1

Canale Monterano, Bettarelli riconfermato sindaco

Riconfermato Sindaco di Canale Monterano Alessandro Bettarelli con la sua lista civica “Progetto locale”, l’unica in corsa nel piccolo Comune di poco più di 4 mila abitanti, nella “maremma laziale” confinante con Oriolo Romano, Blera, Tolfa e Manziana. Già domenica in serata, i risultati davano Bettarelli vittorioso: superata la soglia del 40 per cento e scongiurato dunque il commissariamento.

Condivisione arriva da parte del consigliere regionale Emiliano Minnucci:”Intanto festeggiamo la riconferma di un bravo Sindaco. Si tratta di Alessandro Bettarelli, a Canale Monterano. Una sola lista presentata sia per le spaccature interne alla minoranza uscente, sia per la oggettiva difficoltà di proporre qualcosa di alternativo all’ottimo lavoro fatto dall’Amministrazione in carica. Oggi, dunque, per dare il via alla festa, si attendeva solamente il raggiungimento del quorum fissato al 40% degli aventi diritto al voto. Tale soglia è stata già superata poco fa e, ne sono certo, nelle prossime ore i canalesi continueranno a legittimare sempre di più questo successo, continuando a recarsi alle urne. W il Sindaco Bettarelli! W Canale Monterano!”




Canale Monterano, quest’anno niente Presepe Vivente: una grande perdita per il turismo e per l’intero territorio del Lazio

CANALE MONTERANO (RM) -Brutta notizia per Canale Monterano e per i migliaia di turisti che avrebbero potuto visitare le sue bellezze. Purtroppo il meraviglioso presepe vivente di Canale Monterano, quest’anno, non si farà.

Ci sono poche forze lavoro e la gente che si dedica è poca

I fondi pubblici non sono molti e insomma è più l’impresa che altro. E la remissione economica è dietro l’angolo. Peccato, peccato perché il presepe vivente di Canale Monterano, l’anno scorso come del resto in questi sette anni, ha portato tantissimo nuovo turismo, visitatori e curiosi da ogni parte del Lazio e anche da fuori regione.

CLICCARE SULLA FOTO PER GUARDARE IL VIDEO SERVIZIO

Il sindaco di Canale Monterano Alessandro Bettarelli, il presidente della Contrada Carraiola Manuele Magagnini e il responsabile del presepe vivente medioevale Riccardo Rabbai a Officina Stampa dello scorso 27 dicembre per presentare il presepe vivente edizione 2018

L’anno scorso un contributo tra Regione e Comune di circa 6 mila euro aveva dato respiro all’associazione culturale Nobile Contrada Carraiola che organizza lo splendido evento

“Per rifarlo – dice il Presidente Manuele Magagnini – c’è bisogno di un investimento che punti a valorizzare questa grande opportunità turistica. Servono infrastrutture, corrente, strade. Si tratta di un evento che costa intorno ai 30 mila euro. Ma la manifestazione è cresciuta e ora le poche risorse umane ed economiche a disposizione non bastano più. Se il Comune e la Regione si facessero carico dell’evento allora sarebbe un’altra storia. Si potrebbe ripartire con più entusiasmo e anche i volontari sarebbero più numerosi e disposti a mettersi in gioco. Anche il campanilismo tra contrade va superato. Speriamo che quest’anno di stop, in cui il Presepe non ci sarà, serva da riflessione per tutti, a partire dalla Regione per arrivare a tutti i cittadini di Canale. Con la nostra cornice naturalistica abbiamo dimostrato che è possibile realizzare iniziative importanti, apprezzate e che portano ricchezza al nostro territorio”.

CLICCARE SULLA FOTO PER GUARDARE IL VIDEO SERVIZIO

Il video servizio

L’associazione ha comunicato lo stop per quest’anno su Facebook. Ecco la nota:

“A malincuore dopo sette anni ci spiace comunicare che quest’anno il presepe non si farà. Sette anni dove ce l’abbiamo messa veramente tutta per ridar vita all’antico abitato di Monterano, che ormai da troppo tempo rimaneva inutilizzato, convinti che dietro l’evento presepe ci potesse essere un reale modello di sviluppo per il nostro amato paese ed un futuro per i nostri ragazzi.
Sette anni dove abbiamo gettato il cuore ben oltre l’ostacolo, superando più volte i nostri limiti; nella consapevolezza di provare a dare lustro a questo luogo, fortemente identitario per noi e per tutti i canalesi. Siamo partiti da niente, proprio per dimostrare che a volte l’impossibile può diventare possibile, basta volerlo. Grazie ai nostri volontari, abbiamo ricreato le condizioni, sia materiali che non, per far apprezzare Monterano ad un pubblico che non rimanesse circoscritto ai nostri confini; ricordiamo su tutti il riconoscimento a Luogo del Cuore FAI. In sette anni ne abbiamo tentate sicuramente di ogni e se oggi Monterano è tornato nuovamente ad essere così apprezzato, ci piace pensare (almeno a noi) che forse una parte del merito possa essere riconducibile anche alla nostra associazione. Sette anni dove con ogni mezzo abbiamo provato a far passare il messaggio che il presepe non è della Carraiola, così come non lo è Monterano, e sta a tutti (o almeno a coloro che lo hanno a cuore quanto noi) saperlo valorizzare e promuovere, proprio perché rappresenta un “ bene paese” che dovrebbe andare ben oltre i campanilismi di turno. Oggi però è un altro giorno, quello della consapevolezza. Consapevolezza amara di un gruppo di sognatori che si rende conto che nulla dura per sempre, e l’entusiasmo da solo non basta più per realizzare un evento di tale portata. Consapevolezza di chi si rende conto che le sole promesse non bastano più, abbiamo voluto crederci per sette anni. Consapevolezza di chi si rende conto che forse il nostro paese ha ben altre priorità al momento. Ed allora eccoci qui oggi, con un nodo alla gola, a darvi la notizia che non avremmo mai voluto dare: “quest’anno il presepe non si farà”; con la speranza che possa essere solo un arrivederci e non un addio. Un’ultima precisazione, questo post non sta puntando il dito contro qualcuno o qualcosa, non è nel nostro stile, non l’abbiamo mai voluto fare e non inizieremo ora. Ci interessa molto di più il bene del paese e della nostra comunità e non crediamo sia questo ne il mezzo ne il luogo per affrontare le criticità che ci hanno portato a questa decisione. Per questo vi chiediamo di evitare sterili polemiche in tal senso. Siamo però altrettanto convinti, che sia giusto, come abbiamo sempre fatto, rendervi partecipi delle nostre decisioni e delle nostre attività. Per chiunque avesse bisogno di ulteriori informazioni, il 27 ottobre, come da regolamento, si rinnoverà il Cda, sarà quella l’occasione per raccontare quanto fatto fin qui e rispondere a tutte le vostre domande.
Grazie a tutti, ad maiora! Il presidente Manuele Magagnini, Il segretario Elvino Pasquali, Il cda tutto Ass. Cult. Nobile Contrada Carraiola




Canale Monterano, nell’antico borgo torna il Presepe Medioevale. Bettarelli: “La Regione Lazio sancisce il rilievo che ha assunto l’iniziativa”

CANALE MONTERANO (RM)  – Pochi giorni ancora al via della VII edizione del Presepe Medioevale a Monterano, ormai una delle manifestazioni più riuscite ed apprezzate del territorio in periodo natalizio.

Il 26 e 30 dicembre 2018 e il 6 gennaio 2019, dalle ore 15.00 alle ore 19.00, l’antico borgo abbandonato, sarà nuovamente location d’eccezione per la rappresentazione della Santa Navità, contornata dalla rievocazione storica accurata della Monterano di fine 1400, con artigiani, botteghe, rievocazioni d’armi e spettacoli dal vivo. Non mancheranno assaggi di prodotti tipici locali per quello che sarà un vero e proprio tuffo nel passato in una delle città morte più famose d’Italia.

Il Presepe Vivente di Monterano, organizzato dall’associazione Nobile Contrada Carraiola con il patrocinio di numerosi enti, tra cui il Comune di Canale Monterano, quest’anno ha ottenuto anche il riconoscimento e il contributo del Consiglio Regionale del Lazio.

“Un attestato importante, che corona il lavoro fatto dalla nostra associazione in questi ultimi anni – commenta Elvino Pasquali, Segretario dell’associazione Nobile Contrada Carraiola e curatore dei progetti – e testimonia che perseveranza ed abnegazione per una buona causa alla fine pagano sempre. Sette anni fa tutto è partito dalla voglia di scommettere sulla meravigliosa Monterano, e, a giudicare dall’inaspettato successo ottenuto in così pochi anni, possiamo dire di aver colto nel segno”.

“La nostra associazione – aggiunge Manuele Magagnini, Presidente dell’associazione Nobile Contrada Carraiola – è ormai da tempo impegnata nella promozione sociale del nostro paese e nella conservazione e valorizzazione del nostro patrimonio storico-culturale e da anni porta avanti tante iniziative, ma sappiamo bene che per la caratura che ha raggiunto nel tempo il Presepe il solo volontariato non è più sufficiente. Ringraziamo quindi, l’Amministrazione Comunale per aver creduto in questo progetto, il Consiglio Regionale del Lazio per la fiducia concessaci nel finanziarlo, la locale Università Agraria e la Riserva Naturale Regionale Monterano per averci dato la possibilità in questi anni di realizzare questo nostro piccolo sogno e quanti finora ci hanno sostenuto e a quanti vorranno ancora farlo in futuro.”

“È la prima volta – spiega il Sindaco di Canale, Alessandro Bettarelli – che la Regione Lazio contribuisce alla realizzazione di questa manifestazione nell’ambito delle sue attività di programmazione a sostegno delle tradizioni laziali. È un segnale importante, che sancisce il rilievo che ha assunto l’iniziativa e la credibilità del progetto che Comune e Contrada Carraiola hanno presentato in Regione per consolidare ed ulteriormente arricchire la manifestazione. L’obiettivo, ovviamente, non è solo la valorizzazione dell’iniziativa specifica, ma coinvolge tutto il piano di rivalutazione dell’Antico Abitato di Monterano, dal quale arriveranno a breve i primi importanti effetti”.




Canale Monterano, obiettivo turismo: al via i lavori di riqualificazione dell’arredo urbano

CANALE MONTERANO (RM) – Grande soddisfazione per l’avvio dei lavori della Rete di Imprese “Canale Monterano Parco del Cinema”, la sinergia tra commercianti, imprese, Amministrazione Comunale vincitrice del bando regionale “Reti di Imprese tra Attività Economiche su Strada” e finanziata lo scorso Agosto dalla Regione Lazio con 100 mila euro.

Dopo la costituzione formale della Rete e i successivi atti amministrativi necessari, il posizionamento di circa trenta fiorire nei corsi principali di Canale e Montevirginio ha dato il via alle azioni di riqualificazione dell’arredo urbano con un tocco di colore e bellezza. Il progetto vede la partecipazione di 41 operatori economici locali, ha come obiettivo la promozione turistica del territorio comunale e tema dedicato a Canale come location importante di grandi opere della cinematografia italiana e internazionale.

“Raccogliamo – ha dichiarato la Presidente della Rete d’Imprese, Anna Di Biagio – i primi frutti del lavoro svolto nei mesi scorsi, lavoro che è stato faticoso ma proficuo, considerato che è la prima volta che i commercianti di Canale e Montevirginio si uniscono per promuovere le proprie attività e, nel contempo, l’immagine del territorio. Speriamo che questo progetto serva a incentivare le attività commerciali nel nostro paese”.

“L’obiettivo era quello di unire le forze – commenta l’Assessore al Turismo, Andrea Magagnini, che ha seguito il progetto per l’Amministrazione Comunale – per creare e costruire un’immagine comune del territorio e del mondo del commercio che lo caratterizza, attraverso una politica di marketing non più calata dall’alto, ma condivisa da tutte le realtà imprenditoriali del territorio. Questa era la finalità della costituzione della Rete e questo è ciò che stiamo realizzando. Il risultato è lo sviluppo di un’immagine comune e forte del territorio, con tutto ciò che lo contraddistingue che va dal turismo al commercio, dall’artigianato alle produzioni tipiche, usando come veicolo promotore le tante produzioni cinematografiche nelle quali il nostro comune è stato protagonista”.

“In questi due primi anni di mandato – ha dichiarato Alessandro Bettarelli, Sindaco di Canale Monterano – ci siamo attivati per incentivare il turismo e molto è stato fatto. Tra i risultati più evidenti il ritorno delle produzioni cinematografiche a Monterano e la ricaduta promozionale derivante, nonché l’aumento degli introiti da diritti, che a questi livelli non abbiamo mai avuto. Ma il risultato migliore è stato vedere tanti operatori commerciali, artigiani, piccoli imprenditori, lavorare insieme per migliorare il proprio paese, lo spirito collaborativo che ha invaso le varie realtà territoriali. In molti hanno capito che l’arroccamento su singole posizioni, il fai da te, non porta a nulla e che occorre puntare sulla cooperazione attuabile attraverso progetti condivisi, i soli che possono davvero far crescere il paese.”

La collaborazione della Rete, tuttavia, non finirà qui. “Stiamo realizzando – conclude l’Assessore Magagnini – le altre opere di riqualificazione dell’arredo urbano, un logo della rete e, grazie alla collaborazione con la società SL&A stiamo progettando un anno di promozione turistica basata su Canale Monterano come location fondamentale della cinematografia italiana ed internazionale, che ci aspettiamo porterà beneficio alle attività commerciali e ricettive del nostro comune”.




Canale Monterano, chiusa la “tre giorni” maltese. Il Sindaco Bettarelli: “Il gemellaggio con Qala grande occasione per le nostre due comunità”

CANALE MONTERANO (RM) – Si è conclusa ieri notte la “tre giorni” maltese per il Comune di Canale Monterano, che dal 30 aprile al 2 maggio scorso è stato impegnato sull’isola di Gozo per la firma del Protocollo d’Intesa per il gemellaggio con il Comune di Qala.




CANALE MONTERANO: ANCHE IL PRESIDENTE LEODORI PER IL PUNTO SULLA VARIANTE GENERALE AL PRG DEL 2000

Redazione

Canale Monterano (RM) – Vivo e partecipato l’incontro di ieri mattina presso la Sala Natili per fare il punto sulla Variante al PRG. Preziosi gli interventi di Daniele Leodori (Presidente del Consiglio Regionale del Lazio), Marilina Foschini (Tecnico incaricato per la Variante) e Paolo Bianchini (Vice segretario PD Lazio) che hanno gentilmente preso parte alla discussione. Il Presidente Leodori ha ricordato come la Giunta Zingaretti, oggi ad esattamente due mesi dall’insediamento, abbia subito affrontato il tema urbanistico con due provvedimenti che si spera possano essere chiusi entro un anno: il Testo Unico sull'urbanistica, per mettere ordine in un settore che vede la presenza contemporanea di 72 leggi, per ridurle invece ad un unico testo di riferimento, e l’approvazione definitiva del Piano Paesistico Regionale. Leodori ha portato la sua esperienza di ex amministratore comunale (è stato sindaco di Zagarolo per un decennio) per evidenziare come l’urbanistica deve avere paletti e regole certe, onde evitare che enti, comuni e uffici diversi interpretino a loro modo fattispecie simili sul territorio laziale. Leodori ha poi invitato l’Amministrazione comunale a fare tutto il possibile per chiudere la Variante in itinere prima di passare ad altri provvedimenti, così da dare la giusta continuità istituzionale all’urbanistica canalese. Il vicesegretario del PD laziale, Paolo Bianchini, ha invece sottolineato come il nostro territorio, quello sabatino e della Tuscia Romana, sia tanto bello quanto delicato. Intervenire nell’urbanistica dei nostri comuni è quindi difficile e complicato.

Serve partecipazione e uno sguardo d’insieme per non cadere in facili interventi spot che trascurino la necessaria pianificazione generale. Sia Leodori che Bianchini hanno assicurato la vicinanza della Regione Lazio al “caso” canalese. Molto apprezzato anche l’intervento dell’architetto Marilina Foschini, estensore della Variante, che ha ricordato la grande attenzione che all’epoca fu data al rapporto uomo-ambiente, pensando sì alle esigenze abitative dei cittadini, ma anche a quelle “perle” di Canale e Montevirginio come la Riserva, Stigliano e l’eremo di Montevirginio, che venivano identificati come strategici volani di sviluppo futuro. Il punto di vista del gruppo consiliare “Esperienza e Rinnovamento” è stato esposto dal capogruppo Antonio Paolo Mascia che ha ricordato come nonostante la Variante del 2000 sia uno strumento urbanistico già vetusto, rimane l’unico documento “reale” e “legale” disponibile di pianificazione territoriale. Mascia ha infatti ricordato come l’attuale Amministrazione Comunale abbia fallito sia nel progettare un nuovo PRG, sia con la cosiddetta “Variante Gangitano”, bocciata a più riprese dagli organi di controllo della Regione Lazio. 

Il consigliere comunale Alessandro Bettarelli, moderatore dell’incontro, anche lui al gruppo “Esperienza e Rinnovamento”, ha aggiunto come quella del 2000 non sia la Variante della vecchia amministrazione, ma la Variante dei tanti cittadini che da oltre 10 anni aspettano che le istituzioni consentano loro di dare una casa ai propri figli. Vari gli interventi del pubblico intervenuto. Da notare quelli dell’ex sindaco Marcello Piccioni, che ha fatto una puntuale cronistoria dell’iter della Variante fino al 2011, dell’arch. junior Giuliano Gangitano, consulente urbanistico dell’Amministrazione Comunale (il sindaco Angelo Stefani si è trattenuto solo pochi minuti per salutare il presidente Leodori per altri impegni), che ha detto come l’Amministrazione non sia preventivamente contraria alla Variante, ma che in questi due anni ha cercato anche altre strade, e di Daniele Natili, studioso di usi civici, che ha giustamente ricordato come la Regione Lazio per chiudere definitivamente l’iter della Variante chieda all’Amministrazione Comunale la sola sistemazione di pochissimi terreni ricadenti nella Variante e ancora appartenenti al demanio civico del Comune o dell’Agraria. Una semplice perizia di un perito demaniale per soddisfare le legittime aspettative di tante famiglie che aspettano da 13 anni.




CANALE MONTERANO, DIMISSIONI "SPONTANEE" O "SPINTANEE" DEL SEGRETARIO COMUNALE?: IL SINDACO INVITO' IL SEGRETARIO AD "ALLINEARSI"

Redazione

 

[ LETTERA DEL SINDACO ANGELO STEFANI INDIRIZZATA AL SEGRETARIO COMUNALE MAURIZIO DI FIORDO ]

 

Canale Monterano (RM) – Riceviamo e pubblichiamo la nota dei Consiglieri Antonio Paolo Mascia e Alessandro Bettarelli del gruppo consiliare di minoranza al Comune di Canale Monterano “Esperienza e Rinnovamento”

Ecco la nota:

"Gentilissima Direttore, 
abbiamo letto con vivo interesse il vostro articolo sul Consiglio Comunale straordinario di Canale Monterano del 6 novembre scorso. Nel complimentarci per l’ottimo lavoro d’informazione svolto dal suo giornale, non solo a Canale, ma in tutto il territorio regionale, vorremmo tornare ad un momento della seduta in questione per evitare che dubbie interpretazioni possano nascere in chi legge e completare l'informazione per i cittadini.  Dibattendo il punto all’odg – (durante il consiglio comunale dello scorso 6 novembre) – riguardante le dimissioni del segretario comunale, la consigliera di maggioranza Serena Mosti chiedeva al consigliere Alessandro Bettarelli  “Se le motivazioni da lui esposte fossero o meno frutto di interpretazione oppure estrapolate da documenti e fonti certe”, lasciando neanche troppo velatamente intendere che le nostre ragioni fossero frutto di sola elucubrazione mentale e non basate su fatti ed elementi oggettivi. Bene, la lettera che inviamo a L’osservatore laziale, perché sia pubblicata, è dell'agosto scorso e successiva ai due interventi del segretario (ricordati in Consiglio) che prendevano le distanze da atti compiuti dall’Amministrazione Comunale e dal suo Ufficio Urbanistica. Crediamo che la lettera del sindaco all’ormai ex segretario comunale sia abbastanza eloquente e valga, da sola, una risposta esauriente alla consigliera Mosti, che evidentemente non ne era a conoscenza. Frasi come: “Se la linea politica e di gestione, adottata dal sottoscritto e dall’Amministrazione, non dovessero corrispondere a sue precise aspettative può valutare l’opportunità di eventuali alternative collocazioni” non hanno bisogno di ulteriori commenti.

Per completare il quadro su ciò che è avvenuto in questi mesi all’Urbanistica comunale, facciamo presente infine ai lettori del vostro giornale che, prima di “far valutare eventuali alternative” al Segretario, l’Amministrazione Stefani aveva provveduto anche a eliminare la Commissione Edilizia comunale e a spostare ad altro incarico i due “storici” dipendenti comunali dell’Ufficio Urbanistica per sostituirli con due consulenti esterni."

ARTICOLI PRECEDENTI:

08/11/2012 CANALE MONTERANO, CONSIGLIO COMUNALE STRAORDINARIO: PINOCCHIO E IL PAESE DEI BALOCCHI
02/11/2012 CANALE MONTERANO, IL 6 NOVEMBRE CONSIGLIO COMUNALE STRAORDINARIO SULLE DELIBERE CHE INTERESSANO LA RISERVA

  24/10/2012 CANALE MONTERANO, INVIATA A TUTTI I DESTINATARI LA PETIZIONE "VIVA LA RISERVA NATURALE DI CANALE MONTERANO”

  19/10/2012 CANALE MONTERANO, I VERDI TIRANO DRITTO: CHE IL COMUNE ANNULLI SUBITO LA DELIBERA DEL 9 AGOSTO 2012"

  17/10/2012 CANALE MONTERANO, DELIBERE "FAI DA TE": LA REGIONE POTREBBE CONTESTARE AL COMUNE ANCHE LA DELIBERA DEL 9 AGOSTO

   16/10/2012 CANALE MONTERANO, LA REGIONE FA TREMARE LA GIUNTA STEFANI

  08/10/2012 CANALE MONTERANO, GIU' LE MANI DALLA RISERVA: I VERDI CHIEDONO L'ANNULLAMENTO IN SEDE DI AUTOTUTELA DELLA DELIBERA CHE LASCEREBBE SFOGO AL PIANO CASA

  25/09/2012 CANALE MONTERANO, L'OSSERVATORE LAZIALE INVITA TUTTI I CITTADINI DEL LAZIO A FIRMARE LA PETIZIONE

21/09/2012 CANALE MONTERANO, INTERPRETAZIONI DEL PIANO CASA E POSSIBILI EFFETTI NEFASTI
19/09/2012 CANALE MONTERANO, NATILI: ECCO IL PERCHE’ LA NOSTRA RISERVA VERREBBE GRAVEMENTE COMPROMESSA
19/09/2012 CANALE MONTERANO, RISERVA NATURALE O PARCO DEL MATTONE?
18/09/2012 CANALE MONTERANO, LO SPETTRO DEL "PIANO CASA" SULLA RISERVA NATURALE