NEMI, ALBERO A RISCHIO CROLLO: OPERAZIONE SICUREZZA SULLA VIA NEMORENSE

GALLERY FOTOGRAFICA IN FONDO ALL'ARTICOLO [CLICCARE SULLE FOTO PER INGRANDIRLE]

 

di Ivan Galea

Nemi (RM) – Operazione sicurezza a Nemi dove le forze dell’ordine si sono mobilitate per mettere in sicurezza un tratto della via Nemorense interessato da un albero a rischio crollo.

Tutto è partito da una utilissima e solerte segnalazione di alcuni residenti che alle 8:20 di oggi (mercoledì 9 marzo 2016 ) hanno segnalato che all’altezza della clinica Villa delle Querce c’era un albero inclinato. Immediatamente sono scattate le verifiche dei carabinieri di Nemi diretti dal comandante Maresciallo Capo Dario Riccio i quali hanno avvertito i Vigili del Fuoco che dopo i rilievi del caso hanno immediatamente predisposto la chiusura della strada per la messa in sicurezza.

I militari di Nemi non potendo intervenire sul luogo per problemi tecnici hanno chiesto l’ausilio dei carabinieri di Genzano. Intanto sono state identificate le targhe delle auto parcheggiate in via Nemorense nei pressi della clinica e fatte spostare.

All’altezza del ristorante il Castagnone è intervenuta anche una voltante del commissariato di Genzano per dirottare il traffico. Mentre in piazza Roma a Nemi una gazzella dei carabinieri di Genzano provvedeva a gestire la circolazione per non permettere alle auto di percorrere la via Nemorense. Sempre a Nemi anche una volante della polizia Locale in ausilio.




NEMI, GROSSA PERDITA IDRICA NEL CENTRO STORICO: IN SERATA SI PATTINA!

GUARDA LA GALLERY IN FONDO ALL'ARTICOLO [CLICCARE SOPRA LE FOTO PER INGRANDIRLE]

 

di Ivan Galea

Nemi (RM) – Una gran perdita d’acqua nel centro storico di Nemi su corso Vittorio Emanuele all’altezza della salita che porta in Comune. I carabinieri del comando di Nemi sono intervenuti alle 8:40 di domenica mattina e hanno immediatamente sollecitato la centrale operativa Acea ad intervenire.

Intorno alle 9:50 è arrivato il tecnico Acea che avrebbe chiamato una squadra d’intervento. Alle 13:00 la perdita ancora zampillava e tra qualche ora, appena andrà via il sole, si ghiaccerà e trasformerà in una pista di pattinaggio. Una squadra Acea è arrivata sul posto verso le 14.15 e ha iniziato a riparare la perdita.

Purtroppo questi disservizi del gestore idrico si verificano non solo d’estate ma anche d’inverno. Uno scandalo ormai la perdita in via Parco dei Lecci che sistematicamente si rigenera dopo le riparazioni. Non si contano ormai più gli interventi operati su quella perdita in via Parco dei Lecci all’altezza dell’istituto il Grembo.

Al mattino con le basse temperature è molto pericoloso e neanche a dire che ci si può buttare il sale sopra visto che il Comune ha messo dei sacchi di sale agli angoli delle strade a dicembre quando straordinariamente ancora c’era il clima primaverile senza preoccuparsi di tenerlo invece per la stagione fredda che adesso è arrivata. Così molti sacchetti di sale in bellavista sono stati presi dai residenti per cospargersi i loro vialetti e quando si presentano le perdite di questo genere si pattina.

Speriamo che per la serata l’intervento Acea al centro storico e in via Parco dei Lecci sia definitivamente risolto. Ma non con una toppa che spesso è peggio del buco.




NEMI: SEQUESTRATO UN TERRENO CON MANUFATTI ABUSIVI

Redazione
Nemi (RM)
– I Carabinieri della Stazione di Nemi, nel corso di mirata attività di controllo lungo le sponde dell’omonimo Lago per contrastare il fenomeno degli abusi edilizi, hanno proceduto all’esecuzione del Decreto di Sequestro Preventivo emesso dal Giudice delle Indagini preliminari del Tribunale di Velletri, applicando i sigilli all’area localizzata sulle rive del Lago di Nemi di circa 300 mq ed ai relativi manufatti presenti, denunciando nr. 8 persone tra cui il proprietario e committenti dei lavori, il titolare della ditta esecutrice dei lavori ed i relativi operai.

L’attività è scaturita dal sopralluogo effettuato dai carabinieri della locale stazione in cui è stata accertata l’esecuzione di lavori di demolizione e ricostruzione di manufatti in area protetta e sottoposta a vari vincoli paesaggistici ambientali inserita nel Parco Regionale dei Castelli Romani in assenza di qualsiasi autorizzazione. L’operazione, che rientra nelle attività di contrasto agli illeciti di natura ambientale sul territorio svolti dall’Arma, è stata condotta con la collaborazione del personale del Polizia Locale di Nemi e dei Guardiaparco del Parco Regionale dei Castelli Romani.

 




NEMI: ECCO I DANNI DELLA "SICUREZZA TAMPONE"

 

GUARDA LA GALLERY IN FONDO ALL'ARTICOLO (CLICCARE SOPRA LE FOTO PER INGRANDIRLE)

 

Redazione

Nemi (RM) – Caos a Nemi su via De Sanctis dove almeno tre macchine hanno rotto i pneumatici a causa di un ciglio sconnesso che delimita il marciapiede.

La rattoppata che gli è stata data inizialmente infatti ha peggiorato la situazione: se prima era sconnesso dopo la “pezza” messa alla meglio la situazione è peggiorata. E’ arrivato il maltempo e anche i disagi per gli automobilisti che sono rimasti a terra in tutti i sensi e che in preda alla rabbia si sono rivolti ai carabinieri per denunciare l’accaduto. Sul posto, dove sono prontamente intervenuti i militari dell'Arma sono successivamente arrivati anche gli agenti della Polizia Municipale di Nemi.

"Questo è l’epilogo di un modus agendi che purtroppo porta soltanto danni, – commenta Ivan Galea Coordinatore di AssoTutela per Roma e provincia –  se infatti chi è preposto alla vigilanza del Comune di Nemi prosegue Galea – si concentrasse di più su un corretto controllo e manutenzione della viabilità anzinché abbellire le scarpate con erbetta e fiorellini non si verificherebbero ne disagi agli automobilisti con danni alle auto e neppure alberature che precipitano sulle vetture in sosta selvaggia. E’ necessario – prosegue il coordinatore di AssoTutela – che chi è responsabile della vigilanza del Comune di Nemi si preoccupi di fare intervenire chi di dovere per mettere in sicurezza la sede stradale senza prodigarsi in prima persona. Perché così facendo può anche succedere che per tagliare dell’erba sulla scarpata si spacchi il ciglio stradale col trattore provocando ancora più danni. Insomma – conclude Galea –  a ognuno il suo, ma sulla sicurezza e la manutenzione non si scherza e non ci si può improvvisare tuttologi".




NEMI: PROSEGUE L'OPERAZIONE "NEMI SICURA"

Redazione

Nemi (RM) – Prosegue l'operazione “Nemi Sicura” con la stazione mobile dei Carabinieri presente in piazza Roma a Nemi per garantire sicurezza ai turisti e residenti della splendida cittadina dei Castelli Romani, presa d’assalto nei fine settimana da centinaia di persone attratte non solo dalle manifestazioni proposte ma soprattutto dall’innegabile fascino del paese: una piccola Svizzera a pochi passi da Roma.

“Nemi sicura” è un servizio più che mai utile, partito lo scorso 19 aprile 2015, su proposta dalla Compagnia dei carabinieri di Velletri diretta dal Capitano Davide Occhiogrosso ed effettuato dalla stazione dei carabinieri di Nemi comandata dal Maresciallo dell'Arma Vincenzo Abbate.




VELLETRI E NEMI: SEQUESTRATA AREA DI 5MILA MQ NEL CUORE DEL PARCO DEI CASTELLI ROMANI

Redazione
Velletri e Nemi (RM)
–  I Carabinieri della Compagnia di Velletri, nel corso di un predisposto controllo di contrasto alle violazioni delle normative in materia ambientale e di monitoraggio eventuali riciclatori/commercianti abusivi di metalli, effettuato unitamente ai carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Roma, hanno sequestrato un’area di circa 5.000 mq posta all’interno del Parco Regionale dei Castelli Romani. L’attività ispettiva svolta dalla Stazione Carabinieri di Nemi con gli specialisti del NOE, ha consentito di individuare un sito di stoccaggio di veicoli fuori uso, componenti elettronici, parti meccaniche e di carrozzeria, olii esausti; al vaglio dei carabinieri un’attività di gestione e deposito di veicoli fuori uso da parte di una società.

Dai primi accertamenti è emersa l’assenza delle autorizzazioni previste dalla legge in zona soggetta a vincolo paesaggistico-ambientale ed idrogeologico posta tra i territori comunali di Velletri e Nemi. Sono state inoltre riscontrate irregolarità nello stoccaggio dei materiali ed oli esausti, nonché la mancata realizzazione di idoneo sistema di raccolta e trattamento acque di piazzale e meteoriche. Il titolare della società è stato deferito alla competente Autorità giudiziaria per reati in materia ambientale:
–    art. 256 c. 1 lett. a e b d. lgs n. 152/2006: violazioni varie al testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia ambientale;
–    art. 13  d.lgs n. 209/2003: violazioni della normativa in merito allo smaltimento dei veicoli fuori uso;
–    art. 181 d.lgs 4/2004 opere eseguite in assenza di autorizzazione o in  difformità da essa su beni paesaggistici.

LEGGI ANCHE:

: 17/07/2014 VELLETRI / NEMI, UNO SFASCIO NEL CUORE DEL PARCO DEI CASTELLI: MAXI OPERAZIONE DEI CARABINIERI DI VELLETRI CHE SCONGIURANO UN DANNO AMBIENTALE


 




NEMI NCC: DENUNCIATE OTTO PERSONE. MAXI OPERAZIONE DEI CARABINIERI E POLIZIA LOCALE

di Angelo Parca

Nemi (RM) – Arriva ad otto il numero delle persone denunciate nell'ambito dell'operazione Ncc (noleggio con conducente) sul territorio di Nemi per irregolarità rilevate durante dei controlli a tappeto iniziati già dallo scorso agosto. Una maxi operazione a 360 gradi quella condotta dai carabinieri di Nemi diretti dal Maresciallo Capo Fabio Adinolfi che rispondono alla compagnia di Velletri guidata dal Capitano Davide Occhiogrosso, con la collaborazione del comandante della Polizia Locale di Nemi Gabriele di Bella.

Da febbraio scorso gli inquirenti hanno indagato su alcuni Ncc ai quali sono state rilasciate le licenze dal Comune di Nemi. L’esito ha portato a quattro denunce ai titolari delle quattro licenze. I quattro titolari, avevano falsamente dichiarato di avere a disposizione nel Comune di Nemi due autorimesse che sarebbero state la sede della loro attività di noleggio con conducente. Invece queste rimesse erano in realtà fittizie perché non hanno mai accolto alcun Ncc. Anzi, i garage, sono rimasti a disposizione dei rispettivi proprietari, ovvero di privati cittadini, anche loro denunciati per concorso nel reato.

Uno di questi quattro titolari di licenza Ncc, la numero 11, non si può dire che non abbia dato nell’occhio: la sua rimessa “dichiarata” era proprio nel centro storico di Nemi in piazza Roma al civico 6, un locale che per le sue dimensioni abbastanza ristrette non avrebbe potuto mai accogliere l’auto Ncc in questione, come avevamo già scritto lo scorso 4 luglio 2013 e lo scorso 13 luglio 2013. L’osservatore d’Italia ha iniziato a parlare di licenze Ncc presuntivamente irregolari già da luglio del 2013, documentando con materiale fotografico ad esempio, l’impossibilità di un auto lunga 5 metri e con uno scarto di larghezza rispetto alla rimessa di appena circa due miseri centimetri per lato, entrare in un garage nel centro, in piazza Roma. I riflettori del nostro quotidiano sono rimasti sempre accesi, su la congruità tra rimessa e sede legale, sul fatto che qualche Ncc abbia addirittura cambiato assetto societario nel periodo di indagini. Adesso si attendono altri sviluppi.

LEGGI ANCHE:

24/02/2014 ROMA AUTOVETTURE NCC: PASSATA LA PROROGA. ORA SI PUNTA ALLA RIFORMA

07/02/2014 ROMA NCC – TAXI, SINDACATI: ADESSO CHI USA AUTORIZZAZIONI ILLEGALI HA PAURA

 06/02/2014 NCC: SEDE LEGALE E SEDE OPERATIVA PRESSO IL COMUNE CHE HA RILASCIATO L'AUTORIZZAZIONE

 21/12/2013 ROMA, NCC ABUSIVI: IL SINDACO MARINO PROMETTE MANO DURA

 24/10/2013 ROMA, TRASPORTO DISABILI SU PULMINI NCC: INCONGRUENZE, PARADOSSI E ASSURDI DISSERVIZI
 14/10/2013 NCC, GIULIO ALOISI RESPONSABILE ANITRAV REGIONE LAZIO INTERVIENE IN MERITO ALLE CONCLUSIONI DELL’AVVOCATO GENERALE PRESSO LA CORTE DI GIUSTIZIA DELL’UNIONE EUROPEA
 29/09/2013 NCC: L'EUROPA LASCIA PARLARE LA LEGGE NAZIONALE
 01/09/2013 ROMA CAPUT NCC

 24/08/2013 NEMI DENUNCE NCC: L'INCHIESTA DE L'OSSERVATORE LAZIALE PROSEGUE

 23/08/2013 NEMI, INCHIESTA NCC: DENUNCIATI DAI CARABINIERI TITOLARI LICENZE NCC E PRIVATI CITTADINI

 18/08/2013 ROMA, FIUMICINO E CIAMPINO: SEMPRE PIU' SERRATI I CONTROLLI A NCC E TAXI ABUSIVI

 16/08/2013 NEMI, INCHIESTA NCC: BALDAZZI ACQUISTA DA TURCO… INVERTENDO L'ORDINE DEGLI ADDENDI IL RISULTATO NON CAMBIA

 08/08/2013 LENOLA, INCHIESTA NCC: ANCHE QUI UN FIUME DI AUTORIZZAZIONI E SI PAGA PURE IL “CANONE”

 06/08/2013 NCC ABUSIVI. IL SINDACO DI FIUMICINO: “COMBATTEREMO OGNI FORMA DI ILLEGALITÀ IN AEROPORTO”

 06/08/2013 NEMI, INCHIESTA NCC: TRA ELEFANTI, SCUOLA E GIOCO DI SOCIETA’ ARRIVANO LE OSSERVAZIONI DELL’AVVOCATO SPIRA: “MA IN QUESTO COMUNE NON ESISTE UN GRUPPO DI MINORANZA?”

 04/08/2013 NEMI, INCHIESTA NCC: PASSAGGIO DI LICENZA O GIOCO DI SOCIETA’?

 28/07/2013 INCHIESTA NCC, DA ROMA SI LEVA UNA VOCE: “LA PORTI UN BACIONE A FIRENZE”

 26/07/2013 NCC, INCHIESTA: LE AUTO A NOLEGGIO DALLE UOVA D’ORO PRONTE A SBARCARE SUL MERCATO CAPITOLINO

 25/07/2013 NEMI, INCHIESTA NCC: DITTA INDIVIDUALE CON SEDE LEGALE IN UNA SCUOLA PUBBLICA?

 15/07/2013 INCHIESTA NCC: TUTTE LE AUTORIZZAZIONI VENGONO AL PETTINE

 13/07/2013 NEMI, INCHIESTA AUTO NCC: I TENTATIVI DELL'ELEFANTE E LA SIESTA SUL PARCHEGGIO DISABILI

 05/07/2013 L'INCHIESTA NCC: SU LICENZE "FACILI" INDAGA LA PROCURA DI PESCARA

 04/07/2013 NEMI, L'INCHIESTA SULLE AUTO NCC: PUO' UN ELEFANTE ENTRARE NELLA TANA DI UN TOPO?

 02/07/2013 NEMI, L'INCHIESTA SULLE AUTO NCC: TUTTE LE LICENZE PORTANO A ROMA




CASTELLI ROMANI: ROCAMBOLESCO INSEGUIMENTO SULLA VIA DEI LAGHI FINISCE A NEMI

C. R.

Castelli Romani / Nemi (RM) – Un rocambolesco inseguimento di un pregiudicato stile trailer americano è finito con un arresto. Dalla via Appia, vicino Castel Gandolfo, si è finiti a Nemi. Tutto perché il malvivente romano, già noto alle forze dell’ordine, non si è fermato all’Alt intimato dai carabinieri.

Immediatamente è scattata l’allerta delle centrali operative e le pattuglie si sono mobilitate. Dall’Appia il malfattore prende la via dei Laghi e con la sua Alfa Romeo Mito continua a premere il piede sull’accelleratore e si spinge in direzione Rocca di Papa – Velletri.

Ormai sono 13 le volanti che lo inseguono. Passa Ciampino, poi Marino e poi Rocca di Papa. Nel frattempo viene allertata anche la stazione di Nemi. A quel punto il Comandante della Stazione di Nemi Fabio Adinolfi decide di mettere fine alla folle corsa del fuggitivo.

Prende la volante e la piazza proprio in mezzo alla strada in maniera da ostruire il passaggio. L’uomo vedendo i carabinieri in mezzo alla via dei Laghi, a tutta velocità sterza per girare verso il centro di Nemi, ma lì la sua corsa finisce contro un muro. E per lui sono scattati i "braccialetti ai polsi".

Pare che l’uomo avesse anche la patente ritirata e l’assicurazione scaduta.




NEMI, PALESTRA COMUNALE NEL CANTIERE: ARRIVANO I CONTROLLI

Redazione

Nemi (RM) – Sopralluogo della Asl RmH, dei Carabinieri di Nemi diretti dal comandante della locale stazione Fabio Adinolfi, del comandante della polizia locale di Nemi Gabriele Di Bella presso la palestra comunale del Comune di Nemi.
Oggetto di un recente reportage de Il Tempo e de L'osservatore laziale sullo stato della struttura: ai piedi di un eterno cantiere, sporco e non in sicurezza. Dopo i servizi de Il Tempo e de L’osservatore laziale a firma Chiara Rai la situazione sembra migliorata: la sporcizia è diminuita, sono state nastrate delle zone, le macchine non parcheggiano più di fronte l’ingresso e i bambini, almeno per il momento, non frequenteranno la struttura.

La Asl ha applicato al Comune di Nemi delle prescrizioni: più di qualcosa da mettere in sicurezza, almeno per consentire ai frequentanti del centro anziani di potervi accedere saltuariamente.

Fatto sta, che se fossero partiti i lavori al grande cantiere della scuola, come promesso in campagna elettorale, oltre un anno fa, dal sindaco Alberto Bertucci, oggi l’edificio sarebbe quasi terminato, con tanto di aule nuove e una palestra all’interno di un ambiente consono per gli studenti.

Intanto, i corsi di ginnastica dolce organizzati presso la struttura, sono stati spostati altrove.

Molti residenti si augurano che il sindaco Alberto Bertucci mantenga le sue promesse e finisca al più presto l’unica scuola presente a Nemi.

I bambini dell’infanzia ed elementari, addirittura non hanno un cortile dove fare ricreazione ma le docenti, attente e comprensive, accompagnano spesso i ragazzi a fare delle passeggiate in paese durante l’orario di pausa didattica.

LEGGI ANCHE:

21/10/2013 NEMI, COMPUTER NUOVI IN UNA SCUOLA CHE FA PAURA SOLO A GUARDARLA


 

 




NEMI DENUNCE NCC: L'INCHIESTA DE L'OSSERVATORE LAZIALE PROSEGUE

Intanto  Ivano Fascianelli presidente dell'Anar (l’Associazione Nazionale Autonoleggiatori di Roma) ha richiesto circa 30 giorni fa al Comune di Nemi l’accesso agli atti per conoscere le modalità di rilascio delle licenze: “Abbiamo ravvisato – dice Ivano Fascianelli –  un comportamento difforme rispetto le autorizzazioni rilasciate a Nemi. Ricordiamo inoltre che la legge dice che per conseguire e mantenere l’autorizzazione Ncc, la sede del vettore e la rimessa devono essere situate nel territorio del Comune che ha rilasciato l’autorizzazione”. 

 

Chiara Rai

Nemi (RM) – Cosa non si fa pur di ottenere una licenza per lavorare con un’auto da noleggio con conducente? Da febbraio scorso gli inquirenti hanno indagato su alcuni Ncc ai quali sono state rilasciate le licenze dal Comune di Nemi. L’esito ha portato a quattro denunce ai titolari delle quattro licenze che hanno passato il vaglio della commissione tecnica comunale sulla base di false attestazioni.

L’operazione è stata condotta dai carabinieri di Nemi della compagnia di Velletri diretta dal Maggiore Marco Piras e  dalla polizia locale di Nemi diretta dal comandante Gabriele Di Bella. Dal canto suo, il sindaco Alberto Bertucci, ha garantito che il Comune di Nemi agirà per quanto di sua competenza per contrastare il fenomeno.  

I quattro titolari, avevano falsamente dichiarato di avere a disposizione nel Comune di Nemi due autorimesse che sarebbero state la sede della loro attività di noleggio con conducente. Invece queste rimesse erano in realtà fittizie perché non hanno mai accolto alcun Ncc. Anzi, i garage, sono rimasti a disposizione dei rispettivi proprietari, ovvero di privati cittadini, anche loro denunciati per concorso nel reato.

Uno di questi quattro titolari di licenza Ncc, la numero 11, non si può dire che non abbia dato nell’occhio: la sua rimessa “dichiarata” era proprio nel centro storico in piazza Roma al civico 6, un locale che per le sue dimensioni abbastanza ristrette non avrebbe potuto mai accogliere l’auto Ncc in questione, come avevamo già scritto lo scorso 4 luglio 2013 e lo scorso 13 luglio 2013

[ CLICCARE QUI PER LEGGERE ARTICOLO DEL 04/07/2013 NEMI, L'INCHIESTA SULLE AUTO NCC: PUO' UN ELEFANTE ENTRARE NELLA TANA DI UN TOPO? ]

[ CLICCARE QUI PER LEGGERE ARTICOLO DEL 13/07/2013 NEMI, INCHIESTA AUTO NCC: I TENTATIVI DELL'ELEFANTE E LA SIESTA SUL PARCHEGGIO DISABILI ]

In una determinazione del Comune di Nemi del 6 giugno 2013 firmata dal comandante Gabriele Di Bella, responsabile dell’area polizia, si autorizzava la voltura dell’autorizzazione Ncc n°11 da Pier Domenico Ciarravano a Luciano Cirulli, quest’ultimo titolare di una Opel Vivaro lunga 5 metri che neppure a specchietti chiusi sarebbe potuta entrare nel piccolo garage.

Ai sensi dell’articolo 19 del regolamento comunale, l’auto, prima di essere immessa in servizio deve essere sottoposta a verifica da parte della commissione tecnica comunale. La licenza è stata conferita alla società cooperativa NCC con sede a Roma.

Intanto  Ivano Fascianelli presidente Anar (l’Associazione Nazionale Autonoleggiatori di Roma) ha richiesto circa 30 giorni fa al Comune di Nemi l’accesso agli atti per conoscere le modalità di rilascio delle licenze: “Abbiamo ravvisato – dice Ivano Fascianelli –  un comportamento difforme rispetto le autorizzazioni rilasciate a Nemi. Ricordiamo inoltre che la legge dice che per conseguire e mantenere l’autorizzazione Ncc, la sede del vettore e la rimessa devono essere situate nel territorio del Comune che ha rilasciato l’autorizzazione”.   

LEGGI ANCHE:

 23/08/2013 NEMI, INCHIESTA NCC: DENUNCIATI DAI CARABINIERI TITOLARI LICENZE NCC E PRIVATI CITTADINI

 18/08/2013 ROMA, FIUMICINO E CIAMPINO: SEMPRE PIU' SERRATI I CONTROLLI A NCC E TAXI ABUSIVI

 16/08/2013 NEMI, INCHIESTA NCC: BALDAZZI ACQUISTA DA TURCO… INVERTENDO L'ORDINE DEGLI ADDENDI IL RISULTATO NON CAMBIA

 08/08/2013 LENOLA, INCHIESTA NCC: ANCHE QUI UN FIUME DI AUTORIZZAZIONI E SI PAGA PURE IL “CANONE”

 06/08/2013 NCC ABUSIVI. IL SINDACO DI FIUMICINO: “COMBATTEREMO OGNI FORMA DI ILLEGALITÀ IN AEROPORTO”

 06/08/2013 NEMI, INCHIESTA NCC: TRA ELEFANTI, SCUOLA E GIOCO DI SOCIETA’ ARRIVANO LE OSSERVAZIONI DELL’AVVOCATO SPIRA: “MA IN QUESTO COMUNE NON ESISTE UN GRUPPO DI MINORANZA?”

 04/08/2013 NEMI, INCHIESTA NCC: PASSAGGIO DI LICENZA O GIOCO DI SOCIETA’?

 28/07/2013 INCHIESTA NCC, DA ROMA SI LEVA UNA VOCE: “LA PORTI UN BACIONE A FIRENZE”

 26/07/2013 NCC, INCHIESTA: LE AUTO A NOLEGGIO DALLE UOVA D’ORO PRONTE A SBARCARE SUL MERCATO CAPITOLINO

 25/07/2013 NEMI, INCHIESTA NCC: DITTA INDIVIDUALE CON SEDE LEGALE IN UNA SCUOLA PUBBLICA?

 15/07/2013 INCHIESTA NCC: TUTTE LE AUTORIZZAZIONI VENGONO AL PETTINE

 13/07/2013 NEMI, INCHIESTA AUTO NCC: I TENTATIVI DELL'ELEFANTE E LA SIESTA SUL PARCHEGGIO DISABILI

 05/07/2013 L'INCHIESTA NCC: SU LICENZE "FACILI" INDAGA LA PROCURA DI PESCARA

 04/07/2013 NEMI, L'INCHIESTA SULLE AUTO NCC: PUO' UN ELEFANTE ENTRARE NELLA TANA DI UN TOPO?

 02/07/2013 NEMI, L'INCHIESTA SULLE AUTO NCC: TUTTE LE LICENZE PORTANO A ROMA




NEMI, STANOTTE UNA FRANA SULLA VIA NEMORENSE

Angelo Parca

Nemi (RM) – Alle 3 di notte di giovedì 4 marzo si è verificata una frana su via Nemorense, a pochi metri da piazza Roma e dalla chiesa del Crocefisso, proprio nei pressi dell’area posta sotto sequestro ad ottobre del 2012, quando i Carabinieri di Nemi  hanno messo i sigilli alle opere  murarie realizzate nel complesso immobiliare che domina piazza Roma in via Nemorense. Lì c’è un lungo muro realizzato per contenere i movimenti franosi che si sono verificati negli anni passati e che continuano a verificarsi. Anni di lavori da parte della Provincia e con l’ausilio del Comune dopo la grande frana del 2008 che ha reso inagibile metà carreggiata costringendo le auto a senso unico. Adesso, probabilmente, la Provincia interverrà sull’arteria e deciderà se ripristinare o meno il senso unico alternato in attesa che venga nuovamente rimessa in sicurezza la parte boscata oggetto di frana. Fortunatamente l’alberatura franata, si è fermata al muro di contenimento che da anni giace incompiuto.

LEGGI ANCHE:

15/10/2012 NEMI, NUOVI SIGILLI ALLE OPERE MURARIE IN VIA NEMORENSE