Connect with us

Cronaca

Stefano Cucchi, il giudice alla prima udienza contro 8 militari: “Mi astengo, sono un ex carabiniere”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Comincia con un colpo di scena il processo che riguarda i depistaggi sul caso Cucchi, il giovane detenuto morto nel 2009 all’ospedale Pertini di Roma. In apertura dell’udienza il giudice, Federico Bonagalvagno, si è astenuto dal processo, che vede imputati otto carabinieri.
Bonagalvagno ha giustificato la sua astensione spiegando di essere un ex carabiniere attualmente in congedo.

oggi il processo sui presunti depistaggi che sarebbero seguiti alla morte del 31enne romano, arrestato il 15 ottobre del 2009 per droga e deceduto sette giorni dopo all’ospedale Sandro Pertini di Roma. Giovedì poi la giornata centrale, con la sentenza del processo bis sulla morte di Stefano Cucchi e la decisione dei giudici del processo in Corte d’assise d’appello contro cinque medici dell’ospedale.

Per i depistaggi, che per il pm Giovanni Musarò “hanno toccato picchi da film dell’orrore”, sono imputati il generale Alessandro Casarsa all’epoca dei fatti comandante del Gruppo Roma, e altri 7 carabinieri, tra cui Lorenzo Sabatino, allora comandante del reparto operativo dei carabinieri di Roma. Gli otto carabinieri sono accusati a vario titolo e a seconda delle posizioni di falso, favoreggiamento, omessa denuncia e calunnia. Oltre a Casarsa e Sabatino, sono a processo Francesco Cavallo, all’epoca dei fatti tenente colonnello e capo ufficio del comando del Gruppo Roma; Luciano Soligo, all’epoca dei fatti maggiore dell’Arma e comandante della compagnia Roma Montesacro; Massimiliano Colombo Labriola, all’epoca dei fatti comandante della stazione di Tor Sapienza; Francesco Di Sano, all’epoca in servizio alla stazione di Tor Sapienza; Tiziano Testarmata, comandante della quarta sezione del nucleo investigativo dei Carabinieri e il carabiniere Luca De Cianni, accusato di falso e di calunnia.

Ma l’attesa è tutta rivolta alla giornata di giovedì prossimo, quando nell’aula bunker di Rebibbia si conoscerà la sentenza del processo bis sulla morte di Cucchi in cui sono imputati 5 carabinieri. Il pm ha chiesto di condannare Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro a 18 anni di reclusione con l’accusa di omicidio preterintenzionale e l’assoluzione dalla stessa accusa ‘per non aver commesso il fatto’ per il militare dell’Arma Francesco Tedesco, imputato che poi ha svelato il pestaggio subito da Cucchi accusando i suoi due colleghi.

Per Tedesco il pm ha invece chiesto la condanna a 3 anni e mezzo per l’accusa di falso. Chiesta inoltre la condanna a 8 anni di reclusione per il maresciallo Roberto Mandolini (all’epoca dei fatti comandante interinale della Stazione Appia) per l’accusa di falso, mentre il non doversi procedere per prescrizione dall’accusa di calunnia è stata sollecitata per il carabiniere Vincenzo Nicolardi, per Tedesco e Roberto Mandolini.

Sempre giovedì prossimo poi è prevista la sentenza del terzo processo d’Appello che per la morte di Cucchi vede imputati cinque medici dell’ospedale Sandro Pertini: Aldo Fierro, Stefania Corbi, Flaminia Bruno, Luigi De Marchis Preite e Silvia Di Carlo, i medici che si occuparono a vario titolo di Stefano durante il ricovero nel reparto protetto dell’ospedale.

Il sostituto procuratore generale Mario Remus nell’udienza del 6 maggio scorso ha chiesto il non doversi procedere per prescrizione del reato. “La prescrizione del reato è una sconfitta per la giustizia ma questo processo è stato fatto fra mille difficoltà” aveva detto il pg nella sua requisitoria sottolineando come per salvare il 31enne romano “sarebbe bastata un po’ di umanità”.

L’iter processuale ha visto gli imputati, inizialmente alla sbarra con l’accusa di abbandono di incapace diventata poi di omicidio colposo, prima condannati nel giugno 2013 e poi assolti in appello. Successivamente intervenne la Cassazione che ordinò un processo d’Appello bis dove i nuovi giudici confermarono l’assoluzione. Infine il nuovo rinvio stabilito dalla Suprema Corte che ha dato vita al terzo processo d’Appello.

Commenti

Cronaca

Equiparare i medici ai pubblici ufficiali: la proposta di Fratelli d’Italia contro il fenomeno delle aggressioni agli operatori del settore sanitario

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

“Difendiamo chi difende la nostra salute”. – “Contrasto alla violenza sui camici bianchi – Misure a supporto, dal Parlamento alle Regioni” questo il titolo della conferenza stampa di mercoledì scorso presso la Sala “Caduti di Nassirya” al Senato organizzata dal Dipartimento Professioni di FDI, grazie all’instancabile lavoro della Responsabile Nazionale del Dipartimento la Dott.ssa Marta Schifone. Sono intervenuti il Dott. Filippo Anelli, presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (FNOMCEO), il Dott. Silvestro Scotti, Segretario Generale Nazionale della Federazione italiana Medici di Medicina Generale (FIMMG), il Dott. Tonino Aceti, portavoce Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI). A portare i saluti ed il sostegno del partito l’On. Francesco Lollobrigida, Presidente dei Deputati di Fratelli d’Italia, e la Sen. Isabella Rauti, Vice Presidente dei Senatori di Fratelli d’Italia.

Giorgia Meloni: “Equiparare i medici ai pubblici ufficiali”

“La nostra non è una iniziativa estemporanea ma è il frutto di un lungo lavoro. – Ha detto la leader di FdI – Sono oltre 3mila l’anno – ha proseguito – i casi stimati di aggressioni a danno dei medici e degli operatori del nostro sistema sanitario ed è un dilagare di fatti di violenza che incide pesantemente sulla qualità del nostro servizio sanitario. Per questo Fratelli d’Italia lavora da tempo sia a livello nazionale per equiparare i medici ai pubblici ufficiali, sia a livello regionale per iniziative come le telecamere che possano mettere in sicurezza i medici per migliorare le condizioni del nostro servizio sanitario e per rendere più facile la vita a chi dedica la propria esistenza a salvare quella degli altri. Il nostro vuole essere il tentativo di disegnare una società nella quale vi sia rispetto per chi si sacrifica e per chi lavora, nella quale ci sia una educazione culturale a comprendere le tante occasioni in cui in Italia si pensa di alzare la voce e si finisce con farsi male, tutti. Quindi cerchiamo di migliorare le condizioni del nostro sistema sanitario che, è sì considerato uno dei migliori del mondo, ma secondo me può parecchio migliorare”.

Francesco Lollobrigida: “Medici e infermieri spesso subiscono aggressioni, sempre più violente”

“Oggi con Giorgia Meloni e numerosi esponenti di associazioni di categoria abbiamo presentato le iniziative di FdI a tutela dei camici bianchi: medici e infermieri che troppo spesso subiscono aggressioni, sempre più violente, durante l’esercizio del loro lavoro. – Ha dichiarato Francesco Lollobrigida, Presidente dei Deputati di Fratelli d’Italia – Abbiamo presentato in Parlamento – ha proseguito Lollobrigida – e nei consigli regionali una mozione per conferire loro lo status di pubblico ufficiale affinché possano essere maggiormente tutelati. Un grazie a tutte le associazioni di medici ed operatori sanitari che ci hanno fornito gli elementi necessari alla stesura di questo atto, e un grazie al Dipartimento Professioni di FdI che ha consentito di tradurre in azioni concrete le loro istanze.”

Marta Schifone: “Un tema di sicurezza che abbiamo portato avanti in tutte le Regioni”

“Non si possono lasciare in prima fila da soli gli operatori e i professionisti della sanità – ha detto Marta Schifone Responsabile Nazionale del Dipartimento Professioni di FdI – è un tema di sicurezza – ha proseguito Schifone – che abbiamo portato avanti in tutte le Regioni con i nostri consiglieri in un gioco di squadra molto efficace. L’impegno parlamentare di riconoscimento dello status di pubblico ufficiale per il personale sanitario non si sarebbe potuto tradurre in una azione efficace senza la adesioni dei nostri gruppi consiliari regionali e le presentazioni delle nostre mozioni. Le Regioni ci sono e siamo in grado di coinvolgere tutta la classe dirigente sui temi su cui il nostro partito detta la linea”.

Roberto Cuccioletta: “Fratelli d’Italia si schiera da sempre a fianco dei professionisti”

“Non posso non complimentarmi con la nostra responsabile nazionale Marta Schifone per la riuscitissima ed importantissima iniziativa. – Ha dichiarato Roberto Cuccioletta Coordinatore Regionale del Dipartimento Professioni di FdI – Le professioni mediche – ha proseguito Cuccioletta – rappresentano uno dei settori più importanti e delicati del mondo professionale e merita tutta la nostra attenzione. Mentre il governo di sinistra ragiona su come vessare ancora di più chi lavora e chi produce, Fratelli d’Italia si schiera da sempre a fianco dei professionisti e la conferenza stampa di oggi ne è la conferma. Il mondo delle professioni è una realtà fondamentale per l’economia italiana, oggi in grande sofferenza, che invece FdI vuole difendere. Crediamo che uno stato giusto si debba occupare di chi ha studiato e lavora piuttosto che di dare la paghetta a chi sta a casa senza fare niente. Nei prossimi giorni altre importanti iniziative che coinvolgono il mondo professionale saranno avviate su tutto il territorio regionale. Grazie quindi al nostro Dipartimento, ai nostri Deputati, ai nostri Senatori e consiglieri regionali così attenti a darci il loro costante supporto.”

Continua a leggere

Cronaca

Napoli, scandalo all’Accademia di Belle Arti: si indaga per presunta violenza sessuale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

NAPOLI – “Mandami la tua foto nuda, altrimenti ti boccio all’esame”. Scandalo all’Accademia di Belle Arti di Napoli per le accuse di alcune studentesse ad un noto professore e regista cinematografico partenopeo. Il noto regista – molto conosciuto a Napoli – si è poi dimesso per la gogna mediatica degli ultimi giorni, dopo che una delle vittime ha reso noto di essere stata molestata dal docente.

E ieri sono scattati i primi interrogatori alla Procura di Napoli sulla presunta violenza sessuale denunciata dalla studentessa di 20 anni dell’Accademia delle Belle Arti ai carabinieri con la conseguente apertura di un fascicolo da parte della magistratura partenopea che ha iscritto nel registro degli indagati il professore per il quale si ipotizza il reato di violenza sessuale.

Sempre ieri mattina il sostituto procuratore Cristina Curatoli ha ascoltato tre giovani studentesse come persone informate dei fatti. Previste per il prossimo 6 marzo, poi, le acquisizioni di tutti i dati sensibili come foto, video, conversazioni, anche via chat e social degli smartphone di tutte le parti in causa. Ascoltati, sempre ieri, i legali del professore indagato, gli avvocati Maurizio Sica e Lucilla Longone.

Il docente indagato, al fine di dimostrare la propria estraneità ai fatti che gli vengono contestati, ha consegnato spontaneamente, attraverso i suoi legali, i tabulati delle conversazioni intercorse con la studentessa.

La prestigiosa Accademia di belle arti di Napoli è uno dei simboli del capoluogo campano ubicata a Via Santa Maria di Costantinopoli, storica strada costruita nel XVI secolo ed era un luogo ricco di storia e di magia e conservava ancora un’aura fino a poco tempo fa. E qualora i fatti contestati al professore dovessero trovare delle conferme da parte degli inquirenti sorgerebbe spontanea la domanda: ma i professori non dovrebbero essere docenti-maestri di vita e non viceversa?

L’Accademia istituita nel 1752 da Carlo III di Borbone, vanta una lunga tradizione, per anni ha dato le basi a professionisti della creazione adesso ha i riflettori puntati dalla Procura di Napoli per molestie, ricatti e proteste contro le violenze.

E sempre qualora i fatti venissero confermati risulterebbero quantomeno fuori luogo alcune dichiarazioni fatte a testate giornalistiche da parte di personaggi all’interno dell’Istituto che hanno affermato: ”L’Accademia di Belle arti di Napoli ha perso un ottimo elemento”. E questi stessi personaggi, qualora le accuse trovassero conferma, sono pronti a dichiarare il contrario?

La prestigiosa Accademia di belle arti di Napoli è uno dei simboli del capoluogo campano ubicata in via Santa Maria di Costantinopoli, storica strada costruita nel XVI secolo, un luogo ricco di storia e di magia che conservava ancora un’aura fino a poco tempo fa. La storica strada insieme all’Accademia è una delle tappe da visitare più belle per artisti e amanti dell’arte.

Continua a leggere

Cronaca

Volo Ryanair diretto a Torino fa tre ore di ritardo a causa del maltempo: i passeggeri chiedono il rimborso

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Storie di ordinaria ingiustizia per chi viaggia in aereo. Protagonista Ryanair, che si sta distinguendo per un comportamento scorretto nei confronti dei passeggeri del volo FR8714, partito da Bari il 4 febbraio, diretto a Torino e dirottato su Genova. “L’arrivo a Torino era previsto per le ore 11:30 – dichiara l’avvocato Stefano Gallotta, Responsabile Trasporti e Turismo di Codici – ma i passeggeri sono giunti a destinazione con i bus sostitutivi alle ore 15. Alcuni di loro hanno fatto richiesta di risarcimento per il ritardo, ma la compagnia si è opposta spiegando che le cause erano indipendenti dalla loro volontà in quanto dovute alle condizioni meteo avverse, nello specifico al forte vento”.

È a questo punto che entra in azione l’associazione Codici, che sta raccogliendo le segnalazioni dei passeggeri per predisporre un’azione collettiva. “Quando il ritardo supera le 3 ore – afferma l’avvocato Gallotta – i passeggeri hanno diritto a ricevere il risarcimento. In questo caso specifico, in cui Ryanair si giustifica scaricando le responsabilità sul maltempo, c’è da dire che la motivazione non può essere accettata, in quanto nella stessa giornata altri aerei sono atterrati regolarmente a Torino. In particolare un volo è arrivato alle ore 11:25, dunque in coincidenza dell’orario previsto per quello della compagnia irlandese”. “Dispiace constatare come Ryanair non perda occasione per ostacolare i diritti dei consumatori – afferma l’avvocato Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici – e questo ci sorprende ancora di più se pensiamo che nell’estate scorsa la compagnia ha siglato un accordo con il Codacons. Un’intesa firmata sulla base di presunte assicurazioni per i consumatori nella gestione dei loro reclami. Ci sembra che la realtà sia ben diversa, quindi invitiamo Ryanair a tutelare veramente i viaggiatori”.

I passeggeri del volo Ryanair da Bari a Torino e poi dirottato su Genova possono contattare il Codici inviando un messaggio al numero WhatsApp 338.48.04.415, chiamando lo 06.5571996 o scrivendo a segreteria.sportello@codici.org. L’associazione predisporrà tutte le azioni necessarie per la richiesta di risarcimento.

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Febbraio: 2020
L M M G V S D
« Gen    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it