Connect with us

Economia e Finanza

SUMMIT BRUXELLES AL G7: GRANDE ASSENTE VLADIMIR PUTIN

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Il 4 giugno 2014 al summit G7 di Bruxelles  partecipano  alle trattative Canada, Stati Uniti, Germania, Francia, Regno Unito, Giappone e Italia, esclusa la Russia dove doveva avvenire inizialmente il G8 poi trasformato in G7 dagli stessi leaders e trasferito a Bruxelles. I primi temi affrontati la crisi ucraina, siriana e  del Mar Cinese Meridionale, oltre il programma nucleare della Corea del Nord


di Cinzia Marchegiani


Bruxelles– E’ terminata la prima giornata del G7 a Bruxelles, dove le sette nazioni hanno concordato linee guida da poco pubblicate sul sito istituzionale dell’UE. Vengono schematizzate le decisioni appena concordate, riguardo alle diverse questioni affrontate al summit che anche oggi seguirà in agenda l’incontro:

Ucraina
1. Accogliamo con favore il positivo svolgimento in circostanze difficili delle elezioni in Ucraina il 25 maggio. La forte affluenza alle urne ha sottolineato la determinazione dei cittadini dell'Ucraina per determinare il futuro del loro paese. Diamo il benvenuto a Petro Poroshenko come presidente eletto dell'Ucraina e lo lodiamo per raggiungere a tutte le persone di Ucraina.
2. A fronte di ingerenza inaccettabile negli affari sovrani dell'Ucraina da parte della Federazione russa, ci leviamo in piedi dal governo ucraino e la gente. Chiediamo ai gruppi armati illegali di disarmare. Incoraggiamo le autorità ucraine a mantenere un approccio misurato nel perseguire le operazioni per ristabilire la legge e l'ordine. Sosteniamo pienamente il contributo sostanziale da parte dell'Organizzazione per la cooperazione per la sicurezza in Europa (OSCE) per la de-escalation della crisi attraverso la missione di vigilanza speciale e di altri strumenti dell'OSCE. Lodiamo la volontà delle autorità ucraine a proseguire il dialogo nazionale in modo inclusivo. Accogliamo con favore il "Memorandum di Pace e Unità", adottato dalla Verkhovna Rada il 20 maggio ed esprimere l'auspicio che possa essere attuato rapidamente. Incoraggiamo inoltre il parlamento ucraino e il governo ucraino a continuare a perseguire la riforma costituzionale, al fine di fornire un quadro per approfondire e rafforzare la democrazia e accomodante i diritti e le aspirazioni di tutti i popoli in tutte le regioni d'Ucraina.
3. Il G7 si sono impegnati a continuare a lavorare con l'Ucraina per sostenere il suo sviluppo economico, la sovranità e l'integrità territoriale. Incoraggiamo l'adempimento di impegno dell'Ucraina a proseguire le riforme difficili che saranno cruciali per sostenere la stabilità economica e sbloccare la crescita guidata dal settore privato. Accogliamo con favore la decisione del Fondo Monetario Internazionale (FMI) per approvare un programma di 17 miliardi dollari per l'Ucraina, che ancorare gli altri interventi e finanziamenti bilaterali e multilaterali, di cui circa 18 miliardi dollari previsti, data dai partner del G7. Accogliamo con favore la rapida erogazione di sostegno macroeconomico per l'Ucraina. Sosteniamo un meccanismo internazionale di coordinamento dei donatori per garantire la consegna effettiva di assistenza economica e accogliamo con favore l'intenzione dell'UE di tenere una riunione di coordinamento ad alto livello a Bruxelles. Accogliamo con favore gli sforzi in corso per diversificare le fonti di gas dell'Ucraina, anche attraverso recenti passi nell'UE a consentire capacità di flusso inverso del gas e attendo con ansia la conclusione positiva delle trattative, agevolata dalla Commissione europea, sul transito del gas e di fornitura della Federazione Russa in Ucraina.
4. Siamo uniti nel condannare continua violazione della Federazione Russa della sovranità e dell'integrità territoriale dell'Ucraina. Annessione illegale della Russia di Crimea, e le azioni di de-stabilizzare Ucraina orientale sono inaccettabili e devono cessare. Queste azioni violano i principi fondamentali del diritto internazionale e dovrebbe essere una preoccupazione per tutte le nazioni. Esortiamo la Federazione russa di riconoscere i risultati delle elezioni, completare il ritiro delle sue forze militari al confine con l'Ucraina, fermare il flusso di armi e militanti attraverso il confine e di esercitare la sua influenza tra i separatisti armati a deporre le armi e rinunciare alla violenza. Chiediamo alla Federazione russa a rispettare gli impegni assunti nella dichiarazione di Ginevra comune e cooperare con il governo dell'Ucraina in quanto attua i suoi piani per promuovere la pace, l'unità e la riforma.
5. Confermiamo la decisione da parte dei paesi del G7 per comminare sanzioni a persone fisiche e giuridiche che hanno attivamente sostenuto e attuato la violazione della sovranità dell'Ucraina e l'integrità territoriale e che minacciano la pace, la sicurezza e la stabilità dell'Ucraina. Stiamo attuando una rigorosa politica di non riconoscimento rispetto alla Crimea / Sebastopoli, in linea con la risoluzione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite 68/262. Siamo pronti a intensificare le sanzioni mirate e ad attuare significative misure restrittive supplementari per imporre ulteriori costi sulla Russia dovrebbe eventi lo richiedano.
6. I progetti finanziati dalla comunità dei donatori per convertire il sito di Chernobyl in una condizione stabile e sicuro per l'ambiente hanno raggiunto una fase avanzata di completamento. Pur riconoscendo la complessità di queste prima di un progetto tipo, ci appelliamo a tutte le parti interessate a fare un ulteriore sforzo per portarli a una conclusione soddisfacente e invitare le parti del progetto per tenere i costi sotto controllo. Questa rimane una priorità per noi.
 

Siria
7. Condanniamo fermamente la brutalità del regime di Assad, che guida un conflitto che ha ucciso più di 160.000 persone e lasciato 9,3 milioni hanno bisogno di assistenza umanitaria. Denunciamo le elezioni presidenziali del 3 giugno farsa: non c'è futuro per Assad in Siria. Abbiamo ancora approvare il comunicato di Ginevra, che prevede un organismo di transizione di governo esercitano pieni poteri esecutivi e concordato di comune accordo, sulla base di una visione per una Siria unita, inclusiva e democratica. Condanniamo fermamente le violazioni del diritto umanitario internazionale e dei diritti umani e indiscriminati bombardamenti di artiglieria e bombardamenti aerei da parte del regime siriano. Ci sono prove che i gruppi estremisti hanno perpetrato gravi violazioni dei diritti umani. Tutti i responsabili di tali abusi devono essere chiamati a risponderne. Accogliamo con favore l'impegno della Coalizione Nazionale e dell'Esercito siriano libero a rispettare il diritto internazionale.Deploriamo la Russia e la decisione della Cina di porre il veto al progetto di risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC), che autorizza il ricorso alla Corte penale internazionale e impegnativa la responsabilità per i crimini gravi e continue commesse in Siria.
8. Siamo impegnati a sostenere i paesi confinanti che portano il peso dei flussi di rifugiati siriani e deploriamo la mancata attuare la risoluzione UNSC 2139 in materia di assistenza umanitaria. Esortiamo tutte le parti in conflitto per consentire l'accesso agli aiuti a tutti i bisognosi, per le vie più dirette, tra cui oltre i confini e le linee di conflitto, e sosteniamo ulteriore intervento urgente da parte del Consiglio di sicurezza dell'ONU a tal fine. Nel nostro finanziamento decidiamo di dare un sostegno particolare per gli operatori umanitari che possono raggiungere i più bisognosi, anche a livello transfrontaliero. Chiediamo alla comunità internazionale di rispondere alle enormi esigenze di finanziamento degli appelli delle Nazioni Unite per la Siria ei suoi vicini.Intendiamo intensificare i nostri sforzi per affrontare la minaccia derivante da combattenti stranieri che viaggiano verso la Siria. Siamo profondamente preoccupati per le accuse di uso ripetuto agenti chimici e chiediamo a tutte le parti in Siria a cooperare pienamente con l'Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche (OPAC) missione esplorativa. Esortiamo la Siria a rispettare i suoi obblighi ai sensi risoluzione UNSC 2118, le decisioni del Consiglio Direttivo della OPCW e la convenzione sulle armi chimiche al fine di garantire la rapida rimozione del suo restante scorte chimiche per la distruzione, e di distruggere immediatamente le proprie strutture produttive e rispondere a tutte domande riguardanti la sua dichiarazione di all'OPCW.
 

Libia
9. Ribadiamo il nostro sostegno per una Libia libera, prospera e democratica, che giocherà il suo ruolo nella promozione della stabilità regionale. Esprimiamo seria preoccupazione per le recenti violenze e invitiamo tutti i libici a impegnarsi nel processo politico attraverso mezzi pacifici e inclusivi, sostenuta dal rispetto dello Stato di diritto. Sollecitiamo l'impegno costante e coordinato dalla comunità internazionale per sostenere la transizione libico e gli sforzi per promuovere il dialogo politico, in coordinamento con le Nazioni Unite e con la missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia svolgere il proprio mandato in questo senso. Chiediamo a tutti nella comunità internazionale a rispettare la sovranità piena del libico e il principio di non intervento negli affari. In questo contesto, lodiamo la proposta della Commissione Elettorale Nazionale Alta, approvato dal Congresso Nazionale Generale, di convocare le elezioni del 25 giugno. Sottolineiamo l'importanza di queste elezioni nel riavviare il processo politico e apprezziamo il lavoro vitale della Costituzione Redazione dell'Assemblea.
 

Mali e Repubblica Centrafricana
10. Accogliamo con favore il cessate il fuoco firmato il 23 maggio da parte dei gruppi armati del governo e del Mali nel Nord del Mali, grazie agli sforzi dell'Unione africana, attraverso la sua presidenza, e le Nazioni Unite.Riaffermiamo il nostro forte impegno per una soluzione politica e di un processo di dialogo inclusivo che deve iniziare senza indugio, come prescritto dall'accordo di Ouagadougou e le decisioni del Consiglio di sicurezza.Sosteniamo pienamente multidimensionali Missione di stabilizzazione integrato delle Nazioni Unite negli sforzi Mali a stabilizzare il paese e, con l'impegno dei paesi vicini, tra cui l'Algeria, la Mauritania e la Comunità economica degli Stati dell'Africa occidentale, a lavorare per una soluzione durevole rispettosa dell'unità, l'integrità territoriale e la sovranità nazionale del Mali.
11. Lodiamo il ruolo svolto sul terreno nella Repubblica Centrafricana dal AU-led sostegno della missione internazionale per la Repubblica Centrafricana, insieme alle forze inviate dalla Francia e l'Unione europea, a sostenere la transizione e incoraggiare le autorità di transizione a prendere misure concrete urgenti nei confronti della holding, elezioni eque, trasparenti e inclusivi gratuiti. Sosteniamo pienamente gli sforzi delle Nazioni Unite nei settori della sicurezza, la riconciliazione, la preparazione delle elezioni, e l'assistenza umanitaria.
 

Iran
12. Riaffermiamo il nostro forte impegno per una soluzione diplomatica della questione nucleare iraniana e accogliamo con favore gli sforzi della E3 +3, guidati dall'Alto Rappresentante Ashton, e l'Iran a negoziare una soluzione completa che fornisce la fiducia nella natura esclusivamente pacifica del nucleare iraniano programma.Sottolineiamo l'importanza di proseguire l'effettiva attuazione da parte E3 +3 e l'Iran del piano d'azione comune. Esortiamo l'Iran a cooperare pienamente con l'Agenzia internazionale dell'energia atomica sulla verifica delle attività nucleari dell'Iran e di risolvere tutte le questioni in sospeso, tra cui, in modo critico, quelle relative alle possibili dimensioni militari. Chiediamo con forza l'Iran a rispettare pienamente i suoi obblighi dei diritti umani. Esortiamo l'Iran a svolgere un ruolo più costruttivo nel sostenere la sicurezza regionale, in particolare in Siria, e di respingere tutti gli atti di terrorismo e gruppi terroristici.
 

Corea del Nord
13. Condanniamo fermamente continuo sviluppo della Corea del Nord dei suoi programmi nucleare e balistico.Invitiamo la Corea del Nord ad abbandonare tutte le armi nucleari ei programmi nucleari e missilistici balistici esistenti e di rispettare pienamente i suoi obblighi ai sensi pertinenti risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell'ONU e degli impegni nel quadro della dichiarazione congiunta settembre 2005 i colloqui a sei. Chiediamo alla comunità internazionale di applicare sanzioni pienamente delle Nazioni Unite. Ribadiamo le nostre gravi preoccupazioni per le continue violazioni sistematiche, diffuse e gravi dei diritti umani in Corea del Nord documentati nella relazione della commissione d'inchiesta dell'ONU, e sollecitiamo la Corea del Nord a prendere misure immediate per affrontare queste violazioni, anche sulla questione rapimenti, e cooperare pienamente con tutti i pertinenti organi delle Nazioni Unite. Continuiamo a lavorare per consolidare la responsabilità per gravi violazioni dei diritti umani della Corea del Nord.
 

Medio Oriente processo di pace
14. Sosteniamo pienamente gli sforzi degli Stati Uniti 'per garantire una soluzione a due Stati negoziata. Ci dispiace che maggiori progressi non sono stati compiuti dalle parti e li esorto a trovare il terreno comune e la forza politica necessaria per riprendere il processo. Una soluzione a due Stati negoziata resta l'unico modo per risolvere il conflitto. Chiediamo a entrambe le parti di esercitare la massima moderazione e ad evitare qualsiasi azione unilaterale che possa ulteriormente minare gli sforzi di pace e influenzare la vitalità di una soluzione a due stati.
 

Afghanistan
15. Rinnoviamo il nostro impegno a lungo termine per un Afghanistan democratico, sovrano, e unificato e la nostra partnership duratura con il governo dell'Afghanistan basata sui principi del rispetto reciproco e la responsabilità reciproca. Il primo turno delle elezioni presidenziali e le elezioni dei consigli provinciali ha segnato un traguardo storico, soprattutto per i più di 2,5 milioni di donne che hanno votato, e non vediamo l'ora al completamento del processo elettorale. Continuiamo ad assistere il governo afghano a rafforzare le loro istituzioni di governo, ridurre la corruzione, la lotta al terrorismo, sostenere la crescita economica, e la lotta al narcotraffico. Continuiamo a sostenere attivamente un processo inclusivo afghana e afghana di proprietà della riconciliazione.
 

Navigazione marittima e aerea
16. Ribadiamo l'importanza di mantenere un ordine marittimo sulla base dei principi universalmente concordati di diritto internazionale. Restiamo impegnati alla cooperazione internazionale per combattere la pirateria e altri reati marittimi, coerenti con il diritto internazionale e dei principi riconosciuti a livello internazionale di competenza in acque internazionali. Siamo profondamente preoccupati per le tensioni in Oriente e Mar Cinese Meridionale. Ci opponiamo a qualsiasi tentativo unilaterale di una parte a far valere le sue pretese territoriali o marittime attraverso l'uso di intimidazione, coercizione o la forza. Chiediamo a tutte le parti a chiarire e perseguire i loro rivendicazioni territoriali e marittime in conformità del diritto internazionale. Sosteniamo i diritti dei ricorrenti a cercare una soluzione pacifica delle controversie in conformità del diritto internazionale, anche attraverso meccanismi di risoluzione delle controversie legali. Sosteniamo anche misure di fiducia.Sottolineiamo l'importanza della libertà di navigazione e di sorvolo e anche la gestione efficace del traffico aereo civile basata sul diritto internazionale e delle norme e delle prassi dell'Organizzazione internazionale dell'aviazione civile.
 

Altre questioni
17. Riaffermiamo il nostro impegno per la tutela e la promozione di tutti i diritti umani e delle libertà fondamentali, compresa la libertà religiosa, per tutte le persone. Riconosciamo la necessità di mostrare determinazione senza precedenti per promuovere la parità di genere, per porre fine a tutte le forme di discriminazione e di violenza contro donne e ragazze, per finire bambini, matrimonio precoce e forzato e di promuovere la piena partecipazione e responsabilizzazione di tutte le donne e le ragazze. Saremo lieti di Global Summit per porre fine alla violenza sessuale nei conflitti che si terrà a Londra a fine mese.
18. Ribadiamo la nostra condanna del terrorismo e del nostro impegno a cooperare in tutte le sedi competenti per prevenire e rispondere al terrorismo con efficacia e in modo globale, nel rispetto dei diritti umani e dello Stato di diritto. Noi condanniamo il rapimento di centinaia di studentesse da Boko Haram come un crimine ingiustificabile e intendiamo fare tutto il possibile per sostenere il governo nigeriano per restituire queste giovani donne alle loro case e per portare i colpevoli alla giustizia.
19. Confermiamo che le questioni non-proliferation/disarmament rimangono una priorità assoluta e accolgono la non proliferazione dichiarazione Amministrazione del Gruppo G7 pubblicata oggi.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Economia e Finanza

Alitalia, pubblicato il bando per la cessione del marchio: prezzo base di gara 290 milioni di euro

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Lo storico marchio Alitalia, con i suoi oltre cinquant’anni di storia, è ufficialmente in vendita. L’atteso bando per la cessione del brand è stato infatti pubblicato dai commissari straordinari, che hanno fissato le modalità, i termini e le condizioni della gara. I tempi sono stretti, con l’avvio delle richieste di accesso alla data room già da oggi, le offerte vincolanti entro il 4 ottobre e la cessione entro fine anno, e fissa un prezzo di partenza pari a 290 milioni.

Saranno possibili rilanci e vincerà l’offerta con il prezzo più alto. Tra i soggetti intenzionati a farsi avanti, come più volte ribadito, c’è ITA, che in vista del decollo del 15 ottobre lavora anche a chiudere le trattative con i sindacati per il personale.

Il bando, annunciato con un avviso su diversi quotidiani (anche in inglese sul Financial Times), è stato pubblicato in mattinata sul sito dell’amministrazione straordinaria: un documento di 10 pagine, firmato dai commissari Gabriele Fava, Giuseppe Leogrande e Daniele Santosuosso, che definisce le regole con cui si svolgerà la gara. Oggetto della procedura è l’iconico marchio Alitalia, disegnato nel 1969 (precedentemente, il primo logo della compagnia, presente per i primi 22 anni nella livrea degli aerei, includeva la ‘Freccia alata’) con la A stilizzata con i colori del tricolore, rimasta immutata anche nei successivi lievi restyling e poi diventata negli anni icona dell’italianità. “Il marchio Alitalia rappresenta un patrimonio valoriale e culturale storico, radicato nell’immaginario condiviso italiano”, affermano i commissari, sottolineando che “questa operazione si prefigge di tutelare la persistenza del nome e del logo nel panorama del trasporto aereo”. A questo fine, infatti, il governo è intervenuto attraverso il decreto infrastrutture per far sì che sia una compagnia aerea a potersi aggiudicare il bando.

Il prezzo base di gara è fissato in 290 milioni (oltre Iva e oneri fiscali ai sensi di legge): una cifra superiore al valore di 150 milioni indicato nei mesi scorsi dal commissario Leogrande. Il brand passerà nelle mani dell’aggiudicatario “entro il 31 dicembre 2021”. Anche dopo la cessione, comunque, i commissari potranno, utilizzare la denominazione ‘Alitalia in amministrazione straordinaria’ (ma non il logo di Alitalia) fino alla fine dell’amministrazione straordinaria. Anche la società Alitalia Loyalty potrà mantenere il nome fino al 30 giugno 2022.

La gara entra subito nel vivo. Già dalle 12 di oggi e fino alla mezzanotte del 30 settembre, i soggetti interessati (sono ammesse imprese “di qualsiasi nazionalità” con un patrimonio “non inferiore a 200 milioni” e titolari di licenze di trasporto aereo o certificazioni di operatore aereo) potranno fare richiesta di ammissione alla data room, che verrà aperta il 20 settembre. Dopodiché si potrà procedere con le offerte vincolanti, attese entro il 4 ottobre. Per l’aggiudicazione sono previste due fasi: nella prima saranno ammesse soltanto offerte vincolanti uguali o superiori al prezzo di gara; se questa andasse deserta, si aprirà una seconda fase che ammetterà offerte a prezzo inferiore. Per entrambe le fasi, qualora arrivassero più offerte valide, sarà possibile fare un rilancio, offrendo almeno 10 milioni in più della migliore offerta vincolante.

Il brand verrà aggiudicato, sia nella prima che nella seconda fase, all’offerta col prezzo più elevato. L’ultima parola spetta comunque al Ministero dello sviluppo economico, che valuterà gli esiti della procedura e darà il via libera finale tenendo conto anche della “congruità del prezzo offerto”.

Al brand Alitalia punta soprattutto ITA, i cui vertici hanno già più volte ribadito l’intenzione di partecipare alla gara. La società, intanto, quando manca poco meno di un mese al decollo, ha convocato sindacati e sigle professionali per lunedì per chiudere il confronto sulle 2.800 assunzioni. Sempre lunedì proseguirà al Ministero del lavoro il confronto azienda-sindacati sulla proroga di un altro anno della cassa per oltre 7 mila lavoratori (numeri che potrebbero aumentare per comprendere tutta parte aviation). I rappresentanti dei lavoratori però chiedono garanzie sull’intero arco di piano di Ita, cioè fino al 2025, e su questo attendono l’apertura di un tavolo al Ministero del lavoro. 

Continua a leggere

Economia e Finanza

Nordea Economic Outlook: nuova fase in Nord Europa per le prospettive economiche

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

La pandemia è tutt’altro che finita, ma le prospettive economiche globali rimangono favorevoli. È quanto espone il gruppo bancario nordico, con base in Finlandia e sede anche a Milano, Nordea, nelle sue prospettive economiche appena pubblicate, ove si prevede che la crescita globale arrivi al 5,5% quest’anno, prima di rallentare al 5,1% ed al 4,1% nel 2022 e nel 2023, secondo Helge Pedersen, capo economista del Gruppo.

L’inflazione è aumentata bruscamente e potrebbe stabilizzarsi a un livello più alto di quanto visto da molti anni.

H.J. Pedersen

Nei paesi nordici, la diffusione del virus è sotto controllo, le ultime restrizioni un vigore vengono gradualmente revocate e la crescita è elevata. I livelli di produzione pre-pandemia sono stati raggiunti in tutti i paesi e ora si entra in una nuova fase in cui è necessario rivedere la necessità di ulteriori stimoli di politica economica.

L’economia danese è passata, in tempi record, da una profonda crisi ad un rischio di surriscaldamento. L’attività economica complessiva ora supera i livelli pre-pandemia e la rapida ripresa richiede una piena flessibilità del mercato del lavoro ed una notevole adattabilità in termini di politica economica. Il mercato immobiliare sembra normalizzarsi dopo un periodo di forti aumenti dei prezzi; i prezzi al consumo hanno iniziato a salire più velocemente di prima e ci sono segnali di crescenti pressioni salariali..

In Finlandia, la crescita economica è stata sostenuta durante l’estate. Il PIL ha raggiunto il livello pre-pandemia nel secondo trimestre del 2021. La buona performance delle esportazioni ha avviato investimenti in macchinari e gli investimenti in costruzioni stanno beneficiando di una forte domanda da parte del mercato immobiliare. La forte crescita dell’occupazione e il graduale calo del tasso di risparmio delle famiglie alimentano i consumi privati.

L’economia norvegese ha ora riguadagnato tutto il terreno perso durante la crisi del coronavirus. La disoccupazione è diminuita drasticamente in sincronia con la riapertura della società. Allo stesso tempo, il numero di posti di lavoro vacanti è da record e stanno emergendo segnali di discrepanza nel mercato del lavoro, che potrebbero portare a una maggiore crescita dei salari. La corsa del mercato immobiliare è terminata e i prezzi probabilmente si appiattiranno in futuro. La Norges Bank inizierà a normalizzare i tassi di interesse a settembre di quest’anno.

A sua volta, l’economia svedese sta entrando anch’essa  in una nuova fase in cui un elevato utilizzo delle risorse ostacolerà la crescita della produzione. La crescita è destinata a diventare più diffusa, con gli investimenti come motore chiave accanto alle esportazioni e ai consumi delle famiglie. La carenza di manodopera darà luogo a crescenti preoccupazioni e continuerà la crescita dei salari. L’inflazione aumenterà a causa della salita dei prezzi delle materie prime e degli elevati costi di trasporto, tuttavia non abbastanza da consentire alla Riksbank di inasprire la politica monetaria.

Nel complesso, le prospettive dei paesi nordici puntano appaiono rosee e si spera che siano confortate dal proseguimento della tendenza al bello.

Continua a leggere

Economia e Finanza

Roberto Meneguzzo e Palladio, la private equity in Italia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Come funzionano gli investimenti in modalità private equity? Per conoscere a fondo questa branca della finanza non serve guardare oltre il Triveneto: qui, nella provincia di Vicenza, da quarant’anni una società di investimenti si occupa proprio di questo. Roberto Meneguzzo fonda Palladio proprio a Vicenza nel 1980. Allora è un ragazzo di 24 anni, reduce dalla laurea in economia a Venezia e da specializzazioni e stage negli Stati Uniti. Probabilmente non sa che l’avventura appena iniziata sarà lunga e fruttuosa.

Meneguzzo concentra fin da subito le proprie attenzioni sulle pratiche di private equity. Queste sono operazioni di investimento (sia di capitali che di altre risorse) in società non quotate in Borsa. In genere hanno una durata medio-breve, massimo 6 anni, nei quali l’azienda target viene guidata verso il raggiungimento di precisi obiettivi di business.

Cosa si intende per private equity?

Il dizionario di Oxford la definisce una «tecnica di investimento consistente nel finanziare una società non quotata in Borsa ma dotata di elevate potenzialità di crescita, per poi disinvestire con lo scopo di ottenere plusvalenze dalla vendita della partecipazione azionaria». Per Roberto Meneguzzo e Palladio, però, è molto di più. Si tratta di un modo per aiutare aziende dal grande potenziale a diventare di successo.

Alcune tipologie di investimento in private equity riguardano:

  • start-up dal grande potenziale che hanno bisogno di partire col piede giusto;
  • aziende già affermate che si trovano in una situazione di dissesto finanziario e/o manageriale;
  • società che desiderano espandere il proprio mercato, allargare la fascia di prodotti e servizi offerti o diversificare la produzione;
  • aziende che necessitano di un riassetto dopo una vendita o un’acquisizione;
  • infine società che mirano alla quotazione in Borsa e quindi all’attrazione di grandi investitori.

In ognuno di questi casi, società come Palladio di Roberto Meneguzzo immettono liquidità e risorse manageriali nelle aziende target. In questa maniera non si tratta soltanto di investimenti economici, ma anche di risorse umane, know-how e tecniche imprenditoriali che vengono trasferite al fine di portare l’azienda al successo. Ottenuto l’obiettivo prefissato e raggiunto un certo profitto, le società di investimento chiudono l’operazione per dedicarsi alla prossima avventura.

Alcuni settori in cui Roberto Meneguzzo e Palladio brillano

La private equity era pressoché sconosciuta in Italia quando, nel 1980, Roberto Meneguzzo ha fondato la Palladio. Oggi nota come PFH, si tratta di una holding dal capitale superiore a 400 milioni di euro che continua a macinare successi in settori di investimento completamente diversi. In quarant’anni di attività, infatti, Meneguzzo ha spostato le proprie mire su ambiti diversificati che gli hanno permesso di seguire i trend di mercato e anticiparli.

Con la propria lungimiranza e la scelta di collaboratori illustri, Roberto Meneguzzo in Palladio ha raggiunto successi mai visti in settori come la logistica, la cleantech, l’energia tradizionale e quella rinnovabile. Ad oggi circa il 20% di PFH e delle sue società sussidiarie si dedica all’eolico e al fotovoltaico, con risultati che in Italia fanno ben sperare per questo settore ancora poco esplorato.

Ogni scelta viene compiuta grazie a un calcolato bilanciamento di esperienza manageriale, fiuto per gli affari e quell’istinto naturale che solo i migliori uomini e donne d’affari possiedono. Proprio a loro si rivolge Roberto Meneguzzo che in Palladio ha arruolato manager dal curriculum eccellente come Roberto Ruozi (dal 1999 presidente di PFH) e Giorgio Drago, che nella società ha militato per pochi anni ma ha lasciato un segno indelebile. Ma anche giovani menti brillanti, una generazione di imprenditori al di sotto dei 50 anni che ha portato una ventata di entusiasmo e novità tra le fila di Palladio.

Cosa c’è nel futuro di PFH

Secondo Roberto Meneguzzo in Palladio il futuro si chiama alternative asset management. Si tratta letteralmente di fondi alternativi, ancora una volta una tipologia di investimenti che in Italia non è ancora pienamente apprezzata. Strategie di investimento “liquide”, flessibili, che non rientrano negli asset tradizionali e per questo richiedono un rischio ma anche una professionalità più elevati.

Se qualcuno può riuscire in questo campo è Roberto Meneguzzo, con Palladio e gli imprenditori che ha contribuito a formare nel corso degli ultimi quarant’anni. Tra questi Nicola Iorio ed Enrico Orsenigo hanno ricoperto ruoli fondamentali nelle più importanti sussidiarie di PFH: Venice S.p.A. e VEI Green. Il figlio di Meneguzzo, Jacopo, è un altro dei nomi sui quali si punta in Palladio per un futuro sempre più ambizioso e di successo.

Prevedere il futuro del mercato finanziario non è possibile per chi non mastica numeri, grafici e quotazioni da quando era ragazzo. Ma per Roberto Meneguzzo questo è stato il pane quotidiano per quarant’anni e se c’è qualcuno che può fare investimenti audaci e incoraggiare la nuova generazione di manager, quello è l’imprenditore vicentino che nel 1980 fondò una piccola società dedita alla private equity.

Continua a leggere

I più letti