Connect with us

Roma

STAMINA: SE NE VA LA TENDA DEI BIVIANO

Clicca e condividi l'articolo

Due anni dopo il loro arrivo nella Capitale, i fratelli simbolo della lotta per la libertà di cura lasciano piazza Montecitorio

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Redazione

Roma – Se ne va la tenda di Sandro e Marco Biviano davanti alla Camera dei deputati. Due anni dopo il loro arrivo nella Capitale, i fratelli simbolo della lotta per la libertà di cura lasciano piazza Montecitorio «117A», il nome dell'associazione che li ha sorretti fin dal 10 luglio 2013. Tornano a Lipari, dove saranno assistiti con un progetto di telemedicina 24 ore su 24. Restano però le parole d'ordine, stampate sulle magliette e sugli striscioni: «Non ho più voglia di morire», «Curarmi non è un reato», «Per la vita non si molla mai». È vero, c'è ancora chi mostra lo slogan dei primi tempi: «Sì a stamina». Ma il nome di Davide Vannoni, il discusso leader della Fondazione Stamina (che ha appena patteggiato 1 anno e 10 mesi), nella giornata degli addii e dei ringraziamenti non viene pronunciato neanche una volta. Lacrime e abbracci fanno invece da contorno a una breve cerimonia, mentre gli uomini portano via chi il frigorifero, chi la stufa, le prese elettriche di una tenda che, come dice Sandro Biviano, «se si strappasse, uscirebbe sangue». Quasi mille giorni, lì sotto per resistere e chiedere ascolto alle istituzioni. Ma oggi del Palazzo, in piazza c'è solo Paola Binetti. A lei il rigraziamento dei Biviano. E alle forze dell'ordine «che hanno vegliato su di noi anche quando dormivamo. Che nei momenti brutti hanno saputo dirci quella parola giusta che risvegliasse il cuore». «Siamo italiani su le mani e combattiamo perchè ognuno il suo dolore ce l'ha», cantano davanti a Montecitorio, poco prima che i Biviano, in lacrime, salutino Roma. «Siamo arrivati due anni fa- conclude Marco- che non sapevamo nemmeno dove si trovasse il ministero della Salute. Era il 10 luglio del 2013. In questa piazza abbiamo sofferto tantissimo, abbiamo gioito e pianto. Sono cose che non dimenticheremo mai. Continueremo a lottare, non ci faremo rubare la speranza. Perchè noi vogliamo vivere».

Print Friendly, PDF & Email

Castelli Romani

Albano Laziale, al via il rifacimento manto stradale su via della Selvotta e su via Miralago

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Si avvicina la chiusura al traffico del Ponte monumentale di Ariccia. I necessari lavori di consolidamento della struttura non sono più rinviabili e va tracciata una viabilità alternativa che non crei disagi ai cittadini. Per questo il confronto costruttivo con Anas e Astral ha portato a individuare le strade sulle quali intervenire. Questa mattina si è svolto un sopralluogo tecnico tra Astral e gli uffici comunali per la programmazione dei lavori di rifacimento del manto stradale su via della Selvotta e via Miralago. A seguire Anas interverrà su via Risorgimento e via Massimo D’Azeglio.
“La chiusura del ponte di Ariccia – dichiara il Sindaco di Albano Laziale Massimiliano Borelli
creerà difficoltà alla vita quotidiana di tanti cittadini, che siano pendolari o residenti. Ci siamo
attivati come Amministrazione per non farci trovare impreparati, anticipando i problemi e le
possibili soluzioni. Ringrazio l’Assessore regionale Mauro Alessandri che si è prodigato per
costruire un tavolo di confronto con le aziende che hanno la gestione dei lavori. Attraverso il lavoro
di squadra tra gli Assessori Andreassi, Sementilli e Cammarano, e grazie ai suggerimenti del
comitato di quartiere di Villa Ferrajoli- Roccolo, abbiamo ottenuto l’impegno da parte delle aziende
di farsi carico della sistemazione del manto stradale prima della chiusura del ponte. Vedremo poi in
corso d’opera – conclude Borelli – se occorreranno altri interventi per limitare i disagi”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Roma

Roma, in manette la primula rossa: il re delle false identità

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROMA – Da circa un anno imperversava nella zona di via Fosso dell’Orsa, con una serie di razzie che non avevano risparmiato i magazzini della Protezione Civile e la Comunitá religiosa di Sant’ Eligio, riuscendo sempre a farla franca sebbene più volte immortalato dalle telecamere di sorveglianza nel corso delle numerose razzie.

A Rendere più difficoltose le indagini, condotte dai caschi bianchi del gruppo Sicurezza Pubblica Emergenziale, la consolidata abitudine, da parte dell’ uomo di presentarsi, anche ai suoi complici occasionali, con una falsa identità, sostituendosi ormai da anni, ad un altra persona completamente ignara di cui aveva carpito e contraffatto il documento.

Questa mattina però gli uomini del gruppo SPE del Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale, da tempo sulle sue tracce lo hanno arrestato in flagranza di reato ed a nulla é valso il tentativo di spacciarsi per un altra persona. Per l’uomo F.A. quarantenne italiano di origini napoletane e con un lungo curriculum di precedenti specifici, si sono spalancate le porte del carcere.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Monte Compatri, guerra a chi non differenzia bene i rifiuti: questa mattina pioggia di multe elevate dalla polizia locale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

MONTE COMPATRI (RM) – A partire da oggi, ogni mercoledì la Polizia Locale accompagnerà gli operatori Tekneko durante la raccolta dei rifiuti nel territorio di Monte Compatri.

Gli agenti potranno così multare gli utenti che non fanno una corretta differenziazione dei rifiuti.

“Chi non segue le regole verrà sanzionato. Questa mattina è stato fatto un numero elevato di contravvenzioni”, dichiara l’Assessore all’Ambiente, Igiene e Sanità Sabrina Giordani. “Spero che questa iniziativa scoraggi tutti quelli che ancora non fanno la differenziata nel modo corretto. Conferire i rifiuti nel modo giusto è importante per tutta la comunità. Ricordo l’importanza di usare i mastelli e di inserire i rifiuti all’interno. Chi li ha rotti o smarriti li può ritirare il martedì dalle 10:00 alle 12:00 e il giovedì dalle 13:00 alle 15:00 in Piazza del Mercato 7 presentando l’ultima bolletta Tari pagata e un documento di identità. Ricordo inoltre che i cittadini si possono recare all’isola ecologica sita in Via Santa Maria le Quinte – Pantano Borghese – il martedì, giovedì sabato e domenica mentre le isole mobili si trovano il 2° mercoledì del mese al parcheggio del Campo Sportivo e il 4° mercoledì del mese a Molara in Piazza Madonna di Molara”. 

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti