1

Roma, conto alla rovescia al Colosseo per lo spettacolo unico al mondo: l’eclissi totale di luna del secolo e la grande opposizione di Marte

ROMA – Lo spettacolo raro e magnifico dell’eclissi totale di Luna più lunga del secolo e della contemporanea grande e luminosa opposizione di Marte, nello straordinario contesto del Parco archeologico del Colosseo: un evento di eccezionale bellezza, unico al mondo. Il prossimo 27 luglio, dopo quasi tre anni di assenza, torna nei cieli italiani lo spettacolo magnifico dell’eclissi totale di Luna. E lo farà in grande stile: in questa occasione, infatti, la Luna sarà alla massima distanza dalla Terra e raggiungerà il centro dell’ombra terrestre, generando un’eclissi con una fase totale di circa 103 minuti, la più lunga del XXI Secolo. Inoltre, proprio la notte dell’eclissi, il pianeta Marte raggiungerà l’opposizione al Sole mentre sarà prossimo alla sua minima distanza dalla nostra stella, condizione ideale di visibilità per il Pianeta Rosso, la migliore dopo quella dell’agosto 2003: sarà una cosiddetta “grande opposizione”, con Marte che brillerà luminosissimo nel cielo. “Poiché la Luna piena, condizione indispensabile per la sua eclissi, corrisponde alla fase in cui il nostro satellite si trova in opposizione al Sole, ne consegue che sia Marte che la Luna in eclissi saranno nella stessa regione di cielo, opposta al Sole, a soli sei gradi di distanza l’uno dall’altro: un raro e spettacolare abbraccio tra la Luna Rossa e il Pianeta Rosso” spiega Gianluca Masi, astrofisico, fondatore e Responsabile Scientifico del Virtual Telescope Project.

“Un fenomeno astronomico così unico ed irripetibile merita un evento culturale eccezionale, per condividere con il pubblico il valore e il significato della Bellezza, legame tra le meraviglie del cielo e della terra” aggiunge Alfonsina Russo, Direttore del Parco archeologico del Colosseo. Per questo, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, il Parco archeologico del Colosseo e il Virtual Telescope Project hanno predisposto per il 27 luglio, dalle ore 21.00 alle ore 24.00 una straordinaria serata di osservazione pubblica da un luogo di incommensurabile valore archeologico, culturale e storico: il Tempio di Venere e Roma, a pochi metri dall’Anfiteatro Flavio e dall’Arco di Costantino. Ed è proprio da questa suggestiva postazione che, al culmine dell’eclissi, sarà possibile ammirare la Luna e Marte vestiti di eleganti sfumature rosse, uno spettacolo senza eguali al mondo. Un’occasione unica per tutti i visitatori italiani ed esteri che in questo periodo affollano la Capitale, i quali, guidati nella scoperta del fenomeno astronomico e in quella dei monumenti antichi da personale specializzato, potranno osservare i due astri sia ad occhio nudo che al telescopio.
L’evento, aperto gratuitamente, avrà inizio alle ore 21.00 e si concluderà alle ore 24.00. La fase totale dell’eclissi è prevista tra le ore 21.30 e le ore 23.13. I turni di visita di 15 minuti ciascuno prevedranno la presenza contemporanea di 40 persone alla volta, che potranno assistere da 6 postazioni al fenomeno astronomico.
L’ingresso avverrà da piazza del Colosseo, angolo Via Sacra.

L’eclissi verrà trasmessa in diretta streaming attraverso le tecnologie del Virtual Telescope, al fine di condividere con il pubblico di tutto il mondo un evento prezioso e irripetibile.
UnitronItalia Instruments ha curato l’allestimento dei telescopi.

Gianfranco Nitti




MARTE: LA VITA

Alberto De Marchis

Su Marte c’è stata vita, prove su prove ne saldano la certezza. E se vita c’è stata, allora si può iniziare a sognare anche di cambiare pianeta. Pensare che c’è altro oltre alla terra è fantastico. Un ambiente sufficientemente umido, non particolarmente ossidante, né acido o salato. Un ambiente vivibile.
David Blake, responsabile dello strumento CheMin (Chemistry and Mineralogy) –  quello che insieme al Sam (Sample Analysis at Mars) ha analizzato la roccia perforata sul pianeta rosso ha clamorosamente asserito: “Si tratta probabilmente del solo ambiente abitabile che in definitiva abbiamo descritto e osservato”.

Anche i microbi vivevano su Marte. Siamo di fronte ad una scoperta storica in quanto pare che la NASA Curiosity Rover abbia trovato la prima prova definitiva che il Pianeta Rosso era un tempo adatto alla vita e, forse, la prima prova diretta delle condizioni di vita-friendly oltre la Terra.

Determinare se su Marte avrebbe mai potuto esserci vita era l’obiettivo principale del Rover quando è atterrato a Gale Crater nel mese di agosto 2012. La scoperta è arrivata dal primo campione del Rover dagli interni di una roccia marziana, forata il 9 febbraio nei pressi di un antico letto del torrente in una zona chiamata Yellowknife Bay. Una pallina di polvere è stata consegnata a bordo del laboratorio di chimica di Curiosity per analizzare la sua composizione.

Tre è stato il numero perfetto che ricercava la squadra. Sì, la squadra era alla ricerca di tre requisiti che insieme compongono l’abitabilità: un ambiente non acido, acqua sufficiente ai microbi per riprodursi e minerali che potrebbero agire come le batterie, consentendo agli elettroni di fluire e di portare l'energia a tutti i potenziali organismi. Hanno trovato tutti e tre i requisiti.

Le analisi hanno mostrato che il 20 e il 30 per cento della polvere consiste in un minerale argilloso chiamato smectite, che si forma in presenza di acqua. Ancora più importante, hanno trovato sali di solfato di calcio, che si formano in acqua non acida. Hanno anche trovato il biossido di zolfo e idrogeno solforato, due forme di zolfo che hanno rispettivamente perso e guadagnato elettroni e così avrebbero potuto agire come fonti di energia microbiche.

Tutti questi indizi indicano un Marte vivibile.

"Questa roccia appare francamente come un elemento tipico che avremmo potuto incontrare sulla Terra", dice lo scienziato John Grotzinger del progetto Curiosità. "Abbiamo trovato un ambiente abitabile benigno e di supporto della vita e probabilmente se trovassimo acqua sul pianeta, potremmo anche berla”.

Analisi dei campioni del Rover su Marte strumento (SAM) ha anche trovato l'anidride carbonica e accenni di altre molecole a base di carbonio nel campione forato. Parte della missione di Curiosity è trovare organici conservati, composti che includono sia di carbonio e idrogeno. Questo sarebbe un segnale diretto che qualcosa di realmente vissuto sul Pianeta Rosso. Questi nuovi accenni di carbonio sono allettanti
 
Grotzinger ha sottolineato che certi microbi possono produrre CO2 anche in assenza di sostanze organiche. L’entusiasmo è altissimo ma su questa verifica bisogna andarci cauti.

Grande curiosità consiste nell’identificare i sedimenti stratificati nel tumulo centrale del cratere, ufficialmente denominato Aeolis Mons ma doppiato Monte Sharp dal team Rover. Gli scienziati della missione vogliono confrontare gli strati con le rocce presenti a Yellowknife Bay per capire se c’è una corrispondenza, e chissà che il Monte Sharp non conservi ancora prodotti organici.

Nel futuro immediato, Curiosità andrà temporaneamente in silenzio. Marte sta per passare dietro il sole, perciò si bloccheranno le comunicazioni tra il Rover e la “torretta” controllo della missione. Nel frattempo, il team scientifico ha un sacco di dati per alimentare nuove scoperte – e sogni ad occhi aperti. "Ho un'immagine di un lago d'acqua dolce su una Marte con una atmosfera più spessa, forse un innevato Monte Sharp", ha detto John Grunsfeld amministratore di NASA scienza «Mi fa venire voglia di partire".

LEGGI ANCHE:

22/12/2012 2013 – 2016 IL SOLE SI RISVEGLIA DA UN SONNO PROFONDO: UNA TEMPESTA SOLARE POTREBBE LASCIARCI AL BUIO PER MESI
14/12/2012 21 DICEMBRE 2012, BLACK OUT E FINE DEL MONDO: UNA CATASTROFICA BOLLA