1

Bagno di Folla per Bruno Astorre all’ex Consorzio. Il senatore Pd: “Anguillara governata da un sindaco condannato. Vergogna!”

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Bagno di folla per il senatore Bruno Astorre ad Anguillara Sabazia. Il senatore  è in pole position per la segreteria regionale del Partito Democratico del Lazio. Una persona che riesce a colpire la pancia delle persone e ad avere ancora fiducia nel PD che in questi tempi non gode particolarmente di larghi consensi.

Pienone all’ex Consorzio

Eppure ieri, all’ex Consorzio della città sabatina c’erano tantissimi cittadini dell’intero circondario a partire da Anguillara, Trevignano, Bracciano, Allumiere, Oriolo Romano, Campagnano, Civitavecchia, Fiumicino e i piccoli paesi del circondario della provincia di Roma Nord.

Astorre si è presentato con una squadra tutta al femminile, donne motivate che da sempre sono presenti sul territorio e fanno “azioni concrete”, hanno ribadito, “senza prima annunciarle sul web”.

In sala, tra i tanti amministratori e non del Partito Democratico dell’area, c’era l’ex sindaco di Anguillara Sabazia Francesco Pizzorno, l’ex assessore Enrico Stronati, il consigliere comunale Silvio Bianchini.

 

Le donne sul territorio

Le donne, Michela Califano, Lucia Bianchini, Barbara Dominici, Sabrina Telloni, Mariella Camilletti, Cinzia Caccia, hanno sottolineato l’importanza di tre parole che poi sono lo slogan della campagna elettorale di Bruno Astorre: unità, umiltà e umanità. Tre termini a cui Astorre da un’importanza fondamentale.

Le cinque donne candidate hanno ribadito che “da soli non si va da nessuna parte” che bisogna essere presenti, vicino alle persone e questo è il Pd sano che deve riconquistare il proprio elettorato. Un partito fondato sui valori della solidarietà, accoglienza e integrazione in stretta correlazione con la sicurezza.

Un partito che deve salvaguardare le piccole e medie imprese. Il programma di Astorre è chiaro al riguardo: “Vinceremo tanto a poco – ha detto il senatore Pd – ma sempre con rispetto e volontà di collaborazione con gli avversari. Però vinceremo tanto a poco!”.  Astorre ha poi ringraziato di vero tutti i presenti, in particolar modo Paolo Bianchini: “Sempre al mio fianco – ha detto – si mette sempre in disparte agli ultimi posti ma è lui il motore di questo territorio!”.

Del consigliere Silvio Bianchini, Astorre ha detto che è un consigliere con valori autentici che crede fortemente nella politica sana e costruttiva.

“Tornare vicino alle persone, con umiltà”

“Negli ultimi tempi abbiamo peccato di umiltà, non abbiamo ascoltato certi segnali – ha proseguito Astorre – e abbiamo fatto diversi sbagli tra cui il referendum delle Trivelle (costato 300 milioni di euro) e che ha visto il governo Renzi distante dai lavoratori, quelli che operano sulle piattaforme. E poi basta questa disgregazione, qualunque segretario del Pd è stato criticato, ci vuole unità, ci vuole unità. Se viene eletto segretario va sostenuto e senza creare le solite spaccature interne”. Infatti, il referendum sulle trivelle che ha citato ieri Astorre non è stato altro che il frutto di guerre intestine soprattutto ad opera di quei consiglieri e quei pochi governatori regionali “dissidenti” che hanno cavalcato il referendum per una conta interna al Pd per poi ottenere un pugno di mosche.

 

“Anguillara Sabazia governata da un sindaco condannato”

E le “sconfitte” hanno lasciato spazio a chi la politica la fa dietro la tastiera: “Anguillara Sabazia è governata da un sindaco condannato e da consiglieri in odore di indagini. Ecco i Cinque Stelle! E’ una vergogna!”.

Alle “convenzioni di circolo” del Pd regionale la mozione senatore di Areadem, sostenuto anche da chi fa riferimento al governatore del Lazio Nicola Zingaretti, ha ricevuto il 60,59 per cento delle preferenze, per un totale di 9.191 voti.

Gli sfidanti Claudio Mancini, più vicino a Orfini, e Andrea Alemanni, della componente Rughetti-Richetti, si sono fermati a 4.886 voti, il 32,21%, e 1.091 voti, 7,19%. Astorre ha vinto anche nei circoli di Roma: 1.610 preferenze, il 43,86% del totale, su Mancini, fermo a 1.519 voti, il 41,38%, e Alemanni con 542 voti, 14,76%.

Il primo dicembre potranno votare tutti i cittadini, anche chi non è tesserato Pd! La prossima decisiva partita – ha comunicato di recente Astorre – si giocherà ai gazebo con le primarie aperte. Un grande esercizio di democrazia e partecipazione che, al di là delle diverse mozioni, riunirà il popolo del Pd sotto la stessa bandiera, per dare il via a un nuovo cammino con unità, umanità e umiltà. Dal giorno dopo, tutti insieme per il Partito democratico, contro la pessima amministrazione del sindaco Raggi e del Governo del fallimento”.




Anguillara Sabazia, Manciuria: “Ufficio condono allo sbando. Indispensabile un progetto trasparente e risolutivo”

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – “La gestione in house del condono edilizio voluta dalla diversamente amministrazione Anselmo all’indomani dell’arbitrato con la concessionaria Sogeea Spa, è ufficialmente allo sbando. Sindaca e giunta hanno superato loro stessi con la destituzione del tecnico, lasciato solo e senza alcuna formazione di supporto quale responsabile dell’istruttoria sanatorie, assegnato dall’oggi al domani alla verifica del controllo del territorio con buona pace dei diritti dei cittadini in attesa della conclusione amministrativa della propria istanza”. Commenta così il Presidente di AnguillaraSvolta Sergio Manciuria, la comunicazione del 12 novembre a mezzo mail del tecnico comunale assunto e incaricato nel mese di aprile per l’espletamento del Servizio Condono Edilizio.

“Una scelta senza soluzione apparente – prosegue nel ragionamento Manciuria – dal momento che l’Area Tecnica non ha pubblicato una determina per la ridistribuzione dei compiti gestionali e risulta carente in funzione della mole di lavoro quotidiana. A meno di assegnare o raccomandare alla chetichella le singole istanze agli altri tecnici comunali già oberati delle più disparate pratiche urbanistiche, con un sussulto di trasparenza l’Assessore all’Urbanistica individui un progetto, con nuove modalità e responsabili, per lo snellimento e semplificazione della procedura”.

“L’ufficio propaganda a (fase alterne) cinque stelle – al quale consigliamo un corso accelerato nella lingua madre – ed il pietismo di una sindaca scesa a percentuali ad una cifra dal punto di vista del consenso e fiducia dei cittadini, piuttosto di comunicare il nulla assoluto in termini di soluzioni di problemi prioritari quali carenza d’acqua, manutenzione strade e sicurezza scuola per citarne solo alcuni, si preoccupi, insieme ai consiglieri delegati, tanto del contenzioso milionario instaurato con Sogeea Spa, quanto di far introitare quelle somme che potrebbero rappresentare una svolta per tutte le promesse di 30 mesi di amministrazione disastrosa. Dopotutto – conclude Manciuria – anche una caricatura fumettistica dell’artista Quino, cioè Mafalda, sostiene che per le belle parole basta il vocabolario, mentre per risolvere le difficoltà si esigono i fatti “.




Anguillara Sabazia, Manciuria su sicurezza scuole: “Casellario no, ma su Agibilità Anselmo sia coerente”

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – “L’ordinanza di archiviazione sbandierata dalla sindaca Anselmo rasenta il ridicolo, come suo solito altera i concetti a proprio uso e consumo per nascondere – lei tutt’ora sospesa in attesa di giudizio da parte del Movimento – contraddizioni e incapacità amministrative insite della propria azione di governo: parole al vento, dal momento che a tutt’oggi i plessi scolastici di Anguillara sono privi di vulnerabilità sismica e conseguente agibilità. E questo nonostante le false promesse di chiuderle, in caso di assenza, pronunciate in campagna elettorale”.

Commenta così Sergio Manciuria, Presidente di AnguillaraSvolta, la pubblicazione della decisione del Gip che dispone l’archiviazione per il reato ex 328 Cpp che riguarda rifiuto o omissione in atti d’ufficio.

Anguillara, verifica vulnerabilità sismica scuole: il Comune rimanda. Manciuria pronto alla denuncia

“Dalla lettura del dispositivo – rileva il referente sabatino – appare evidente che i presupposti per la prosecuzione delle indagini contenute nei capi 1 e 3 avrebbero potuto perfezionarsi solo attraverso una formale messa in mora per non aver risposto nei termini (alla faccia della tanto decantata trasparenza del Movimento), mentre sulla vulnerabilità sismica – della quale il “preparatissimo” sindaco pentastellato non conosceva l’esistenza sino alla personale richiesta di accesso atti risalente al settembre 2016 (successivamente la tragedia di Amatrice) – essendo attività istruttoria estremamente complessa non può certo essere ultimata nei tempi richiesti (trenta giorni).

Purtroppo per la malcapitata e strepitante diversamente amministrazione, noi apprendiamo velocemente e in data 26 Ottobre 2018 prot. 35342 abbiamo presentato nuova istanza di accesso atti con messa in mora, atteso che il Giudice in questa eventuale nuova occasione non potrà fare a meno di verificare che sono decorsi ben 20 mesi dalla prima determina (DD 319 del 13 Dicembre 2016) revocata per accatastare gli immobili, e oltre 12 mesi dal conferimento incarico (DD 408 del 26 Ottobre 2017).

“Sorvolando sulle fasulle promesse elettorali – continua l’esponente politico – ancora una volta evidenziamo l’uso della menzogna sulle effettive azioni del sottoscritto, confermando che è facile dimostrare la prima verifica sulla agibilità delle scuole risalente addirittura al 23 Settembre 2013. Piuttosto, invece di lasciare i glutei rigorosamente incollati alle poltrone “senza se e senza ma” qualcuno, da bravo adepto rispettoso del regolamento M5S sulle condanne passate in giudicato dovrebbe, coerentemente alle sue idee, promuovere la sfiducia.
E farebbe ancora meglio a pubblicare le sortite con volantini subdoli, risalenti solo al 2015 (come se i problemi della scuola prima non fossero all’ordine del giorno) che gli hanno fruttato lo scranno. Siamo certi che costui mentirebbe anche di fronte alla vergogna assoluta di rileggere ciò che dichiarava pubblicamente.

Come sostiene un proverbio Zen – conclude Manciuria– se hai ragione non hai bisogno di gridare. Come fu nel caso dell’annuncio della pubblicazione del casellario (contenuto nel fascicolo di indagine) mai avvenuta, l’unico modo di smentire sulla sicurezza è pubblicare oggi stesso l’esito delle vulnerabilità sismica e l’agibilità dei plessi scolastici di Anguillara”.




Anguillara Sabazia, gestione acquedotti: Bianchini (Pd) presenta una mozione

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Mozione ad Anguillara Sabazia per impegnare il Sindaco e la Giunta ad un maggiore controllo e trasparenza sulla potabilità degli acquedotti. “Non è possibile che ci sono continue Ordinanze di non Potabilità per carenza gestionale degli impianti e che queste vengono comunicate solo a valle delle Analisi della ASL. – Ha detto Silvio Bianchini, consigliere comunale del Pd che ha presentato la mozione nella mattinata di oggi. – Pertanto – prosegue Bianchini – è necessario che l’ Amministrazione utilizzi tutti gli strumenti in suo possesso per controllare la qualità dell’acqua immessa in rete a tutela della Cittadinanza tutta.”

#2016 dal faccia a faccia pre ballottaggio

Nella mozione si chiede:

1. ad adoperarsi affinché sia assicurata una più costante qualità dell’acqua erogata dagli acquedotti comunali;

2. ad effettuare controlli interni, tramite la ditta appaltatrice – se esistente – o tramite gli Uffici comunali, almeno una volta al mese e a rendere pubbliche su tutti i canali informativi (sito web, social network, stampa locale, manifesti nei maggiori luoghi di aggregazione, etc) tutte le analisi delle acque di tutti gli acquedotti comunali (provenienti sia dai controlli interni anzidetti, sia da quelli esterni);

3. ad accelerare la procedura di individuazione di un operatore economico cui affidare l’installazione dei 5 erogatori automatici di acqua microfiltrata che possano, quanto meno, consentire alla cittadinanza di approvvigionare acqua potabile in caso di ordinanza di non potabilità;

4. a disporre la modifica della fattura idrica affinché sia prevista, nella stessa, l’informazione in merito al nome dell’acquedotto comunale cui l’utenza risulta connessa;

5. a disporre la definizione di una procedura amministrativa volta al riconoscimento, in via compensativa, della riduzione del 50% della quota fissa della fattura per il semestre in cui si determina la condizione di mancata potabilità dell’acqua;

6. a rendere note le necessarie informazioni alla cittadinanza per poter accedere a tutte le informazioni concernenti l’acqua destinata al consumo umano.




Anguillara Sabazia, 18 agosto lutto nazionale: un minuto di silenzio e poi tutti alla sagra “patrocinata” del Fregnaccio

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Lutto nazionale, 18 agosto 2018. In segno di rispetto per il disastro di Genova, nel giorno in cui si sono svolti i funerali delle vittime del crollo del ponte Morandi anche l’amministrazione comunale di Anguillara Sabazia come tante altre presenti nel territorio del lago di Bracciano, come il comune di Trevignano Romano, ha deciso di annullare tutti gli eventi e le manifestazioni in programma. Proclamato in rispetto delle vittime del ponte Morandi, nel giorno dei funerali di Stato di diciotto persone, Una decisione apprezzabile, indipendentemente dalle polemiche che, ogni volta un evento provoca tante perdite, vengono sollevate.

Provvedimenti presi  dalla maggior parte dei comuni d’Italia

Particolarmente in questo periodo in cui molti paesi, in particolare nelle zone turistiche, sono impegnati in sagre e feste, il buon senso dovrebbe indurre gli organizzatori a esimersi dal portare in piazza canti, balli, spettacoli di arte varia. Conformemente alla proclamazione, gli amministratori dei comuni del territorio sabatino, hanno tutti sospeso, così come appare nei portali istituzionali, le attività ludiche, artistiche e culturali organizzate per la giornata.

Un minuto di silenzio durante la sagra del Fregnaccio in ricordo delle vittime di Genova

Ma nel momento del grande dolore e di solidarietà verso le famiglie delle vittime e dei feriti di Genova è sembrato quantomeno inopportuno non rinviare un evento patrocinato dal Comune di Anguillara Sabazia, lasciando spazio ad una festa organizzata dal “Rione La Valle” che addirittura sulla pagina del social network Facebook, l’unico spazio al cordoglio è uno striminzito messaggio “Il Rione La Valle si unisce alla popolazione genovese e, in occasione della V° edizione della Sagra del Fregnaccio, osserverà un minuto di silenzio in ricordo delle vittime. L’evento verrà svolto regolarmente per volontà dell’associazione.” Peccato però che, nello stesso momento, con il patrocinio degli stessi comuni, vengono proposte sagre gastronomiche che prevedono, come da programma, sketch teatrali, musica e banchetti. Una decisione, quella di festeggiare comunque nonostante il lutto nazionale, con il goffo tentativo di scolorire le coscienze stabilendo un “minuto di silenzio” come annunciato dagli organizzatori, che ha provocato, tra l’altro, lo sdegno da parte dell’amministrazione comunale, che a tal proposito per mezzo della consigliera Silvia Silvestri ha dichiarato: “L’Amministrazione Comunale di Anguillara Sabazia è vicina alle famiglie vittime del crollo del ponte Morandi a Genova, proprio oggi che è stato proclamato il lutto nazionale. Sono stati annullati gli eventi comunali come, ad esempio, gli appuntamenti della cultura in programma in biblioteca e tuttavia, nonostante l’invito a rimandare l’evento del Rione La Valle, sagra del fregnaccio, […] hanno voluto farlo per loro decisione.”

Se l’Amministrazione ha chiesto, inascoltata, di rinviare l’evento, considerato che lo stesso si fregia del logo comunale, e che i rioni hanno un rapporto particolare col Comune, salvo venire a conoscenza che gli stessi rioni hanno disertato l’istituzionale Sagra del Pesce, forse molte cose andrebbero riviste nel rapporto tra Amministrazione e rioni, per la salvaguardia della credibilità dello stesso Ente. Verrebbe da chiedersi, chi prende le decisioni a Anguillara Sabazia? Com’è possibile che ad un’indicazione precisa dell’amministrazione, quando fa comodo, si risponde infischiandosene? Sarà il caso, a questo punto, di rivedere completamente il rapporto tra amministrazione comunale e rioni?

Lutto e like

Curioso anche il comportamento di chi politicamente sta ai vertici di Anguillara Sabazia e dovrebbe avere una visione omogena, come per esempio la Presidente del Consiglio Comunale Silvia Silvestri che invece di  prendere le distanze, come hanno fatto chiaramente i suoi colleghi, addirittura sabato 18, ha espresso gradimento per l’iniziativa con diversi “LIKE”,  in alcuni  post pubblici apparsi su Facebook.

A questo punto sono diversi i cittadini che si chiedono se sono questi i comportamenti virtuosi da esaltare e se possono portare turismo ad Anguillara Sabazia.

In  un Paese dove quest’anno l’Amministrazione non è riuscita a produrre neanche un cartellone turistico (forse è la prima volta nella storia della città che accade), dove gli operatori del turismo si sono lamentati più volte, come riportato anche in diversi reportage da questo giornale, in questa cornice quale futuro ci si può aspettare per il patrimonio culturale e turistico? Non è possibile concepire un rapporto dove ognuno si muove per proprio conto inascoltando chi ha l’autorità per prendere le decisioni.

Per quanto riguarda la festa, incurante del lutto e delle decisioni prese dall’amministrazione di Anguillara Sabazia potremmo parafrasare la massima latina, ipotizzando che al popolo di Anguillara Sabazia si distribuisce “Fregnaccium et circensis?”

Simonetta D’Onofrio




Anguillara: tutto pronto per la Sagra del Fregnaccio

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Ritorna ad Anguillara Sabazia il 18 e 19 agosto l’attesa “Sagra del Fregnaccio”, giunta alla quinta edizione e divenuta ormai festa istituzionale. Proposta dall’associazione “Rione la Valle”, in collaborazione con l’amministrazione comunale e con la Pro Loco, la manifestazione quest’anno avrà luogo nella suggestiva cornice della piazza del Lavatoio.
Oltre che ad apprezzare il famoso “fregnaccio”, piatto tipico del paese lacustre e che può essere servito dolce o salato nelle più diverse variazioni di ripieno, i visitatori potranno ammirare la splendida coreografia, ascoltare dell’ottima musica che verrà proposta non da un palco, bensì dai numerosi balconi che si affacciano sulla piazza.
Concerti intervallati da siparietti teatrali proposti da attori locali che scenderanno tra gli ospiti seduti ai tavoli e racconteranno episodi divertenti e significativi accaduti nel corso degli anni nel paese, interagendo con il pubblico.
Diverse saranno anche le iniziative sportive dirette sopratutto ai bambini e ai ragazzi.

Si parte dalla gara di pesca destinata ai più piccoli per passare alle dimostrazioni di canoa, SUP, pallanuoto per i più grandi e una esibizione di barche telecomandate.
Inoltre sarà inaugurata la “Via dell’Arte”, che vedrà lo svolgersi di mostre di pittura, scultura, fotografia, di una estemporanea di pittura e di street art con la partecipazione del famoso Moby Dick. Il tutto corredato dal mercatino dell’arte e dell’antiquariato.
La manifestazione di quest’anno si è resa possibile sopratutto grazie al notevole apporto dei giovani che hanno donato nuova linfa all’associazione e che sono i garanti della continuità della storia, delle tradizioni e della cultura del Rione.
Maurizio Mattioli




Anguillara, bonifica a Vigna di Valle: le prescrizioni del Parco fanno “sbottare” il Vicesindaco

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Tecnici, capo area, mezzi del Comune, assessori, polizia locale, gestori, presidente dell’associazione Vigna di Valle, guardiaparco a Vigna di Valle questa mattina per iniziare i lavori di bonifica sul lungolago delle Muse.

Gli operai comunali hanno iniziato a togliere quintali di materiali da scarto lasciati lì dagli incivili: blocchi di cemento, materiali di risulta, barche rotte e altra immondizia lasciata sugli arenili.
Il Parco Regionale di Martignano a causa delle numerose prescrizioni contenute nel nulla osta concesso al comune per la bonifica ha di fatto vietato che venissero ripianati gli acquitrini ivi compreso il taglio di tutte le erbe spontanee sorte sopra. Pertanto è partita la pulizia delle spiagge, dei fossi, il taglio delle siepi ma c’è l’esigenza di mantenere “il nuovo ecosistema”.

I gestori in primis stanno ragionando sull’ipotesi più drastica di una uscita dal Parco della zona di Vigna di Valle o come miglior alternativa comunque di attuare, di concerto con il Comune, tutte le azioni possibili affinché si allentino questi vincoli così stringenti che non permettono neppure una ordinaria manutenzione delle spiagge, un ripianamento delle buche venutesi a creare con l’abbassamento del livelli del lago e di conseguenza la serenità di poter far decollare una stagione con gli arenili puliti e senza acquitrini.

Al riguardo riceviamo e pubblichiamo una nota del Vice Sindaco e assessore Sara Galea che questa mattina si trovava a Vigna di Valle

“Dalle ore 9:15 alle 13:40 sono stata a Vigna di Valle per cercare di dare un’identità alle spiagge eliminando gli acquitrini che sono diventati, ormai, un problema sanitario, oltreché un danno al turismo inquanto pieni di zanzare e ricettacolo di microbi, acqua nera e maleodorante.
Sul posto c’erano già l’assessore all’Ambiente, il capo area, i tecnici, tutti gli operai del Comune, innumerevoli mezzi, camion e i guardiaparco.

Sono arrivata già consapevole delle molteplici e rigide prescrizioni contenute nel nulla osta che si basa su un vecchio sopralluogo (risale a circa giugno quando la morfologia dell’arenile era totalmente diversa con un cordolo che separava le acque del lago da una sorta di grosso simil canale parallelo).
Ero però fiduciosa, forse ingenuamente sperzanzosa, che dimostrando in loco come sia cambiata la morfologia, si accorgessero che anche l’intervento dovesse cambiare.

Mi sono ritrovata però di fronte la spiacevole sorpresa che bisognava comunque attenersi alle “vecchie” prescrizioni contenute nel nulla osta del Parco, quindi in sostanza ho preso atto che non si sarebbero potute togliere le buche con l’acqua stagnante e le zanzare perché altrimenti avremmo compromesso il “nuovo ecosistema”, ovvero, dal mio umile ed ignorante punto di vista, quattro erbacce dentro pozze stagnanti.

Trovatami pure a dover subire l’aggressione di alcuni cittadini che risiedono di fronte le spiagge ho sentito gravare su di me tutta l’impotenza nel non poter portare a questa gente neanche un barlume di speranza. Un momento di sollievo a chi vive con il lavoro estivo, a chi contava sul Comune per veder migliorata la propria vita, ai cittadini che aspettavano un rilancio che ancora tarda ad arrivare e, come ha detto un turista, “la possibilità di vivere una vacanza in maniera decente”.
Ho dovuto anche digerire da alcune sparute cittadine una frase che mai avrei voluto sentire: “Sono venuti a prenderci per il c…”.
Ciononostante qualcosa è stato fatto! E domani continueremo a fare, nonostante tutto!
Il cambiamento è iniziato, anche se riguardo la questione degli acquitrini mi sento come se avessi tradito la fiducia dei gestori di Vigna di Valle che aspettavano, anche se in ritardo, che oggi avremmo eliminato il problema. Ma così non è stato per impedimenti che non dipendono dal Comune ma dall’Ente sovracomunale e dai numerosi vincoli ambientali presenti.
Nella mia totale ignoranza in materia ritengo che ci siano troppi vincoli stringenti ambientali su un territorio completamente antropizzato e che è destinato a diventare ad alta vocazione turistica con strutture pronte ad accogliere più visitatori possibili.
A fatica ma siamo partiti e proseguiremo fino a compimento del lavoro. Stiamo bonificando gli arenili e il lungolago delle Muse, potando le aiuole, pulendo i fossi tranne dove ci sono le “piante protette” (tipo le canne), stiamo aprendo i varchi che dovrebbero evitare il ristagno delle acque ma che, alla prima tramontana, si richiuderanno (operazione quindi per me inutile).
È in programmazione l’attuazione di un protocollo di lavoro con l’associazione Vigna di Valle e i tavoli di lavoro già iniziati sul piano di recupero, tutte le tematiche che riguardano l’intera zona.
A volte mi sento impotente come se stessi lottando contro i mulini a vento ma poi mi ritorna la grinta, la giusta motivazione (lo spirito di servizio nei confronti dei cittadini) e ricomincio a lavorare”.
Vice Sindaco e Assessore Sara Galea




Anguillara Sabazia, boom di presenze nel fine settimana. Galea: “Il Paese è pronto per un’ospitalità di eccellenza”

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Un reportage può essere anche una semplice passeggiata cogliendo i profumi, i colori e l’atmosfera di un estate all’insegna dell’intrattenimento, del relax e degli scorci di paesaggio e borgo illuminati a festa. L’Osservatore d’Italia ha fatto una fotografia di un fine settimana ad Anguillara Sabazia.

Migliaia i visitatori che nel fine settimana hanno affollato Piazza del Molo e i giardini del Torrione dove si è tenuta la Sagra delle Pizzole

Soddisfatta la vicesindaco Sara Galea: “Un successo dovuto soprattutto all’allestimento della piazza con bancarelle, prodotti tipici e i gazebo allestiti con le specialità dei commercianti della piazza, dal pesce fritto alla degustazione di aperitivi con taglieri golosi di terra, e cocktail di alta qualità. Tutti i commercianti di piazza del Molo, e di piazza del lavatoio -ha proseguito Galea – stanno partecipando attivamente per rilanciare e rendere Anguillara Sabazia più confortevole ed accogliente. Un successo di presenze anche nei giardini del Torrione per la degustazione delle pizzole, e per gli spettacoli organizzati dal Rione Castello. Insomma un ottimo banco di prova per buone premesse di un rilancio di un turismo partecipativo ad Anguillara Sabazia dove tutto il paese è stato allestito in maniera tale da offrire un’ospitalità d’eccellenza. Vi invito a visitare Anguillara ogni giorno – ha concluso – a godere della professionalità dei gestori degli stabilimenti di lungo lago Belloni e Vigna di Valle, del salottino confortevole che sta prendendo il via proprio in questi giorni nella prima zona del lungo lago davanti il pit, insomma, vi aspettiamo anche e soprattutto nei fine settimana, in cui potrete godere anche di eventi e sagre, oltre che della magia di un paese che ha deciso di ricominciare a sorridere. Contro la crisi, i problemi, il malumore bisogna soltanto stare bene, e noi ci impegniamo, tutti insieme, a fare si che questo avvenga. Mi permetto di esortare ancor di più tutti coloro che stanno lavorando con tenacia per rilanciare il nostro paese “ siete grandi ragazzi” ma anche e soprattutto coloro che hanno deciso di credere nuovamente nella magia di Anguillara Sabazia. Grazie a tutti”.




Anguillara Sabazia, Manciuria: “Spese legali fuori controllo”

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – “La passione della Giunta Anselmo, giustificata della mancanza di adeguata professionalità presente all’interno della struttura organizzativa dell’ente, sembra essere diventata a tutto campo il conferimento incarico ai più disparati studi legali dell’area metropolitana. Passione sicuramente motivata dagli eventi e dall’obbligatorietà dell’azione amministrativa ma che dopo due anni di mandato, vista l’entità delle somme accumulate delle quali tutt’ora non si conosce complessivamente l’ammontare, sembra oramai fuori controllo.”

Cosi riferisce Sergio Manciuria da Presidente di AnguillaraSvolta successivamente la lettura della determina n° 1057 del 03 Agosto 2018 dove viene conferito l’ennesimo incarico ad uno studio legale di Roma per complessivi 10.600,00 euro circa

“ Se oggi l’oggetto dell’incarico è la difesa degli interessi del Comune avverso il decreto ingiuntivo promosso da Banca Sistema – rileva il referente sabatino – istituto finanziario notoriamente specializzato nel recupero crediti verso la pubblica amministrazione, in altre circostanze la nomina e corresponsione di parcelle, purtroppo ha riguardato l’elevato tasso di incapacità della diversamente amministrazione nella stesura di ordinanze (divieto balneazione su via Belloni e senso unico di san Francesco) o di atti gestionali complessi come nel caso dell’iter sulla variante della variante al PRGC e sul contenzioso presso la camera arbitrale con Sogeea SPA”

“Come AnguillaraSvolta, auspicando nell’immediato l’azione di un interrogazione a risposta scritta dell’ opposizione consiliare, poniamo ai campioni della diversamente trasparenza una domanda semplice: quanto abbiamo speso in due anni e con quali criteri vengono conferiti e determinati gli importi delle parcelle ? (atteso che non vi è traccia ufficiale nelle delibere di giunta e nelle determine del dirigente tanto sul riferimento ad un Albo degli Avvocati cui attingere le professionalità e curriculum quanto dello schema di calcolo o decreto ministeriale corrispondente alla quantità di denaro riconosciuta)

Comprendiamo che oggi l’impegno prioritario non sia la trasparenza ma l’approvazione dei due piani integrati all’ordine del giorno e che per quanto messo a disposizione dai consiglieri Pizzigallo e Fioroni sono da bocciare “senza se e senza ma” per carenza documentale e progettuale. Alle risposte fumose e contraddittorie ci interessano le soluzioni- conclude Manciuria– che favoriscano gli interessi dei cittadini e facciano risparmiare loro soldi in tasse magari per investirli in manutenzione e promozione del turismo”.




Anguillara Sabazia, pronti due piani integrati. Fioroni: “Un centro commerciale e una chiesa ortodossa, che convenienza c’è per il paese?”

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Antonio Fioroni, ex consigliere di maggioranza passato all’opposizione si sofferma su alcuni dei piani integrati che la giunta Anselmo ha deciso di approvare. Lo fa in una nota: “Per il 6 agosto è stato convocato un consiglio comunale con 2 dei 9 piani integrati già pronti per essere approvati.

Il progetto Carucci – spiega Fioroni – riguarda la realizzazione di un centro commerciale in via Anguillarese zona smorzo mentre il progetto Conti tratta della realizzazione di una chiesa Ortodossa zona Santo Spirito.
Una mossa che definirei astuta quella della maggioranza che dopo l’ondata di polemica si limita a portare due progetti privi di nuovo residenziale.

Mi chiedo dove sia la convenienza per il paese di avere un nuovo complesso commerciale, per un totale di nuova edificazione per circa 1800mq in un momento storico dove le piccole attività commerciali locali, già in sofferenza, dovrebbero essere tutelate anziché ostacolate permettendo un’opera simile.

Anche in ordine alla progettazione nutro dei dubbi sulla circolazione e sugli indennizzi da corrispondere al Comune che meglio argomenterò in sede di discussione in consiglio comunale.
Chiedo al consigliere Liberati, delegato alle attività commerciali di prendere posizione essendo lui stesso un commerciante!

Sul progetto Conti c’è ben poco da dire – conclude il consigliere Fioroni – la costruzione di una chiesa a mio modesto parere non può sicuramente essere argomento di polemica, ma una domanda vorrei porla all’amministrazione, ha valutato attentamente i documenti allegati al progetto?
Le puntuali osservazioni verranno presentate in sede di consiglio comunale e ci sarà da battagliare ve lo posso assicurare!”




Anguillara Sabazia, Lega su carenza acqua a Ponton dell’Elce: “Ma dov’è il sindaco?”

ANGUILLARA SABAZIA (RM) –  Sono giorni difficili a Ponton Dell’Elce, popoloso quartiere di Anguillara Sabazia. La Lega torna a puntare il dito sull’amministrazione comunale per denunciare il procrastinarsi di disservizi che devono subire i residenti: “Sono costretto a tornare sulla imbarazzante questione acqua a Ponton dell’Elce – afferma Daniele De Vito
coordinatore della Lega di Anguillara Sabazia – dove a giorni alterni i cittadini, compreso il sottoscritto, si trovano ad affrontare una situazione da terzo mondo, dove ci sono madri che non riescono a lavare i propri figli, lavoratori sfiancati dal caldo che non meritano nemmeno la possibilità di refrigerarsi con una doccia!

Dove è finito il Sindaco!!!!! Sono mesi che si chiedono incontri con i cittadini, risposte serie sulle problematiche del pozzo di Ponton dell’elce, senza nemmeno uno straccio di risposta!

Sindaco batta un colpo! Agli incontri istituzionali manda i suoi delegati, non rilascia interviste, non si confronta con i cittadini, non fa Comunicati per far capire alla popolazione i tempi e le tipologie di interventi che vuole fare a Ponton Dell’Elce, eppure ha anche la delega ai Lavori Pubblici.
Quanto meno ci faccia capire chi è il Responsabile di tutti questi disservizi o quanto meno ci dimostri che ha il coraggio di cacciare coloro che sono gli artefici di questo disastro, quanto ancora crede che la popolazione possa sopportare tali disagi?
Sappiamo che fare il Sindaco non sia un compito semplice, come non è semplice risolvere la questione pozzi di Ponton Dell’Elce, ma almeno abbia il coraggio di stare vicino alla sua popolazione in difficoltà, sennò, e lo dico mestamente, abbia il coraggio di dichiarare la propria impossibilità e si dimetta.”