1

UNA “ORDINARIA” GIORNATA IN CAPITALE…

di Mario Torosantucci

Roma è stupenda! C’è un bellissimo sole, ti torna alla memoria la morale del sabato del villaggio. Ti senti felice, malgrado le preoccupazioni, che occupano spesso i pensieri. Quindi ti senti positivo, e finalmente puoi respirare a pieni polmoni, quell’ aria apparentemente pulita, per affrontare la giornata nel migliore dei modi. Chissà se la tua macchina, nell’ ampio parcheggio privato, avrà il tuo stesso atteggiamento, ed avrà intenzione di mettersi in moto. Comunque sei ottimista. Non sarà facile perdere il buonumore con un inizio simile.

Peccato che vieni messo subito a dura prova. Ecco! Davanti al cancello del parcheggio, una Ford, si è messa di traverso, per farti un dispetto e per provocarti. Tu non caschi nel tranello, e con tutta calma, aspetti il proprietario. Dopo un quarto d' ora, avendo fretta, ti metti alla ricerca di quel maleducato, ma hai promesso a te stesso di prendere tutto con la dovuta filosofia. Non lo trovi nei due bar vicini, nè al ciclista ed alla farmacia, neanche al negozio delle finestre ed al materassaio, quindi non ti rimane che aspettare vicino il cancello. Dopo un altro quarto d'ora, cominci ad innervosirti, e ti viene voglia di prendere a calci l' auto, ma sei troppo educato, per arrivare a queste esternazioni violente.

Dopo altri venti minuti, arriva finalmente il proprietario, che facendo finta di essere dispiaciuto, ti dice la solita frase (scusa, l'ho lasciata dù minuti, perchè dovevo annà de corsa in banca). L' unica che non ti era venuta in mente, la banca, ma sorvoliamo su quello che gli hai detto, ovviamente comprensivo di quel forzato ritardo. Ora il problema ti si pone con l'auto. Infatti quando fà caldo, di solito il motore non si mette in moto, e questo è dovuto sempre a quel maledetto ritardo. Decidi quindi, di andare a piedi, perchè fra l'altro,camminare è sano. Purtroppo però, abitando in uno stradone molto trafficato, sei costretto a scendere spesso sull' asfalto, perchè giustamente, vari automobilisti, affinchè la macchina non venga danneggiata, hanno pensato bene, di parcheggiarla completamente sul marciapiede. Che diamine! Se passa qualche anziano, oppure qualche giovane mamma con il bimbo in carrozzina, o qualche portatore di handicap, scendendo dal marciapiede, possono benissimo stare attenti a non farsi investire. Poichè tu sei il solito tipo educato, ritieni opportuno, lasciare fra i tergicristalli di quelle auto in divieto di sosta, un biglietto di saluto e di congratulazioni, per la cura verso le proprie cose.

Ti sei finalmente rilassato, e mentre ti trovi in fila dal fornaio, una signora cerca di passarti davanti, dicendo che era arrivata prima di te. Sorvolando su buona parte della giornata, nella quale tu, prudentemente ti sei rintanato in casa a lavorare, arrivano le ore diciotto, e devi andare al centro. Decidi di prendere la metro, anche se a quell' ora, la tua vettura non ha problemi per la messa in moto, ma avresti comunque qualche contrattempo per parcheggiare. Un'altra ragione ti spinge a prendere il mezzo pubblico, perchè l' ultima volta, non ti erano bastate le monete per il parcheggio dell’auto , ed eri rimasto scoperto di cinque minuti. Naturalmente e giustamente, gli ausiliari addetti ai controlli degli orari, ti hanno fatto la multa per quel tempo scoperto. Questo è successo altre due volte, quando mancavano sette, e dodici minuti. Ora ti trovi alla stazione Termini, in attesa che arrivi la metro A. Certo hai già subito gli scherzi, di quei buontemponi della metro B. Si divertono a fare dei ritardi, viaggiando a singhiozzo, oppure ti mettono sui monitor, delle attese con minuti che hanno una durata variante e a piacer loro. Simpaticissimi! Ma la tua attenzione si rivolge verso dei turisti asiatici. Ti chiedi, perchè sono così diffidenti, tenendosi molto strette le loro borse. In questo modo, rendono la vita più difficile a quei ragazzi rom, che sono lì dalla nascita, poverini, e che hanno bisogno come solidarietà, del portafogli altrui. Tu però intervieni, perchè vedi che hanno già le tasche piene di soldi, e quindi per oggi possono accontentarsi. Ovviamente loro ti insultano e ti sputano addosso per scherzare, ma non accettano le tue carezze. La metro ancora non arriva ed ecco che sei costretto ad intervenire di nuovo, perchè gli stessi ragazzi, hanno preso di mira un giovane gay, gridandogli le frasi più oscene, fra l' indifferenza di decine e decine di persone.

La ciliegina poi, ce l' hai al ritorno verso le ventitre, dopo aver discusso con gli operatori dei monitor e con la vigilanza, per come svolgono il loro lavoro. Ti accingi a infilare l'abbonamento, quando ti senti spingere da un'extra comunitario, che vuole entrare senza biglietto, usufruendo della tua apertura. A quel punto, probabilmente per stanchezza, non hai più voglia di giocare e scherzare con il prossimo. Per questa ragione non ti comporti educatamente, e dopo averlo respinto due volte ed una amichevole conversazione, interrotta da un vigilante, te ne vai. Bisogna precisare, che tu hai tanti amici extra comunitari, e qualche volta sei stato difeso proprio da loro. Torni a casa un pò dispiaciuto, poichè le emozioni sono finite per oggi, ma fiducioso e sicuro che il nuovo giorno te ne porterà tante altre. Morale: Sei felice perchè vivi nella più bella città del mondo, e non ti annoierai mai.