1

FRASCATI SCHERMA, SHOW AD ERBA: GREGORIO PRIMA, GULOTTA SECONDA E ASPROMONTE TERZO

Redazione

Frascati (Rm) – Una grande festa firmata Frascati Scherma. Erba, cittadina della provincia di Como ai piedi delle Prealpi lombarde, è stata teatro di un autentico show degli atleti tuscolani nella prima prova nazionale di qualificazione ai campionati italiani di Roma 2016 che saranno organizzati proprio dal club del presidente Paolo Molinari. Nella sciabola femminile Rossella Gregorio (nella foto di Augusto Bizzi) e Loreta Gulotta sono arrivate in finale a giocarsi l’ultimo atto “in famiglia” dopo aver fatto un percorso di gara estremamente positivo ed essersi sbarazzate in semifinale rispettivamente di Alessandra Lucchino per 15-13 e di Sofia Ciaraglia per 15-12. Nell’assalto conclusivo a spuntarla è stata la Gregorio che ha piegato la Gulotta col punteggio di 15-11. Non è stata sugli stessi livelli la prestazione dei fiorettisti che comunque hanno fatto una gran bella figura: tra gli uomini Valerio Aspromonte è tornato tra i protagonisti, fermandosi solo in semifinale al cospetto di un Edoardo Luperi (poi vincitore della prova) in giornata di grazia e conquistando comunque un bellissimo terzo posto. Nel turno precedente si erano interrotte le corse di Daniele Garozzo, buon quinto, e Damiano Rosatelli, settimo. Stesso piazzamento di Rosatelli anche per Camilla Mancini che nella prova femminile ha avuto la sfortuna di incrociare l’eterna Valentina Vezzali nei quarti di finale: la pluricampionessa jesina si è imposta per 15-8, ma la prima prova stagionale della Mancini è stata comunque molto promettente. Alle belle soddisfazioni provenienti da Erba, se ne è aggiunta una internazionale che arriva da Mungyeong, in Corea del Sud, dove si stanno disputando le prove di scherma dei Giochi militari. La prima medaglia della spedizione azzurra l’ha conquistata l’atleta tuscolana Valentina Cipriani che ha concluso al secondo posto la sua prova nel fioretto: dopo aver sconfitto in una durissima semifinale la russa Biryukova col punteggio di 11-10, la Cipriani si è dovuta arrendere all’altra russa Deriglazova che in finale ha vinto per 15-9.
Da ieri, infine, sono stati riaperti i corsi di scherma in zona Cinecittà, ormai una piacevole abitudine negli ultimi anni. La novità di quest’anno è la collaborazione con la palestra Boxing Gym che ospiterà i corsi il lunedì e mercoledì dalle 16.30 alle 18.00.
 




FRASCATI SCHERMA, UN PIENO DI ENTUSIASMO PER IL PRIMO TROFEO INTERNAZIONALE “TUSCULUM”

Redazione

Frascati (Rm) – Una grande tre giorni di festa. Il primo trofeo internazionale “Tusculum”, organizzato dal Frascati Scherma presso la palestra Simoncelli in collaborazione con la Regione Lazio (che ha presenziato all’evento con il consigliere Simone Lupi), è stato un successo. Tanta scherma giovanile di qualità, ma anche eventi turistici e enogastronomici che hanno mirato a valorizzare il territorio di Frascati e dintorni. «Siamo felici di come siano andate le cose e siamo pronti a organizzare la seconda edizione del prossimo anno, facendo divenire questo appuntamento un punto di riferimento consueto ad ogni inizio stagione» ha commentato il presidente Paolo Molinari. A livello di risultati questo è stato l’esito della gara per le squadre del Frascati Scherma scese in pista. Nella spada, categoria bambine-maschietti/giovanissimi-giovanissime (i piccoli), terzo posto per la squadra composta da Ludovica Nicastro, Mattia Iacono, Sveva Di Tommaso e Edoardo Cesali. Tra i ragazzi/allievi terzo il “Frascati 2” (Anastasia De Luca, Aldo Nicastro, Ludovica Calicchia e Francesco Gatta) e quarto il “Frascati 1” (Aurora, Matola, Michele Antonacci, Gaia Ambrosini, Lorenzo Moglioni). Nella sciabola, categoria ragazzi/allievi, primo posto per “Frascati 2” con Riccardo Pucci, Leonardo Tocci, Andrea Consoli, Alessandro Lucarini, Francesca Mastrosanti e Giulia Nobiloni, secondo “Frascati 1” con Giulia Chignoli, Beatrice Montedoro, Andrea Ridolfi, Davide Guglielmi e Filippo Di Lorenzo. Nella sciabola, categoria dei “piccoli”, primo posto per la squadra tuscolana composta da Leonardo Guglielmi, Matteo Pio Karol Simone, Flavio Vinci, Sofia Oggiano, Sofia Guerrera e Giulia Luciani. Nella categoria ragazzi/allievi quarto posto pari merito per “Frascati 3” (Ludovica Lucarini, Lupo Veccia Scavalli, Amelia Giovannelli, Valerio Pisciarelli) e “Frascati 4” (Sofia Giammarioli, Matteo Munforti, Elena Sofia Furfaro e Edoardo Esuperanzi). Nel fioretto, infine, vittoria di “Frascati 1” nella categoria ragazzi/allievi con Andrea Martina Donato, Angelica Conchiglia, Valentina Capodicasa, Valerio Vinciguerra, Edoardo Gabrielli e Gianmarco Gridelli, mentre “Frascati 2” (Chiara Ciferri, Francesco De Cresce, Martina Di Luca e Davide Pellegrino) si è piazzato terzo. Tra i “piccoli”, è stato en plein: prima la squadra “Frascati 1” (Martina Conti, Francesca Faedda, Andrea Pericoli, Alessandro Marchetti, Simone Mastrosanti), secondo “Frascati 2” (Alice De Belardini, Nicole Capodicasa, Francesco Sacco, Alessandro Cirillo, Emanuele Berardi) e terzo “Frascati 3” (Bianca Trudu, Beatrice Giorgio, Laura Cappiello, Flavio Iacuitti, Alberto Guerrera e Edoardo Lucioli).
 




FRASCATI SCHERMA, È IL MOMENTO: NEL WEEK-END IL PRIMO TROFEO INTERNAZIONALE “TUSCULUM”

Redazione

Frascati (Rm) – Un’estate di lavoro e ora ecco il primo vero appuntamento per il Frascati Scherma. Da venerdì fino a domenica prossimi, infatti, si terrà la prima edizione del trofeo “Tusculum”, trofeo internazionale che verrà ospitato presso la palestra “Simoncelli” e che è dedicato alle categorie Gpg (gli Under 14), dagli Allievi ai Bambini, dai nati nel 2002 a quelli del 2005. L’organizzazione è stata curata dal club del presidente Paolo Molinari con il contributo fondamentale della Regione Lazio. «Ringraziamo l’ente regionale – ha detto Molinari -, il suo assessorato al turismo e il presidente Nicola Zingaretti che ci auguriamo possa intervenire durante la manifestazione. E’ un modo molto importante di aprire la stagione agonistica anche se il torneo non avrà solo valenza sportiva, ma vorrà essere un modo per far conoscere tutte le potenzialità turistiche e enogastronomiche del nostro territorio agli atleti delle altre regioni o nazioni che parteciperanno, nonché ai loro genitori e accompagnatori. Ringrazio tutto lo staff dirigenziale e tecnico della nostra società che ha prodotto uno sforzo organizzativo non da poco affinchè nel corso della manifestazione tutto possa andare nel verso giusto. Tra l’altro presso la nostra palestra ci sarà un clima di grande festa perché inviteremo all’appuntamento tutti i ragazzini che stanno facendo le prove gratuite dei nostri metodi di lavoro (prove che proseguiranno per tutto l’anno anche se questo è il momento migliore per iscriversi al Frascati Scherma, ndr)». E una grande festa c’è stata domenica scorsa in occasione della quinta edizione della “Festa dello sport”, organizzata dal Comune di Frascati nella sempre affascinante cornice di Villa Torlonia. «Un nostro stand era ovviamente presente alla manifestazione – dice Molinari – ed è stato un modo ulteriore per fare pubblicità alla nostra attività. Nell’ambito della giornata il Comune ha premiato Damiano Rosatelli (già insignito dalla Federazione la scorsa settimana, ndr) per gli eccellenti risultati ottenuti nella scorsa stagione».
 




FRASCATI SCHERMA, LA SQUADRA DI SCIABOLA CEDE IN FINALE DI COPPA ITALIA A PIACENZA

Redazione

Frascati (Rm) – Il Frascati Scherma torna da Piacenza, sede della Festa della scherma 2015, con alcuni importanti premi relativi alla passata stagione e con una finale di Coppa Italia persa nella finale a squadre di sciabola. I quattro moschietteri frascatani Federico Riccardi, Giovanni Palumbo, Edoardo Ramunno e Flavio Mancini hanno provato a giocarsi il tutto per tutto contro la squadra friulana della Gemina scherma di San Giorgio di Nogaro, ma alla fine gli avversari l’hanno spuntata con il punteggio di 45-33. Perdere non fa mai piacere, ma il club del presidente Paolo Molinari (presente in terra emiliana) si è abbondantemente consolato con le premiazioni relative all’annata 2014-15. La più prestigiosa è stata riconosciuta al maestro di fioretto Marco Ramacci, insignito del “Seminatore d’oro” che viene dato al miglior tecnico emergente italiano. Se non fosse bastato, il Frascati Scherma ha visto premiato anche il fiorettista Damiano Rosatelli per la bellissima stagione disputata lo scorso anno e per i numerosi risultati ottenuti. Insomma un pieno di riconoscimenti che è certamente un grande stimolo in vista della nuova stagione. Intanto a Roma si è disputata la kermesse della “maratona di scherma”, organizzata da una società capitolina, che ha visto la presenza di diversi atleti tuscolani di spessore. Il Frascati Scherma, inoltre, ha ufficializzato l’approdo nella sua palestra da parte di interessanti talenti che hanno scelto il club del presidente Molinari come società di allenamento: tra questi gli ex Ariccia Camilla Fondi (sciabolatrice che sarà allenata da Lucio Landi), Andrea Funaro (fiorettista che sarà guidato da Marco Ramacci) e Veronica Ermacora (sciabolatrice che verrà diretta dal maestro Marco Aquili) oltre all’ex Latina Arianna Pappone, che continuerà ad allenarsi col suo maestro, il papà Gianni.
E’ ormai alle porte, intanto, la prima edizione del trofeo “Tusculum”, trofeo internazionale che verrà ospitato presso la palestra “Simoncelli” dal 25 al 27 settembre e che è dedicato alle categorie Gpg (gli Under 14), dagli Allievi ai Bambini, dai nati nel 2002 a quelli del 2005. Per tutte le informazioni e le iscrizioni (c’è tempo fino al 20 settembre) si può consultare la sezione del sito ufficiale www.frascatischerma.it/trofeotusculum.




FRASCATI SCHERMA, L’AUSPICIO DEL PRESIDENTE MOLINARI: «VORREMO RIPORTARE LO SCUDETTO QUI»

Redazione

Frascati (Rm) –Quest’anno ci è andato vicinissimo, ma alla fine il Club Scherma Roma l’ha spuntata. Nella speciale classifica per società denominata “Gran Premio Italia”, che include club civili e militari ed esprime la somma di tutti i punteggi ottenuti durante la stagione dai tesserati delle varie categorie, il Frascati Scherma è arrivato davvero ad un passo dalla vittoria dello scudetto che manca dal 2004. «E’ stata comunque una grande soddisfazione – spiega il presidente Paolo Molinari – perché le distanze tra noi e la vetta, che l’anno scorso erano abbastanza evidenti, quest’anno si sono quasi annullate e solo per alcune questioni regolamentari, che a mio parere sono da rivedere, non siamo riusciti a festeggiare lo scudetto. E’ con questo forte stimolo che abbiamo ricominciato a lavorare per la stagione 2015-16». Un’annata che sarà indelebile anche per un altro motivo. «Il clou della nostra stagione arriverà a giugno quando il Frascati Scherma organizzerà da solo (per la prima volta nella storia, ndr) il campionato italiano Assoluti. La location è stata scelta e sarà il centro della Federbocce in zona Eur perché da noi sarebbe stato impossibile riuscire a farlo: la macchina organizzativa è già stata avviata, vogliamo farci trovare pronti». Oltre ai consueti appuntamenti di mondiali ed europei e delle varie kermesse giovanili, il 2016 sarà anno olimpico e ad agosto l’attenzione del Frascati Scherma sarà totalmente puntata sugli atleti presenti a Rio. Nello scorso fine settimana, intanto, il presidente Molinari ha presenziato all’inaugurazione della sala scherma dell’Accademia di Terni, con cui qualche mese fa è stata avviata un’importante partnership. All’evento hanno presenziato anche i massimi esponenti della Federscherma tra cui il presidente Giorgio Scarso e il consigliere federale Vincenzo De Bartolomeo. «Siamo felici di aver instaurato questo rapporto con la società umbra e stiamo già toccando con mano i primi benefici di questa collaborazione».
Si avvicina a grandi passi, intanto, la prima edizione del trofeo “Tusculum”, trofeo internazionale che verrà ospitato proprio presso il quartier generale tuscolano rappresentato dalla palestra “Simoncelli” dal 25 al 27 settembre e che è dedicato alle categorie Gpg (gli Under 14), dagli Allievi ai Bambini, dai nati nel 2002 a quelli del 2005. Per tutte le informazioni e le iscrizioni (c’è tempo fino al 20 settembre) si può consultare la sezione del sito ufficiale www.frascatischerma.it/trofeotusculum.




FRASCATI SCHERMA, LA STAGIONE SI APRE COL BOTTO CON IL PRIMO TROFEO INTERNAZIONALE “TUSCULUM”

Redazione

Frascati (Rm) –Il miglior modo per ripartire. La nuova stagione del Frascati Scherma si aprirà con un evento internazionale giovanile, la prima edizione del trofeo “Tusculum”, che verrà ospitato proprio presso il quartier generale tuscolano rappresentato dalla palestra “Simoncelli”. Ma, stavolta, la kermesse sportiva si intreccerà in maniera indissolubile con il significato turistico e paesaggistico: dal 25 al 27 settembre, infatti, gli atleti che saranno protagonisti in pedana avranno anche l’opportunità di conoscere in maniera più approfondita il territorio di Frascati e le sue potenzialità enogastronomiche con la grande bellezza di Roma sullo sfondo. Il primo trofeo “Tusculum” è dedicato alle categorie Gpg (gli Under 14), dagli Allievi ai Bambini, dai nati nel 2002 a quelli del 2005. Si apre venerdì 25 con la giornata dedicata alla spada, il giorno dopo spazio alla sciabola e chiusura domenica con il fioretto. La formula per tutte le armi è la medesima: ogni incontro si disputa con squadre di quattro elementi, due maschi e due femmine che incontrano i rispettivi avversari. Gli assalti si disputano al limite delle 20 stoccate. Gli atleti di sesso maschile e femminile si incontrano in modo alternato: primo assalto tra atlete femmine, secondo tra atleti maschi, terzo tra atlete femmine, quarto tra atleti maschi. Le squadre possono anche essere composte da ragazzi nati nello stesso anno. Per tutte le informazioni e le iscrizioni (c’è tempo fino al 20 settembre) si può consultare la sezione del sito ufficiale www.frascatischerma.it/trofeotusculum. Dal trofeo “Tusculum” ci si aspetta uno spettacolo schermistico di ottimo spessore (è prevista la presenza di numerosi talenti provenienti da svariate nazioni europee e non solo) al quale verrà affiancato quello turistico, con la proposta di una serie di visite guidate della zona di Frascati, dei Castelli e di Roma. La manifestazione, organizzata interamente dal Frascati Scherma col patrocinio della Regione Lazio, rappresenterà l’inizio col botto di una stagione che si annuncia caldissima per il club tuscolano.
 




FRASCATI SCHERMA, A FINE SETTEMBRE LA GRANDE FESTA DEL PRIMO TROFEO INTERNAZIONALE “TUSCULUM”

Redazione

Frascati (Rm) – La stagione agonistica è appena finita con gli ultimi squilli nel mondiale (l’oro a squadre di Garozzo), ma sul calendario del Frascati Scherma c’è già una data cerchiata in rosso in vista della nuova annata sportiva. Dal 25 al 27 settembre, infatti, il club tuscolano ha organizzato, assieme alla Regione Lazio e presso il quartier generale della palestra “Simoncelli”, la prima edizione del trofeo internazionale “Tusculum”. Una competizione che metterà insieme l’alto valore sportivo (ci saranno alcuni dei migliori talenti giovanili europei e non solo) e un forte spirito culturale con la scoperta nei dettagli di un territorio speciale come quello dei Castelli Romani, con la Città Eterna sullo sfondo. Così, oltre al calendario di gare che animeranno il centro sportivo tuscolano per tre giorni di grande intensità, ci sarà anche un “calendario turistico” con la proposta di una serie di visite guidate della zona di Frascati, dei Castelli e di Roma. Per ciò che concerne l’aspetto tecnico, il trofeo “Tusculum” è dedicato alle categorie Gpg (gli Under 14), dagli Allievi ai Bambini, dai nati nel 2002 a quelli del 2005. Si apre venerdì 25 con la giornata dedicata alla spada, il giorno dopo spazio alla sciabola e chiusura domenica con il fioretto. La formula per tutte le armi è la medesima: ogni incontro si disputa con squadre di quattro elementi, due maschi e due femmine che incontrano i rispettivi avversari. Gli assalti si disputano al limite delle 20 stoccate. Gli atleti di sesso maschile e femminile si incontrano in modo alternato: primo assalto tra atlete femmine, secondo tra atleti maschi, terzo tra atlete femmine, quarto tra atleti maschi. Le squadre possono anche essere composte da ragazzi nati nello stesso anno. Per tutte le informazioni e le iscrizioni (entro e non oltre il 7 settembre) si può consultare la sezione del sito ufficiale www.frascatischerma.it/trofeotusculum. «Siamo orgogliosi – dice il presidente del Frascati Scherma Paolo Molinari – di esserci aggiudicati il bando tra oltre 300 concorrenti. Ora il nostro obiettivo è di fare in modo che la manifestazione abbia la migliore riuscita. Ringrazio la Regione Lazio per la bella idea di abbinare sport e turismo, riconoscendo l’importanza della disciplina sportiva quale veicolo di conoscenza del territorio».
 




FRASCATI SCHERMA, GAROZZO RIPORTA UNA MEDAGLIA MONDIALE A CASA: È ORO A SQUADRE

Redazione

Frascati (Rm) – E’ stato probabilmente l’uomo simbolo della stagione 2014-15 del Frascati Scherma. Ed era “giusto” che fosse lui a chiudere l’annata con il botto: Daniele Garozzo (nella foto di Augusto Bizzi durante l’ultimo assalto) ha conquistato la medaglia d’oro ai mondiali di Mosca che si sono chiusi proprio con la prova a squadre di fioretto. Il giovane fiorettista di origine siciliana, assieme ai compagni di Nazionale Andrea Baldini, Andrea Cassarà e Giorgio Avola, ha sconfitto la Russia padrona di casa in finale col punteggio di 45-38. Fantastica e senza alcuna paura la prestazione di Garozzo, all’esordio in una competizione iridata: nei tre assalti che lo hanno visto protagonista in finale, l’allievo di Fabio Galli ha chiuso con un saldo “negativo” solo contro Akhmatkhuzin, mentre ha gestito perfettamente gli incroci con Cheremisinov e Rigin. In precedenza, il vice-campione europeo individuale non era stato fortunato nella prova singola: dopo aver vinto per 15-13 l'assalto contro il tunisino Mohamed Samandi e proseguito con la vittoria sul giapponese Daiki Fujino per 15-12, Garozzo è stato eliminato negli ottavi dal plurititolato tedesco Peter Joppich col punteggio di 15-11, chiudendo all’undicesimo posto finale.
Non è stato un mondiale indimenticabile, invece, per le due sciabolatrici del Frascati Scherma presenti a Mosca. Rossella Gregorio e Loreta Gulotta, assieme alle compagne di squadra Irene Vecchi e Ilaria Bianco, hanno ottenuto “solo” il quinto posto nella gara per nazioni: a sbarrare la strada alle azzurre, che avevano comodamente vinto il primo incontro con l’Ungheria (45-25), sono state le ucraine trascinate dalla fortissima Olga Kharlan. L'assalto ha visto le azzurre condurre il punteggio sino al terz’ultimo parziale, poi è arrivata la rimonta delle ucraine che hanno chiuso a proprio favore per 45-40. Per le sciabolatrici italiane si sono aperte quindi le porte del tabellone dei piazzamenti, dove hanno affrontato e vinto dapprima l’assalto contro la Cina per 45-29 e poi la finale per il quinto posto contro la Francia, col punteggio di 45-43. Piuttosto opache anche le prestazioni nell’individuale di Gregorio e Gulotta: la prima è stata eliminata dall’ucraina Komashchuk per 14-15 nel tabellone dei 32, mentre la seconda ha salutato la competizione addirittura nel turno precedente (k.o. con la statunitense Stone per 15-9). Per la cronaca va ricordato che dello staff azzurro hanno fatto parte anche i maestri Fabio Galli (fioretto) e Lucio Landi (sciabola).




FRASCATI SCHERMA, UNIVERSIADE “STREGATA” NELL’INDIVIDUALE: PALUMBO, MANCINI E TRANI STOP AI QUARTI

Redazione

Frascati (Rm) – L’hanno accarezzata, sognata, sfiorata. Ma alla fine sono rimasti tutti e tre con un pugno di mosche in mano. Camilla Mancini, Francesca Palumbo e Francesco Trani, i tre moschettieri del Frascati Scherma presenti a Gwanju (Corea del Sud) per l’appuntamento sempre sentito delle Universiadi, manifestazione sportiva multidisciplinare corrispondente ai Giochi Olimpici che si svolge con cadenza biennale e a cui partecipano studenti iscritti a tutte le università del mondo. L’esperienza coreana dei tre fiorettisti tuscolani, però, non è stata molto felice (almeno finora). Nelle rispettive prove individuali tutti hanno raggiunto i quarti di finali, fermandosi proprio sul più bello, vale a dire al momento di superare il turno che avrebbe consegnato una medaglia virtuale. La Mancini, durante la sua gara, ha estromesso nell’ordine la coreana Eunbyul Lee per 15-12 e la polacca Emilia Rygielska per 15-13, poi ai quarti di finale ha incrociato ancora una coreana (Hyo Jin Hong) che l’ha sorpresa col punteggio di 15-12. La Palumbo ha combattuto tanto nel primo turno eliminatorio superando la turca Irem Karamete per 15-14 e poi sbarazzandosi con molta più comodità della russa Leyla Pirieva (battuta per 15-5). Anche in questo caso, quarti di finali fatali con la russa Svetlana Tripapina che si è imposta per 14-11 e poi si è andata a prendere un bell’argento. L’unico rappresentante maschile della spedizione frascatana non ha avuto più fortuna: superato di slancio l’ungherese Andreas Zoltan Nemeth per 15-7, Trani ha battuto successivamente il francese Jean Paul Daniel Cedric Helissey col punteggio di 15-12, poi è stato il russo Alexandar Pivovarov a sbarragli la strada per le semifinali battendolo per 15-5 prima di andare ad acciuffare l’argento. Sia per la coppia Mancini-Palumbo che per Trani, comunque, ci sarà la possibilità di riscatto nelle rispettive gare a squadre (mercoledì sarà in pedana il fioretto femminile e giovedì quello maschile). Intanto sale l’attesa per l’appuntamento clou della stagione schermistica: dal 13 al 19 luglio, infatti, scattano i mondiali con il fiorettista Daniele Garozzo e gli sciabolatori Rossella Gregorio e Loreta Gulotta che difenderanno i colori frascatani nella rassegna iridata alla quale prenderanno parte nello staff azzurro anche i maestri Fabio Galli (fioretto) e Lucio Landi (sciabola).
 




FRASCATI SCHERMA, VALENTINA CIPRIANI DI BRONZO AI GIOCHI EUROPEI: «POTEVO ARRIVARE IN FINALE»

Redazione

Frascati (Rm) – La stagione del Frascati Scherma non è ancora finita. E dove ci sono atleti del club tuscolano, è facile che ci “scappi” una medaglia. Questo è quanto successo a Baku, dove si sono disputate le prove di scherma dei Giochi Europei alle quali hanno partecipato i fiorettisti del Frascati Scherma Valentina Cipriani (nella foto di Augusto Bizzi), Carolina Erba e Damiano Rosatelli. Tutti e tre hanno riportato a casa una medaglia, anzi nel caso della Cipriani ben due (di bronzo): una individuale e una nella gara a squadre che ha visto protagonista anche la stessa Erba, mentre Rosatelli ha vinto un bellissimo argento nella prova di gruppo. La copertina di questi Giochi Europei, però, spetta alla Cipriani che si è fermata alle porte della finale per l’oro per mano della russa Alborova che l’ha battuta per 15-10. In precedenza aveva superato ai quarti contro la tedesca Eva Hempel col punteggio di 15-11 mentre nelle prime “dirette” aveva superato per 15-9 l’ungherese Flora Pasztor nel turno delle 32 ed aveva avuto ragione nell’assalto del tabellone delle 16 dell’altra russa Diana Yakovleva, anche in questo caso col punteggio di 15-9. «La finale per l’oro era alla mia portata ed è questo che, al momento, non mi fa godere appieno questo bronzo – ha commentato l’atleta nativa di Latina sul sito della Federazione -. Puntavo ad un buon risultato e sicuramente essere sul podio significa aver raggiunto l’obiettivo che mi ero fissata. Avrei potuto vincere l’assalto di semifinale, peccato davvero». Il rammarico per una mancata finalissima nell’individuale, forse, è stato mitigato dal secondo bronzo ottenuto dalla Cipriani nel giro di pochi giorni: assieme ad Alice Volpi (che ha vinto l’oro individuale), Chiara Cini e alla compagna di società a Frascati Carolina Erba, la fiorettista ha conquistato il terzo posto nella prova a squadre battendo la Polonia nella “finalina di consolazione” dopo il k.o. in semifinale con la Francia. L’argento a squadre firmato Damiano Rosatelli, invece, è arrivato grazie ad un ottimo percorso, compiuto assieme ai compagni di Nazionale Alessio Foconi, Lorenzo Nista e Francesco Ingargiola, che si è interrotto solo in finale con la Gran Bretagna.
Da una competizione internazionale all’altra: chiusa la parentesi di Baku, il Frascati Scherma incrocerà le dita per i suoi tre ragazzi presenti alle Universiadi di scena a Gwanju, vale a dire i fiorettisti Camilla Mancini, Francesca Palumbo e Francesco Trani che stanno per partire alla volta della Corea del Sud.




FRASCATI SCHERMA, IL BILANCIO DI MOLINARI DURANTE IL “GALA 2015”: «ANNATA MOLTO POSITIVA»

Redazione

Frascati (Rm) – La stagione del Frascati Scherma si deve ancora chiudere perché ci sono ancora appuntamenti internazionali molto importanti come i Giochi europei di Baku, le Universiadi di Daegu e soprattutto i Mondiali (dove il club tuscolano sarà rappresentato da Daniele Garozzo, Rossella Gregorio e Loreta Gulotta). Ma venerdì scorso si è tenuto l’ormai tradizionale “Gala di fine stagione” organizzato presso il teatro di Villa Sora dalla società del presidente Paolo Molinari in cui sono state ricordate tutte le soddisfazioni arrivate dalle varie categorie, dai più piccoli ai più grandi. Sul palco, Molinari ha anche tracciato un breve bilancio dell’anno che se ne sta andando mostrandosi molto soddisfatto. «E’ stata una stagione molto positiva per il Frascati Scherma come dimostrano chiaramente le classifiche federali: siamo al primo posto tra tutte le società d’Italia (sia civili che militari, ndr) nella categoria Assoluti, al secondo tra gli Under 20 e al secondo nel Gpg (Under 14, ndr). Entro questa settimana la Federazione dovrebbe rendere nota la classifica complessiva con il Frascati Scherma in corsa per la vittoria dello scudetto italiano per società». Sotto gli occhi di illustri personalità politiche e sportive (dal sindaco di Frascati Alessandro Spalletti all’assessore comunale alle Politiche Educative Matteo Filipponi, dal presidente del Coni regionale Riccardo Viola al referente Coni per il Comune di Frascati Sergio Sacchetti, dal consigliere nazionale della Federscherma Vincenzo De Bartolomeo al presidente del comitato regionale Fis Claudio Fontana e al consigliere Roberto Gionni, senza dimenticare il generale Claudio Salerno, comandante del centro sportivo dell’Aeronautica militare), Molinari ha sottolineato la particolarità della sinergia nata con l’Accademia Scherma Drago di Terni (con lo stesso Molinari che sabato ha presenziato all’inaugurazione della nuova sala d’allenamento della società umbra) che prevede una interessante collaborazione tecnica e infine ha rimarcato con orgoglio che «Frascati Scherma per la prima volta da solo organizzerà un campionato italiano. Accadrà nel 2016 a Roma e sarà un grandissimo sforzo organizzativo. Solo in un’altra occasione, nel 2002, il nostro club si occupò di organizzare la manifestazione più importante in Italia, ma lo fece con la collaborazione del Club Scherma Roma».
Tornando sulle pedane, infine, in questa settimana i fiorettisti Carolina Erba e Damiano Rosatelli saranno nella Nazionale azzurra di scherma che parteciperà ai Giochi europei di Baku.