1

Radiosservatore: intervista ai Niodel

Redazione
 
Giovedì 3 novembre si è tenuto il ventiduesimo appuntamento di RADIOSSERVATORE ormai giunto alla sua seconda stagione, ovvero L’Osservatore D’Italia  in radio, precisamente su CBP-Radio Activity. Un appuntamento settimanale che accompagna i lettori e i radioascoltatori dalle ore 22.00 in poi con approfondimenti in merito a notizie de L'Osservatore D'Italia.
 
Le notizie vengono approfondite da Angelo Barraco (corrispondente de L’Osservatore D’Italia in Sicilia) affiancato ogni giovedì dal fondatore di Radio Activity, Federico Salluzzo e da Francesco Zingale e con la collaborazione di Paolino Canzoneri. La nuova stagione di RADIOSSERVATORE tocca le arti e la cultura a 360° e in questa nuova puntata sono stati intervistati i Niodel, band proveniente direttamente dalla scuderia Nostress Netlabel, italiani ma ormai stabilizzati a Berlino dove hanno messo le loro radici a seguito di un percorso di studio musicale fatto al conservatorio in Italia. Il combo costituito da basso e batteria suona un jazz che incrocia nel suo percorso direzionale sonoro la vastissima sperimentazione sonora che offre il mondo dell’elettronica, creando sonorità uniche e psichedeliche. Nel corso dell’intervista hanno raccontato la nascita della band, l’evoluzione e l’approccio al genere e hanno parlato di quelli che sono i progetti futuri di un gruppo che a Berlino sta già facendo parlare di se. 



Radiosservatore: intervista ad Andrea Spinelli, live painter che dipinge le rock star

Redazione

Giovedì 20 ottobre si è tenuto il ventunesimo appuntamento di RADIOSSERVATORE ormai giunto alla sua seconda stagione, ovvero L’Osservatore D’Italia  in radio, precisamente su CBP-Radio Activity. Un appuntamento settimanale che accompagna i lettori e i radioascoltatori dalle ore 22.00 in poi con approfondimenti in merito a notizie de L'Osservatore D'Italia.

Le notizie vengono approfondite da Angelo Barraco (corrispondente de L’Osservatore D’Italia in Sicilia) affiancato ogni giovedì dal fondatore di Radio Activity, Federico Salluzzo e da Francesco Zingale e con la collaborazione di Paolino Canzoneri. La nuova stagione di RADIOSSERVATORE tocca le arti e la cultura a 360° e in questa nuova puntata è stato ospite Andrea Spinelli, un live painter italiano che immortala i migliori artisti del panorama musicale italiano su dei disegni che raffigurano la performance dal vivo. Un’esperienza che arricchisce la già concitata esibizione dal vivo e che fotografa definitivamente un momento rendendolo indelebile. L’arte di Andrea è molto apprezzata dai musicisti ed è diventato un vero e proprio lavoro per lui, ha avuto tanti riconoscimenti e una pregiatissima partecipazione al MEI di Faenza in cui ha potuto esporre la sua arte sotto gli occhi di critici, giornalisti e musicisti che hanno accalcato quell’ambitissimo luogo. La puntata si è tinta di poesia e musica con omaggi e dediche di vario tipo e la pioggia incessante che ha bagnato la Sicilia in quella notte di ottobre è stata trasformata in piacevole contorno con la messa in onda dei brani provenienti dalla scuderia Nostress Netlabel.




RadiOsservatore: puntata speciale di chiusura stagione, la trasmissione riprenderà a settembre

Redazione
 
Giovedì 21 luglio si è tenuto il diciannovesimo appuntamento di RADIOSSERVATORE, ovvero L’Osservatore D’Italia  in radio, precisamente su CBP-Radio Activity. Un appuntamento settimanale che accompagna i lettori e i radioascoltatori dalle ore 22.00 in poi con approfondimenti in merito a notizie de L'Osservatore D'Italia.
 
Le notizie vengono approfondite da Angelo Barraco (corrispondente de L’Osservatore D’Italia in Sicilia) affiancato ogni giovedì dal fondatore di Radio Activity, Federico Salluzzo e da Francesco Zingale e con la collaborazione di Paolino Canzoneri. Il diciannovesimo appuntamento di RADIOSSERVATORE è stato un appuntamento importante per i radioascoltatori e i lettori de L’Osservatore D’Italia poiché si è trattato della puntata di chiusura stagione. Una pausa estiva che consentirà al programma di acquisire nuova linfa e preparare ulteriori novità in vista della nuova stagione che riprenderà a settembre. Nella puntata del 21 luglio è stato fatto un excursus attraverso le parole e la musica di tutti gli ospiti che hanno concesso gentilmente un’intervista. La trasmissione è stata introdotta  con la voce di Nicola Manzan (Bologna Violenta), primo ospite in radio in data 24 marzo cha spiegato il suo progetto, la nascita e il significato del nome, a seguire un suo brano. Lo stesso iter è stato messo in atto per gli ospiti che vi sono stati in trasmissione successivamente: Omid Jazi, Nitto (Linea77), Emilio Stella, Sasha Torrisi, Paolino Canzoneri, Mario Riso, Luca Guercio, Nevruz Joku, Fabrizio Rioda, Giorgio Prette, Massimo Ruberti, Giulio Favero Ragno, Umberto Maria Giardini, Titta Morganti e Walter Fini. Una prima stagione ricca di ospiti che ha riscosso ottimi feedback positivi da radioascoltatori e lettori e dai musicisti stessi. Radiosservatore non si ferma, torna a settembre. Buona estate! 




RADIOSSERVATORE: L'INTERVISTA A WALTER FINI E L'APPUNTAMENTO CON LA MUSICA DELLA BATENIM NETLABEL

Redazione
 
Giovedì 14 luglio si è tenuto il diciottesimo appuntamento di RADIOSSERVATORE, ovvero L’Osservatore D’Italia  in radio, precisamente su CBP-Radio Activity. Un appuntamento settimanale che accompagna i lettori e i radioascoltatori dalle ore 22.00 in poi con approfondimenti in merito a notizie de L'Osservatore D'Italia.
 
Le notizie vengono approfondite da Angelo Barraco (corrispondente de L’Osservatore D’Italia in Sicilia) affiancato ogni giovedì dal fondatore di Radio Activity, Federico Salluzzo e da Francesco Zingale e con la collaborazione di Paolino Canzoneri. In questo diciottesimo appuntamento di RADIOSSERVATORE abbiamo intervistato Walter Fini, artista che ha rappresentato in rappresentato il fenomeno delle Netlabel, tema già affrontato nel corso di diverse puntate di Radiosservatore. Con Fini abbiamo analizzato la sua esperienza discografia con Nostress Netlabel e Batenim Netlabel, etichette accomunate dal fatto che nascono dalla stessa mente ma che separano a livello concettuale, organizzativo e gestionale. Abbiamo parlato dei suoi dischi pubblicati sotto lo pseudonimo di Desh Alb e come da esso si è passati alla pubblicazione di album con il suo vero nome. La musica come mezzo di comunicazione ed esternazione di sensazioni e sentimenti, uno strumento attraverso il quale l’artista tergiversa il proprio estro. Il 14 è stato anche il Netlabel Day, giornata di estrema importanza per tutte le Netlabel del mondo poiché si è creata una fitta rete di interscambio di materiale sonoro senza precedenti. E in fine, si è parlato di Batenim Netlabel, un’etichetta italiana fondata da Paolino Canzoneri con sede a Palermo, nata nel 2013 con lo scopo di promuovere artisti che hanno interesse nel vedere la loro musica ufficialmente pubblicata. Un luogo fisico dipinto su di una tela  leggermente sporca di civiltà e dall’innovazione, ma che manifesta la sua grandezza e regalità attraverso il mite paesaggio che si estende in direzioni ostinate e contrarie. 




RADIOSSERVATORE: INTERVISTA ESCLUSIVA A TITTA MORGANTI, CHITARRISTA DEI MELLOWTOY

Redazione
 
Giovedì 7 luglio si è tenuto il diciassettesimo appuntamento di RADIOSSERVATORE, ovvero L’Osservatore d’Italia  in radio, precisamente su CBP-Radio Activity. Un appuntamento settimanale che accompagna i lettori e i radioascoltatori dalle ore 22.00 in poi con approfondimenti in merito a notizie de L'Osservatore D'Italia.
 
Le notizie vengono approfondite da Angelo Barraco (corrispondente de L’Osservatore D’Italia in Sicilia) affiancato ogni giovedì dal fondatore di Radio Activity, Federico Salluzzo e da Francesco Zingale e con la collaborazione di Paolino Canzoneri. In questo diciassettesimo appuntamento di RADIOSSERVATORE abbiamo intervistato Titta Morganti, chitarrista e cofondatore della metal band italiana Mellowtoy, nata nei primi anni 2000 e divenuta famosa grazie ad un’originalissima cover di Save a Prayer dei Duran Duran. Nel corso della loro carriera hanno suonato in diverse parti del globo, insieme a band di spicco del settore. Hanno registrato dischi con produttori affermati e hanno subito cambi di formazione che ne hanno mutato forma e colore. Una band che punta alla ricerca, alla costante voglia di mettersi in gioco attraverso la sperimentazione e il cambiamento fisiologico che gli anni e l’esperienza portano. 




RADIOSSERVATORE: INTERVISTA ESCLUSIVA A UMBERTO MARIA GIARDINI

Redazione
 
Giovedì 30 giugno si è tenuto il sedicesimo appuntamento di RADIOSSERVATORE, ovvero L’Osservatore D’Italia  in radio, precisamente su CBP-Radio Activity. Un appuntamento settimanale che accompagna i lettori e i radioascoltatori dalle ore 22.00 in poi con approfondimenti in merito a notizie de L'Osservatore D'Italia.
 
Le notizie vengono approfondite da Angelo Barraco (corrispondente de L’Osservatore D’Italia in Sicilia) affiancato ogni giovedì dal fondatore di Radio Activity, Federico Salluzzo e da Francesco Zingale e con la collaborazione di Paolino Canzoneri. In questo sedicesimo appuntamento di RADIOSSERVATORE abbiamo intervistato Umberto Maria Giardini, un musicista italiano che si approccia alla musica negli anni ottanta, suonando la batteria, sul finire degli anni 90 pubblica diversi dischi con lo pseudonimo “Moltheni”, partecipando anche a Sanremo, condividendo il palco con band del calibro di Afterhours, Verdena. Collabora con Mauro Pagani, Enrico Gabrielli, Alberto e Luca Ferrari e numero produttori italiani e internazionali. Nel 2010 decide di porre fine al progetto “Moltheni” e inizia un nuovo percorso musicale, pubblicando i suoi dischi con il suo nome di battesimo. Nel 2012 esce “La Dieta dell’imperatrice”, nel 2013 esce l’ep “Ognuno di noi è un po’ Anticristo” e nel 2015 esce l’album “Protestantesima”. La trasmissione è stata introdotta da alcuni brani provenienti dalla scuderia Nostress Netlabel: Synflict con Prima Colonna, Nesting Error con Act 2  Solaristica, Static Waves con KO-bot. 




RADIOSSERVATORE: INTERVISTA ESCLUSIVA A GIULIO RAGNO FAVERO DE IL TEATRO DEGLI ORRORI

Redazione
 
Giovedì 16 giugno si è tenuto il quindicesimo appuntamento di RADIOSSERVATORE, ovvero L’Osservatore D’Italia  in radio, precisamente su CBP-Radio Activity. Un appuntamento settimanale che accompagna i lettori e i radioascoltatori dalle ore 22.00 in poi con approfondimenti in merito a notizie de L'Osservatore D'Italia.
 
Le notizie vengono approfondite da Angelo Barraco (corrispondente de L’Osservatore D’Italia in Sicilia) affiancato ogni giovedì dal fondatore di Radio Activity, Federico Salluzzo e da Francesco Zingale e con la collaborazione di Paolino Canzoneri. In questo quindicesimo appuntamento di RADIOSSERVATORE abbiamo intervistato Giulio Ragno Favero, bassista cofondatore de Il Teatro Degli Orrori, band di punta nel panorama alternative rock italiano con all’attivo quattro album in studio, un album dal vivo, due ep e la partecipazione in una compilation con i migliori artisti della scena rock italiana. Giulio Ragno Favero ci ha raccontato la genesi del nuovo disco “Il Teatro Degli Orrori”, uscito nel 2015 e vede per la prima volta la collaborazione attiva, in studio, di Marcello Batelli alla chitatta e Kole Laca alle tastiere. Abbiamo parlato della produzione e di come si è evoluto il sound della band in questi anni, partendo dalle sonorità sopra che echeggiano nel primo disco. Giulio è anche uno stimatissimo produttore discografico e negli anni ha lavorato con artisti di grosso calibro, in merito a questa sua attività abbiamo parlato delle sue ultime produzioni, del suo lavoro con Marina Rei e dei One Dimensional Man. Si è parlato della musica oggi e dei progetti futuri. Durante in corso della serata sono stati trasmessi brani direttamente dalla scuderia Nostress Netlabel. 




RADIOSSERVATORE: INTERVISTA ESCLUSIVA A GIORGIO PRETTE E MASSIMO RUBERTI

Redazione
 
Giovedì 9 giugno si è tenuto il quattordicesimo appuntamento di RADIOSSERVATORE, ovvero L’Osservatore D’Italia  in radio, precisamente su CBP-Radio Activity. Un appuntamento settimanale che accompagna i lettori e i radioascoltatori dalle ore 22.00 in poi con approfondimenti in merito a notizie de L'Osservatore D'Italia.
 
Le notizie vengono approfondite da Angelo Barraco (corrispondente de L’Osservatore D’Italia in Sicilia) affiancato ogni giovedì dal fondatore di Radio Activity, Federico Salluzzo e da Francesco Zingale e con la collaborazione di Paolino Canzoneri. In questo quattordicesimo appuntamento di RADIOSSERVATORE abbiamo intervistato Giorgio Prette, ex batterista degli Afterhours che ha militato nella band dal 1990 al 2014 e ha registrato con loro un copioso numero di album, importanti live in giro per il mondo e apparizioni in palchi importanti come quello di Sanremo. Abbiamo parlato degli Afterhours, di quello che sono stati per lui, di quella che è la musica per lui oggi e del progetto che sta portando avanti, ovvero i TODO MODO, band composta dallo stesso Prette alla Batteria, da Paolo Saporiti alla voce e chitarra acustica e Xabier Iriondo (attuale chitarrista e polistrumentista degli Afterhours). La band ha esordito con un album uscito nel mese di ottobre e sta lavorando ad un nuovo disco.  L’ospite successivo è stato Massimo Ruberti, musicista proveniente direttamente dalle prestigiose scuderie Nostress Netlabel. Un “Trafficante di suoni e immagini”, come ama definirsi,  che ha raccontato la sua musica attraverso un percorso fatto di ricordi, di aneddoti risalenti al passato che lo hanno portato a sperimentare e creare quella che oggi possiamo definire una musica “fuori dagli schemi”. Massimo Ruberti rappresenterà in la Nostress Netlabel per il Netlabel Day. In esclusiva assoluta e per la prima volta su RADIOSSERVATORE, è stato trasmesso in chiusura di trasmissione l’intero concerto di Ruberti a Luzern Treibhaus del 2013, per gentile concessione della Nostress Netlabel.  




RADIOSSERVATORE: INTERVISTA ESCLUSIVA A NEVRUZ, IL VOLTO ROCK DI X FACTOR

Redazione
 
Giovedì 19 maggio si è tenuto l’undicesimo appuntamento di RADIOSSERVATORE, ovvero L’Osservatore D’Italia  in radio, precisamente su CBP-Radio Activity. Un appuntamento settimanale che accompagna i lettori e i radioascoltatori dalle ore 22.00 in poi con approfondimenti in merito a notizie de L'Osservatore D'Italia.
 
Le notizie vengono approfondite da Angelo Barraco (corrispondente de L’Osservatore D’Italia in Sicilia) affiancato ogni giovedì dal fondatore di Radio Activity, Federico Salluzzo e da Francesco Zingale e con la collaborazione di Paolino Canzoneri. In questo undicesimo appuntamento di RADIOSSERVATORE abbiamo intervistato Nevruz Joku, cantante italiano noto al pubblico italiano per aver partecipato alla quarta edizione di X Factor nel 2010, andato in onda su Rai 2. Il programma era condotto da Francesco Facchinetti e gli artisti erano suddivisi in squadre guidate da Mara Maionchi, Anna Tatangelo, Elio (leader degli Elio e Le Storie Tese) ed Enrico Ruggeri. Nevruz faceva parte del gruppo di Elio e arrivò in finale, distinguendosi da tutti i partecipanti per il suo carisma e il suo spirito rock e anticonformista, ben distante da certi schemi e stereotipi televisivi. Nel corso della lunga intervista che ci ha concesso abbiamo parlato in dettaglio della sua vita prima di X Factor, del suo gruppo con Omid Jazi –che abbiamo intervitato poco tempo fa- anch’esso musicista noto ed apprezzato per la sua musica e per la sua collaborazione con i Verdena nel tour di WOW. Abbiamo parlato della vita all’interno di un talent show e di ciò che ne è conseguito. Si è parlato del disco in fase di lavorazione e di tante altre importanti novità 




RADIOSSERVATORE: INTERVISTA ESCLUSIVA A LUCA GUERCIO DEI MEGANOIDI

Redazione
 
Giovedì 12 maggio si è tenuto il decimo appuntamento di RADIOSSERVATORE, ovvero L’Osservatore D’Italia  in radio, precisamente su CBP-Radio Activity. Un appuntamento settimanale che accompagna i lettori e i radioascoltatori dalle ore 22.00 in poi con approfondimenti in merito a notizie de L'Osservatore D'Italia.
 
Le notizie vengono approfondite da Angelo Barraco (corrispondente de L’Osservatore D’Italia in Sicilia) affiancato ogni giovedì dal fondatore di Radio Activity, Federico Salluzzo e da Francesco Zingale e con la collaborazione di Paolino Canzoneri. In questo decimo appuntamento di RADIOSSERVATORE abbiamo intervistato Luca Guercio, chitarrista e trombettista nonché leader dei Meganoidi, band di Genova che si è formata sul finire degli anni 90 e nel corso del tempo ha mutato la sua pelle sonora attraverso la sperimentazione e il passaggio da un sound all’altro. Con Luca Guercio abbiamo ripercorso la storia dei Meganoidi partendo proprio dalle origini, abbiamo ascoltato svariati brani del gruppo, abbiamo analizzato il cambio di sound, come sono stati incisi e come hanno vissuto il successo di determinati singoli. Nella prima parte della trasmissione abbiamo ascoltato cinque brani della scuderia Nostress Netlabel, precisamente: Zeta Bass, Pablo Ribot, Etterem, Cryxuss, Sounds Child. 




RADIOSSERVATORE, TRA INFIORATA E MUSICA ECCO L'INTERVISTA A FLAVIO GABBARINI E MARIO RISO (REZOPHONIC)

PER ASCOLTARE L'INTERVISTA AL SINDACO DI GENZANO FLAVIO GABBARINI PORTARE IL CURSORE A 25:26 / PER ASCOLTARE L'INTERVISTA A MARIO RISO (REZOPHONIC) PORTARE IL CURSORE A 45:45
 
 
Redazione
 
Giovedì 5 maggio si è tenuto il nono appuntamento di RADIOSSERVATORE, ovvero L’Osservatore D’Italia  in radio, precisamente su CBP-Radio Activity. Un appuntamento settimanale che accompagna i lettori e i radioascoltatori dalle ore 22.00 in poi con approfondimenti in merito a notizie de L'Osservatore D'Italia.
 
Le notizie vengono approfondite da Angelo Barraco (corrispondente de L’Osservatore D’Italia in Sicilia) affiancato ogni giovedì dal fondatore di Radio Activity, Federico Salluzzo e da Francesco Zingale e con la collaborazione di Paolino Canzoneri. Il nono appuntamento di RADIOSSERVATORE è stato ricco di ospiti. La prima parte è stata dedicata ai brani della scuderia Nostress Netlabel, successivamente è stato intervistato Flavio Gabbarini, Sindaco di Genzano (Roma) che ha parlato della famosa infiorata di Noto. Quest'ultima si svolge ogni terza domenica di maggio. La manifestazione nasce 37 anni fa dall’incontro tra gli artisti infioratori di Genzano e Netini. Questa tecnica si è sviluppata nella città di Genzano, cittadina dei Castelli Romani alle porte della capitale. A Noto, l’infiorata nasce in Via Corrado Nicolaci, ai piedi della Chiesa di Montevergini, contrapposta al palazzo del Principe Nicolaci. 
 
Nel seconda parte della trasmissione radiofonica è stato intervistato Mario Riso, leader e fondatore del progetto musicale Rezophonic, che ha come slogan “Per offrire da bere a chi ha VERAMENTE sete”. Un progetto che si basa sulla realizzazione di dischi, in cui vi suonano i più importanti musicisti italiani e il cui ricavato viene interamente devoluto ad AMREF per un progetto idrico in Kajiado, tra Kenya e Tanzania per la realizzazione di  pozzi e pompe di trazione in una delle regioni più aride dell'est Africa, il Kajiado ai confini fra Kenya e Tanzania. Ci ha parlato dell’impegno in Africa, di quanto è stato fatto, dei progetti futuri e di tutto ciò che Rezophonic ha realizzato in questi 10 anni di attività.