1

CRISI ASIATICA VERSO TENSIONI MONDIALI: USA APPOGGIA VIETNAM E RUSSIA STIPULERA’ UN CONTRATTO CON LA CINA PER IL COMMERCIO, ENERGIA E PROTEZIONE NAVALE

Il 21 maggio Putin prenderà parte al quarto vertice della conferenza sull'interazione e le misure di rafforzamento della fiducia in Asia in programma che si terrà a Shanghai, mentre nel Vietnam questi giorni sono sorte imponenti proteste contro l’imperialismo cinese, quindici fabbriche d proprietà di Singapore sono state incediate nel parco industriale.

 

di Cinzia Marchegiani

Isole Paracel – Prende sempre più forma l’inquietante scenario asiatico dove in superficie c’è un forte conflitto innescato dalla contesa di sovranità in una zona del Mar Cinese Meridionale tra Cina e Vietnam. La situazione di forte tensione potrebbe innescare però altri attriti ben più grandi che coinvolgerebbero USA e Russia. Il Vietnam e le Filippine hanno sempre contrastato l’invadenza egemonica della Cina, mentre la Cina rivendica la sovranità delle Isole Paracel e delle Spratly, in una zona chiamata “lingua di bue”. L'egemonia è di certo un fattore strategico per poter impadronirsi di quei beni preziosi che sono il commercio e lo sfruttamento di petrolio e gas naturale nel fondo marino, in un'area dell’oceano dove vi è il passaggio dei due terzi dei commerci marittimi mondiali. Il fatto vuole che nonostante i trattati internazionali, sono state posizionate in una zona economica esclusiva di Hanoi una piattaforma petrolifera e una flotta di navi militari cinesi per esercitare l’attività estrattiva al largo delle Isole Paracel considerata zona dell’area di pertinenza del Vietnam. Le navi cinesi, anche grazie all’aiuto dell’aviazione da guerra, hanno condotto un’azione aggressiva alle navi della Guardia Costiera e a quelle preposte al controllo della pesca. Dopo il vertice Asean, con la nota diramata l’11 maggio 2014, il Fondo Vietnam per la Pace e lo Sviluppo (VFPD) si è attivato per scongiurare il conflitto e ha chiesto alla Cina di rimuovere immediatamente la sua piattaforma petrolifera e le navi dalle acque del Vietnam e di proseguire i negoziati per risolvere il problema, poiché l'atto pone problemi nella regione e in tutto il mondo la pace e la stabilità. La situazione però si complica. L’USA va a portare la propria protezione in Vietnam, siglando il 28 aprile 2014, un accordo di cooperazione militare tra Manila e Washington che autorizza una maggiore presenza di truppe statunitensi nel Paese del Sud-est asiatico, un vero concordato che garantirà per dieci anni un migliore accesso all’alleato americano a porti, basi militari e dell’aviazione sul suolo filippino, mentre le truppe statunitensi forniranno addestramento all’esercito di Manila e sostegno logistico. Dal fronte cinese invece è ufficiale la visita del presidente russo Vladimir Putin per una visita non solo diplomatica ma che servirà a siglare un accordo sul gas. Dal Cremlino si conferma che il 20 maggio Putin visiterà Shanghai, dove verranno firmati una serie di "importanti accordi " che riguardano il commercio e l'energia. Mentre Putin sarà in visita a Pechino, Cina e Russia terranno un'esercitazione navale congiunta nella parte settentrionale del Mar Cinese Orientale tra il 20 e il 26 maggio. Liang Yang ha detto in una conferenza stampa che il "Sea Common 2014" nasce per concentrarsi sulla difesa e attacco, scorta, ricerca e salvataggio e la liberazione di navi dirottate. Il portavoce Liang ha rivelato che le due parti della spedizione comprendno 14 navi, due sommergibili, nove aerei ad ala fissa e elicotteri e forze speciali per l'esercizi e l'evento che servirà a rafforzare la reciproca fiducia politica tra la Cina e la Russia:”l'esercitazione ha lo scopo di aumentare la loro capacità di affrontare congiuntamente le minacce alla sicurezza marittima”. Il 21 maggio, Putin prenderà parte al quarto vertice della Conferenza sull'interazione e le misure di rafforzamento della fiducia in Asia in programma che si terrà proprio a Shanghai. Purtroppo il clima è incandescente, dalle news di questi giorni si apprende che in tutto il Vietnam, ci sono state manifestazioni e proteste nelle principiali piazze della nazione, come all’ambasciata cinese di Hanoi dove duemila persone si sono riversate per protestare contro l’imperialismo della Cina, ad Ho Chi Minh City si parla di più di tremila cittadini di religioni diverse davanti al Consolato di Pechino. Inoltre nel sud del paese è sfociata una protesta pericolosa e imponente che hanno coinvolto ventimila lavoratori in un parco industriale di proprietà di Singapore e in altre fabbriche vicine situate nella provincia meridionale di Binh Duong. Gli stabilimenti di Taiwan o Corea del Sud sono stati presi d’assalto, pensando che fossero di proprietà cinese.

Situazione delicata e preoccupante per la pace mondiale, poiché sembra che entrambe le nazioni rivendichino ognuna la propria osservanza dei trattati internazionali. Dal vertice Asean emerge l’atteggiamento della Cina che oltre a non dare alcuna risposta alle richieste legittime, ha calunniato e accusato il Vietnam, mentre poi intensificava le sue azioni di supremazia. Il Vietnam protesta con forza l’egemonia della Cina e conferma che proteggerà la sua sovranità nazionale e l'interesse legittimo in conformità del diritto internazionale, mentre la Cina è certa che ha esercitato un’enorme moderazione nei confronti della provocazione Vietnamita, confermando che ha comunicato per ben quattordici volte attraverso i canali diplomatici invitando la parte vietnamita a rispettare i legittimi diritti e interessi della Cina, chiedendo di rimuovere tutte le navi immediatamente. Yi Xianliang, vice direttore generale del Dipartimento di controllo e Oceano affari del Ministero degli Esteri della Cina, ha tenuto una conferenza stampa insieme a Li Youg, CEO di China Oilfield Services Limited (COSL) sulle operazioni di perforazione della Cina in acqua meridionali:” la Cina è profondamente scioccata e sorpresa. Le isole Xisha sono territorio inerente alla Cina e non ci sono controversie in questo settore. Questa operazione è svolta dalla COSLed è una normale perforazione che dista solo 17 miglia nautiche di distanza dall’isola di Zhongjian ed è completamente all’interno della sovranità e giurisdizione della Cina.”

Il fatto che la Russia e l’U.S.A. abbiano scelto alleati che sono ora in forti conflitti territoriali, pone imbarazzanti riflessioni… Giganti della terra spostano arsenali e flotte navali militari per fare esercitazioni di pattugliamento in acque oceaniche dove ogni giorno vi è il passaggio dei due terzi dei commerci marittimi mondiali, ma soprattutto siti strategici di sfruttamento di petrolio e gas naturale nel fondo marino, tutto ciò deve allarmare le organizzazioni mondiali di pace….




CRISI ASIATICA, VENTO DI GUERRA:IL VIETNAM MANIFESTA CONTRO L’IMPERIALISMO DI PECHINO NEL MAR CINESE MERIDIONALE

Dal vertice dell’Asean si concretizza l’invito del primo ministro vietnamita Nguyen Tan Dung ai membri dell’associazione, ai paesi di tutto il mondo e alle organizzazioni internazionali ad elevare la voce in protesta contro la Cina e sostenere la richiesta legale e legittima del Vietnam, mentre il Fondo Vietnam per la Pace e lo Sviluppo (VFPD) chiede alla Cina di rimuovere immediatamente la sua piattaforma petrolifera e le navi dalle acque del Vietnam e di proseguire i negoziati per risolvere il problema, poiché l'atto pone problemi nella regione e in tutto il mondo la pace e la stabilità. La sovranità e l'integrità territoriale sono diritti supremi per ogni nazione, e richiedono il rispetto da parte degli altri. 

di Cinzia Marchegiani


Isole Paracel – Lo scenario che sta prendendo forma non è nelle più rosee aspettative e i tanti tasselli si stanno incastrando mostrano un puzzle preoccupante che preannuncia venti di guerra anche nell’area asiatica. Dalle news dell’oriente arrivano preoccupanti gli aggiornamenti che hanno visto nel mar Cinese meridionale una contesa sempre più aspra tra Hanoi e Pechino. Il primo maggio la Cina ha posizionato una piattaforma petrolifera e una flotta di navi militari per esercitare l’attività estrattiva al largo delle Isole Paracel considerata zona economica esclusiva di Hanoi all’interno dell’area di pertinenza del Vietnam. Si legge nel dettaglio che il giorno seguente all’invasione della zona economica esclusiva vietnamitica, queste imbarcazioni cinesi, anche grazie all’aiuto dell’aviazione da guerra, hanno condotto un’azione aggressiva alle navi della Guardia Costiera e a quelle preposte al controllo della pesca. La Cina sembra davvero intenzionata ad un’invasione nelle aree del Vietnam, in totale inosservanza delle regole e codici internazionali stipulati proprio tra Cina e Vietnam, appunto della “convenzione di Unclos”. Il 10 maggio a Naypyidaw, in Myanmar, al vertice della 24ma assemblea plenaria dell'Asean, che riunisce dieci nazioni del sud est asiatico, è stata sollevata l’emergenza pace dovuta ai conflitti e le tensioni nel mare dell'Asia-Pacifico. I consiglieri dell’Asean hanno espresso grande preoccupazione per le contese oceaniche e per le dispute territoriali e hanno invitato le parti in causa (senza mai nominare in modo esplicito Pechino) a esercitare contegno ed evitare l'uso della forza, risolvendo le dispute basandosi sui principi del diritto internazionale. La dichiarazione congiunta dei ministri degli esteri sulla tensione Mare Orientale ha chiaramente manifestato la solidarietà, e l'importante ruolo dell'attivismo e l'alta responsabilità dell'ASEAN verso la pace, la stabilità e la sicurezza nella regione. Alla plenaria è proprio il primo ministro vietnamita Nguyen Tan Dung ad esortare i paesi dell'ASEAN a rafforzare la solidarietà e riaffermare fortemente i principi enunciati nei principi in sei punti:”l’Asean dovrebbe chiedere alla Cina di rispettare il diritto internazionale del 1982 UNCLOS, e la DOC, a cui la Cina stessa è firmataria utente, le navi armate cinesi hanno sparato forti cannoni ad acqua contro navi civili vietnamiti, danneggiando i vasi e ferendo molti membri dell'equipaggio, fatto che dimostra come la Cina è la prima volta che ha posizionato un impianto di perforazione all'interno della piattaforma continentale di un paese membro dell'ASEAN e della zona economica esclusiva minacciando direttamente la pace, la stabilità, la sicurezza e marittima nel mare orientale, mentre il Vietnam ha dimostrato moderazione, buona volontà e utilizzato tutti i canali di dialogo con i diversi livelli di protesta cinesi.” Dal vertice Asean emerge l’atteggiamento della Cina che oltre a non dare alcuna risposta alle richieste legittime, ha calunniato e accusato il Vietnam, mentre poi intensificava le sue azioni di supremazia. Di fatto il Vietnam protesta con forza l’egemonia della Cina e conferma che proteggerà la sua sovranità nazionale e l'interesse legittimo in conformità del diritto internazionale. Dal vertice Asean si concretizza l’invito del primo ministro ai membri dell’Asean, ai paesi di tutto il mondo e alle organizzazioni internazionali ad elevare la voce in protesta contro la Cina e sostenere la richiesta legale e legittima del Vietnam.
Lo scenario asiatico non va assolutamente sottovalutato, e sembra che in anticipo si sia mossa strategicamente gli Stati Uniti d’America, infatti Manila e Washington hanno siglato lo scorso 28 aprile 2014 quando Barack Obama si è recato nelle Filippine (prima dell’invasione delle navi Cinesi) un accordo di cooperazione militare, che autorizza una maggiore presenza di truppe statunitensi nel Paese del Sud-est asiatico. Un vero concordato che garantirà per dieci anni un migliore accesso all’alleato americano a porti, basi militari e dell’aviazione sul suolo filippino, mentre le truppe statunitensi forniranno addestramento all’esercito di Manila e sostegno logistico. Questa nuova alleanza ha fatto infuriare anche il vescovo ausiliare di Manila mons. Broderick Pabillo che in merito all’accordo ha sottolineato che “il sostegno di Washington alle Filippine contribuisce a “peggiorare” le contrapposizioni con la Cina… Riflessioni molto profetiche se si guarda con occhio attento le notizie di qualche giorno prima del suddetto accordo l’esercitazione militare annuale battezzata con il nome di Balikatan (Spalla a Spalla, ndr) messe in agenda per aiutare le Filippine a migliorare l’abilità “nell’affrontare queste sfide.” Qui 2.500 soldati americani e tremila militari filippini hanno testato armamenti e attuato test specifici sui sistemi di sorveglianza marittima e sbarchi sulla terraferma.

Dopo il vertice Asean, con la nota diramata l’11 maggio 2014, il Fondo Vietnam per la Pace e lo Sviluppo (VFPD) si è attivato per scongiurare il conflitto e ha chiesto alla Cina di rimuovere immediatamente la sua piattaforma petrolifera e le navi dalle acque del Vietnam e di proseguire i negoziati per risolvere il problema, poiché l'atto pone problemi nella regione e in tutto il mondo la pace e la stabilità. La sovranità e l'integrità territoriale sono diritti supremi per ogni nazione, e richiedono il rispetto da parte degli altri.

Scenari da non sottovalutare, situazione esplosiva con forte conflittualità dove l’America è parte integrante degli attriti innescati…mai come adesso la mediazione di tutti i paesi e le organizzazioni sono diventati così prioritari.