1

Roma rifiuti, fari puntati al Consiglio del Municipio VI. Manna: “Su Rocca Cencia maggioranza bipolare”

ROMA – Archiviata la turbolenta seduta straordinaria dell’Assemblea Capitolina sull’emergenza rifiuti, scandita dalle sonore proteste delle opposizioni e dei Sindaci dell’area metropolitana di Roma che non accettano “le discariche, lotteremo anche con le barricate”, l’attenzione si sposta al Municipio VI, territorio che ospita il TMB Rocca Cencia, il solo rimasto in piedi dopo il vasto incendio che all’indizio di dicembre ha devastato quello del Salario. Domani, 17 gennaio, è in programma l’ennesimo e altrettanto Consiglio straordinario sul tema dei rifiuti. E il clima non sarà poi così diverso.

Durante il suo intervento in Aula
la Sindaca Virgina Raggi ha tenuto a
ribadire che “Il rogo nel Tmb Salario, un impianto che trattava un quarto
dei rifiuti di Roma, ha impattato sul piano industriale di Ama”. E che quell’impianto “non ci sarà più”. Nessun accenno sul
futuro di Rocca Cencia, che, secondo i pentastellati capitolini, doveva
chiudere entro il 2019.

“Siamo preoccupati per la sorte
del nostro territorio – attacca Marco
Manna
, Presidente del Comitato Periferia
Roma Est
-, e vogliamo comprendere quali sono le intenzione del Municipio e
del Campidoglio rispetto sia a quanto accaduto al Salario sia per quanto
riguarda la raccolta differenziata. Ne abbiamo sentite tante, troppe in questi
mesi, vogliamo chiarezza su Rocca Cencia e sulla raccolta differenziata”. Che in
questi mesi ha subito un drastico e clamoroso passo indietro. “In molti
quartieri del nostro territorio – aggiunge – sono ricomparsi i cassonetti,
questo significa che la differenziata, quella porta a porta, è stato un
fallimento totale. Anche perché l’Ama, per ragioni tecniche a noi sconosciute, non
effettuava il servizio in modo lineare e ciò ha trasformato le nostre strade e
marciapiedi in discariche a cielo aperto. Per tale ragioni, noi e i cittadini
tutti vogliamo sapere cosa vogliono fare. È un nostro diritto”.

Marco Manna, al centro, durante uno dei suoi interventi sul territorio

“Ci hanno l’illuso con la promessa di chiudere lo stabilimento di Rocca Cencia – recita il manifesto distribuito nelle ultime ore –, ma l’ecomostro è ancora lì ad avvelenare le nostre vite. Al danno si aggiunge la beffa di vedere i nostri quartieri soffocati da sporcizia e degrado”. Che si conclude con un invito esplicito: “incontriamoci e portiamo la nostra protesta al Consiglio Straordinario del Municipio VI”.

“La situazione è al limite – chiosa lapidario il Presidente Manna – possiamo dire fuori controllo. La nostra posizione è molto chiara: trasformare l’impianto in Centro Culturale della Città di Cabii, come promesso, e avviare una seria raccolta differenziata. Infine, vorrei sottolineare che ci disorienta quanto affermato dal Presidente del Municipio Romanella, durante la seduta del Consiglio Comunale: perché in questi due anni e mezzo gli abbiamo sentito dire tutto e il contrario di tutto. Forse è il momento di prendersi le responsabilità e forse, se non si è in grado di gestire tali situazioni, è meglio che faccia un passo indietro”.  




ROMA, MUNICIPIO VI: STRADE GROVIERA PRESIDIATE DALLA POLIZIA LOCALE

di Matteo La Stella
Roma – Neanche ci fosse una pandemia in corso, la maggior parte delle strade romane presenta gli stessi sintomi di “malessere”: a meno di un mese dal Giubileo, un'infinità di buche e avvallamenti sono impresse sull'asfalto come macchie sulla pelle di un qualsiasi degente. Un'”infezione” conosciuta, quella del manto stradale capitolino, a cui da tempo non viene somministrato alcun trattamento, bloccato da ritardi e controversie istituzionali. Così, in attesa di una cura valida, le strade pericolose vengono messe in quarantena e le buche, date in custodia a dei “guardiani” che invece di esercitare la loro professione, sono costretti ad arginare la noncuranza reiterata dell'amministrazione per intere giornate: gli agenti della polizia locale di Roma Capitale.

Sorveglianza record. Nella giornata di martedì, infatti, il segretario del Sulpl ( Sindacato unitario lavoratori polizia locale, ndr) di Roma Stefano Giannini, ha condiviso con la stampa l'ultimo record raggiunto dai colleghi per volere del Comune: un piantonamento alla buca durato oltre 60 ore in Viale dei Romanisti, zona di competenza del VI municipio. Il tutto, per un complessivo:” Costo del personale in servizio di 2.500,00 euro”. Un dato, come ci spiega lo stesso Giannini, calcolato in base alla paga oraria degli agenti:”Moltiplicata per 60 ore, moltiplicata per i vigili impiegati” sul posto. Un vero e proprio spreco di denaro che, continua il segretario romano del Sulpl, poteva essere utilizzato per pagare i normali servizi offerti dalla Polizia Locale e, allo stesso tempo, per riparare la voragine. Un episodio che non rappresenta un'eccezione. Sono infatti, come sottolinea Giannini, episodi:”Plurimi e ripetuti”.

La “cura”, bloccata anche se esiste. Una mancanza, quella della manutenzione, interamente a carico del Comune di Roma e dei suoi municipi. Il primo, che avrebbe dovuto provvedere alla manutenzione della grande viabilità è trattenuto nell'adempimento delle incombenze dalla magistratura, mentre i secondi, a cui è deputata la cura delle strade secondarie, sono bloccati dal rodaggio delle nuove normative ancora in cantiere per quanto riguarda l'assegnazione degli appalti. Una cosa è certa però: i fondi ci sono ma non si possono stanziare.

Scipioni: “Sono 2 mesi che scrivo”. Del Caso specifico nel territorio di Torre Spaccata, abbiamo chiesto spiegazioni al presidente del VI municipio Marco Scipioni che ha condannato fin da subito il fenomeno come “deprecabile e assurdo”, strettamente correlato alla situazione di emergenza in cui verte l'intera Capitale. Secondo il minisindaco Pd, infatti, la centrale unica per gli appalti voluta dall'ex assessore alla Legalità Alfonso Sabella sarebbe cosa giusta, ma di fatto avrebbe:” Cambiato l'iter” di aggiudicazione degli appalti. Oggetto di una delibera del giugno scorso attivata con effetto immediato, la “normativa Sabella” prevedeva che l'individuazione di tutti gli interventi da effettuare sul territorio sarebbe spettata ai municipi, prima di confluire nella centrale unica per la gestione delle gare vigilate dal Campidoglio. Una corsa, quella voluta da Sabella, verso un'utopica trasparenza ancora mai raggiunta. Gli uffici capitolini, infatti, poco dopo l'entrata in vigore della legge avevano comunicato di non essere sufficientemente organizzati per gestire le gare dell'intero Comune, rimbalzando la gestione delle commesse nuovamente ai municipi. Gli stessi che a metà agosto avevano subito la rotazione dei dirigenti in vista del Cdm relativo a Mafia Capitale, dunque, sono ancora oggi in attesa di un nuovo bando da ultimare. Una situazione che, conferma Scipioni, avrebbe:” Allungato i tempi per quanto riguarda i bandi e le dovute assegnazioni”. La situazione, ci tiene a segnalare, era già stata portata all'attenzione della ex Giunta Marino senza muovere alcunchè. Poi, annuncia Scipioni, lunedì sera:” Ho visto il Commissario Tronca a cui ho fatto riferimento, senza voli pindarici, per quanto riguarda l'utilizzo dei fondi, che abbiamo – sottolinea più volte il presidente del VI municipio- per la manutenzione ordinaria delle strade. Un paradosso per cui il commissario Tronca:” ci metterà a disposizione- continua Scipioni – uno del suo staff per chiudere in brevissimo tempo tutte le questioni aperte”.

Il nocciolo del problema.
Secondo l'amministratore del parlamentino, il nocciolo del problema non sarebbe tanto l'intervento dei vigili obbligati a “fare la guardia” alle buche. Sono dipendenti comunali, ed è come tenere gli occhi aperti su di:” Un ammalato che sta in codice rosso”. Viceversa, il grande nodo da sciogliere sarebbe proprio quello della regolamentazione per i bandi, in modo tale da poterli:”Assegnare per poi sistemare i pericoli di cui le buche sono oggetto nella manutenzione ordinaria delle strade romane, comprese -puntualizza Scipioni- quelle del mio municipio”. La sfida primaria, dunque, resta quella della sicurezza per i cittadini, legata inesorabilmente alla”malattia” delle strade. Con l'”antidoto” congelato nelle casse dei municipi, infatti, il comune sarà costretto ripetutamente ad assoldare agenti di polizia locale per segnalare le buche come tanti cartelli stradali, a spese ovviamente dei contribuenti. 




MUNICIPIO VI, NELLO SCORSO WEEK-END IL GRAN FINALE DELLE “OLIMPIADI SCOLASTICHE”

Redazione

Roma – Un migliaio di persone circa tra appassionati, genitori e semplici curiosi ha partecipato alla “tre giorni” di gare (tenutesi presso il centro commerciale di Roma Est) con cui si chiudevano le “Olimpiadi scolastiche”, divertente iniziativa messa in campo dalla Commissione Scuola, Sport e Cultura del Municipio VI presieduta da Massimo Sbardella. «Ci sono state gare di judo, karate e boxe – spiega Stefano Criscuolo, componente della Commissione municipale -, ma presso il centro commerciale abbiamo allestito anche campi di volley, basket e calcetto. Sono state premiate tutte le scuole che, da due mesi fa circa, hanno dato vita a questo evento: alla fine sono stati ben sedici gli istituti del territorio che hanno aderito, tra elementari e medie. Siamo molto contenti di come sia andato questo progetto che lega lo sport al mondo della scuola e la presenza nello scorso week-end del referente Coni municipale Massimo Iacono e di una collaboratrice dell’assessore capitolino allo sport Pancalli significa che l’evento è stato molto apprezzato. Anzi il Comune di Roma ha manifestato l’idea di voler organizzare una manifestazione simile coinvolgendo tutto il territorio della Capitale. In ogni caso – chiosa Criscuolo – vogliamo ringraziare per la fondamentale collaborazione soprattutto gli insegnanti e i dirigenti delle scuole che hanno aderito». A metà aprile, sempre nell’ambito delle “Olimpiadi scolastiche”, si erano tenuti tre giorni di gare al campo “Nori” di Tor Tre Teste puntando l’attenzione sulle gare di atletica per le scuole elementari, mentre gli alunni delle scuole medie si erano cimentati in gare di pallavolo, basket e ancora atletica negli istituti superiori del Pertini, dell’Amaldi e del Sereni. «Un modo per far conoscere ai ragazzi delle medie la validità delle strutture delle scuole superiori del nostro territorio» specifica Criscuolo. Intanto la commissione Scuola, Sport e Cultura del Municipio VI è già concentrata sull’evento del prossimo week-end. Sabato e domenica, infatti, ci sarà la possibilità di trascorrere un “Fine settimana all’Orto Botanico” dell’Università di Tor Vergata in cui si terranno laboratori all’aperto, tour dell’orto e altre attività. Prevista la presenza di circa 500 bambini, dell’associazione culturale del Gruppo Storico Romano e del paleontologo Francesco Farina.
 




CRISCUOLO (CONSIGLIERE PD DEL MUNICIPIO VI) TRACCIA IL BILANCIO DEI PRIMI MESI DI LAVORO DELLE COMMISSIONI

Redazione

Roma – Stefano Criscuolo, consigliere Pd del Municipio VI con delega alla Fidal e componente delle commissioni “Lavori Pubblici” e “Scuola Sport cultura e politiche giovanili” giudica il lavoro fatto dalle sue commissioni in questi primi mesi. «Premetto che in quella dei Lavori Pubblici non partecipo con la stessa frequenza dell’altra, sia per la concomitanza in cui spesso si svolgono le due commissioni sia perché credo che il mio mondo sia quello dello sport e delle politiche giovanili. Tra le iniziative ricordo il Natale e la Befana delle Torri, in collaborazione con quasi tutti gli istituti scolastici del nostro territorio. Il risultato è andato  oltre le nostre aspettative: il progetto è servito sia a mostrare il lavoro che gli studenti svolgono nelle loro scuole grazie all’aiuto prezioso degli insegnanti, mettendo spesso a disposizione anche il proprio tempo libero, sia per l’orientamento scolastico visto che i tre istituti superiori del territorio (Itc  Pertini-Falcone, liceo Amaldi e agrario Sereni) erano presenti con gruppi musicali e sfilata di moda. Ed ora il primo marzo proseguiremo con il Carnevale. Stiamo mettendo appunto un progetto per delle borse di studio per ragazzi con disagi sociali che vogliono comunque emergere e riscattarsi con lo studio. L’idea del consigliere Pelone è stata subito raccolta dalla commissione ed andrà in aula: speriamo di iniziare da quest’anno a donare questi aiuti economici. Il problema, manco a dirlo, sono i fondi. Cercheremo in primis di averli togliendoli ai costi della politica, magari un’auto blu in meno. Sarebbe un bel segnale da parte di questa politica, altrimenti ci rivolgeremo alle imprese locali che vorranno investire sul futuro del proprio territorio». Passando a parlare di sport Criscuolo ricorda «l’iniziativa della pedalata all’interno dell’Orto Botanico che sta nascendo presso l’Università di Tor Vergata. Questo sarà uno dei parchi più grandi del mondo con i suoi 53 ettari che diventeranno 80 nei prossimi anni e l’idea promossa dal professor Morelli è stata patrocinata dal nostro Municipio. In primavera la manifestazione si ripeterà e alla stessa verrà aggiunta una passeggiata per l’Orto Botanico per i bambini del nostro territorio. Si stanno inoltre svolgendo quattro giornate presso l’istituto Sandro Pertini per la promozione di sport come le arti marziali ed a breve partiranno le Olimpiadi scolastiche con pallavolo, basket ed atletica. Le gare verranno disputate all’interno degli istituti superiori sia per lo spazio che ci offrono, ma anche per promuovere queste scuole. Insistiamo molto sull’orientamento scolastico perché il nostro municipio, oltre ad avere la popolazione più giovane, ha nella dispersione scolastica un record negativo a livello nazionale e chi continua gli studi spesso “emigra” in altri municipi o paesi perché non conosce la qualità offerta dalle nostre strutture. Il nostro scopo – continua Criscuolo – è quello di promuovere i tesori del nostro territorio, iniziando dalle scuole, passando per l’Università e le biblioteche, magari creando se è possibile un percorso turistico, legato anche alla storia: abbiamo ville romane, catacombe e siti di grande importanza dimenticati solo perché non siamo il centro di Roma». Criscuolo conclude rispondendo a coloro che hanno criticato il Consiglio municipale per la presunta “chiusra alle riprese in aula” delle sedute. «Mai nessuno ha detto che non vuole esser ripreso anzi siamo tutti d’accordo che la stampa debba far conoscere all’esterno il lavoro delle commissioni e del Consiglio Municipale, anche criticando. Credo da sempre che la stampa, a favore o meno, sia un grosso aiuto per la democrazia. Credo che regolamentare le riprese come avviene in tutti i Municipi e comuni sia corretto e noi l’abbiamo fatto con l’aiuto di tecnici: probabilmente si potrà migliorare in qualcosina, ma la realtà è che anche oggi tutti anche i liberi cittadini possono riprendere il nostro lavoro, l’importante come succede ovunque è accreditarsi e chi lo ha fatto ha potuto riprendere tutto o in parte il lavoro del Consiglio. Nel web girano già nostri video effettuati senza i dovuti permessi e non mi risulta che ci siano state denunce contro l’informazione se non per far rispettare il lavoro dell’aula durante i Consigli. Il caos che si sta creando intorno alle riprese o alla gestione dell’aula da parte della presidenza del Consiglio non è cosi grande come vuol far credere qualcuno, probabilmente i motivi di queste provocazioni sono altri. In una situazione come quella in cui ci siamo trovati, in assenza di fondi, non sarebbe stato facile affrontare tante emergenze, ma lo stiamo facendo  e riusciamo anche ad andare oltre e a promuovere iniziative, come per le scuole e per lo sport. E la grande partecipazione della gente – conclude Criscuolo – ci stimola a fare sempre di più e mi fa pensare che la nostra sia la strada giusta, quella voluta dai cittadini».




MUNICIPIO VI, IL CONSIGLIERE CRISCUOLO: «TUTTO PRONTO PER LE “OLIMPIADE SCOLASTICHE”»

Redazione

Roma – E’ tutto pronto per le “Olimpiade scolastiche”. Il programma dell’evento, organizzato dalla commissione Scuola e Sport del Municipio VI, è praticamente definitivo. «La kermesse – dice  il consigliere municipale Stefano Criscuolo – dovrebbe iniziare tra il mese di febbraio e quello di marzo del 2014. Coinvolgerà tutte le scuole medie ed elementari del nostro Municipio: gli alunni più piccoli faranno principalmente gare di atletica, mentre quello delle medie parteciperanno anche a tornei di basket e volley, oltre allo stesso podismo. Il tutto – continua Criscuolo – avverrà nelle palestre delle scuole superiori “Pertini”, “Amaldi” e “Sereni” anche per far conoscere meglio l’offerta formativa che offre il nostro territorio. In particolare per il volley il Municipio VI ha trovato un accordo con la Fipav provinciale per organizzare una sorta di “mundialito”, abbinando ogni singola squadra al nome di una nazione visto che a settembre 2014 si terranno in Italia i mondiali di pallavolo. La mia presenza nella commissione? Semplicemente perché per me scuola e sport rappresentano la base fondamentale nella formazione di ogni ragazzo». “Olimpiadi scolastiche”, ma anche altro. «Sono già stati organizzati dal Coni provinciale, nella figura del referente Massimo Iacono, due incontri (e altri ancora ne sono in programma, ndr) con ex campioni di sport professionistico che si recano nelle scuole della nostra zona per evidenziare i valori dello sport. I primi protagonisti di questi incontri sono stati l’ex calciatore Felice Pulici, portiere della Lazio negli anni Settanta, e l’ex cestista Tiziana Timolati, nazionale azzurra negli anni ’70 e ’80, che si sono recati rispettivamente nelle scuole elementari “Cutuli” e “Marelli”, provocando una grande emozione nei loro piccoli interlocutori». In chiusura Criscuolo torna a parlare di volley giocato riferendosi all’ottimo inizio di stagione delle squadre femminili della sua vecchia società, la Polisportiva Borghesiana. «La Prima divisione di coach Pierluigi Menafra (allestita assieme alla Usd Pallavolo Ciampino, ndr) ha vinto il suo quinto incontro (su cinque giocati) sul campo della Fenice per 3-1. Pure la Seconda divisione dei coach Gianluca Mariani e Luca Puja ha vinto le prime tre gare stagionali (l’ultima per 3-1 sul campo dell’Andrea Doria Tivoli, ndr) ed è prima in classifica. Ottimo – conclude Criscuolo – l’esordio sulla panchina della neo responsabile del settore volley Giuliana Montaldi che con le ragazze dell’Under 16 ha battuto 3-2 il Dlf».