eventi in memoria di Christian Franciosi proseguiranno a settembre, nel giorno dell’anniversario: ci sono altre importanti iniziative in cantiere, anche se al momento il programma è da definire.



Continua a leggere

Calcio

Ssd Roma VIII (calcio, I cat.), Ciornoliuc: “Primato solitario? Siamo la squadra più forte”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Roma – La Prima categoria della Roma VIII torna da sola in vetta al girone E… senza sudare. Ieri mattina, infatti, i ragazzi di mister Dino Di Julio hanno atteso invano l’arrivo dello Sporting Guidonia ultimo della classe presso il centro sportivo di via di Torbellamonaca: gli ospiti, infatti, sono stati decimati (a quanto riferito) da squalifiche ed infortuni e non avrebbero raggiunto un numero minimo di calciatori per giocare la sfida. Il giudice sportivo, prossimamente, consegnerà l’inevitabile 3-0 a tavolino alla Roma VIII che ha festeggiato la vetta solitaria stante la rumorosa caduta casalinga della Sanpolese (ora a -3) contro la Time Sport Roma Garbatella. “Un risultato che non mi aspettavo, ma che ovviamente ci fa piacere – dice in maniera schietta l’esterno difensivo classe 1997 Giuliano Ciornoliuc – Per quanto riguarda la nostra partita, ovviamente dispiace sempre non giocare, ma diciamo che abbiamo potuto risparmiare energie preziose in vista del finale di stagione. Il primo posto è importante, d’altronde siamo la squadra più forte del girone e vogliamo continuare a dimostrarlo in questi ultimi tre mesi di stagione”. L’esterno difensivo non sta avendo troppo spazio, ma non ha mai fatto una polemica: “So qual è il mio ruolo all’interno del gruppo: rispetto alla passata stagione la concorrenza è aumentata tantissimo e io sono a disposizione del mister e della squadra. Mi alleno con impegno e cerco di farmi trovare pronto quando c’è bisogno di me, mi fa piacere far parte di questa rosa e di un club così ambizioso”. Nel prossimo turno la Roma VIII è attesa dalla sfida esterna contro il Pro Marcellina: “All’andata non c’ero e non so che tipo di squadra sono. Guardando la classifica, comunque, sicuramente incroceremo un avversario voglioso di conquistare punti per la salvezza. Ma noi abbiamo un obiettivo più grande e non faremo l’errore di sottovalutarli perché altrimenti rischieremmo grosso”. La chiusura di Ciornoliuc è sull’impatto di mister Di Julio sulla squadra: “Un tecnico preparatissimo che cura i particolari: ha saputo stabilire un buon rapporto col gruppo”.



Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Febbraio: 2020
L M M G V S D
« Gen    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it