1

ZAGAROLO SEDUTA DI CONSIGLIO SUL BIOGAS: TRA MOZIONI FULMINANTI, "ARSENICO E VECCHI MERLETTI"… L'INCHIESTA CONTINUA

di Cinzia Marchegiani

Zagarolo (RM) – Misteri all’Arsenico e vecchi merletti sul progetto industriale al biogas dove per ora emerge confusione e incapacità soprattutto da parte di coloro che avrebbero divuto  vigilare sul territorio. Dalle risposte dei capigruppo della maggioranza nonché del Presidente del Consiglio della Regione Lazio, Daniele Leodori si solleva un unico eco: “MEA CULPA”
Prosegue l’inchiesta de L’Osservatore d’Italia sulle minacce dei progetti delle Centrali a Biogas nate come ciambelle salva economia dedicate agli agricoltori in crisi, diventate però il nuovo business dei rifiuti.

Imprenditori e ora anche amministratori locali realizzano cordate per presentare progetti che in realtà hanno ben poco a vedere con la tutela del patrimonio e della salute pubblica ma che celano una corsa alla conquista dei finanziamenti e incentivi energetici. Progetti “esclusivamente industriali” che invece di responsabilizzare ogni comune sulla chiusura del ciclo della differenziata e quindi della frazione organica prodotta internamente, vengono impostati come un business per smaltire rifiuti di molte altre città incassando bei guadagni.

Con lo slogan chiudiamo il ciclo dei rifiuti, si mettono così in cantiere progetti industriali impattanti senza tener conto del “Principio di Precauzione”, che obbliga le autorità competenti, nonché amministratori, di adottare provvedimenti appropriati al fine di prevenire taluni rischi potenziali per la sanità pubblica, per la sicurezza e per l’ambiente, facendo prevalere le esigenze connesse alla protezione sugli interessi economici.

La scorsa settimana finalmente, i cittadini di Zagarolo hanno potuto constatare personalmente il grado di affidabilità dell’amministrazione non solo attuale, ma anche della precedente, riguardo il progetto industriale della Centrale a Biogas che proposta dal Comune di Gallicano nel Lazio nel lontano 2008, avrebbe coinvolto direttamente i cittadini di Valle Martella.

Infatti la centrale incriminata sulla carta è posizionata a soli 400 metri dalle abitazioni e alle attività scolastiche, in un territorio già compromesso da altre situazioni di degrado urbanistico e ambientale. Purtroppo, nessuno dei responsabili amministrativi aveva concretizzato la posizione di contrarietà su questo progetto.

Al Consiglio di Zagarolo dello scorso 29 Aprile 2014, era presente la delegazione del Comune di Gallicano con il Sindaco Marcello Accordino, cui non è stata concessa la parola per difendere il proprio progetto, i consiglieri Betti, D’Uffizi e Galli contrari invece alla sua realizzazione oltre una folta platea.

La mozione presentata dal centrodestra NCD e Forza Italia, letta dal Consigliere Michelino Conti, ha permesso di impegnare ufficialmente l’amministrazione di Zagarolo, all’unanimità il dissenso alla centrale a biogas. L’opposizione così, in adiuvandum alle posizioni dei comitati territoriali e delle mozioni e interrogazioni fatte alla Regione Lazio, si può  affermare che hanno trascinato di forza l’intera amministrazione, inchiodandola alle proprie responsabilità.

Una situazione davvero grottesca e alquanto imbarazzante per un’amministrazione che dovendo gestire l’opinione pubblica e dare la propria lettura a questa vicenda ha potuto solo dire “MEA COLPA”. Mea Colpa purtroppo è la condizione che inchioda il sindaco Paniccia e del suo predecessore nonché dei preposti assessori all’Ambiente all’interessamento del proprio territorio, è l’impossibilità di poter dimostrare ai propri cittadini le loro azioni volte al dissenso a questo progetto ma soprattutto alla mancata comunicazione istituzionale, che doveva per legge coinvolgere l’intera cittadinanza. I progetti importanti non vengono lasciati in balia di decisioni singole ma vengono discussi nella Conferenza dei Servizi, dove le pubbliche amministrazioni si riuniscono in un tavolo comune quando è opportuno effettuare un esame contestuale di vari interessi pubblici.

La legge in questo caso predispone uno strumento il più agile possibile, prevedendo anche un acquisto automatico dell’assenso delle amministrazioni invitate e non partecipanti o partecipanti tramite soggetti non titolati ove non abbiano tempestivamente espresso il proprio motivato dissenso, ex art. 14 L. 241/90.

L’effettivo valore della conferenza di servizi prevede che l’assenza di partecipazione alla conferenza o la partecipazione con persone prive di competenza, e quindi non idonee a vincolare le Amministrazioni di appartenenza, importa una situazione analoga a quella conseguente alla prestazione di consenso. E allora dov’erano gli amministratori di Zagarolo?

Ora che la situazione è sfuggita di mano, ora che le comunità interessante sono state informate con altri canali e purtroppo non istituzionali, quella centrale a biogas diventa inquinante e non la vuole nessuno! 

Si corre ai ripari, solo dopo che è stata presentata una mozione che impone a tutti i consiglieri la votazione. Signori e signori si è aperto il sipario della commedia all’italiana.
Ma andiamo per ordine con la documentazione delle testimonianze che l’Osservatore d’Italia ha acquisto dai Consigli Comunali sia di Gallicano nel Lazio che di Zagarolo.
Il Sindaco Accordino, al consiglio straordinario aperto alla partecipazione pubblica , del 17 aprile 2014 affermava che il progetto della Centrale a Biogas, un “compostaggio” anaerobico con produzione di energia elettrica ottenuta bruciando il metano prodotto, non è un iter che nasce all’improvviso, ma da un processo avviato ormai dal 2008: “Su invito della Provincia di Roma, tutti i comuni della provincia furono chiamati dal Presidente Zingaretti e in quella sede e nelle successive si era deciso un programma dei rifiuti proposto da Zingaretti che prevedeva, intanto la raccolta porta a porta nei 120 comuni della provincia, assieme a questo con degli incentivi sia come contributo e per le isole ecologiche.

Questa era l’idea, una volta avviata la differenziata doveva essere individuata sul territorio provinciale, e noi ci siamo in quella sede proposti per un impianto di compostaggio (?), che portavano a compimento il ciclo dei rifiuti. Abbiamo fatto cinque incontri pubblici, sono state elette due amministrazioni e non ci siamo sottratti ad alcun tipo di confronto.” Rivolgendosi ai cittadini di Valle Martella, che evidenziando l’assenza del Sindaco Paniccia e l’assessore all’Ambiente in quel consiglio, chiedevano se c’erano stati incontri formali, Accordino rispondeva senza alcun fraintendimento: “a me dispiace dell’assenza del sindaco, non posso rispondere per loro. No ho problemi legati alle critiche degli amministratori dei paesi vicini, quindi l’assenza del Sindaco e dell’assessore non è nelle competenze del consiglio comunale di Gallicano. Riguardo agli incontri ufficiali, sono stati invitati, sono venuti da me, il sindaco Paniccia e l’ex assessore Colabucci (ma l’assessore all’ambiente non è Vernini?) a parlare di questo problema e dovevamo organizzare per andare assieme a Salerno (dove c’è in funzione una centrale a biogas)”.
L’antidoto a queste rocambolesche verità viene fortunatamente stabilito ogni qualvolta che i preposti vengono messi nella condizione di prendere posizione ufficiale.

Così al consiglio comunale gabino, sfilano tutte le osservazioni inquietanti su questa centrale che però lo stesso Accordino, in virtù di un territorio già violentato da altre situazioni, proponeva senza sollevare alcun dubbio sui danni ambientali non riconoscendo tra l’altro le evidenze scientifiche citate al confronto pubblico.
Marco Bonini, capogruppo NCD, riporta nell’alveolo della votazione una serie di osservazioni, quali la tutela di un paesaggio agrario, dove esiste un vincolo TTPR che molto spesso non consente neanche la sanabilità delle abitazioni: “abbiamo sempre spinto l’amministrazione comunale a valorizzare quell’area, abbiamo espresso anche in passato i dubbi in merito sulla variante dei piani di Corsano, che il territorio, un polmone verde a ridosso di Roma, debba essere tutelato. Zagarolo deve dare una posizione chiara e decisa perché questo insediamento sorgerà a 400 metri dalle abitazioni. Noi chiediamo con forza a questo Consiglio Comunale di votare chiaramente alla nostra proposta di contrarietà al progetto.”Così magicamente ecco che il capogruppo del PD, il consigliere Salvi fa sapere che in base alla salvaguardia della salute pubblica (ma davvero?) a nome del suo gruppo, dice no al biogas, tra l’altro si dichiara esser un medico, e si riserva di ascoltare gli esperti di una commissione ad hoc. Segue l’intervento dell’ex assessore all’ambiente, nonché ex vice sindaco di Zagarolo, Enrico Saracini del nuovo gruppo consiliare appena formatosi, Cambio Democratico. Anche qui dopo un effetto scenografico, i cittadini accorsi a questo consiglio hanno potuto ascoltare la posizione chiara e netta del suo “No” non solo sul Biogas, ma ad ogni tipo di trattamento dei rifiuti, anche del semplice compostaggio: “Lo dico con estrema cortesia al sindaco Accordino, fattela a casa tua! Il comune di Gallicano e Ambiente, la società che vanno a realizzare questo impianto, avrebbe potuto scegliere la bella zona che c’è tra Gallicano e Palestrina, o Gallicano e San Vittorino. Non si può fare a ridosso di una zona soggetta al rispetto delle falde idriche, noi sappiamo quanto peniamo a Valle Martella per questi vincoli. Dò atto all’opposizione, al centro destra in generale e all’enorme lavoro delle associazioni sul territorio, che per fortuna non sono state strumentalizzate (?) e accolgo la mozione facendola anche nostra.”
Per fortuna in salvataggio all’evidente empasse dell’amministrazione interviene l’ex assessore, ora di nuovo assessore al bilancio, Maurizio Colabucci (aveva presentato poche settimane fa le sue dimissioni): “rimango meravigliato ad ascoltare come se qualcuno che sta a questo tavolo (riferendosi alla giunta) è favorevole al progetto del Biogas. Noi ci siamo informati alle commissioni che sono avvenute in Regione Lazio, come qua siamo stati chiamati ad esprimerci. Il NO è, ed era secco. Lo diciamo tutti no al Biogas.

E’ inutile che poi giochiamo a prendersi l’applauso, perché siamo degli amministratori responsabili delle proprie azioni, che quando prendono delle decisioni guardano l’interesse dei cittadini e non gli interessi propri. Non so se siete venuti qui a prendere in giro chi vi amministra, ma avete una buona volontà per farlo, alle prossime amministrazione non ci votate!

Se siamo qui è per capire cosa pensano le forze politiche su quello che sta nascendo vicino a Zagarolo, il capogruppo è stato molto chiaro, il piano a Biogas è no. Il resto, per intenderci, non so quali sono le pratiche che sono avviate tra Gallicano e la Regione. Quando verranno fuori, noi diremmo no anche al resto se necessario, perciò quello che intende il collega Saracini, è no anche per noi! Più che seguire le pratiche, le informazioni, avete mai sentito un amministratore di Zagarolo dire si al biogas? Noi abbiamo immediatamente presentato la mozione al Consiglio… caro Bonini, questa non è la tua mozione, ma è la volontà di tutti i cittadini e gli amministratori di Zagarolo.”
Il capogruppo che ha proposto la mozione riporta alla realtà Colabucci, ricordandogli che hanno dovuto presentare la mozione per parlane. Il clima diventa surreale e Saracini ad adiuvandum alle affermazioni di Conti, rivolgendosi al presidente del Consiglio replica: ”se come amministrazione abbiamo commesso la leggerezza di non comunicare e non informare bene, diciamolo… di fatto abbiamo sbagliato, mettiamo una pezza, invito al presidente di convocare un consiglio straordinario a Valle Martella e fare l’appello nominale a chi è favore e chi è contro.”
 

La gestione di un’amministrazione si valuta sui fatti e dalla testimonianza dei documenti, e purtroppo prima di questa votazione, non esisteva alcun dissenso al progetto presentato, anzi esiste la chiara volontà a non esprimersi e quindi a dare il proprio consenso! Il capogruppo Bonini dal canto suo rimanda al mittente assessore Colabucci, l’accusa :”Lei…è il primo fare politica all’interno dell’aula, poiché nell’ultima seduta del consiglio comunale, aveva presentato le lettere delle sue dimissioni, dove vi era scritto che non si riconosceva più nell’amministrazione. Non capisco perché Colabucci può fare politica dentro e fuori il consiglio comunale, invece quando la minoranza, che viene coinvolta dai cittadini per affrontare un argomento di rilevanza comunale, porta una discussione di questo tipo, non se ne debba parlare oppure minimizzare. Lei ogni volta che noi presentiamo un punto, tende a prendersi il merito delle nostre proposte, dicendo ‘noi abbiamo portato la discussione in consiglio comunale’…allora noi ringraziamo la presidenza del consiglio che accolto il nostro punto, però noi siamo stati costretti a portare e presentare questa mozione, perché prima d’ora questo argomento di rilevanza importante per il territorio di Zagarolo e Valle Martella non era stato affrontato in consiglio!”
Concludono con le arringhe a questo punto, il Consigliere Leoodori e il sindaco Paniccia, tranne un piccolo intervento dell’Assessore all’Ambiente Vernini, che ha fatto presente che solo da pochi mesi è venuto a conoscenza dei documenti, che parlano solo di progetto di compostaggio. Leodori, dal canto suo, difende il progetto dell’impianto di un eventuale compostaggio, che non sia a biogas e che deve essere individuata un’area del territorio che possa gestire la Forsu di 100 mila persone dei comuni limitrofi: “Io ritengo che il biogas non debba essere fatto. Ma il comprensorio deve individuare un meccanismo per essere autonomo per chiudere il ciclo dei rifiuti. Forse c’è stato un errore di comunicazione con tutto rispetto al sindaco Accordino (mi dispiace che non gli è stata data la parola), è quello di aver gestito questo progetto e questo intervento in maniera un po’ troppo autonoma. Tanto per essere chiari, nessuno questa materia la conosceva bene, è stato fatto un errore di sottovalutazione e anche quello di delegare troppo.” Il Sindaco invece, ricordando quando era in prima linea alla manifestazione non autorizzata contro la discarica di Corcolle, confonde la cittadinanza che non capisce come mai l’amministrazione non abbia avuto la volontà questa volta di coinvolgere i cittadini sulle tematiche degli interventi industriali nel proprio territorio. Conclude Paniccia che la mozione non ha senso perché la centrale a biogas non si farà più, e che il consiglio non è deliberativo, e si deve discutere solo su situazioni reali e non su illazioni.”

Quante occasioni perse! E' stato messo da parte l’obiettivo primario, quello di dover informare la comunità sui interventi che vanno a coinvolgere l’ambiente e la salute pubblica, anche se si trattano di progetti ancora su carta. In questo caso, tranne la mozione presentata dal centro destra e la volontà dei cittadini di non farsi calare dall’alto scelte irreversibili, come comitati e associazioni del territorio, sembra che nessuno (figuriamoci gli assessori all’ambiente) ha messo in agenda la dovuta comunicazione istituzionale. La fotografia appena scattata mostra come politici, comitati e associazioni interessanti al proprio territorio, hanno acquisito e studiato le relative documentazioni, fatto se non grave, alquanto imbarazzante per chi lo dovrebbe fare nel proprio compito istituzionale. Emblematica la posizione di Leodori (anche Presidente del Consiglio della Regione Lazio) sulle centrali a biogas, poiché ora vengono da lui stesso depennate come progetti non spendibili, di certo ne dovrà rendere conto allo stesso Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti che le aveva messe a disposizione nel territorio provinciale.
Per non dimenticare le leggi che tutelano i cittadini ricordiamo che la strategia del business di questi impianti, non possono essere gestiti senza la corretta partecipazione della cittadinanza e con un percorso di confronto, poiché si ipoteca la morfologia del territorio, della salute pubblica e dell’ambiente….soprattutto quando c’è un progetto in cantiere. Non esiste nessuna tecnologia ad emissione zero, se non apportando condizioni negative all’ambiente.

La normativa italiana (art. 17 del decreto legislativo n. 387/2003, decreto legislativo n. 152/2006 e s.m.i., decreto legislativo n. 28/2011) annovera tra le biomasse (fonti rinnovabili) la parte biodegradabile dei rifiuti industriali ed urbani. Una centrale una volta avviata, non può arrestare la sua attività, e ai fini della concessione di agevolazioni tariffarie, come CIP 6 e di certificati verdi per lungo tempo, è consentito di assimilare alla biomassa vegetale vera e propria la frazione non biodegradabile dei rifiuti solidi urbani (art. 17 D.Lgs. 387/2003 e s.m.i.). Sembra che per questa scelta, l’Italia è stata sottoposta a procedura di infrazione da parte dell’Unione Europea, altro che Vienna. Quindi occorre vigilare sia sulla realizzazione delle strutture ibride (con fotovoltaico) che accedono a incentivi economici (D.Lgs. n. 28/2011) che sugli impianti sovradimensionati alle esigenze del territorio, che purtroppo allettano il conferimento dei rifiuti di altri territori.
L’Osservatore d’Italia comincerà a mettere a confronto queste tecnologie anche con le centrali a carbone, e i relativi costi/benefici, che spesso inconsapevolmente si ritrovano inseriti nella componente A3 delle bollette energetiche, che di fatto hanno aiutato le imprese a fuggire all’estero per i costi troppo eccessivi della componente energetica. Questo consiglio, che ricorda tanto il film “Arsenico e vecchi merletti”, riconsegna dignità alla comunità di questo territorio, dimostrando che non sempre si può gestire la comunicazione e l’informazione istituzionale con un “Così è se vi pare”.

LEGGI ANCHE:

29/04/2014 GALLICANO NEL LAZIO – ZAGAROLO, CENTRALI BIOGAS A 400 METRI DALLE ABITAZIONI: PARTE L'INCHIESTA DE L'OSSERVATORE D'ITALIA
15/04/2014 GALLICANO NEL LAZIO, CENTRALE A BIOGAS: E' ARRIVATO IL MOMENTO CHE NICOLA ZINGARETTI, MICHELE CIVITA E MARCELLO ACCORDINO RISPONDANO AI CITTADINI
08/04/2014 ZAGAROLO BIOGAS: ALLARME SALUTE, SORGENTI E AGRICOLTURA A RISCHIO
03/04/2014 GALLICANO NEL LAZIO BIOGAS: DOCUMENTO CHOC DEL COMITATO. IL M5S INTERROGA NICOLA ZINGARETTI E MICHELE CIVITA
29/03/2014 ZAGAROLO ALLARME CENTRALE BIOGAS: IL COMITATO CITTADINO SENZA BAVAGLIO
16/03/2014 GALLICANO NEL LAZIO, NO AL BIOGAS: SI ACCENDE LA SPERANZA
12/03/2014 GALLICANO NEL LAZIO, CENTRALE A BIOGAS: UNA FIACCOLATA PER DIRE NO INSIEME A L'OSSERVATORE D'ITALIA
04/03/2014 IMPIANTI A BIOMASSA: UN NOME CHE EVOCA IL BIOLOGICO, IL NATURALE… DI FATTO CENTRALI A PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA
01/03/2014 GALLICANO NEL LAZIO CENTRALE A BIOGAS: E' GIALLO SUL CONSIGLIO COMUNALE STRAORDINARIO RIPETUTAMENTE RINVIATO
24/02/2014 ANGUILLARA SABAZIA, BIOGAS: SARANNO I CITTADINI A DECIDERE SE VOLERLO O MENO
13/02/2014 GALLICANO NEL LAZIO, BIOGAS:NELL'AREA VINCOLATA DI PASSERANO, "PIOVE SUL BAGNATO"
12/02/2014 GALLICANO NEL LAZIO, BIOGAS: A.A.A. CERCASI 30 MILIONI DI EURO PER REALIZZARE L'IMPIANTO
30/01/2014 GALLICANO ALLARME CENTRALE A BIOGAS: OGGI CONSIGLIO COMUNALE STRAORDINARIO
15/10/2013 GALLICANO NEL LAZIO: BICICLETTE CONTRO CENTRALE A BIOGAS
24/06/2013 GALLICANO NEL LAZIO, IL COMITATO DEI CITTADINI DICE NO ALLA "MALAGROTTA" DI PASSERANO
03/06/2013 GALLICANO NEL LAZIO, 10 MOTIVI PER DIRE NO ALL'IMPIANTO DI RECUPERO ENERGETICO.



GALLICANO NEL LAZIO BIOGAS: DOCUMENTO CHOC DEL COMITATO. IL M5S INTERROGA NICOLA ZINGARETTI E MICHELE CIVITA


”E’ ormai scientificamente provata l’associazione dell’inquinamento da polveri sottili con un aumento della mortalità generale e per cause cardio-vascolari e respiratorie, con l’insorgenza di patologie acute quali l’infarto del miocardio, l’ictus cerebrale, le infezioni delle vie respiratorie (polmoniti e bronchiti), con l’esacerbazione di patologie croniche quali la broncopneumopatia cronico ostruttiva (BPCO) e l’asma bronchiale".

 

di Cinzia Marchegiani

Gallicano nel Lazio (RM) – Le associazioni e i comitati non si arrendono anche di fronte al totale silenzio dell’amministrazione del comune di Gallicano nel Lazio, che a fronte di un consiglio straordinario rimandato dal 30 gennaio scorso ancora non  comunica la data della prossima assemblea pubblica.

La  Centrale  a Biogas sembra preoccupare, molto evidentemente, i responsabili che hanno proposto e difeso questo progetto industriale. Nella giornata dello scorso 31 marzo è stato inviato un rapporto inquietante su questo impianto a diversi indirizzi, tra i quali il Consiglio Regionale del Lazio, Commissione VI – Ambiente, Lavori Pubblici, Mobilità, Politiche per la Casa, Urbanistica, e per conoscenza alla Presidenza del Consiglio dei Ministri,  Ministero della Salute, dell’Ambiente,  dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, dell’Interno e della Giustizia, oltre alla Procura della Repubblica di Tivoli, di Roma, di Napoli, alla  Corte dei Conti Lazio/Campania e altri.

Il documento in oggetto è  uno studio realizzato dal professor Giancarlo Ceci e firmato dal Presidente del Comitato per Gallicano, Andrea Ciamei, dai consiglieri di opposizione del comune di Gallicano del Lazio, Mario Galli e Fabrizio Betti di Progetto Comune e Lucia D’Offizi Capogruppo PDL. Il  resoconto è stato prodotto a valle dell’audizione tenuta in Commissione Ambiente del Consiglio Regionale del Lazio lo scorso 11 febbraio 2014. Dalla sua lettura si estrapola il rapporto tecnico/ambientale/territoriale dell’impianto per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili che il Comune di Gallicano, come proponente, vorrebbe realizzare, e che si collocherebbe in un appezzamento di terreno della tenuta Passerano (passata di proprietà alla Regione Campania che la gestisce attraverso la SAUIE s.r.l. di Napoli) all’interno della quale si trova un castello medioevale.

L’Ente Regionale Campania ha l’obbligo di utilizzare i profitti ricavati da tali beni, con attività a favore dell’Istituto pro ciechi Colosimo di Napoli. Nel progetto si fa riferimento alla realtà urbana di Gallicano nel Lazio e alle sue zone rurali con bassa intensità abitativa, ma non viene messo nella giusta evidenza il nucleo abitativo di prossimità. L’impianto, nella posizione definita, dista meno di 400 mt. dalle prime abitazioni di “Valle Martella”, frazione del Comune di Zagarolo, urbanisticamente complessa e con circa 5.000 residenti.

Dal documento si apprende: "Ci sono anomalie per quanto riguarda il piano Regolatore vigente del Comune di Gallicano, poiché l’area interessata dal progetto ricade nella Zona Agricola E3, dove il 10 giugno 2011, con delibera n. 259, la Giunta Regionale del Lazio ha approvato la variante generale al P.R.G. di Gallicano del Lazio, riclassificando l’area interessata dall’intervento in E2 Agricola, ma non si evidenzia che il terreno sul quale si vorrebbe realizzare l’impianto di “Trattamento Rifiuti e produzione di Energia Elettrica”, risulta essere, a tutt’oggi, di proprietà della Regione Campana. In questa direzione l’Amministrazione Comunale di Gallicano non ha mai prodotto documentazione inerente la procedura di esproprio della parte del territorio, interessata dal progetto, della tenuta Agricola di Passerano, che risulta essere ancora della Regione Campania, che la gestisce attraverso la SAUIE s.r.l. di Napoli. Non solo, ma sull’intero comprensorio della tenuta di Passerano pende tuttora dinanzi al Commissario per la liquidazione degli usi civici per il Lazio, l’Umbria e la Toscana procedimento, contraddistinto con il numero di R.G. 9/1992, con il quale l’Università Agraria di Gallicano nel Lazio rivendica l’esistenza di usi civici gravanti sulla tenuta in questione; che la qualitas soli in via di accertamento nel suddetto procedimento è tutt’altro che indifferente ai fini dell’acquisizione e dell’acquisibilità delle terre in questione, anche tramite il procedimento espropriativo, potendo essa condizionare l’esperibilità e comunque la validità del procedimento stesso; a tal fine si evidenzia che a pag. 307 del piano regionale dei rifiuti, tabella 16-2.1, quarta riga, in "criteri di localizzazione degli impianti" è indicata come tutela integrale le aree assegnate alle università agrarie L.R. 24/98 art. 11 e s.m.i. e N.T.A. P.T.P.R. art.39. In particolare la L.R. 24/98 introduce il criterio di tutela integrale di tutte le aree dichiarate di notevole interesse, interessate da preesistenze archeologiche, o da vincoli idrologici, inoltre richiama esplicitamente l'adozione della L. 431/85 su: fasce costiere marine, fasce costiere lacunari, corsi di acque pubbliche, montagne sopra i 1200 mt, parchi e riserve naturali, aree buscate, aree delle università agrarie e di uso civico, zone umide, aree di interesse archeologico.

Oltre le osservazioni squisitamente legislative e territoriali dell’ubicazione della centrale emergono altri importanti aspetti regolatori, poiché la localizzazione, relativa ad un impianto industriale che dovrebbe trattare rifiuti solidi urbani per 40.000 t/anno, è in contrasto anche con il disposto dell’art. 12, comma 7, del D.Lgs 387/2003, in quanto si pone in direzione totalmente contraria al sostegno del settore agricolo auspicato dal legislatore. Non secondario il fatto che per il sito la procedura autorizzativa, alla quale è stato sottoposto il progetto, ha visto il MIBAC (Ministero dei Beni Ambientali e delle Attività Culturali) emettere parere negativo, con conseguente sospensione della Conferenza dei servizi e in attesa, inoltre, della VIA (Valutazione di Impatto Ambientale) regionale.
Il 5 aprile 2013 con la Determina N° 05/04/2013, la VIA otteneva, dagli uffici regionali preposti, “Parere favorevole con prescrizione”. Non definendo e superando di fatto, nella pronuncia di Compatibilità Ambientale, i dubbi emersi in prima istanza.

Il documento segue con le osservazioni tecnico-ambientali e idrogeologiche, inoltre vi è un’analisi  dettagliata della tecnologia che produce un compostaggio anaerobico che spesso viene confuso con quello naturale di tipo anaerobico. Dati che tutti dovrebbero leggere, perché nella completa informazione ci si rende consapevoli nelle scelte sostenute. Il fatto che sia rassicurato che un impianto di tale portata produca, al momento della sua dismissione, un impatto ambientale quanto una dismissione di un impianto di carburanti, evidenzia che lo studio in questa direzione sia stata alquanto lacunosa. In effetti, si legge che manca una Stima dei Costi e, mancando un’ipotesi societaria, manca anche un piano di dismissione e ripristino dei luoghi e di conseguenza l’ipotesi di una fidejussione a copertura del costo di dismissione. Sarebbe opportuno, nel caso in cui l’impianto venisse autorizzato e realizzato con prevalente capitale privato, che tale fidejussione fosse, nei tempi e nei modi, conforme a quanto si prescrive nell’ Art 12 D.L. 387/2003 comma 4 nel quale viene previsto che il rilascio dell’autorizzazione unica costituisca titolo a costruire ed esercire l’impianto in conformità al progetto approvato e precisa che la stessa deve contenere l’obbligo, a seguito della dismissione dell’impianto, alla rimessa in pristino dello stato dei luoghi a carico del soggetto/i titolare/i dell’autorizzazione.

Dal documento si apprende anche: ”E’ ormai scientificamente provata l’associazione dell’inquinamento da polveri sottili con un aumento della mortalità generale e per cause cardio-vascolari e respiratorie, con l’insorgenza di patologie acute quali l’infarto del miocardio, l’ictus cerebrale, le infezioni delle vie respiratorie (polmoniti e bronchiti), con l’esacerbazione di patologie croniche quali la broncopneumopatia cronico ostruttiva (BPCO) e l’asma bronchiale. Numerosi studi epidemiologici supportano tali conclusioni: gli aumenti della mortalità generale e specifica e l’aumento delle ospedalizzazioni per patologie respiratorie e cardiovascolari provocate dall’inquinamento sono stati riportati in diversi studi effettuati. L’insieme dei dati disponibili conferma che l’esposizione ad inquinanti di lunga durata è associata ad una riduzione della speranza di vita. Tra i vari inquinanti ambientali, il materiale particolato di dimensione inferiore ai 10 micron (PM10) e il particolato fine (dimensione inferiore 2,5 micron, PM2,5) sono ritenuti responsabili dei danni osservati nei diversi studi. L’attenzione è anche rivolta alla frazione di particolato con diametro inferiore a 0.1 micron, le polveri ultrafini. Altri importanti inquinanti sono quelli di natura gassosa, quali il biossido di azoto (NO2), l’anidride solforosa (SO2), l’ossido di carbonio (CO) e l’ozono (O3).L’intensità degli effetti sulla salute umana è direttamente proporzionale alla concentrazione degli inquinanti, e la relazione è di tipo lineare senza soglia. E’ semplicemente vergognoso come nel progetto sono stati, o per meglio dire come non sono stati trattati nella maniera corretta elementi importantissimi quali : l’Analisi della struttura antropica – e i dati sulle cause di Morte nel territorio in esame. I pochi dati ISTAT riportati sono del 2002 e non contemplano nessun riferimento storico sull’argomento o ipotesi di indagine epidemiologica delle realtà di Gallicano e soprattutto di Zagarolo, distante qualche centinaio di metri. In questi ultimi anni i cittadini di Gallicano hanno evidenziato, in più occasioni pubbliche, ai vari rappresentanti della Amministrazione Comunale, la necessità di effettuare nel Comune una seria indagine epidemiologica con studio Osservazionale di Corte, visti i numerosi decessi di bambini in età prescolare e scolare. Malattie spesso associate a danni provocati dall’ inquinamento ambientale.”

Ora si è in attesa che i preposti regionali e ministeriali si attivino nel conferire risposte in merito al suddetto documento dove in conclusione viene chiesto di riconsiderare l’autorizzazione concessa alla V.I.A. (Valutazione Impatto Ambientale) presentata, che qualsiasi valutazione venga solo a valle di un’indagine epidemiologica con studio osservazionale sullo stato di salute della popolazione di Gallicano nel Lazio, Zagarolo e dei comuni limitrofi e infine che le indagini epidemiologiche e valutazioni del rischio, finalizzate al miglioramento dell’ambiente costruito e la promozione della salute, vengano accompagnate da una Valutazione di Impatto Sanitario (VIS) a norma dell’Art. 1 Direttiva 2011/92/UE.

A supporto di questo documento non si è fatta attendere l’interrogazione dei consiglieri regionali del M5S, nelle persone di Devid Porrello e Silvia Blasi, membri della commissione Ambiente, indirizzata al Presidente del Consiglio Regionale, Daniele Leodori (che ha anche un legame imprescindibile con queste terre, poiché è stato per dieci anni sindaco di Zagarolo, nonché attuale Consigliere Comunale) cui si chiede al Presidente della Giunta Regionale, Nicola Zingaretti e all’Assessore delle Politiche del Territorio, Mobilità e Rifiuti, On. Michele Civita se intendono riconsiderare l’Autorizzazione Integrata Ambientale concessa alla V.I.A. presentata in considerazione del fatto che il progetto è stato redatto dalla “Martino Associati Srl”, e ancora se  intendono procedere ad un’indagine epidemiologica, studio osservazionale sullo stato di salute delle persone di Gallicano nel Lazio, Zagarolo e limitrofi. Questa interrogazione contribuisce  de facto alla “lotta” che, sin dalla sua costituzione, il Comitato per Gallicano ha inteso portare avanti con le armi del dialogo, dello studio e dell’amore per la propria terra e le proprie origini… la Tenuta di Passerano forse rimane uno degli ultimi polmoni verdi alle porte di Roma e campagna di inestimabile valore dell’Agro Romano Antico.
 

LEGGI ANCHE:

29/03/2014 ZAGAROLO ALLARME CENTRALE BIOGAS: IL COMITATO CITTADINO SENZA BAVAGLIO

 16/03/2014 GALLICANO NEL LAZIO, NO AL BIOGAS: SI ACCENDE LA SPERANZA

 12/03/2014 GALLICANO NEL LAZIO, CENTRALE A BIOGAS: UNA FIACCOLATA PER DIRE NO INSIEME A L'OSSERVATORE D'ITALIA

 01/03/2014 GALLICANO NEL LAZIO CENTRALE A BIOGAS: E' GIALLO SUL CONSIGLIO COMUNALE STRAORDINARIO RIPETUTAMENTE RINVIATO

 27/02/2014 GALLICANO NEL LAZIO: CONSIGLIERI DI OPPOSIZIONE DIFFIDANO IL SINDACO

 12/02/2014 GALLICANO NEL LAZIO, BIOGAS: A.A.A. CERCASI 30 MILIONI DI EURO PER REALIZZARE L'IMPIANTO

 30/01/2014 GALLICANO ALLARME CENTRALE A BIOGAS: OGGI CONSIGLIO COMUNALE STRAORDINARIO

 




GALLICANO NEL LAZIO: BICICLETTE CONTRO CENTRALE A BIOGAS

Redazione

Gallicano nel Lazio (RM) – Il Comitato per Gallicano ha organizzato una pedalata antibiogas che si è svolta Sabato scorso (12 Ottobre), per dire NO al progetto di costruire una centrale per la produzione di energia elettrica da Biogas prevista in località Colle degli Zecchini a Passerano, nel Comune di Gallicano nel Lazio.

Il Comitato vuole dimostrare la ferma conflittualità della popolazione verso un progetto che porterebbe degrado nei nostri territori invece che svilupparne le possibilità archeologiche, agricole (veramente BIO) e paesaggistiche. La poca potenza che produrrebbe la centrale in questione, non sarebbe difficile realizzarla con una po
litica di risparmio energetico.

Un risparmio che oltre che a scongiurare un inquinamento fisico del territorio, causato dai percolati che si potrebbero sversare nelle numerose falde acquifere presenti nel nostro territorio, porterebbe ad un minore traffico veicolare di mezzi pesanti che dovrebbero trasportare verso il sito i rifiuti da trasfor
mare. I ciclisti hanno percorso la via Prenestina tra la rotonda di Valle Martella e il Bar La Giara. Valle Martella è la frazione di Zagarolo più interessata dal progetto per prossimità all’impianto.

LEGGI ANCHE:

24/06/2013 GALLICANO NEL LAZIO, IL COMITATO DEI CITTADINI DICE NO ALLA "MALAGROTTA" DI PASSERANO
03/06/2013 GALLICANO NEL LAZIO, 10 MOTIVI PER DIRE NO ALL'IMPIANTO DI RECUPERO ENERGETICO.