1

ROMA, DOLCE VITA: IL RILANCIO PARTE DALL'ASSOCIAZIONE VIA VENETO

 

CLICCA QUI PER VEDERE IL PROGETTO DI SEMIPEDONALIZZAZIONE DELL'ASSOCIAZIONE VIA VENETO

 

di Chiara Rai

Roma – Pali divelti, cabine dei cavi elettrici aperte, battistrada logorati, sampietrini sradicati, aiuole rase ed erbacce, il gazebo del Cafè de Paris, chiuso da oltre un anno preda di vandali e “sporcaccioni”, lampioni sudici, marciapiedi scempio e cicche dappertutto a tappezzare una strada che sembra l’ultima delle periferie capitoline. Una via Veneto così non si era proprio mai vista. Non sembra più di essere nella strada resa celebre dalla “Dolce Vita”, ancora simbolo del jet-set internazionale e passerella di personaggi del cinema e spettacolo, della politica e dell’imprenditoria d’elite.

A lanciare il grido d’allarme è Pietro Lepore il presidente dell’associazione Via Veneto che raduna numerosi imprenditori della strada romana: “Ormai ci vergogniamo tutti della condizione in cui versa la via – dice – e non sappiamo che rispondere quando i clienti ci fanno notare che neppure i marciapiedi sono più in buone condizioni”. Lepore racconta che nei giorni di pioggia le persone fanno fatica a fare pure quattro passi perché i lastroni di marmo a terra si muovono e c’è il pericolo di cadere. Ormai, infatti, il degrado non è più soltanto una questione di mancanza di estetica ma anche di sicurezza. Basta guardare il palo divelto e pericolante che giace in quelle condizioni da ormai un anno: se dovesse arrivare una forte raffica di vento o venisse urtato da un ciclomotore potrebbe ferire gravemente i passanti.

“I commercianti – prosegue Pietro Lepore – tra tasse di soggiorno e occupazione di suolo pubblico versano annualmente al Comune di Roma circa 2 milioni e mezzo di euro per avere di contro uno spettacolo indecoroso. E la risposta è sempre la stessa: non ci sono i soldi”.
Circa un anno fa l’assessore ai Lavori pubblici e al decoro urbano Tatiana Campioni, si era resa molto disponibile a risolvere le criticità di via Vittorio Veneto, ma di fatto lo scenario non è cambiato se non per qualche striscia pedonale rinnovata anche se a macchia di leopardo.

Eppure non si può dire che l’associazione Via Veneto non stia muovendosi anche per alimentare un risveglio dell’intero quartiere. Soltanto a Natale la strada è stata protagonista di aperitivi, shopping-set, shooting e serate di gala in hotel, ristoranti, gioiellerie, roof garden panoramici e negozi di abbigliamento ed accessori. Una vera e propria passerella glamour per 50 modelle del contest “The Look of the year fashion awards”. E a carnevale si è proseguito con una bellissima festa in maschera che ha animato i saloni del Gran Hotel Palace.

Il progetto delle isole semipedonali. E ora è in fase avanzata il progetto dell’associazione di semipedonalizzare via Veneto creando delle isole pedonali per permettere di vivere a pieno la vita del quartiere anche alle vie limitrofe: “siamo vicini ad un vero e proprio volta pagina epocale – conclude Lepore – che permetterà a tutto il territorio di vivere la strada di Roma più famosa nel mondo”.




ROMA, VIA VENETO: ARRIVEDERCI RINO

Chiara Rai

ROMA – Non può essere un addio la partenza di Rino perché lui, tutti i giorni sarà vivo per la smisurata energia che ci ha lasciato. Rino era oltre perché guardava sempre oltre l’oltre. Onesto, sincero, schietto, polemico, ribelle, innamorato della vita, della sua famiglia dei suoi affetti e amico unico e irripetibile. Rino era un vulcano, era ‘pane al pane vino al vino’, semplice ma elegantissimo anche quando non indossava la cravatta. Bastava sedergli accanto un attimo al tavolino all’aperto del suo Harry’s Bar per accorgersi che il suo sguardo puntava oltre le colonne d’Ercole, ad isole lontane dove già poteva scorgere le sue idee realizzate, concretizzatesi in un momento, per lui bastava volerlo. Solo un simile genio riusciva a penetrare l’inesplorabile e nel momento che pensava “l’impossibile”, questo aveva già bussato alla sua porta. Infatti Rino può essere preso d’esempio, come ha detto anche lo zio nella predica, perché è riuscito a superare se stesso. Nato in piccolo paese, Galluccio, in provincia di Caserta e approdato a Colleferro in provincia di Roma è diventato barbiere e da barbiere è uscito fuori dal suo paese per trasferirsi a Roma e dopo poco tempo, proprio perché si è saputo sempre sperimentare e mettere alla prova è diventato l’imperatore di via Veneto, proprietario dell’Harry’s bar, emblema della Dolce Vita e fondatore dell’associazione dei commercianti dell’intera famosa strada, Commendatore della Repubblica Italiana e tanto altro. Ha amato quel posto, “casa sua”, si arrabbiava Rino, sbraitava, quando le istituzioni e la politica allentavano l’attenzione sulla strada più famosa di Roma. Si è interessato con gusto indiscusso e sovrano di tutto per anni: Dalle aiuole alle magnifiche luminarie sotto Natale. “Da presidente – mi disse un paio di anni fa – addobbammo un grande albero di Natale che nulla aveva da invidiare a quello di Central Park, di fatti facemmo un gemellaggio Via Veneto – Fifth Avenue”. Ecco Rino: sapeva portare l’America in Italia, l’Harry’s bar in tutto il mondo e il suo paese nell’universo. Paese inteso come attaccamento alle radici, dove ha toccato con mano la fatica, la perseveranza condita di umiltà seguita dalla grande scia di volontà che ha fatto un grande uomo. Tutte queste qualità le ritroviamo in suo fratello Piero, al timone dell’Harry’s Bar perché chi se non Piero ha davvero respirato e vissuto un’arte di difficile trasmissione: aldilà del lavoro, aldilà di master e pratica, oltre l’oltre. Piero incarna tutte le qualità di suo fratello, non è stato passato un testimone ma è stato operato un percorso condiviso al timone del transatlantico della dolce vita. Con viva e sincera commozione, ricordo insieme alla mia famiglia, quanto Severino Lepore fosse una persona onesta e perbene. Così ha voluto essere ricordato anche dallo zio, perché così lui era: una stella cometa che ha fatto ardere via Veneto, illuminando una grande e immensa famiglia. Per questo motivo tanti amici erano oggi presenti per salutarlo. Buon viaggio imperatore.

Emanuel Galea

Come tutti gli uomini di successo, Rino Lepore non è nato “già imprenditore”.  Lo è diventato grazie al suo carattere tenace, forte, grazie a quella voglia di fare che gli era propria, di cercare sempre il meglio, di guardare avanti, sempre scrutando traguardi migliori ed inesplorati, senza accontentarsi. Era un uomo di un’intelligenza irrequieta, superattiva, in cerca costante di mete più alte. L’ho conosciuto negli anni settanta. Si era presentato per coprire un incarico di responsabilità nel posto dove io prestavo servizio. Il mio primo impatto con Rino è stato positivo. In quel colloquio Rino mi aveva dimostrato che davanti a me c’era l’uomo giusto per quell’incarico. Da quel giorno siamo rimasti amici. Questa esperienza, sono certo, ha fatto nascere in Rino la passione per la Ristorazione. Pochi mesi dopo ci siamo salutati e qualche anno dopo ci siamo rivisti a Via Veneto. Passando per recarmi in ufficio, ogni mattina incontravo l’amico Rino, fuori del locale Ciao Bella, la sua nuova impresa, il suo nuovo acquisto nel campo della ristorazione. Rino Lepore, ormai un imprenditore della ristorazione con meriti e riconoscimenti indiscussi, non perse l’occasione, quando l’Harry’s Bar, che a tanti richiama le felici serate della Dolce Vita, gli offrì l’occasione a cui ambiva da sempre. Dal locale Ciao Bella salì Via Veneto e conquistò l’Harry’s Bar, tempio e meta di uomini di affari, politici e personaggi dello spettacolo. Oggi Rino ci ha lasciato verso un’altra meta. L’augurio che gli facciamo è che dove sta ora possa trovare quello che ha sempre cercato, il meglio, il bello, il più sereno. Ciao amico, che tu possa trovare la pace. Ciao Rino, oggi a Via Veneto, senza di te, c’è una luce in meno. 

 

Luigi Caporicci (Presidente del Gotto d’Oro)

Noi lo abbiamo visto solo due volte, più che sufficienti per avere l’impressione di una persona per bene. Chi l’ha conosciuto più a lungo, ne ha potuto apprezzare meglio e più le doti umane che promanava. Mi dispiace tanto per Piero, che ritengo riconosceva in Rino una salda guida e riponeva nel fratello una totale fiducia. Un rapporto di reciproca affidabilità.

Giovanna Bizzarri (pianista cantante dell’Harry’s Bar)
Una personalità molto forte, a volte aspra, ma profondamente innamorato  del suo gioiellino” l’Harry’s Bar. Ricordo che, quando stava ancora bene, quasi sempre si fermava con noi a fine serata a parlare di nuove idee, progetti e modifiche per l’Harry’s. In effetti, quando vi entri, tutto parla di Rino; anche se forse quello che sto dicendo non gli piacerebbe, perché era sempre proiettato verso nuove idee.




ROMA, VIA VENETO FESTEGGIA CARLO RICCARDI AL BILLIONS (EX RUPE TARPEA)

Redazione

Mostra fotografica d’eccezione per gli 86 anni di Carlo Riccardi., Da oggi 3 ottobre  presso il Billions – Ex "Rupe Tarpea" di Via Vittorio Veneto a Roma, il famoso locale che  negli anni 60 rappresentava il cuore della Dolce Vita : ospitando i concerti di Fred Buscaglione  e Renato Carosone e  vedendo tra gli abituali frequentatori  Totò, Anna Magnani e decine di altri personaggi dello spettacolo. La mostra di Carlo Riccardi, il grande fotoreporter che in 73 anni di carriera è riuscito ad immortalare gli eventi e i personaggi che hanno fatto la storia del nostro paese, è dedicata al ricordo della Via Veneto degli anni '60, quando  nell'immaginario non solo cinematografico, rappresentava il luogo della ripresa economica del dopoguerra. In coincidenza con i festeggiamenti per gli 86 anni del noto fotografo, la mostra offre a tutti la possibilità di vedere le immagini dei divi nel periodo più bello del cinema  internazionale, esposte  nel cuore di Via Veneto. La mostra  raccoglie oltre 35 foto in bianco e nero tratte dalla sezione spettacolo dell’Archivio Riccardi, una carrellata di immagini della vera Dolce vita. Tra le foto esposte: Federico Fellini, Sophia Loren, Vittorio De Sica, Totò, Claudia Cardinale, Anita Ekberg, Aldo Fabrizi, Marcello Mastroianni, Alain Delon e molti altri.

tabella PRECEDENTI:

16/07/2012 ROMA, IL CANTAGIRO COMPIE 50 ANNI E PRESENTA L'EDIZIONE 2012