Connect with us

Scienza e Tecnologia

STAMINA: IL PAE DIFFIDA COMMISSARIO E DIRETTRICE SANITARIA DEGLI SPEDALI CIVILI DI BRESCIA

Clicca e condividi l'articolo

"La decisione assunta dai sanitari del nosocomio di bloccare le infusioni si palesa di una gravità probabilmente senza precedenti, in considerazione della palese irragionevolezza della scelta"

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

di Cinzia Marchegiani

Brescia – Mentre alla Commissione Conoscitiva al Senato attivata per studiare il caso stamina emerge la regolarità amministrativa con l’Aifa stessa grazie ai documenti da poco venuti alla luce della corrispondenza tra la dottoressa Carmen Terraroli e l’ex direttore dell’AIFA, il blocco delle terapie agli Spedali Civili è perpetrato ad oltranza, poiché attualmente è stato deciso dai medici che fanno parte del gruppo stamina nel nosocomio bresciano, di sospendere la loro attività in merito, finché non sia chiaro il responso del nuovo comitato scientifico (ricordiamo che per ben due volte il Ministro Lorenzin ne ha nominato uno, da quando il 4 dicembre gli è stato imposto dal Tar del Lazio in seguito alla sentenza che ha ritenuto la bocciatura della sperimentazione non valida al fine amministrativo).

Il commissario straordinario degli spedali civili di Brescia Ezio Belleri all’audizione al Senato aveva esternato tutta la preoccupazione di questa decisione, poiché all’orizzonte c’è la concreta possibilità di essere trascinati in giudizio qualora dovessero morire i pazienti in attesa  e quindi la responsabilità diventa personale. Si tratterebbe in questo caso omicidio colposo e/o omissioni di atti d’ufficio. Lo stesso Ezio Belleri afferma che questa posizione non è stata compresa, che non è quella di ostacolare e non far fronte alle richieste dei pazienti, ma quella di applicare le regole.

"Posizione del Commissario alquanto confusa, – dichiarano dal PAE – confida in una legge, la stessa però che ha fatto acquisire ai piccoli malati un’ordinanza di un giudice che obbliga l’ospedale stesso a somministrare le terapie. Se il mondo politico è miope – proseguono dal PAE – su quello che sta accadendo in questa storia e non riesce a far rispettare le sentenze che tutelano un diritto del minore",

Stefano Fuccelli, presidente del  Partito Animalista Europeo (PAE) tramite il suo ufficio legale, nella persona dell’Avv. Alessio Cugini, ha diffidato con urgenza il commissario Ezio Belleri ed il direttore sanitario Dr.ssa Ermanna Derelli a riprendere il trattamento sospeso preannunciando sin da ora che, in caso di esito negativo e vista la stretta urgenza con il rischio di morte per molti pazienti, verrà interessata l'Autorità Giudiziaria.

Per Fuccelli, la decisione assunta dai sanitari del nosocomio si palesa di una gravità probabilmente senza precedenti, in considerazione della "palese irragionevolezza della scelta". La lettera della diffida fotografa il calvario che stanno subendo le famiglie dei piccoli malati dove il silenzio delle istituzioni sembra rafforzare un dettaglio inquietante… il diritto acquisito del minore è anteposto ad altri diritti e di questo l’intera comunità italiana ne deve venire a conoscenza, soprattutto perché la non continuità delle terapie, di fatto sospese, hanno aggravato la salute dei pazienti in cura,  alcuni hanno dovuto subire ricoveri ospedalieri e altri interventi chirurgici. All’informazione pubblica lascio la lettura di una parte di questa diffida da poco inoltrata, per non tralasciare passaggi fondamentali di questa storia che assume toni grotteschi, poiché come anticipavo in tempi non sospetti, il caso Stamina non rappresenta solo una storia volutamente incompiuta… ma in essa  prendono forma il controllo delle libertà e i diritti di ogni singolo cittadino nonostante lo stato italiano abbia una mirabile carta costituzionale, dove il rispetto per l’uomo e la sua dignità trova in ogni articolo protezione e guida, un riferimento dell’etica civile.

“Non vi sarebbe neppure bisogno, per essere il fatto di scienza comune, ricordare che il Ministro della Salute aveva già nominato un Comitato Scientifico chiamato a pronunciarsi sulla validità ed efficacia del Metodo Stamina e che i tanto acclarati risultati da questo rappresentati nella direzione della demolizione del metodo, sono poi tristemente naufragati sotto impietosi affondi del TAR del Lazio, che nel dicembre 2013 ha tolto efficacia alle determinazioni di quel comitato. Tutto ciò, tuttora ha comportato non solo il palese sperpero di risorse pubbliche, ma hanno messo in seria difficoltà gli ammalati e le loro famiglie che intendono affidarsi al Metodo Stamina. Ciò che per inciso sta accadendo presso il nosocomio di Brescia, ove si giunge a negare il diritto di coloro che erano stati inseriti nella lista, per l’improvvida decisione dei sanitari addetti alla sua somministrazione. Il tutto lo si ribadisce con chiarezza, subordinando la ripresa della pratica medica agli esiti incerti – nel tempo, per la mancanza di data sicura di fine dei lavori e nel risultato, vista la sonora e pregressa bocciatura da parte della giustizia amministrativa – del comitato ministeriale, deliberatamente posponendo, in tal guisa, la salute del paziente e questioni di carattere personale. E’ di palmare evidenza, che un siffatto esito non è ammissibile per il progressivo peggioramento delle condizioni di salute di quanti intendono sottoporsi all’applicazione del metodo.
Non varrebbe, peraltro l’attuale stato di cose neppure invocare il diritto dei sanitari all’obiezione di coscienza rispetto all’applicazione del metodo in questione: è di pochi giorni addietro infatti, l’accesa polemica sul tema, ciò che ha permesso di ricordare che se il sanitario ha il diritto di rifiutarsi a procedere a trattamenti sanitari che contrastino con il proprio sentire etico, nondimeno il paziente ha il diritto, pieno e non degradabile, di ricevere le cure richieste, spettando, quindi, in siffatta condizione, alla struttura sanitaria approntare rimedi e personale che permettano comunque di far ricevere le cure richieste. Diversamente ritenere, infatti significherebbe ledere il diritto costituzionalmente tutelato alla salute, oltre che riconosciuto a livello sovranazionale dalle numerose Convenzioni a cui l’Italia aderisce (prima fra tutte quelle di Oviedo, che espressamente sancisce il diritto del paziente a ricevere cure di qualità appropriata). In ragione di tutto quanto esposto si palesa che l’attuale e repentina interruzione delle somministrazioni all’interno degli Spedali Civili di Brescia del Metodo Stamina integra una gravissima violazione del diritto alla salute dei pazienti, ed è tale che costituisce, persistendo il rifiuto dei sanitari senza che metodi alternativi di somministrazione siano individuati, un’ipotesi di omissione penalmente rilevante in quanto posta in essere da chi esercita una funzione chiaramente inquadrabile peraltro d’ufficio, ferma la legittimazione del PAE a presentare denuncia-querela in virtù dell’interesse diffuso di cui l’associazione è portatrice e le battaglie condotte ormai da lungo tempo, per il riconoscimento del diritto dei pazienti a vedersi applicato il protocollo stamina.”

La diffida, da poco inoltrata dal legale Cugini, chiede al commissario straordinario degli spedali di Brescia Ezio Belleri  e alla direttrice sanitaria in carica Ermanna Derelli di affrontare nell’immediato sistemi alternativi (individuare altri medici) per far fronte alla preventivata e dovuta somministrazione del suddetto metodo, intimando nel caso di un esito negativo, proprio per l’urgenza del caso, l’obbligo di informare l’Autorità Giudiziaria di questa condotta.

Ad oggi si assisterebbe, secondo il PAE, ad "uno Stato che non tutela il diritto del cittadino sancito dalla stessa Costituzione…  anteponendo diritti che spesso la giustizia condanna, ma nel frattempo è minacciata la salute dei malati, moltissimi minori. Della loro tutela tutti sono chiamati a rispondere, il fatto che sia stata istituita una Commissione Conoscitiva sul caso stamina mette sotto processo gli stessi senatori che finora non hanno monitorato la situazione che doveva essere nei loro doveri… è interessante capire come l’AIFA si ponga ora in questa situazione e l’intera commissione sanitaria che doveva già conoscere questi documenti cui ancora stanno studiando!"

LEGGI ANCHE:

10/03/2014 CASO AIFA NEL MIRINO DELLA PROCURA: PIOVELLA DELLA SOI RISPONDE ALL'OSSERVATORE D'ITALIA

 07/03/2014 NOVARTIS E ROCHE SANZIONATE DALL’ANTITRUST 180 MILIONI PER ESSERSI ACCORDATE ILLECITAMENTE

 10/03/2014 STAMINA, AIFA SOTTO ACCUSA: QUANTO POTERE DISCREZIONALE CON LE INDAGINI DELLA PROCURA IN CORSO?

 05/03/2014 STAMINA: FIRMATO IL NUOVO DECRETO DI NOMINA DEL COMITATO SCIENTIFICO PER LA SPERIMENTAZIONE

 19/02/2014 STAMINA: TRA RIVELAZIONI, VERITA' E GLI ITALIANI CHE ASPETTANO DI CURARSI

 12/02/2014 STAMINA: PRENDERE O LASCIARE

 07/02/2014 STAMINA: CECCHI PAONE DOVREBBE SCUSARSI

 05/02/2014 STAMINA E CURE COMPASSIONEVOLI: 50 MILA FIRME PER UNA LEGGE CHE TUTELI IL DIRITTO ALLA CURA

 02/02/2014 STAMINA:CECCHI PAONE E LA SUA ARRINGA VERSO UNA MADRE CHE HA CURATO LA PICCOLA LUDOVICA CON IL METODO DI VANNONI

 29/01/2014 STAMINA, SPEDALI DI BRESCIA: I MEDICI SI RIFIUTANO DI SOMMINISTRARE LA TERAPIA E PIOMBA UNA DIFFIDA

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 11/11/2013 STAMINA: APERTO IL VASO DI PANDORA

 25/10/2013 CASO STAMINA – GIU’ LA MASCHERA

 10/10/2013 STAMINA: UN GIALLO DALLA TINTA FORTE

 22/09/2013 CASO STAMINA: SOFIA, CI DISPIACE!

 15/09/2013 ROMA, CASO STAMINA: SEGNALI DALLA UE

 08/09/2013 ROMA, CASO STAMINA: BATTAGLIA UNIVERSALE

 31/07/2013 ROMA, SIT MONTECITORIO PRO METODO VANNONI: PER AGGRAPPARSI ALLA VITA CI VUOLE L'AIUTO DI TUTTE LE ISTITUZIONI


 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In evidenza

XVIII edizione di BergamoScienza: attesa per l’appuntamento con Luca Parmitano

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Domenica 18 ottobre alle 21 su www.bergamoscienza.it

Un incontro che ci porterà in un viaggio alla scoperta dei futuristici esperimenti condotti nello spazio

La serata conclusiva della XVIII edizione di BergamoScienza, che quest’anno si è tenuto tutto in digitale (www.bergamoscienza.it), vedrà ospite l’astronauta Luca Parmitano, primo astronauta italiano ad aver assunto il comando della Stazione Spaziale Internazionale, rientrato da poco con successo dalla missione Beyond.

Domenica 18 ottobre alle 21, Parmitano si collegherà con Ilaria Zilioli dell’ESA, con l’astrofisico Luca Perri e con il divulgatore scientifico Adrian Fartade per approfondire le ricerche che si svolgono sulla Stazione Spaziale. Andare nello spazio significa trasportarvi anche numerose forme di vita microscopiche, alcune potenzialmente pericolose e altre che hanno invece compiti precisi, come i batteri minatori. L’incontro ci porterà in un viaggio alla scoperta dei futuristici esperimenti condotti nello spazio.

L’incontro con Parmitano sarà l’ultimo delle 16 giornate che hanno visto alternarsi in collegamento live streaming importanti ospiti nazionali e internazionali, tra scienziati, antropologi, psicologi e divulgatori. Un’edizione digitale ricca di interventi, tour virtuali e laboratori online, con cui anche quest’anno BergamoScienza si è confermata capofila tra gli eventi di divulgazione scientifica e culturale, proprio in un momento in cui è più che mai importante mettere la scienza al centro del proprio modo di pensare, comportarsi e scegliere.

Continua a leggere

Scienza e Tecnologia

iPhone 12, Apple presenta 4 nuovi modelli che supportano il 5G

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Apple ha finalmente annunciato la sua nuova linea di iPhone nel corso di evento pre-registrato all’Apple Park di Cupertino e trasmesso in streaming mondiale, senza stampa presente a causa della pandemia di COVID 19. In precedenza, un’anticipazione aveva violato il segreto diffondendo immagini (molto credibili) di tutti i vari colori dell’iPhone 12, che sarà distribuito in quattro differenti modelli: iPhone 12 Mini, iPhone 12, iPhone 12 Pro e iPhone 12 Pro Max. Ma andiamoli a scoprire insieme più nel dettaglio. Di seguito vi proponiamo anche il video dell’intera conferenza.

iPhone 12 Pro e iPhone 12 Pro Max

Apple ha presentato iPhone 12 Pro e iPhone 12 Pro Max, con la potente tecnologia 5G e features evolute che spingono i limiti dell’innovazione per gli utenti che esigono il massimo dal loro smartphone della Mela. I modelli iPhone 12 Pro hanno un nuovo design con il display Super Retina XDR edge-to-edge più grande di sempre su iPhone, protetto dal nuovo rivestimento anteriore Ceramic Shield, il più grande passo in avanti per quanto riguarda la robustezza di iPhone. Il chip A14 Bionic progettato da Apple, il più veloce mai visto su uno smartphone, offre nuove e impressionanti funzioni di fotografia computazionale, tra cui Apple ProRAW per un maggiore controllo creativo sulle foto, e rende possibile un’esperienza Dolby Vision end-to-end, fino a 60 fps. Il sistema di fotocamere professionali include ora una fotocamera ultra-grandangolare, una fotocamera con teleobiettivo e una lunghezza focale superiore su iPhone 12 Pro Max e nuove fotocamere grandangolari per catturare splendide immagini e bellissimi video di qualità professionale in ambienti molto o scarsamente illuminati. I modelli iPhone 12 Pro introducono inoltre un nuovo scanner LiDAR per coinvolgenti esperienze di realtà aumentata e MagSafe, che assicura una ricarica wireless ad alta potenza e apre la strada a un nuovo ecosistema di accessori che si collegano facilmente allo smartphone. iPhone 12 Pro e iPhone 12 Pro Max saranno disponibili in quattro finiture in acciaio inossidabile nei colori grafite, argento, oro e blu pacifico. iPhone 12 Pro può essere preordinato da venerdì 16 ottobre e sarà disponibile a partire da venerdì 23 ottobre. iPhone 12 Pro Max può essere preordinato da venerdì 6 novembre e sarà disponibile in store da venerdì 13 novembre.

Un’esperienza 5G superiore

iPhone 12 Pro e iPhone 12 Pro Max offrono un’evoluta esperienza 5G su scala globale, resa possibile da una perfetta integrazione di hardware e software all’avanguardia. Il 5G su iPhone garantisce maggiori velocità per download e upload, streaming video di qualità superiore, esperienze di gioco più reattive, interattività in tempo reale nelle app, chiamate FaceTime in alta definizione e molto altro. I clienti potranno inoltre contare su una connessione veloce e sicura, che ridurrà la necessità di connettersi a hotspot Wi-Fi pubblici. Con il maggior numero di bande 5G mai integrate in uno smartphone, i modelli iPhone 12 Pro offrono la più ampia copertura 5G a livello mondiale. I modelli negli Stati Uniti supportano le frequenze millimetriche (millimeter wave), la versione del 5G a frequenza superiore, con cui possono raggiungere velocità fino a 4Gbps, persino in aree densamente popolate. I modelli iPhone 12 Pro integrano inoltre la modalità Smart Data, che prolunga la durata della batteria valutando in modo intelligente le esigenze legate al 5G e bilanciando in tempo reale utilizzo dei dati, velocità e alimentazione.

Chip A14 Bionic: potente ed efficiente

Generazioni in anticipo rispetto alla concorrenza, il chip A14 Bionic è il primo nell’intero settore degli smartphone a essere stato costruito con un processo a 5 nanometri. Più veloce ed efficiente che mai, il chip A14 Bionic offre CPU e GPU fino al 50% più scattanti rispetto ai chip degli smartphone concorrenti più veloci, per offrire un’esperienza di gioco degna di una console, potenti funzioni di fotografia computazionale e tanto altro; il tutto con un’eccellente autonomia della batteria. Spingendo ai limiti l’apprendimento automatico, il chip A14 Bionic integra un Neural Engine a 16 core capace di completare 11 trilioni di operazioni al secondo, per un incremento dell’80% nelle prestazioni persino con i modelli di machine learning più intensi.

Nuovo design e tecnologie innovative per il display

Progettati con materiali di qualità, i modelli iPhone 12 Pro hanno un nuovo, raffinato design a bordo piatto con un meraviglioso profilo in acciaio chirurgico inossidabile e un retro in vetro opaco ottenuto tramite un processo di lavorazione ad alta precisione, oltre al resistente Ceramic Shield. Il nuovo rivestimento anteriore chiamato Ceramic Shield, più robusto del vetro utilizzato in qualsiasi altro smartphone, integra cristalli nanoceramici per una solidità nettamente più elevata e una resistenza alle cadute 4 volte superiore. Con un display Super Retina XDR edge-to-edge decisamente più grande e con bordi più sottili, iPhone 12 Pro da 6,1 pollici e iPhone 12 Pro Max da 6,7 pollici integrano una gestione del colore a livello dell’intero sistema per la migliore fedeltà cromatica del settore. iPhone 12 Pro Max offre il display più grande mai visto su un iPhone e la risoluzione più elevata con quasi 3,5 milioni di pixel per un’esperienza di visualizzazione coinvolgente e realistica. Su questi display OLED con luminosità massima di 1200 nit, i contenuti video HDR prendono vita. I modelli iPhone 12 Pro hanno un rating leader di settore con grado IP68: resistono all’acqua fino a una profondità di 6 metri per un massimo di 30 minuti e sono protetti dal contatto accidentale con liquidi come bevande calde o gassate.

Versatile sistema di fotocamere professionali

La migliore fotocamera professionale al mondo è ora uno strumento ancora più versatile per tutti i livelli di appassionati di foto e video, con un hardware all’avanguardia potenziato dal chip A14 Bionic. Insieme al nuovo processore ISP (Image Signal Processor), il chip A14 Bionic offre una qualità delle immagini superiore e potenti funzioni di fotografia computazionale impossibili per le fotocamere tradizionali. I modelli iPhone 12 Pro introducono inoltre Apple ProRAW, in arrivo più avanti quest’anno, che unisce l’elaborazione multiframe delle immagini e la fotografia computazionale di Apple con la versatilità del formato RAW. Gli utenti avranno il pieno controllo creativo su colore, dettagli e gamma dinamica in nativo su iPhone o con altre app di fotoritocco professionale. iPhone 12 Pro incorpora la nuova fotocamera grandangolare con obiettivo a sette elementi e apertura ƒ/1.6, la più veloce mai vista su iPhone, che offre prestazioni del 27% superiori per foto e video in ambienti poco illuminati; la fotocamera ultra-grandangolare con un campo di visione di 120°, ideale per catturare paesaggi spettacolari o più elementi della scena anche in spazi ristretti; e un teleobiettivo con lunghezza focale di 52 mm e zoom ottico 4x, ottimo per i ritratti. iPhone 12 Pro Max porta l’esperienza fotografica a un livello ancora superiore. La nuova fotocamera grandangolare con apertura ƒ/1.6 è dotata di un sensore del 47% più ampio con pixel da 1,7μm per un miglioramento delle prestazioni pari all’87% in condizioni di scarsa illuminazione. Include inoltre la fotocamera ultra-grandangolare e un teleobiettivo con lunghezza focale di 65 mm per una flessibilità unica per primi piani più ravvicinati e crop più stretti. Questo sistema offre inoltre uno zoom ottico 5x. I miglioramenti introdotti per la modalità Notte, ora anche nelle fotocamere TrueDepth e ultra-grandangolare, consentono di ottenere foto ancora più luminose. E il time-lapse in modalità Notte offre tempi di esposizione più lunghi per video più nitidi, un effetto light trail ottimizzato e un’esposizione più armoniosa in ambienti poco illuminati quando di usa un treppiede. Anche la tecnologia Deep Fusion, ora con prestazioni superiori, è integrata in tutte le fotocamere. E grazie a Smart HDR 3, gli utenti possono ottenere immagini dall’aspetto incredibilmente naturale, persino in scene complesse. I modelli iPhone 12 Pro offrono il massimo livello di qualità video per uno smartphone e sono le prime fotocamere e gli unici dispositivi al mondo a rendere possibile un’esperienza end-to-end per video HDR con Dolby Vision fino a 60 fps e stabilizzazione video di qualità superiore, per produzioni di qualità cinematografica. Il grading Dolby Vision viene elaborato live e mantenuto durante l’editing nell’app Foto o in iMovie, e anche in Final Cut Pro X più avanti quest’anno. Dolby Vision sfrutta il display Super Retina XDR per un contrasto eccezionale durante la registrazione e la riproduzione video. Gli utenti possono inoltre condividere i filmati con il supporto per AirPlay fino a 4K Dolby Vision su dispositivi esterni.

Esperienze della fotocamera innovative ed esperienze AR realistiche

Il nuovo scanner LiDAR arriva sulla linea Pro, consentendo di misurare la distanza della luce e utilizzare le informazioni sulla profondità dei pixel in una scena. Questa tecnologia rende possibili esperienze di realtà aumentata più veloci e realistiche. Migliora inoltre la messa a fuoco automatica di 6 volte nelle scene scarsamente illuminate, per un’accuratezza superiore e tempi di acquisizione inferiori per foto e video. Questo hardware evoluto, insieme alla potenza del Neural Engine sul chip A14 Bionic, consente di scattare ritratti in modalità Notte e ottenere uno splendido effetto bokeh anche con poca luce.

Nuovi accessori innovativi con MagSafe

MagSafe migliora la ricarica wireless per un’esperienza più efficiente. Apre inoltre la strada a un ecosistema di accessori che si collegano facilmente ai modelli iPhone 12 Pro e ne costituiscono un complemento perfetto. MagSafe è dotato di una serie di magneti disposti attorno alla bobina per la ricarica wireless, che garantiscono sempre un perfetto allineamento con iPhone e un’efficienza ottimale. I caricabatterie MagSafe erogano fino a 15W di potenza e supportano i dispositivi abilitati alla ricarica wireless Qi. Le soluzioni di ricarica includono il caricabatterie MagSafe e il caricabatterie MagSafe Duo per iPhone e Apple Watch, oltre a nuove custodie in silicone, cuoio e trasparenti che si fissano facilmente sul retro dell’iPhone e un portafoglio in pelle. Anche i produttori di terze parti introdurranno innovativi accessori MagSafe.

iOS 14 di serie

iOS 14 reinventa l’esperienza iPhone con nuovi modi di personalizzare la schermata Home. I widget riprogettati mostrano le informazioni essenziali a colpo d’occhio e possono essere fissati, in diverse dimensioni, su qualsiasi pagina della schermata Home. La Libreria app è un nuovo spazio che organizza automaticamente tutte le app in un’unica vista facile e intuitiva. iOS 14 offre inoltre un nuovo modo di scoprire e utilizzare le app con le app clip, importanti aggiornamenti per restare sempre in contatto con Messaggi, soluzioni più ecologiche per esplorare le città con Mappe e funzioni evolute per la privacy, che garantiscono una trasparenza e un controllo superiori.

Prezzi e disponibilità

iPhone 12 Pro e iPhone 12 Pro Max saranno disponibili nei modelli da 128GB, 256GB e 512GB nei colori grafite, argento, oro e blu Pacifico, a partire da €1189 e da €1289, rispettivamente. I clienti possono inoltre acquistare iPhone 12 Pro pagando €37,45 al mese o €899 con l’opzione permuta e iPhone 12 Pro Max pagando €41,20 al mese o €989 con l’opzione permuta su apple.com, tramite l’app Apple Store e presso gli Apple Store. iPhone 12 Pro e iPhone 12 Pro Max sono disponibili anche presso i Rivenditori Autorizzati Apple e alcuni operatori (i prezzi possono variare). I clienti in potranno preordinare iPhone 12 Pro a partire dalle ore 14:00 (ora italiana) di venerdì 16 ottobre, con disponibilità da venerdì 23 ottobre e potranno preordinare iPhone 12 Pro Max a partire dalle ore 14:00 (ora Italiana) di venerdì 6 novembre, con disponibilità da venerdì 13 novembre. Il caricabatterie MagSafe, il portafoglio in pelle con MagSafe e le custodie in silicone e trasparente per iPhone 12 Pro saranno disponibili a partire da venerdì 16 ottobre. La custodia in pelle per iPhone 12 Pro sarà disponibile a partire da venerdì 6 novembre. Il caricabatterie MagSafe Duo e la custodia sleeve in pelle saranno disponibili in un secondo momento.

iPhone 12 e iPhone 12 Mini

Nel corso dell’evento Apple ha svelato anche iPhone 12 e iPhone 12 mini con tecnologia 5G, dando inizio a una nuova era per lo smartphone migliore al mondo. Il nuovo design dei modelli iPhone 12 integra ampli display Super Retina XDR edge-to-edge, per un’esperienza di visualizzazione più luminosa e immersiva, e un nuovo rivestimento anteriore chiamato Ceramic Shield, il più grande passo ad oggi per la robustezza di iPhone. Il chip A14 Bionic progettato da Apple, il più veloce mai visto su uno smartphone, mette il turbo a tutto ciò che gli utenti fanno con iPhone 12. Insieme all’evoluto sistema a doppia fotocamera, offre funzioni potenti e innovative di fotografia computazionale e il massimo livello di qualità video per uno smartphone. I modelli iPhone 12 introducono inoltre MagSafe, che assicura una ricarica wireless ad alta potenza, e un nuovo ecosistema di accessori che si collegano facilmente all’iPhone. iPhone 12 e iPhone 12 mini saranno disponibili in cinque splendide finiture in alluminio nei colori blu, verde, nero, bianco e (PRODUCT)RED. iPhone 12 può essere preordinato da venerdì 16 ottobre e sarà disponibile a partire da venerdì 23 ottobre. iPhone 12 mini può essere preordinato da venerdì 6 novembre e sarà disponibile nei negozi da venerdì 13 novembre.

Design robusto e display coinvolgente

Il nuovo design ottimizzato di iPhone 12 da 6,1 pollici e di iPhone 12 mini da 5,4 pollici è tanto bello quanto resistente. iPhone 12 mini è lo smartphone 5G più piccolo, sottile e leggero al mondo: la sua nuova architettura è stata studiata per integrare tutte le tecnologie di iPhone 12 in un formato più compatto, che offre al tempo stesso un display edge-to-edge ampio e immersivo. Entrambi i modelli hanno un sottile design a bordo piatto con una scocca in alluminio aerospaziale e il rivestimento anteriore Ceramic Shield, che aggiunge una nuova fase di cristallizzazione ad alta temperatura durante la quale si formano cristalli nanoceramici all’interno della matrice di vetro, per una resistenza alle cadute 4 volte superiore. iPhone 12 e iPhone 12 mini hanno un display Super Retina XDR all-screen che si estende ancora di più verso i bordi e integrano una gestione del colore a livello dell’intero sistema per la migliore fedeltà cromatica del settore. Entrambi i modelli hanno un rapporto di contrasto di 2 milioni a 1 per neri assoluti e un’esperienza di visualizzazione HDR immersiva per video in alta definizione, foto con più dettagli e una luminosità massima quasi 2 volte superiore rispetto a iPhone 11. iPhone 12 e iPhone 12 mini hanno un rating leader di settore con grado IP68: resistono all’acqua fino a una profondità di 6 metri per un massimo di 30 minuti e sono protetti dal contatto accidentale con schizzi di liquidi come bevande calde o gassate.

Nuovo sistema evoluto a doppia fotocamera

iPhone 12 e iPhone 12 mini offro potenti funzioni di fotografia computazionale grazie al chip A14 Bionic e a un nuovo sistema a doppia fotocamera, per un’esperienza impareggiabile che rende più facile che mai catturare in modo intuitivo la foto o il video perfetti. Questo sistema evoluto è composto dalla fotocamera ultra-grandangolare e da un nuovo grandangolo con apertura ƒ/1.6, la più veloce mai vista su iPhone, che offre il 27% di luce in più per foto e video ancora più incredibili anche con poca luce. La fotografia computazionale raggiunge nuovi livelli sui modelli iPhone 12 grazie alla modalità Notte e alla tecnologia Deep Fusion con prestazioni superiori, ora in tutte le fotocamere (TrueDepth, grandangolo e ultra-grandangolo) per foto migliori in qualsiasi ambiente. I clienti potranno contare su immagini più luminose e su un contrasto superiore per le foto scattate in ambienti con poca luce grazie alla modalità Notte, e ottenere più texture e meno rumore nelle foto Deep Fusion. Smart HDR 3 utilizza il machine learning per regolare in modo intelligente il bilanciamento del bianco, il contrasto, la texture e la saturazione delle foto per immagini dall’aspetto incredibilmente naturale. iPhone 12 integra la prima fotocamera in grado di girare video HDR con Dolby Vision ed è il primo e l’unico dispositivo al mondo a rendere possibile un’esperienza Dolby Vision end-to-end, consentendo ai clienti di catturare, montare e condividere facilmente video di qualità cinematografica in nativo su iPhone. Il grading Dolby Vision viene elaborato live durante la registrazione e mantenuto durante l’editing nell’app Foto o in iMovie. La riproduzione su iPhone 12 è più realistica che mai grazie all’evoluto display Super Retina XDR. Entrambi i modelli offrono inoltre una migliore stabilizzazione video di qualità fotografica, video selfie ancora più realistici grazie a Dolby Vision e time-lapse in modalità Notte, con tempi di esposizione più lunghi per video più nitidi, un effetto light trail ottimizzato e un’esposizione più armoniosa in ambienti poco illuminati quando si usa un treppiede.

Prezzi e disponibilità

iPhone 12 e iPhone 12 mini saranno disponibili nei modelli da 64GB, 128GB e 256GB nei colori blu, verde, nero, bianco e (PRODUCT)RED, a partire da €939 e da €839, rispettivamente. I clienti possono inoltre acquistare iPhone 12 pagando €28,70 al mese o €689 con l’opzione permuta e iPhone 12 mini pagando €24,54 al mese o €589 con l’opzione permuta su apple.com, tramite l’app Apple Store e presso gli Apple Store.9 iPhone 12 e iPhone 12 mini sono disponibili anche presso i Rivenditori Autorizzati Apple e alcuni operatori (i prezzi possono variare). I clienti potranno preordinare iPhone 12 a partire dalle ore 14:00 (ora Italiana) di venerdì 16 ottobre, con disponibilità da venerdì 23 ottobre. iPhone 12 mini potrà essere preordinato a partire dalle ore 14:00 (ora italiana) di venerdì 6 novembre e sarà disponibile da venerdì 13 novembre. Il caricabatterie MagSafe, il portafoglio in pelle con MagSafe, le custodie in silicone e trasparente per iPhone 12 e saranno disponibili a partire da venerdì 16 ottobre. La custodia in pelle per iPhone 12 sarà disponibile a partire da venerdì 6 novembre. Il caricabatterie MagSafe Duo e la custodia Sleeve in pelle saranno disponibili in data successiva. Per un periodo di tempo limitato, gli utenti che acquistano un nuovo iPhone, iPad, Mac, iPod touch o una nuova Apple TV hanno diritto a un anno di abbonamento gratuito a Apple TV+ e a un periodo di prova gratuito di tre mesi per Apple Arcade. Apple One è il modo più facile per ottenere molti servizi Apple in abbonamento a un prezzo speciale. I clienti possono scegliere un unico piano adatto alle loro esigenze o a quelle dell’intera famiglia. Gli utenti potranno iscriversi a Apple One a partire da questo autunno. II clienti possono trovare molti degli stessi servizi di shopping e assistenza su apple.com così come presso gli Apple Store. I clienti possono ricevere aiuto per i loro acquisti dagli Apple Specialist, scegliere opzioni di finanziamento con pagamenti mensili, permutare i dispositivi idonei, ricevere assistenza e usufruire della consegna contactless o delle opzioni di ritiro in store. I clienti sono invitati a verificare su apple.com/it/retail tutte le misure adottate per tutelare la salute e la sicurezza, nonché i servizi disponibili nel loro Apple Store di riferimento. I clienti possono estendere la garanzia limitata con AppleCare+ e ottenere copertura in caso di danni accidentali e accesso prioritario 24/7 al supporto tecnico. Ogni cliente che acquista iPhone da Apple può usufruire di una Sessione personale online gratuita con un Apple Specialist che lo aiuterà a esplorare e scoprire tutte le cose straordinarie che può fare con il suo nuovo iPhone.

Francesco Pellegrino Lise

Continua a leggere

Scienza e Tecnologia

Let’s Sing Queen, i successi della rockband si cantano su console

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Let’s Sing Queen è lo speciale capitolo dell’acclamata serie Let’s Sing, dedicato ad una delle rock band più famose al mondo, disponibile per PlayStation 4, Nintendo Switch e Xbox One. Il gioco, come da titolo, è un’edizione esclusiva che metterà alla prova la voce dei giocatori con una corposa playlist in cui si potranno cantare tracce indimenticabili come “We Are The Champions”, “We Will Rock You” oppure “Bohemian Rhapsody”. Il giocatore avrà a disposizione ben 30 canzoni tra cui scegliere. Si tratta, questo è quasi ovvio, di un pacchetto che verrà cercato, scelto e acquistato dagli amanti dei Queen, o comunque di coloro che abbiano intenzione di organizzare una o più serate con gli amici all’insegna di canzoni che hanno fatto la storia. Non ha senso pretendere altro o aspettarsi futuri aggiornamenti di sorta, anche se non ci stupiremmo di qualche aggiunta a pagamento nei prossimi mesi. Il titolo è disponibile in due diverse versioni, e queste vanno tenute presenti: la prima consiste nel solo software a 39,99 euro, la seconda include al suo interno un microfono USB da collegare a Nintendo Switch, e costa invece 49,99 euro. Per appena dieci euro in più noi vi consiglieremmo di optare per quest’ultima, anche in caso aveste già a disposizione un primo microfono: cantando da soli, del resto, il titolo viene a noia quasi subito. Tuttavia sappiate che su tutte le console Let’s Sing Queen è compatibile con l’app gratuita Let’s Sing Mic, da sfruttare esattamente come microfono wireless. La modalità di gioco principale di Let’s Sing Queen è davvero intuitiva, e del resto è la stessa di sempre della serie: il giocatore stringe tra le mani il microfono (o l’app compatibile) e intona le canzoni a schermo aiutandosi con il testo inglese che scorre nella parte inferiore del video. Ovviamente deve seguire per bene la melodia, azzeccare le intonazioni e mantenere il ritmo affinché il puntino colorato resti all’interno dei segmenti che scorrono a varie velocità, e che determineranno il punteggio ottenuto alla fine dell’esibizione. Una formula che è sempre la stessa e che continua a funzionare, così come funzionano ancora nel 2020 i “semplici” karaoke.

Tutto questo è quanto previsto dalla modalità Classic, in cui è possibile cantare i successi preferiti dei Queen da soli o con i propri amici, infatti il gioco supporta fino agli otto giocatori contemporaneamente. Ma non manca qualche opzione per variare un po’ le carte in tavola: per esempio in Modalità Feat. è possibile cantare in duetto con il proprio partner per scoprire il proprio grado di affinità, attraverso una percentuale che rappresenta anche il punteggio complessivo. Se si è da soli – dettaglio molto simpatico – il proprio partner diventa Freddie Mercury, ovviamente non la star resuscitata ma un NPC controllato dall’intelligenza artificiale. In Modalità Mixtape si affrontano cinque canzoni di seguito senza interruzioni, scelte casualmente da Let’s Sing Queen oppure dal giocatore all’interno di una sorta di playlist personalizzata; Juke Box è invece un archivio con le trenta canzoni dei Queen incluse nella produzione, accompagnate da video originali. Qui non si gioca, in verità: semplicemente si avvia la riproduzione per ascoltare il proprio classico preferito. Ovviamente il titolo offre anche una modalità multigiocatore. Tale tipologia di gioco, chiamata Let’s Party, permette dunque di creare due squadre e di sfidarsi, canzone dopo canzone: vince ovviamente chi accumula più punti alla fine di tutte le esibizioni. Vi è addirittura una modalità online che sembra estremamente rapida nel matchmaking. Durante la nostra analisi, però, non siamo riusciti a capire se funzioni in tempo reale o in modo asincrono. In ogni caso questa modalità è chiamata World Contest e offre anche una classifica da scalare. Tirando le somme, possiamo dire che Let’s Sing Queen è il titolo perfetto per una serata con gli amici o con i famigliari all’insegna del karaoke, a patto ovviamente che tutti i presenti apprezzino e conoscano bene le canzoni della rock band in questione. Rispetto ai precedenti episodi del franchise, questo appuntamento con Let’s Sing non rappresenta alcun tipo di progressione, ma per fortuna non sono neppure presenti dei passi indietro compromettenti: le modalità di gioco abbondano, viene valorizzato soprattutto il multiplayer locale senza trascurare la presenza di una minima modalità di gioco online. Trenta canzoni dei Queen, pur non esaurendo la discografia del gruppo, costituiscono un numero onesto e garantiscono diverse ore di gioco spensierato. Insomma, se amate i party game, ma soprattutto siete fan accaniti di Freddie Mercury e company, allora non potete lasciarvi sfuggire questo titolo. Provare per credere, il divertimento è asicurato.

Di seguito vi proponiamo la tracklist completa:

•        A Kind of Magic

•        Another One Bites The Dust

•        Bicycle Race

•        Bohemian Rhapsody

•        Breakthru

•        Crazy Little Thing Called Love

•        Don’t Stop Me Now

•        Fat Bottomed Girls

•        Good Old Fashioned Lover Boy

•        Headlong

•        I Want It All

•        I Want To Break Free

•        Innuendo

•        It’s A Hard Life

•        Killer Queen

•        Now I’m Here

•        One Vision

•        Play The Game

•        Princes Of The Universe

•        Radio Gaga

•        Save Me

•        Somebody To Love

•        The Invisible Man

•        The Show Must Go On

•        Tie Your Mother Down

•        Under Pressure

•        We Are The Champions

•        We Will Rock You

•        Who Wants To Live Forever

•        You’re My Best Friend

GIUDIZIO GLOBALE:

Grafica: 8

Sonoro: 10

Gameplay: 8

Longevità: 8,5

VOTO FINALE: 8,5

Francesco Pellegrino Lise

Continua a leggere

I più letti