1

“Laggiù tra il ferro – storie di vita, storie di reclusi”: attesissimo il nuovo libro dell’avvocato Nicodemo Gentile

“Laggiù tra il ferro – storie di vita, storie di reclusi”: questo il titolo del nuovo attesissimo libro dell’avvocato Nicodemo Gentile, l’illustre cassazionista natio di Cirò che da anni si occupa prevalentemente di diritto penale, disponibile dal prossimo 23 novembre in tutte le librerie

 

Nicodemo Gentile è ormai conosciutissimo per essersi occupato di vicende di rilevanza nazionale come il caso di Melania Rea o il delitto dell’Olgiata dove è stato legale degli imputati mentre come parte civile è stato difensore per l’omicidio della piccola Sarah Scazzi, per i fidanzati di Pordenone, Teresa e Trifone, per Guerrina Piscaglia e per Roberta Ragusa.  Quest’ultimi processi tutt’ora in corso. Nicodemo Gentile rappresenta un punto di riferimento per molte associazioni che da anni, si impegnano quotidianamente nel sociale.

 

Il carcere è un argomento di cui si parla tanto, spesso anche troppo e invita gli individui a molteplici riflessioni sulla vita che si svolge dietro le grate a seguito di una condanna. L’Avvocato Nicodemo non ha scritto “Laggiù tra il ferro – storie di vita, storie di reclusi” a scopo di lucro o per ottenere visibilità, ma lo ha fatto per pura passione, mettendo in calce le esperienze che lo hanno coinvolto direttamente o tramite colleghi, operatori di settore, cercando di descrivere quelle polaroid che la sua mente ha archiviato nel tempo, attraverso un percorso umano e professionale lungo e intenso. Un racconto fatto con la piena consapevolezza che quelle pareti bianche in cui si respira la sofferenza di una reclusione, quelle grate arrugginite e piene di dolore, quegli odori, quelle lacrime, quei rumori e quei giorni interminabili nell’attesa di una libertà possano essere descritti soltanto da chi li ha vissuti direttamente. L’Avvocato  ha deciso di raccontare questo aspetto così intimo e delicato  attraverso gli scritti che negli anni ha custodito e catturato, tramite i lunghi colloqui, le sensazioni e il malessere di chi vive quotidianamente il carcere. Massimo Picozzi, noto psichiatra e criminologo, ha scritto la prefazione del libro “ogni istituto penitenziario è un microcosmo con i suoi riti, le sue gerarchie. Non puoi conoscerlo, e non puoi conoscere chi lo abita, se non entrandoci , passandoci del tempo. Con l’umiltà di ascoltare e l’intelligenza di sospendere i giudizi. Questo è riuscito a fare Nicodemo Gentile, e questo racconta nelle pagine del suo libro. Un libro speciale, perché è un libro vero”. Non vengono raccontate le vicende processuali, sicuramente già note, e neppure viene avvalorata una tesi piuttosto che un’atra; il libro racconta il sistema carcerario e il suo funzionamento, le condizioni dei detenuti, come si svolgono le loro giornate, come impiegano le ore e soprattutto quali sono le emozioni ed i sentimenti che travolgono la loro anima in un micro mondo fatto di incertezze e anime desiderose di tornare a casa, anime e corpi che gridano la loro innocenza, affiancate spesso da spietati killer senza scrupoli. Un viaggio materiale e introspettivo dove i ciceroni saranno di volta in volta i suoi assistiti, da Salvatore Parolisi, condannato per l’omicidio della moglie Melania Rea a Manuel Winston Reyes, condannato per l’omicidio della Contessa dell’Olgiata; da Angela Birkiukova, condannata per l’omicidio del marito a Carmelo Musimeci, ex ergastolano. Nei diciannove capitoli del libro si parla inoltre di suicidio, custodia cautelare, permessi premio, 41 bis, ergastolo, ergastolo ostativo, malattia mentale, dei reclusi senza famiglia, di sovraffollamento carcerario, di Dio, con l’importante testimonianza del cappellano di Perugia che da oltre 25 anni si occupa delle detenute del carcere di Capanne, delle vittime dei reati, dei loro familiari e di misure alternative alla detenzione.

 

Abbiamo intervistato l’avvocato Nicodemo Gentile, che in merito all’imminente uscita editoriale ha detto:
“In questo libro c’è l’uomo e il professionista: l’uomo contiene il giovane Avvocato, lo studente, contiene l’Avvocato maturo che si ritrova di colpo a contatto con il dolore perché il carcere è un’esperienza umanamente molto difficile; il professionista che vive con una lente d’ingrandimento particolare. Ho bisogno di parlarne perché del carcere se ne deve parlare. Lo faccio io ma lo faccio fare soprattutto a chi, purtroppo, il carcere lo vive in prima persona perché, per colpa o senza colpa, si ritrova dentro a vivere un percorso più o meno lungo di detenzione. Attraverso vissuti di vita, con questo libro, si cerca di parlare di suicidio, di 41bis, di ergastolo, di parlare di una sfida che va vissuta e combattuta. Non a caso Papa Francesco va spesso nei penitenziari, non a caso l’ex Presidente della Repubblica Napolitano ha parlato in più occasioni di carcere, ha stimolato ad una riflessione moderna ed evoluta sul carcere e misure alternative alla detenzione. Si parla di primi permessi, di un carcere che funziona, di un carcere che rieduca; dentro ci sono i contributi di Carmelo Musumeci, ex ergastolano entrato in carcere che aveva la quinta elementare e adesso ha tre lauree e scrive libri sul carcere. Si parla anche di vittime di chi è in carcere e si parla di un carcere che funziona attraverso la rieducazione, attraverso i primi permessi, attraverso meccanismi che consentono poi al detenuto di poter essere qualcosa e una persona nuova”

 

Lei ha raccolto le testimonianze, a livello umano e non prettamente giuridico, legate a casi di cronaca ben noti come il delitto Scazzi, Rea, Ragusa, Olgiata, Piscaglia e Pordenone: com’è stato unire esperienze così differenti?
“Il percorso è estremamente difficile e doloroso perché quando si abbassano i riflettori, ti ritrovi uomini che per la legge sono assassini ma ti rendi conto che hanno gli stessi occhi, gli stessi visi puliti di chi invece vive la sua vita ordinaria e ti rendi conto di come il percorso umano di questi soggetti sia conflittuale, di grande solitudine perché poi con il tempo la loro vita è una metamorfosi dal punto di vista sociale e familiare, man mano si perdono pezzi e spesso e volentieri l’Avvocato è l’unico soggetto che per un tratto di strada più o meno lungo sta li insieme a loro a sopportarne il peso umano, oltre a quello giuridico e processuale di questo percorso estremamente sfuggente. Spesso e volentieri si tratta di soggetti che vengono allontanati dai figli, dalle figlie, che hanno divieti di incontro, anche di natura epistolare, quindi è evidente che l’Avvocato rappresenta la finestra sul mondo, non solo l’aspetto tecnico quindi ma anche l’amico e la persona sulla quale poggiare la testa e sfogarsi. Spesso e volentieri anche i singoli istituti sono tra loro diversi, ciò che è possibile in un istituto spesso non è possibile in altri. In alcune carceri è più facile studiare, in altri no; ho avuto contatti con gente che ha vissuto il 41Bis, che si tratta comunque di un regime carcerario particolare e unico dove anche avere un particolare cibo cotto può essere una grande affermazione, una grande battaglia vinta. Ci sono situazioni dove anche avere un po’ di aria fresca oppure avere una persona con la quale discutere può essere un momento di felicità. Ci si domanda se questo tipo di terapia è la terapia giusta per questi soggetti, il problema del carcere è che ancora oggi la cosiddetta istituzione totale, il percorso dove a soggetti con malattie diverse si somministra sempre la stessa cura. Il carcere è una istituzione che rende tutti uguali persone che non lo sono. Io ho cercato di descrivere questo mondo e la cosa che a me piace dire è che innanzitutto io non sono portatore di nessuna verità e di nessun concetto rivoluzionario sul carcere, racconto la mia esperienza attraverso chi la vive, dico le cose che ci sono, le cose che funzionano e le cose che non funzionano, le riforme inattuate, i buoni propositi rimasti solo propositi, ma tutto viene fatto, così come dice Massimo Picozzi nella sua prefazione, sospendendo giudizi e con l’umiltà di ascoltare. Quando si entra nel carcere bisogna sospendere ogni tipo di giudizio e bisogna avere l’umiltà di ascoltare”.

 

Ha dedicato il libro al suo Papà…
“E’ legato a mio padre perché se io sono Avvocato è grazie a lui e se io scrivo di carcere è perché lui mi ha sicuramente trasmesso l’assoluta forza nello stare vicino a chi ha bisogno, stare vicino nonostante le difficoltà. Una seconda chance la si deve a tutti. L’ho dedicato a mio padre perché mi ha insegnato ad essere onesto. Il libro è dedicato anche ad Enzo Fragalà, un penalista che io non ho conosciuto ma che ha sacrificato sull’altare dell’onestà la propria vita e a tutti i penalisti che pur di affermare la propria onestà hanno sacrificato la loro vita”.

 

Angelo Barraco




GUERRINA PISCAGLIA: DAL 1 FEBBRAIO ARRESTI DOMICILIARI PER PADRE GRAZIANO

di Angelo Barraco
 
Arezzo – Padre Gratien Alabi, in carcere dallo scorso aprile poiché  accusato di omicidio volontario e distruzione di cadavere ai danni di Guerrina Piscaglia, dal 1 febbraio andrà agli arresti domiciliari presso il convento dei frati premostratensi di Roma. Ad annunciarlo stamani è stato il presidente del Tribunale di Arezzo, alle ore 9.30, durante l’udienza che lo vede imputato. Il presidente ha dato comunicazione ai legali e allo stesso Gratien e ha dato disposizione del braccialetto elettronico: “La Questura ha scritto già alla Telecom, dal 1 febbraio 2016 ore 10 sarà al domicilio indicato. La comunicazione è arrivata anche alla casa circondariale alla quale si chiede di trasferire il detenuto”.  La difesa ha rinunciato all’istanza che avevano presentato mercoledì in cui chiedevano i domiciliari senza braccialetto elettronico. Oggi in aula sono stati ascoltati diversi testi, come la merciaia di Ca Raffaello che ha descritto Guerrina come una persona umile, che non guidava e che si spostava in macchina con i suoceri e/o con il marito. La donna ha spiegato delle preoccupazioni che aveva Guerrina in merito alle assenze del marito, della gelosia. La donna racconta di aver incontrato il marito Mirco la sera successiva alla scomparsa riferendo: “Era agitato, io chiesi di Guerrina e lui mi rispose: so io dov’è”. La donna parla anche delle confidenze di Guerrina su Padre Graziano: “Mi disse che si era innamorata di padre Graziano e si mise a piangere. Parlava in continuazione di lui e sembrava gelosa di altre parrocchiane, lo pensava in continuazione e non riusciva a dormire la notte”. La donna racconta di aver incontrato Padre Graziano: “Gli chiesi se sapeva nulla di Guerrina, lui mi rispose che non sarebbe più tornata, non ne avremo più sentito parlare. Forse ne sentiremo riparlare fra 30, 40 anni”. 
 
Padre Graziano è stato scarcerato e ha ottenuto la misura restrittiva degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico. Il frate era stato arrestato il 23 aprile nell’ambito dell’inchiesta sulla scomparsa di Guerrina Piscaglia. La decisione della misura restrittiva sostitutiva al carcere è stata presa dal Tribunale del riesame di Firenze. Ricordiamo inoltre che l’uomo è accusato  di omicidio e occultamento di cadavere. I testimoni che verranno ascoltati nel corso del processo saranno circa 130. Ma andiamo a ritroso, il 27 aprile di quest’anno si è svolto l’interrogatorio di garanzia davanti al gip presso il carcere di Arezzo per Padre Graziano, ma il prete si è avvalso della facoltà di non rispondere. Padre Graziano, unico indagato per la scomparsa di Guerrina Piscaglia avvenuta il 1 maggio 2015 è stato arrestato il 23/04/2015.
 
L’arresto è avvenuto a poche ore dalla possibile libertà del prete congolese. Per il Prete, l’accusa nei suoi riguardi è cambiata da favoreggiamento ad omicidio e occultamento di cadavere.  Padre Graziano è stato arrestato a Roma, i Carabinieri si sono presentati di fronte al portone del convento dei Premostratensi in Viale Giotto, quartiere Aventino e hanno notificato al frate il provvedimento del giudice. Il Frate poi è salito nell’auto dei Carabinieri e si sono diretti ad Arezzo. La misura cautelare era stata richiesta il 23 febbraio 2015 dal procuratore della Repubblica di Arezzo, Roberto Rossi e dal sostituto procuratore della Repubblica Marco Dioni. La misura cautelare è stata ritenuta un’esigenza perché vi era il pericolo di fuga dell’indagato e l’inquinamento probatorio.
Ricordiamo che il 24 aprile scadeva il divieto di espatrio per Padre Graziano.
 
Gli elementi contro Padre Graziano: Quando Guerrina è già scomparsa, dal cellulare della donna partono due sms; uno rivolto ad un prete nigeriano che vive a Roma e un altro prete di Can Raffaello. Il numero del prete nigeriano che vive a Roma però lo poteva avere soltanto Padre Graziano. Quando a Padre Graziano gli viene chiesto come mai Guerrina aveva il numero del prete nigeriano e Padre Graziano è rimasto in silenzio. Padre Graziano successivamente parla con Padre Faustino, parlando di un’altra persona, un certo Signor Francesco. Per il gip di Arezzo, Piergiorgio Ponticelli, il movente che avrebbe spinto Padre Graziano ad uccidere Guerrina Piscaglia è dovuto alla morbosità della Piscaglia verso il prete. Il prete forse avrebbe avuto paura che sarebbe nato uno scandalo per questa relazione che lui ha sempre negato, ma che la donna avrebbe minacciato di rivelare e di rendere pubblica sostenendo persino di essere incinta e che il figlio fosse proprio di Padre Graziano. Vi sono certamente le prove oggettive che dimostrano la tresca tra la donna e il prete, vi è la prova oggettiva di tutto ciò. La speranza è che questo caso, attualmente senza un corpo da analizzare e che possa dare risposta, non finisca nel limbo del processo nullo come nel caso Ragusa.



GUERRINA PISCAGLIA: PADRE GRAZIANO RINVIATO A GIUDIZIO

di Angelo Barraco

Arezzo – Aperto e subito rinviato al 18 dicembre il processo davanti alla Corte d'Assise di Arezzo per padre Graziano, accusato dell'omicidio e dell'occultamento del cadavere di Guerrina Piscaglia, la donna scomparsa il 1 maggio 2014 dalla sua casa di Cà Raffaello, nel comune frazione di Badia Prataglia (Ar). Il rinvio del processo è stato dettato dall'adesione dei suoi avvocati allo sciopero nazionale indetto dalle Camere penali.
 
Padre Graziano è stato scarcerato e ha ottenuto la misura restrittiva degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico. Il frate era statoarrestato il 23 aprile nell’ambito dell’inchiesta sulla scomparsa di Guerrina Piscaglia. La decisione della misura restrittiva sostitutiva al carcere è stata presa dal Tribunale del riesame di Firenze. Ricordiamo inoltre che l’uomo è accusato  di omicidio e occultamento di cadavere. I testimoni che verranno ascoltati nel corso del processo saranno circa 130. Ma andiamo a ritroso, il 27 aprile di quest’anno si è svolto l’interrogatorio di garanzia davanti al gip presso il carcere di Arezzo per Padre Graziano, ma il prete si è avvalso della facoltà di non rispondere. Padre Graziano, unico indagato per la scomparsa di Guerrina Piscaglia avvenuta il 1 maggio 2015 è stato arrestato il 23/04/2015.
 
L’arresto è avvenuto a poche ore dalla possibile libertà del prete congolese. Per il Prete, l’accusa nei suoi riguardi è cambiata da favoreggiamento ad omicidio e occultamento di cadavere.  Padre Graziano è stato arrestato a Roma, i Carabinieri si sono presentati di fronte al portone del convento dei Premostratensi in Viale Giotto, quartiere Aventino e hanno notificato al frate il provvedimento del giudice. Il Frate poi è salito nell’auto dei Carabinieri e si sono diretti ad Arezzo. La misura cautelare era stata richiesta il 23 febbraio 2015 dal procuratore della Repubblica di Arezzo, Roberto Rossi e dal sostituto procuratore della Repubblica Marco Dioni. La misura cautelare è stata ritenuta un’esigenza perché vi era il pericolo di fuga dell’indagato e l’inquinamento probatorio.
Ricordiamo che il 24 aprile scadeva il divieto di espatrio per Padre Graziano.
 
Gli elementi contro Padre Graziano: Quando Guerrina è già scomparsa, dal cellulare della donna partono due sms; uno rivolto ad un prete nigeriano che vive a Roma e un altro prete di Can Raffaello. Il numero del prete nigeriano che vive a Roma però lo poteva avere soltanto Padre Graziano. Quando a Padre Graziano gli viene chiesto come mai Guerrina aveva il numero del prete nigeriano e Padre Graziano è rimasto in silenzio. Padre Graziano successivamente parla con Padre Faustino, parlando di un’altra persona, un certo Signor Francesco. Per il gip di Arezzo, Piergiorgio Ponticelli, il movente che avrebbe spinto Padre Graziano ad uccidere Guerrina Piscaglia è dovuto alla morbosità della Piscaglia verso il prete. Il prete forse avrebbe avuto paura che sarebbe nato uno scandalo per questa relazione che lui ha sempre negato, ma che la donna avrebbe minacciato di rivelare e di rendere pubblica sostenendo persino di essere incinta e che il figlio fosse proprio di Padre Graziano. Vi sono certamente le prove oggettive che dimostrano la tresca tra la donna e il prete, vi è la prova oggettiva di tutto ciò. La speranza è che questo caso, attualmente senza un corpo da analizzare e che possa dare risposta, non finisca nel limbo del processo nullo come nel caso Ragusa.



GUERRINA PISCAGLIA: PADRE GRAZIANO DECIDE DI NON PARLARE

A.G.

Arezzo –  Stamane si è svolto l’interrogatorio di garanzia davanti al gip presso il carcere di Arezzo per Padre Graziano, ma il prete si è avvalso della facoltà di non rispondere. L’uomo è accusato di omicidio e di soppressione di cadavere ai danni di Guerrina Piscaglia. L’avvocato di Padre Graziano ha confermato il ricorso al riesame che sarà presentato in settimana e ha ribadito il parroco è abbastanza provato per la situazione che sta vivendo, allo stesso tempo è anche consapevole di ciò che sta affrontando. Ricordiamo che Padre Graziano, unico indagato per la scomparsa di Guerrina Piscaglia avvenuta il 1 maggio 2015 è stato arrestato il 23/04/2015. L’arresto è avvenuto a poche ore dalla possibile libertà del prete congolese. Per il Prete, l’accusa nei suoi riguardi è cambiata da favoreggiamento ad omicidio e occultamento di cadavere.  Padre Graziano è stato arrestato a Roma, i Carabinieri si sono presentati di fronte al portone del convento dei Premostratensi in Viale Giotto, quartiere Aventino e hanno notificato al frate il provvedimento del giudice. Il Frate poi è salito nell’auto dei Carabinieri e si sono diretti ad Arezzo. La misura cautelare era stata richiesta il 23 febbraio 2015 dal procuratore della Repubblica di Arezzo, Roberto Rossi e dal sostituto procuratore della Repubblica Marco Dioni. La misura cautelare è stata ritenuta un’esigenza perché vi era il pericolo di fuga dell’indagato e l’inquinamento probatorio. Ricordiamo che il 24 aprile scadeva il divieto di espatrio per Padre Graziano. Gli elementi contro Padre Graziano sono: Quando Guerrina è già scomparsa, dal cellulare della donna partono due sms; uno rivolto ad un prete nigeriano che vive a Roma e un altro prete di Can Raffaello. Il numero del prete nigeriano che vive a Roma però lo poteva avere soltanto Padre Graziano. Quando a Padre Graziano gli viene chiesto come mai Guerrina aveva il numero del prete nigeriano e Padre Graziano è rimasto in silenzio. Padre Graziano successivamente parla con Padre Faustino, parlando di un’altra persona, un certo Signor Francesco.




AREZZO, GIALLO GUERRINA PISCAGLIA: IL MOVENTE SAREBBE DA RICERCARE NELLA RAPPORTO DELLA DONNA CON IL PRETE

di Angelo Barraco

Arezzo – Per il gip di Arezzo, Piergiorgio Ponticelli, il movente che avrebbe spinto Padre Graziano ad uccidere Guerrina Piscaglia è dovuto alla morbosità della Piscaglia verso il prete. Il prete forse avrebbe avuto paura che sarebbe nato uno scandalo per questa relazione che lui ha sempre negato, ma che la donna avrebbe minacciato di rivelare e di rendere pubblica sostenendo persino di essere incinta e che il figlio fosse proprio di Padre Graziano. Vi sono certamente le prove oggettive che dimostrano la tresca tra la donna e il prete, vi è la prova oggettiva di tutto ciò. La speranza è che questo caso, attualmente senza un corpo da analizzare e che possa dare risposta, finisca nel limbo del processo nullo come nel caso Ragusa. Ci auguriamo che da questo momento le indagini saranno mirate e che non ci sarà la fretta di imbastire un processo senza dati oggettivi poiché un processo senza dati oggettivi è un processo nullo, e ne abbiamo avuto la prova nel caso Ragusa e nel processo contro Logli. Quali saranno adesso i prossimi passi a livello investigativo? Ci saranno posizioni che verranno rivalutate e rianalizzate? Ricordiamo che Padre Graziano, unico indagato per la scomparsa di Guerrina Piscaglia avvenuta il 1 maggio 2015 è stato arrestato il 23/04/2015. L’arresto è avvenuto a poche ore dalla possibile libertà del prete congolese. Per il Prete, l’accusa nei suoi riguardi è cambiata da favoreggiamento ad omicidio e occultamento di cadavere.  Padre Graziano è stato arrestato a Roma, i Carabinieri si sono presentati di fronte al portone del convento dei Premostratensi in Viale Giotto, quartiere Aventino e hanno notificato al frate il provvedimento del giudice. Il Frate poi è salito nell’auto dei Carabinieri e si sono diretti ad Arezzo. La misura cautelare era stata richiesta il 23 febbraio 2015 dal procuratore della Repubblica di Arezzo, Roberto Rossi e dal sostituto procuratore della Repubblica Marco Dioni. La misura cautelare è stata ritenuta un’esigenza perché vi era il pericolo di fuga dell’indagato e l’inquinamento probatorio. Ricordiamo che il 24 aprile scadeva il divieto di espatrio per Padre Graziano. Gli elementi contro Padre Graziano sono: Quando Guerrina è già scomparsa, dal cellulare della donna partono due sms; uno rivolto ad un prete nigeriano che vive a Roma e un altro prete di Can Raffaello. Il numero del prete nigeriano che vive a Roma però lo poteva avere soltanto Padre Graziano. Quando a Padre Graziano gli viene chiesto come mai Guerrina aveva il numero del prete nigeriano e Padre Graziano è rimasto in silenzio. Padre Graziano successivamente parla con Padre Faustino, parlando di un’altra persona, un certo Signor Francesco. 



GIALLO GUERRINA PISCAGLIA: E' STATO ARRESTATO PADRE GRAZIANO

Angelo Barraco

Arezzo –  Padre Graziano, unico indagato per la scomparsa di Guerrina Piscaglia avvenuta il 1 maggio 2015 è stato arrestato. L’arresto è avvenuto a poche ore dalla possibile libertà del prete congolese. Per il Prete, l’accusa nei suoi riguardi è cambiata da favoreggiamento ad omicidio e occultamento di cadavere. Adesso l’indagine prenderà un’altra piega e si indagherà per omicidio, poiché fino ad ora si era parlato di sequestro di persona. Padre Graziano è stato arrestato a Roma, i Carabinieri si sono presentati di fronte al portone del convento dei Premostratensi in Viale Giotto, quartiere Aventino e hanno notificato al frate il provvedimento del giudice. Il Frate poi è salito nell’auto dei Carabinieri e si sono diretti ad Arezzo. La misura cautelare era stata richiesta il 23 febbraio 2015 dal procuratore della Repubblica di Arezzo, Roberto Rossi e dal sostituto procuratore della Repubblica Marco Dioni. La misura cautelare è stata ritenuta un’esigenza perché vi era il pericolo di fuga dell’indagato e l’inquinamento probatorio. Ricordiamo che il 24 aprile scadeva il divieto di espatrio per Padre Graziano. Gli elementi contro Padre Graziano sono: Quando Guerrina è già scomparsa, dal cellulare della donna partono due sms; uno rivolto ad un prete nigeriano che vive a Roma e un altro prete di Can Raffaello. Il numero del prete nigeriano che vive a Roma però lo poteva avere soltanto Padre Graziano. Quando a Padre Graziano gli viene chiesto come mai Guerrina aveva il numero del prete nigeriano e Padre Graziano è rimasto in silenzio. Padre Graziano successivamente parla con Padre Faustino, parlando di un’altra persona, un certo Signor Francesco. 



GUERRINA PISCAGLIA: IL 24 APRILE SCADE IL DIVIETO DI ESPATRIO PER PADRE GRAZIANO

di Angelo Barraco
 
Arezzo – Il 24 aprile è una data decisiva, poiché nella mezzanotte di quella data scade il divieto di espatrio per Padre Graziano, il prete di origine congolesi, unico indagato per la scomparsa di Guerrina Piscaglia; scomparsa da Ca’ Raffaello il 1 maggio del 2014 e da allora non vi è alcuna traccia della donna. Per quanto riguarda il provvedimento di espatrio del prete, dovrà decidere la procura di Arezzo. Si attendono invece i risultati completi delle ossa ritrovate nel piccolo cimitero di San Gianni. Ma ciò che emerge dagli ambienti investigativi smentisce che le ossa ritrovate all’interno del piccolo cimitero siano di Guerrina Piscaglia. Il cromosoma individuato nelle ossa appartiene ad un uomo. Adesso le forze dell’ordine svolgeranno indagini per verificare l’identità della persona ritrovata, dovranno stabilire le cause della morte e dovranno far luce anche su questa oscura vicenda. Ricordiamo che il proprietario del cimitero ha detto che quel corpo non apparteneva a quel cimitero, inoltre il cimitero è sempre aperto e non c’è un custodie quindi l’accesso è semplice non per niente complesso, salvo occhi indiscreti. Il cadavere non aveva vestiti e ciò che emerge dagli ambienti investigativi è che l’altezza è di 1.55, elemento importante che riguarda le sepolture all’interno del cimitero riguarda la testimonianza di un operaio del cimitero che ha dichiarato che all’interno dell’ossario, l’ultima volta che hanno messo un cadavere, è stato nel novembre 2014.

Elementi contro Padre Graziano: Quando Guerrina è già scomparsa, dal cellulare della donna partono due sms; uno rivolto ad un prete nigeriano che vive a Roma e un altro prete di Can Raffaello. Il numero del prete nigeriano che vive a Roma però lo poteva avere soltanto Padre Graziano. Quando a Padre Graziano gli viene chiesto come mai Guerrina aveva il numero del prete nigeriano e Padre Graziano è rimasto in silenzio. Padre Graziano successivamente parla con Padre Faustino, parlando di un’altra persona, un certo Signor Francesco. 




AREZZO: RITROVAMENTO OSSA: NON SONO DI GUERRINA PISCAGLIA

di Angelo Barraco

Arezzo –  Lo scheletro trovato all’interno del cimitero di San Gianni nel comune di Sestino non è di Guerrina Piscaglia. La conferma arriva dalle analisi dei Ris che hanno esaminato le ossa rinvenute poco tempo fa all’interno del piccolo cimitero. Il cromosoma individuato nelle ossa appartiene ad un uomo. Adesso le forze dell’ordine svolgeranno indagini per verificare l’identità della persona ritrovata, dovranno stabilire le cause della morte e dovranno far luce anche su questa oscura vicenda. Ricordiamo che il proprietario del cimitero ha detto che quel corpo non apparteneva a quel cimitero, inoltre il cimitero è sempre aperto e non c’è un custodie quindi l’accesso è semplice non per niente complesso, salvo occhi indiscreti.  Il cadavere non aveva vestiti e ciò che emerge dagli ambienti investigativi è che l’altezza è di 1.55, elemento importante che riguarda le sepolture all’interno del cimitero riguarda la testimonianza di un operaio del cimitero che ha dichiarato che all’interno dell’ossario, l’ultima volta che hanno messo un cadavere, è stato nel novembre 2014. 



AREZZO: RITROVATE OSSA, POTREBBERO ESSERE DI GUERRINA PISCAGLIA

di Angelo Barraco

Arezzo –  Sono stati ritrovati casualmente dei frammenti ossei presso il cimitero di San Gianni nel comune di Sestino, Arezzo. Tali resti appartengono ad un’arcata dentale e sarebbero resti recenti quindi apparterrebbero ad una persona scomparsa da poco. L’accertamento e le analisi mirano ad appurare se le ossa siano di Guerrina Piscaglia, scomparsa undici mesi fa da Ca’ Raffaello.i reperti apparterrebbe a un corpo femminile. Sul posto sono intervenuti i Ris che hanno prelevato le ossa che saranno analizzati in laboratorio a Roma e saranno comparate con il dna di Guerrina Piscaglia. E’ giunto anche il PM Marco Dioni che si occupa della scomparsa di Guerrina; il sopralluogo ha avuto inizio alle ore 9, i luoghi perquisiti sono stati: la cappella, l’interno del cimitero dove sono state trovate le ossa. Oltre ai magistrati di Badia Tedalda, sono intervenuti i carabinieri e i magistrati di Arezzo. Si attende l'esito della comparazione ossea con il dna di Guerrina. 



GUERRINA PISCAGLIA: INQUIETANTI NOVITA' SU PADRE GRAZIANO

 

LEGGI ANCHE: GUERRINA PISCAGLIA: PADRE GRAZIANO E UNA TOGA TROPPO STRETTA?

 

di Angelo Barraco

Nella giornata di martedì a Ca’ Raffaello si sono svolte delle ricerche intorno alla canonica, finalizzate alla possibile individuazione del corpo di Guerrina Piscaglia in quella zona, ma l'esito è stato negativo.

Sono state battute, oltre alla zona della canonica, la collinetta di Cicognaia e la zona di Marecchiese. Anche gli scavi hanno dato esito negativo, esito negativo anche per le ricerche con il georadar. Nel frattempo l’inchiesta sembra essere alle battute finali.

Ricordiamo che Guerrina Piscaglia è scomparsa il primo maggio scorso senza lasciare traccia. Da allora un po’ di cose sono cambiate e un po’ di posizioni sono mutate, come quella di Padre Graziano.

In questi giorni c’è stata un’importante novità; i Carabinieri, seguendo i contatti di Padre Graziano hanno individuato una prostituta. La prostituta avrebbe dichiarato di avere avuto rapporti sessuali con Padre Graziano e di aver ricevuto circa 500 euro complessivi. La donna è rumena, proprio come la giovane nomade ha confessato di aver avuto rapporti sessuali con Padre Graziano. La giovane rom, di 22 anni, è stata ascoltata in incidente probatorio davanti a Padre Graziano per circa due ore. La giovane e il frate si sarebbero conosciuti in un campo rom e la giovane si sarebbe invaghita del frate. La donna non avrebbe confermato in incidente probatorio altri episodi di sesso con il parroco, mentre in sedi televisive la donna ha parlato apertamente di come si è intrattenuta con Padre Graziano. Padre Graziano dal suo canto continua a martirizzarsi, continua a sentirsi perseguitato da una giustizia ingrata che lo ha preso di mira ingiustamente, ma se vi sono stati elementi per indagarlo, è perché ha dato modo di far avvalorare questi elementi. L’ambiguità del Padre e del suo rapporto con Guerrina, sms inviati dal cellulare di Guerrina a persone che la stessa Guerrina neppure conosceva, la logica dei fatti dove ci porta? Ci porta a pensare che il Prete sappia più di quanto voglia far credere e che forse, la toga, è un po’ stretta per i suoi gusti e le sue abitudini. Gli elementi contro Padre Graziano: Quando Guerrina è già scomparsa, dal cellulare di Guerrina partono due sms; uno rivolto ad un prete nigeriano che vive a Roma e un altro prete di Can Raffaello. Il numero del prete nigeriano che vive a Roma però lo poteva avere soltanto Padre Graziano. Quando a Padre Graziano gli viene chiesto come mai Guerrina aveva il numero del prete nigeriano e Padre Graziano è rimasto in silenzio. Padre Graziano successivamente parla con Padre Faustino, parlando di un’altra persona, un certo Sign Francesco. Qual è la verità? La trasmissione “Chi L’ha Visto?” intervista Padre Graziano che parla per la prima volta in tv e dice che non sa dov’è Guerrina, dicendo che se avesse saputo dettagli in merito alla scomparsa avrebbe denunciato. Padre Graziano rivolge un appello a Guerrina chiedendogli di tornare e dire che se non vuole stare con il marito lo dica.
Un elemento che ha punta la lente sul prete e sulla sua posizione è il racconto di Padre Faustino; Padre Graziano racconta a Padre Faustino di aver visto Guerrina insieme a “Zio Francesco” e Padre Faustino successivamente ne parla con gli inquirenti, ma perché Padre Graziano non ne parla con gli inquirenti?
Padre Graziano avrebbe visto “Zio Francesco” insieme a Guerrina anche pochi giorni dopo la scomparsa di Guerrina. Guerrina sarebbe scesa dalla macchina di “Zio Francesco”, sarebbe andata da Padre Graziano e avrebbe chiesto  quest’ultimo di prendere Lorenzo ma Padre Graziano si è opposto per via della presenza di Mirko.
A Padre Graziano viene rivolta la domanda su “Zio Francesco” e viene chiesto chi è “Zio Francesco”, e lui, durante l’intervista, dice di non voler rispondere in merito a “Zio Francesco” fino a quando la procura non gli crede. Attualmente la figura di “Zio Francesco” non ha trovato riscontri oggettivi poiché nessuno si è fatto avanti e ha fornito ulteriori dettagli in merito.
Per gli inquirenti Padre Graziano è coinvolto nella scomparsa di Guerrina. Il telefono di Guerrina si accende più volte dopo la scomparsa, e quando si accende aggancia sempre la stessa cella di Padre Graziano. Nel corso della perquisizione i cani molecolari hanno trovato tracce di liquido seminale sul divano presente nella stanza di Padre Graziano e hanno sequestrano anche due computer.
Durante l’intervista viene posta la domanda sui rapporti intimi del padre con Guerrina, e il padre si astiene nel rispondere, dice di non essere né vicino né lontano da questa vicenda e di non essere titolare di questa scomparsa. Mirko è indagato invece per falsa testimonianza.
 




GUERRINA PISCAGLIA: PADRE GRAZIANO E UNA TOGA TROPPO STRETTA?

di Angelo Barraco

Lunedì 9 febbraio c’è stato un avvenimento di estrema importanza che ha aggiunto un ulteriore tassello al complicatissimo puzzle che riguarda la scomparsa di Guerrina Piscaglia, sparita nel nulla da Ca’ Raffaello il primo maggio scorso senza lasciare traccia.

Una giovane nomade ha confessato di aver avuto rapporti sessuali con Padre Graziano.

La rom, di 22 anni, è stata ascoltata in incidente probatorio davanti a Padre Graziano per circa due ore. La giovane e il frate si sarebbero conosciuti in un campo rom e la giovane si sarebbe invaghita del frate. La donna non avrebbe confermato in incidente probatorio altri episodi di sesso con il parroco, mentre in sedi televisive la donna ha parlato apertamente di come si è intrattenuta con Padre Graziano. Padre Graziano dal suo canto continua a martirizzarsi, continua a sentirsi perseguitato da una giustizia ingrata che lo ha preso di mira ingiustamente, ma se vi sono stati elementi per indagarlo, è perché ha dato modo di far avvalorare questi elementi.

L’ambiguità del Padre e del suo rapporto con Guerrina, sms inviati dal cellulare di Guerrina a persone che la stessa Guerrina neppure conosceva, la logica dei fatti dove ci porta? Ci porta a pensare che il Prete sappia più di quanto voglia far credere e che forse, la toga, è un po’ stretta per i suoi gusti e le sue abitudini. Gli elementi contro Padre Graziano: Quando Guerrina è già scomparsa, dal cellulare di Guerrina partono due sms; uno rivolto ad un prete nigeriano che vive a Roma e un altro prete di Can Raffaello. Il numero del prete nigeriano che vive a Roma però lo poteva avere soltanto Padre Graziano. Quando a Padre Graziano gli viene chiesto come mai Guerrina aveva il numero del prete nigeriano e Padre Graziano è rimasto in silenzio. Padre Graziano successivamente parla con Padre Faustino, parlando di un’altra persona, un certo Sign Francesco. Qual è la verità? La trasmissione “Chi L’ha Visto?” intervista Padre Graziano che parla per la prima volta in tv e dice che non sa dov’è Guerrina, dicendo che se avesse saputo dettagli in merito alla scomparsa avrebbe denunciato. Padre Graziano rivolge un appello a Guerrina chiedendogli di tornare e dire che se non vuole stare con il marito lo dica.
Un elemento che ha punta la lente sul prete e sulla sua posizione è il racconto di Padre Faustino; Padre Graziano racconta a Padre Faustino di aver visto Guerrina insieme a “Zio Francesco” e Padre Faustino successivamente ne parla con gli inquirenti, ma perché Padre Graziano non ne parla con gli inquirenti?
Padre Graziano avrebbe visto “Zio Francesco” insieme a Guerrina anche pochi giorni dopo la scomparsa di Guerrina. Guerrina sarebbe scesa dalla macchina di “Zio Francesco”, sarebbe andata da Padre Graziano e avrebbe chiesto  quest’ultimo di prendere Lorenzo ma Padre Graziano si è opposto per via della presenza di Mirko.
A Padre Graziano viene rivolta la domanda su “Zio Francesco” e viene chiesto chi è “Zio Francesco”, e lui, durante l’intervista, dice di non voler rispondere in merito a “Zio Francesco” fino a quando la procura non gli crede. Attualmente la figura di “Zio Francesco” non ha trovato riscontri oggettivi poiché nessuno si è fatto avanti e ha fornito ulteriori dettagli in merito.

Per gli inquirenti Padre Graziano è coinvolto nella scomparsa di Guerrina. Il telefono di Guerrina si accende più volte dopo la scomparsa, e quando si accende aggancia sempre la stessa cella di Padre Graziano. Nel corso della perquisizione i cani molecolari hanno trovato tracce di liquido seminale sul divano presente nella stanza di Padre Graziano e hanno sequestrano anche due computer.
Durante l’intervista viene posta la domanda sui rapporti intimi del padre con Guerrina, e il padre si astiene nel rispondere, dice di non essere né vicino né lontano da questa vicenda e di non essere titolare di questa scomparsa. Mirko è indagato invece per falsa testimonianza.