1

Paura per minaccia Isis: “L’Italia è il prossimo obiettivo”

Un canale della piattaforma Telegram legato all’Isis indica l’Italia come prossimo obiettivo. Lo riferisce il Site, il sito Usa diretto da Rita Katz di monitoraggio dell’estremismo islamico sul web. Dopo l’attacco terroristico che ha colpito le ramblas di Barcellona a Milano è stata ulteriormente aumentata l’attenzione per la sicurezza in particolare nelle zone più affollate. Durante la seduta del comitato per l’ordine e la sicurezza “è stata ulteriormente richiamata la massima attenzione di tutti gli operatori sul campo e, in particolare – spiega un comunicato della Prefettura -, delle unità antiterrorismo della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri”. Attenzione particolare sarà riservata ai mercati rionali e agli eventi in cui è prevista più affluenza (a partire dalle partite in programma a San Siro). Barriere antisfondamento sono già state messe in Galleria Vittorio Emanuele e nelle vie limitrofe a piazza Duomo (incluso il lato Cordusio via Mercanti) con la previsione di “ulteriori barriere di difesa passiva” nella zona della Darsena. La localizzazione sarà decisa da un tavolo tecnico ad hoc con tutte le forze dell’ordine, vigili del fuoco inclusi e saranno fatti dei sopralluoghi congiunti nelle zone della movida e dove c’è maggior passaggio.

A Roma potrebbero essere presto installate nuove barriere in punti sensibili della città, ovvero luoghi particolarmente affollati o zone pedonali. E quanto sarebbe emerso nella riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza. Tra le ipotesi in campo che verranno valutate in una tavolo ad hoc tra Campidoglio e prefettura di Roma c’è la possibilità di mettere barriere, come new jersey o fioriere, in via del Corso e in via dei Fori Imperiali. Rafforzare le misure di sicurezza anche in piazza del Campidoglio, per esempio ipotizzando di interdire l’accesso alla piazza alle auto a noleggio, in molte occasioni dei van con vetri oscurati. L’idea sarebbe quella di vietare l’accesso dalla strada che sale da via della Consolazione. Si derogherebbe solo al trasporto dei disabili. La conferma del piano sicurezza tutt’ora vigente a Roma con il rafforzamento del presidi nei luoghi considerati più sensibili. Inoltre una ‘stretta’ con controlli maggiori su veicoli come camion e ncc. Questa, a quanto si apprende, una delle decisioni che sarebbe emersa oggi dal comitato per l’ordine e la sicurezza riunitosi in Prefettura dopo l’attentato di Barcellona.

Punto della situazione e valutazione delle eventuali misure aggiuntive sulla base delle indicazioni del Viminale e delle forze dell’ordine per garantire più sicurezza a Firenze. E’ l’attività svolta oggi dal Comitato provinciale per la sicurezza a Firenze dopo l’attentato a Barcellona. Già nei prossimi, ha spiegato al termine il sindaco Dario Nardella, il Comune fornirà “la mappatura esatta di tutte le delimitazioni delle aree sia nel centro che fuori, come dissuasori mobili e catene, per valutare se sono sufficienti o se devono essere migliorate o rafforzate”. Il Comitato ha anche valutato il rafforzamento dei militari nei luoghi sensibili (progetto Strade sicure), ipotesi di cui il sindaco si è detto “molto soddisfatto”. “Io ho avuto dal prefetto, dalle forze dell’ordine la rassicurazione che Firenze ha un livello di protezione 2 – ha detto il sindaco – pari a tutte le altre città italiane. In più è bene ricordare che la presenza in questa città, come in poche altre, di squadre speciali antiterrorismo è un elemento importante per il pronto intervento”. Il sindaco ha sottolineato però che “le barriere esistenti non sono state progettate e installate con finalità antiterrorismo. Esistono per motivi di mobilità e viabilità. Una catena a presidio di un’area pedonale per non far parcheggiare non è pensata per bloccare un Tir a 80 all’ora. Però possono avere una funzione di deterrenza, quindi il monitoraggio è utile e saranno le forze dell’ordine a dirci dove dobbiamo intervenire per rafforzare”. “Il comitato si è occupato del monitoraggio della situazione attuale della città – ha spiegato il viceprefetto vicario Tiziana Tombesi – e sono state ulteriormente messe a punto delle politiche di sicurezza con contatti che interverranno tra l’amministrazione comunale e le forze dell’ordine”. I presidi ai luoghi d’arte, ha sottolineato il viceprefetto, sono già in atto e verranno migliorate alcune misure già adottate. “Vanno studiate – ha aggiunto – delle regole di funzionamento delle barriere che sono già a tutela di alcune aree della città in modo da verificare se è necessario adottare piccoli accorgimenti e vanno incrementati dove sarà possibile i presidi dei militari”.




L'Italia scende in campo contro l'Isis, Pinotti: "Pronti a fornire basi agli Usa"

Redazione

l'italia è pronta a fare la sua parte nella lotta all'Isis che sta conducendo la Libia grazie al grosso aiuto degli Usa che hanno iniziato i raid aerei su Sirte. "Il Governo italiano è pronto a valutare positivamente un'eventuale richiesta di uso delle basi e dello spazio aereo se fosse funzionale a una piu' rapida e efficace conclusione dell'operazione in corso" da parte degli Usa in Libia contro l'Isis. Lo ha detto il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, durante il question time alla Camera.

"Il Governo ritiene che il successo della lotta tesa alla eliminazione delle centrali terroristiche dell'ISIS in Libia sia di fondamentale importanza per la sicurezza non solo di quel Paese, ma anche dell'Europa e dell'Italia", ha affermato Pinotti. "Aggiungo che l'Italia è fin dall'inizio convintamente parte della lotta anti-Isis e con altrettanta determinazione – ha proseguito – sostiene come fondamentale il coinvolgimento diretto e attivo delle popolazioni e dei Governi locali nella lotta al terrorismo cui dare, su specifica richiesta, il necessario supporto. Tale richiesta di supporto emerge chiaramente dalle parole del Presidente Serraj che nell' affermare l'adesione della Libia alla Coalizione anti-Isis dichiara che 'tutte le Nazioni non devono lasciare i giovani libici combattere da soli questo nemico e al posto loro', reiterando inoltre il suo 'apprezzamento e considerazione per tutte le Nazioni che daranno supporto alla Libia in questa impresa'. Per tali ragioni, il Governo – ha sottolineato il ministro – mantiene aperta una linea di dialogo diretta e assidua sia con la controparte libica sia con gli alleati americani, per verificare lo sviluppo dell'operazione e le eventuali esigenze di supporto indiretto. In tale ottica, il Governo è pronto a considerare positivamente un eventuale utilizzo delle basi e degli spazi aerei nazionali a supporto dell'operazione, dovesse tale evenienza essere ritenuta funzionale ad una più efficace e rapida conclusione dell'azione in corso". "L'attività condotta dalle forze statunitensi – ha concluso il ministro – si sviluppa in piena coerenza con la Risoluzione delle Nazioni Unite n 2259 del 2015 e in esito a una specifica richiesta di supporto formulata dal legittimo Governo Libico per il contrasto all'Isis nell'area di Sirte. Come è noto, le Forze locali libiche – in particolare quelle che hanno riconosciuto il Governo di al-Sarraj – stanno combattendo una dura battaglia per contrastare l'Isis proprio nella regione di Sirte. È, tuttavia, un contrasto portato avanti fra grandi difficoltà e a caro prezzo, per i militari governativi e la popolazione civile, in particolare per la mancanza di capacità per l'identificazione dei bersagli militari e per il loro ingaggio di precisione".




TERRORISMO, ALLARME DEI SERVIZI SEGRETI: L'ITALIA NEL MIRINO DELL'ISIS

Redazione
 
Roma – L’Italia ha ricevuto esplicite minacce dai Jihadisti, in cui veniva detto che presto o tardi il nostro bel paese sarebbe finito sotto la mira dell’Isis. I controlli sono stati repentini, ci sono stati anche arresti ma oggettivamente non sono emersi elementi oggettivi su un piano di natura terroristica messo in atto nel nostro paese. Gli attentati di Parigi hanno allarmato il nostro paese, l’esodo di tantissimi immigrati verso terre straniere ha portato alla chiusura delle frontiere da parte di molti stati dell’Unione Europea. Ma la minaccia Jihadista nei confronti dell’Italia c’è, a rivelarlo è la relazione annuale dell’Intelligence che è stata inviata al Parlamento. Nel documento si evince che le minacce riguardano i rapporti che l’Italia ha con gli Usa e Israele e l’impegno contro il terrorismo. Il rischio maggiore emerge in relazione all’evento mondiale che è il Giubileo e al rischio di attentati. La relazione parla anche dei tanto discussi flussi migratori e riporta che non vi è alcun rischio di infiltrazioni terroristiche dalle rotte provenienti dal NordAfrica, rischiose invece le rotte balcaniche poiché sono zone privilegiate dai Foreign Fighters. 

Tischio infiltrazioni terroristi Balcani – Nessun riscontro di infiltrazioni terroristiche nei flussi migratori dal Nordafrica, mentre il rischio "si presenta più concreto" lungo la rotta balcanica. Lo indica la relazione annuale dei servizi di intelligence inviata al Parlamento, evidenziando come la regione balcanica sia zona di transito privilegiato di foreign fighters (oltre 900 sono partiti da lì per i teatri di guerra), nonchè area di "realtà oltranziste consolidate".

"La massa di persone in movimento verso lo spazio comunitario – osserva la relazione – oltre a costituire un'emergenza di carattere umanitario, sanitario e di ordine pubblico, può presentare insidie sul piano della sicurezza". E l'attività d'intelligence si è focalizzata sulle possibili contaminazioni tra immigrazione clandestina e terrorismo, anche alla luce del fatto che "i contesti di crisi siriana, irachena, libica, subsahariana e del Corno d'Africa sono infiltrati in parte da espressioni terroristiche di matrice islamista che possono inquinare i canali dell'immigrazione e sottoporre alla radicalizzazione elementi poi destinati ad emigrare nei Paesi europei". Va poi considerato, aggiungono gli 007, "come l'aver vissuto in aree di guerra, talvolta partecipando attivamente ai combattimenti, possa conferire ai nuovi migranti un profilo potenzialmente critico, derivante soprattutto dall'expertise 'militare' acquisita".

In Libia, da dove proviene il 90% dei migranti sbarcati in Italia, "operano organizzazioni di trafficanti strutturate e flessibili, a prevalente composizione multietnica, in grado di gestire tutte le fasi del trasferimento". In Italia proliferano gruppi criminali etnici composti prevalentemente da egiziani, del Corno d'Africa e rumeni, specializzati sia nella falsificazione documentale sia nel fornire assistenza ai migranti per il trasferimento dai centri di accoglienza alle località di destinazione nel Nord Europa. È emersa inoltre l'operatività di sodalizi brindisini attivi nel trasferimento di migranti dalle coste della penisola balcanica meridionale verso l'Italia. Quanto alla diffusione del radicalismo islamico nei Balcani, i servizi indicano rischi "sia per il suo potenziale destabilizzante, sia per l'eventualità di un insediamento nella regione di basi logistiche in grado di supportare pianificazioni terroristiche contro Paesi europei, incluso il nostro".




GUERRA ALL'ISIS: L'ITALIA PRONTA SCENDERE IN CAMPO

Redazione

Un atteggiamento interventista e coraggioso. 'Italia pronta ad assumere ruolo guida in Libia'. Intervenendo all'Assemblea Generale, Renzi ha detto che la Libia non è stata dimenticata dall'Onu, che i libici "non sono soli" e ha lanciato un appello perché "tutti le parti in Libia" aspirino ad una pace duratura. Renzi ha aggiunto che "l'Italia è pronta a collaborare con un governo di unità nazionale nei settori chiave", oltre ad essere pronta ad assumere, "se il governo libico lo chiederà, un ruolo guida per un meccanismo di assistenza e stabilizzazione con il sostegno della comunità internazionale".
"Abbiamo preso atto del fallimento dell'inerzia in Siria" e bisogna avere "coraggio di guardare in faccia la realtà: l'Isis è un nemico pericoloso alle nostre porte, ha sottolineato Renzi

"Sono ottimista. In Iraq e Siria l'Isis è circondato da forze che vogliono distruggerlo e abbiamo visto che può essere sconfitto sul campo di battaglia". Il giorno dopo il faccia a faccia con Vladimir Putin in cui si è cercato di sciogliere il gelo degli ultimi anni, Barack Obama lancia un messaggio di speranza. Il presidente degli Usa ha aperto oggi i lavori al summit sulla lotta al terrorismo all'Onu. Un vertice al quale hanno preso parte i leader di almeno 100 Paesi, tra cui il premier italiano Matteo Renzi. "Ci sarà ancora molto lavoro da fare", perché la lotta all'Isis "non è solo una campagna militare, ma una situazione molto complessa", in cui un ruolo determinante deve averlo soprattutto la lotta alla propaganda, a partire da quella online", ha avvertito Obama.

L'allarme della propaganda jihadista sul web è stato d'altra parte lanciato anche da Renzi. "Ci sono dei seri rischi per quel che riguarda il reclutamento di militanti estremisti e il fenomeno dei terroristi 'fai da te'", ha detto il premier, che ha offerto a Obama "tutto il sostegno dell'Italia sul fronte dell'azione antiterrorismo". Sostegno, tuttavia, che non include raid, come ha chiarito anche ieri il presidente del Consiglio. Sulla lotta all'Isis, il presidente americano ha spiegato che "si tratta di un lavoro molto duro, che non si risolve dall'oggi al domani", e ha annunciato l'ingresso nella coalizione della Nigeria, della Tunisia e della Malesia. Salgono dunque a 60 i Paesi impegnati contro lo Stato Islamico, anche se l'Onu ha lanciato l'allarme sui foreign fighter, sostenendo che c'è stato "un aumento del 70% dei combattenti provenienti da almeno 100 Paesi verso le regioni del conflitto". "Questa minaccia alla sicurezza internazionale richiede una risposta unitaria", ha tuonato il segretario generale dell'Onu Ban ki Moon.

Obama ha quindi insistito che per sconfiggere l'Isis "occorre un nuovo leader in Siria". "Questo sarà un processo complesso ma siamo pronti a lavorare con tutte le parti, incluse Russia e Iran, per trovare un meccanismo politico con cui sia possibile iniziare un processo di transizione", ha spiegato. Ma è proprio sulla leadership di Damasco che resta "il profondo disaccordo" tra Obama e Putin nel lungo bilaterale che hanno avuto nella notte italiana di ieri. I due hanno comunque provato a dialogare sulla Siria per sconfiggere l'Isis, con Mosca che valuta l'ipotesi di raid aerei congiunti, ma restano distanti sulla strategia da seguire e soprattutto sul ruolo di Assad, alleato di Putin, "un dittatore che massacra il suo popolo", secondo la definizione di Obama. Dalla riunione-fiume, che entrambi hanno definito "civile e costruttiva", i due leader hanno probabilmente capito di non avere scelta se non quella di collaborare insieme per cercare di porre fine ai quattro anni di sanguinosa guerra civile che ha già provocato 240mila morti e creato una delle più gravi crisi dell'immigrazione dal dopoguerra.




ITALIA: TRA ISIS E ACCOGLIENZA AGLI IMMIGRATI IL PUNTO DI NON RITORNO

 

Mentre Gentiloni, il Ministro deglia Affari Esteri chiede aiuto a Bruxelles per aumentare gli aiuti con le imbarcazioni, Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia, pretende che siano gli Italiani a decidere i flussi migratori e non farceli imporre dagli integralisti.

 

di Cinzia Marchegiani

Posizioni e decisioni da cui dipendono orami il destino dell’Italia nella guerra che si è appena instaurata nel mediterraneo. Dal dossier dei servizi segreti italiani emerge che "mai il nostro Paese è stato così esposto". Occorre focalizzare un dato oggettivo per cui non è più possibile bendarsi gli occhi, gli sbarchi e la jihad vivono in simbiosi e tutto è scandito dal piano folle del del califfo Abu Bakr al Baghdadi per annientare l'Occidente. La moltidunine formata da decine di migliaia di disperati, che viaggiano sulle carrette nel Mar Mediterraneo, ci sono i sanguinari tagliagole. Sul corriere della Sera, che ha pubblicato il report degli 007 italiani, si parla di 600mila stranieri presenti in Libia, 200mila già sistemati in cinque campi di raccolta e pronti a imbarcarsi,  ma parlano soprattutto di circa 7mila combattenti di Ansar Al Sharia che hanno aderito all'appello del Califfo e stanno marciando per conquistare il Paese . Inoltre altri fondamentalisti che aderiscono a cellule che vogliono far trionfare l'islam in Occidente, potrebbero aumentare le fila già in avanzamento.
Come spiegano i servizi segreti nel dossier, i cinque campi di raccolta dei profughisi trovano al porto di Zwara, Sabrata, Janzur, Tripoli e Garabulli. Qui i trafficanti di uomini stanno ammassando tutti i disperati del Nord Africa in attesa del bel tempo per imbarcarli e spedirli in Italia. Una situazione irreale, spesso non voluta studiare a fondo, abbiamo accolto migranti che per fare le traversate hanno pagato ingenti somme. Possibile che nessuno si è mai chiesto chi pagava loro il viaggio, a quei costi sostenuti si potevano permettere uno in business class Alitalia? Occhi foderati da un perbenismo allucinante ha permesso un invasione di persone trattate come il veicolo umano, insomma tratte di umani per scardinare paletti e leggi nostrane. Così mentre ormai siamo dentro in una guerra che nessuno vuole nominare, lo stesso Renzi attende l’intervento dell’ONU, ma la Nato, alias Obama, potrebbe di sua grazia sferrare un attacco armato. Ed ecco che la volpe Paolo Gentiloni, Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ha inviato all’Unione Europea una lettera per sollecitare un maggiore impegno sull’emergenza in corso nel Mediterraneo, dove spiegando il senso di sgomento e frustrazione largamente diffuso in Italia, tanto nell’opinione pubblica quanto in Parlamento, per il ripetersi di un nuovo tragico incidente di immani proporzioni al largo delle coste di Lampedusa “la complessità di un fenomeno – quello migratorio – che non accenna a diminuire di intensità; al contrario i salvataggi dall’inizio dell’anno alla giornata odierna sono in crescita del 58,8% rispetto al 2014. Quindi è più che mai necessario che l’Ue risponda in maniera adeguata, incrementando solidarietà e condivisione di responsabilità a livello europeo”.

Stop totale all'accoglienza dei profughi finché l'Isis non sarà cacciato dal Nord Africa è l’out-out invece di Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia, che sottolinea a gran voce:”va bene tutto, ma i flussi migratori li vogliamo scegliere noi e non farceli imporre dagli integralisti. L'Isis controlla le coste libiche e gestisce il traffico di profughi. Questo vuol dire che è l'Isis che decide chi viene decapitato sulla spiaggia e chi invece può imbarcarsi sui gommoni. Ma noi non possiamo consentire che dei terroristi facciano la selezione all'ingresso della nostra Nazione, perché è molto probabile che gli integralisti usino il traffico di disperati per far arrivare le loro cellule terroristiche.” A differenza di Gentiloni che vorrebbe un ulteriore aiuto dall’UE per importare più migranti possibili in Italia, la Meloni chiede: “Basta tentennamenti. La nostra Guardia Costiera si trova a fronteggiare vere e proprie azioni di pirateria: imbarcazioni veloci con persone armate che minacciano e depredano indisturbate. È ora che l'Italia utilizzi la Marina Militare e la Guardia Costiera per difendere i nostri confini piuttosto che utilizzarle come se fossero organizzazioni umanitarie e di volontariato.

L’ISIS non è nato da nulla, e gli States ne sanno qualcosa.L’Italia senza politiche migratorie serie atte a riconoscere i profughi dai quelli usati come arieti è diventata la vera mecca per chi ha profumatamente pagato schiavi, uomini e donne, trattati come fiches da spostare sul mare affinché un piano ben congeniato che sfruttando le assenze di regole italiane, li ha usati usando la tecnica del cavallo di Troia. Entrare facilmente nel continente occidentale, dove geneticamente non siamo né abituati alla guerra, né tantomeno alla sicurezza interna…questo il vero tassello mancante. Siamo il risultato di scelte senza logica, senza alcuna lungimiranza….come si può ricorrere alla difesa del proprio territorio senza alcuna capacità anche logistica delle forze dell'ordine, basta ricordare l’assalto alla motovedetta con i kalashnikov. Siamo in guerra. Una disastrosa guerra!