1

TORRENOVA CALCIO, PROMOZIONE – LEONE: «FERMIAMO QUESTA SERIE NEGATIVA»

Redazione

Roma – Il Torrenova vuole uscire dalla crisi. La squadra di mister Tripodi ha perso domenica scorsa a Palocco (3-1) la sua sesta gara consecutiva, di cui cinque in campionato. Il gol di Giuliani non è servito al club dei presidenti Mailar e Nardi per evitare un nuovo k.o. e la situazione di classifica per i capitolini, che avevano iniziato con grande slancio la stagione, si è notevolmente complicata tanto che ora la squadra si trova ai margini della zona play out. «Col Palocco non era una gara semplice – commenta il difensore classe 1994 Giacomo Leone – e noi abbiamo confermato di vivere un momento poco brillante. Nel primo tempo eravamo riusciti a chiudere in parità, poi il Palocco ha allungato nei minuti iniziali della ripresa e nel finale ha triplicato su calcio di rigore». Proprio su quell’episodio Leone ha rimediato il secondo giallo della sua gara che lo costringerà a saltare il match casalingo di domenica prossima contro il Garbatella. «Ma sarò comunque vicino ai miei compagni per cercare di sostenerli in questo momento: tutti insieme usciremo da questa situazione che non rispecchia minimamente il nostro reale valore di squadra. A mio modo di vedere con un risultato positivo potremmo cambiare l’inerzia di questo periodo sfortunato». Il giovane difensore, anche in questa stagione, sta trovando molto spazio ed è ormai uno dei cardini della retroguardia del Torrenova. «La parola “cardine” forse è esagerata, so che devo migliorare ancora tanto e questo lo si fa solo con il lavoro – dice Leone -, però sono sicuramente soddisfatto dello spazio e della fiducia che mi sta concedendo anche mister Tripodi. Spero di continuare a riceverla e di ripagarla con delle buone prestazioni, ma soprattutto mi auguro che il Torrenova torni a recitare il ruolo che gli compete in questo campionato».
 




TORRENOVA CALCIO, PROMOZIONE – MISTER TRIPODI: «E’ UN MOMENTO DELICATO, MA DOBBIAMO USCIRNE»

Redazione

Roma – Dopo uno splendido inizio di stagione, il Torrenova sta accusando un passaggio a vuoto, complice anche un calendario che ha messo di fronte ai ragazzi dei presidenti Mailar e Nardi delle squadre estremamente competitive. Ieri, per esempio, al “Tre Torri” c’era di scena il Cori che si è imposto per 1-0 alla fine di un match molto tirato. «Abbiamo giocato un buon primo tempo costruendo un paio di occasioni per andare in vantaggio così come c’è da segnalare una bella parata di Cicalissi su un tentativo avversario. Nel secondo tempo l’episodio che ha cambiato la gara è stata la contemporanea espulsione, discutibile, del nostro Conciatori e di un giocatore avversario. Non siamo riusciti a risistemarci correttamente dal punto di vista tattico e alla fine siamo usciti penalizzati dai due rossi. Nel finale il Cori, passato in vantaggio grazie ad un gran calcio di punizione, ha avuto diverse opportunità perché noi ci eravamo allungati per trovare il pareggio e comunque il loro portiere ha fatto una bella parata sul tiro da fuori di Consorti». La sconfitta interna col Cori è la quarta consecutiva in campionato (anche se c’è un ricorso pendente sulla sfida di Ciampino e in mezzo c’è stata comunque la vittoriosa gara di Coppa contro il Santa Severa), anche se la classifica rimane ancora corta sia davanti che alle spalle dei capitolini. «Il momento è complicato – dice Tripodi -, dobbiamo cercare di rimanere sereni e uscirne tutti insieme». Mercoledì si torna subito in campo per la gara d’andata dei sedicesimi di Coppa Italia di categoria. «Ospiteremo il Sant’Elia Fiumerapido (calcio di inizio alle ore 16,30, ndr) che è tredicesimo in classifica nel girone D. Da una parte è sicuramente positivo ritornare in campo subito, dall’altra non siamo nemmeno fortunati perché abbiamo tanti infortunati e avrò sicuramente qualche problema di formazione». L’ambiente del Torrenova, però, cerca una riscossa.
 




TORRENOVA CALCIO, JUNIORES REG. – DI CANIO: «COL FORMELLO VOGLIO VINCERE»

Redazione

Roma – Un discreto inizio di campionato per la Juniores regionale del Torrenova. Quattro punti in altrettante partite potrebbero sembrare un bottino un po’ scarno, ma mister Antonio Di Canio è tutt’altro che insoddisfatto. «Abbiamo affrontato in rapida sequenza il Settebagni, che abbiamo a lungo messo sotto sul nostro campo, e nell’ultima partita il Fontenuova fuori casa: entrambe guidano la classifica a punteggio pieno, ma noi non abbiamo sfigurato. Relativamente alla gara di sabato scorso, anzi, siamo anche andati in vantaggio nel primo tempo con un gol di Coletta, poi abbiamo sciupato qualche occasione per raddoppiare e abbiamo subito il pareggio a una manciata di secondi dall’intervallo. Quel gol ha cambiato la partita e ha abbattuto i miei ragazzi, così il Fontenuova, che comunque è una signora squadra, nella ripresa ha fatto sua la posta intera». Di Canio, inoltre, sottolinea che «il mio gruppo è composto quasi esclusivamente da ragazzi del ’97 che potrebbero tranquillamente affrontare un campionato Allievi d’Elite, ma che in questa categoria pagano inevitabilmente la differenza d’età. Sono convinto che il prossimo anno, con questo gruppo, potremmo divertirci. Prima, però, dobbiamo pensare a salvare la categoria e in ogni caso sono fiducioso perché questi ragazzi hanno tutte le possibilità di farcela». Sabato è in programma al “Tre Torri” la sfida contro il Vic Formello che ha un punto meno dei capitolini. «I miei ragazzi sono molto carichi, stanno lavorando bene dal punto di vista atletico – dice Di Canio -. Stiamo preparando una partita in pressione e con un gioco che favorisca gli esterni, anche se forse cambieremo qualcosina rispetto al 4-3-3 che è il modulo utilizzato in queste prime uscite. Il Formello è una buona squadra e, come tutte le altre, proverà a far valere una certa differenza di età media, ma io voglio vincere a tutti i costi e cercherò di spronare il mio gruppo a conquistare i tre punti».
 




TORRENOVA CALCIO, PROMOZIONE – TRIPODI: «COL CITTÀ DI CIAMPINO NIENTE DA PERDERE»

Redazione

Roma – Il Torrenova ha recuperato il sorriso. La squadra di mister Domenico Tripodi ha superato il turno di Coppa accedendo ai sedicesimi di finale grazie all’1-0 interno rifilato al Santa Severa e firmato da un gol a metà ripresa di Di Cicco. «Ci voleva questo successo – dice il tecnico capitolino – visto che da tre partite ufficiali eravamo a secco. Purtroppo il pareggio interno in campionato contro il Casalotti ci ha tolto qualche sicurezza, poi siamo andati a Rocca Priora dove abbiamo creato tanto e raccolto zero punti e infine c’è stata la prestazione sotto tono di domenica scorsa col Lido dei Pini in casa che tra l’altro eravamo anche riusciti a recuperare sull’1-1. Poi un altro errore ci ha condannato». Sulla gara di Coppa il commento di Tripodi è abbastanza positivo. «Abbiamo iniziato timorosi e poco convinti, poi le cose sono migliorate e abbiamo costruito quattro o cinque azioni da gol senza concretizzarle. Nella ripresa il Santa Severa ha iniziato a credere alla qualificazione (all’andata il Torrenova si era imposto per 2-1, ndr) inserendo alcuni pezzi “forti” del suo organico, ma un gol di Di Cicco ha spostato definitivamente la qualificazione dalla nostra parte». Proprio a proposito dell’ex Almas, Tripodi spende due parole in più. «E’ un ragazzo su cui la società e il sottoscritto puntano molto, purtroppo – sottolinea l’allenatore – ha subito un infortunio che gli ha fatto saltare tutta la preparazione e ora gli sto dando minutaggio per fargli recuperare il ritmo partita». Domenica si torna a giocare in campionato e il Torrenova farà visita al Città di Ciampino capolista. «E’ la prima di tre partite molto difficili che prevedono anche la sfida interna al Cori e quella esterna col Palocco. Il Città di Ciampino ha una società, un allenatore e una rosa di categoria superiore, si tratta di una corazzata che centra poco con la Promozione. Ma domenica scorsa la Garbatella li ha bloccati sul pareggio perché il calcio a volte riserva queste sorprese. Noi non abbiamo nulla da perdere e non faremo barricate perché secondo me è il modo migliore per prendere “un’imbarcata”. Proveremo a giocarci le nostre carte anche se non avremo gli squalificati Leone, Babbucci e Fatello».
 




TORRENOVA CALCIO, PROMOZIONE – IL DS GELLI: «CON IL LIDO DEI PINI MI ASPETTO IL RISCATTO»

Redazione

Roma – La prima sconfitta stagionale brucia ancora al Torrenova. Lo 0-2 subito a Rocca Priora domenica scorsa non è andato giù al direttore sportivo Fabio Gelli. «C’è ancora un po’ di rabbia perché non ho visto la mia squadra rendere al 100% delle sue possibilità. Abbiamo costruito tante occasioni per fare gol, ma non abbiamo mai avuto la cattiveria necessaria per metterla dentro: andando in vantaggio sarebbe stata tutta un’altra partita. Invece nel secondo tempo il Rocca Priora ci ha colpito su un calcio piazzato, poi nel finale Turchetta ha raddoppiato i conti. Peccato perché mister Tripodi, che è di quelle zone, ci teneva particolarmente a questo match e i ragazzi avrebbero voluto fargli un regalo. Comunque abbiamo messo già alle spalle quello che, va ricordato, è il primo k.o. stagionale». Gelli, Tripodi e la società hanno parlato coi ragazzi martedì scorso, alla ripresa degli allenamenti. «Abbiamo spiegato loro che una sconfitta ci può stare anche se la partita di domenica era alla nostra portata, ma ora vogliamo subito una reazione. C’è bisogno di rivedere il Torrenova che ha fatto così bene in questo avvio di stagione e sono convinto che i ragazzi sfodereranno una bella gara domenica». Il calendario propone la sfida interna col Cedial Lido dei Pini. «So poco di loro, al di là dei sette punti in classifica che hanno collezionato, ma le loro sconfitte – dice Gelli – sono arrivate quasi tutte al termine di gare equilibrate. Quindi ci aspettiamo una partita tosta come tutte quelle del campionato di Promozione. Tra l’altro la sfida col Cedial darà il via ad un periodo molto difficile di calendario per noi: il mercoledì successivo avremo il ritorno di Coppa contro il Santa Severa (all’andata finì 2-1 per i capitolini che al “Tre Torri” partiranno con un bel vantaggio, ndr), poi faremo visita al Città di Ciampino attuale capolista, ospiteremo il Cori e chiuderemo questo ciclo terribile con la sfida esterna al Palocco. Servirà il miglior Torrenova per mettere in cascina altri punti».
 




TORRENOVA CALCIO, PER LA PROMOZIONE 2-2 COL CASALOTTI – CONSORTI: «CI GIOCHEREMO LE NOSTRE CARTE»

Redazione

Roma – Il Torrenova coglie il suo secondo pareggio interno stagionale (dopo quello dell’esordio con il Sermoneta per 1-1) e viene frenato nella sua corsa al vertice del girone C da un coriaceo Casalotti. Al “Tre Torri” è finita 2-2 al termine di una gara emozionante: dopo la rete di Babbucci, è arrivato il pareggio e il sorpasso ospite a cavallo dell’intervallo. Poi a mettere la parola fine sul match è stato un guizzo del centrocampista Maurizio Consorti che commenta così la partita: «Direi che il pareggio è il risultato più giusto perché sia il Torrenova che il Casalotti hanno avuto delle buone opportunità. Loro si sono dimostrati una squadra valida che non merita la classifica attuale, mentre probabilmente a noi è mancata un po’ di brillantezza e abbiamo forse accusato la fatica per l’impegno infrasettimanale in Coppa (altra bella vittoria a Santa Severa per 2-1, ndr). Ci tenevamo a vincere e purtroppo non ci siamo riusciti, ma un pareggio non può certamente inficiare quanto di buono fatto in questo avvio di stagione». Già, perché contando anche la gara di Coppa, il nuovo Torrenova di mister Tripodi ha conquistato finora quattro vittorie e due pareggi. «C’è tutta un’altra aria rispetto all’anno scorso – sottolinea Consorti -, il gruppo è forte e la squadra lavora in sintonia con l’allenatore e lo staff dirigenziale». Facile intuire che Consorti immagini per il Torrenova un campionato di alta classifica. «Ci sono due squadre attrezzatissime per vincere, mi riferisco a Città di Ciampino e Lepanto Marino, ma noi possiamo giocarci le nostre carte fino in fondo». Nel prossimo turno la squadra del presidente Mailar è attesa da una delicata trasferta al “Montefiore” di Rocca Priora. Il club della famiglia Amelia è reduce dalla prima vittoria in campionato (a Garbatella) e non sarà un cliente semplice: servirà il miglior Torrenova per migliorare ancora la classifica del team capitolino.
 




TORRENOVA CALCIO, LA PROMOZIONE È PRIMA – MISTER TRIPODI: «IL PRIMO OBIETTIVO RIMANE LA SALVEZZA»

Redazione

Roma – «Se mi avessero detto una cosa del genere questa estate, ci avrei messo non un firma ma tre». Sorride il tecnico del Torrenova Domenico Tripodi: complici le partite rinviate delle ex battistrada Lepanto Marino e Città di Ciampino e la splendida vittoria per 3-0 sul campo dei Vigili Urbani, la squadra è prima in classifica (assieme al Palocco) con dieci punti in quattro giornate nel girone C di Promozione. «Un bellissimo inizio di stagione per una squadra rinnovata come la nostra, con tanti giocatori che si sono conosciuti in estate, un direttore sportivo (Fabio Gelli, ndr) e un allenatore nuovi. Forse abbiamo sfruttato un calendario favorevole, ma poi i punti bisogna conquistarli sul campo e questa classifica dà indubbiamente sensazioni positive. Sappiamo, però, che nel calcio ci sono momenti belli e momenti brutti: speriamo di rimandare questi ultimi il più possibile». Nella gara di ieri con i Vigili Urbani è arrivata la seconda vittoria esterna consecutiva, la terza complessiva dopo il pari-beffa all’esordio contro il Sermoneta. «All’inizio la partita è stata equilibrata – commenta Tripodi -, ma dopo il nostro vantaggio siglato da Conciatori abbiamo preso fiducia e nel secondo tempo abbiamo arrotondato i conti con Sgrulloni, che si sta riprendendo da un infortunio, e Di Cicco, anche lui all’esordio stagionale dopo un problema fisico che ne ha condizionato la prima parte di stagione». Proprio i rientri di Sgrulloni e Di Cicco aumentano notevolmente il potenziale offensivo del Torrenova che ora è atteso da un doppio impegno. «Mercoledì avremo la gara d’andata della Coppa Italia a Santa Severa – ricorda il mister -, poi domenica ospiteremo il Casalotti. La Coppa non è un intralcio, mi permetterà di far giocare chi ha avuto finora meno spazio e testare la condizione generale del gruppo. D’altronde abbiamo un organico che mi permette di variare le soluzioni. Per domenica ci attende un’altra sfida dura perché il Casalotti è un’ottima squadra anche se viene da due sconfitte consecutive. Noi giochiamo in casa e l’obiettivo è quello di ottenere il massimo».




TORRENOVA CALCIO, CHE INIZIO PER LA PROMOZIONE – BABBUCCI: «PIEDI BEN SALDI A TERRA»

Redazione

Roma – Il Torrenova sale sempre più in alto. Alle spalle dei colossi Città di Ciampino e Lepanto Marino, nel gruppo C di Promozione, resistono solo la squadra di mister Domenico Tripodi e il Palocco a quota sette punti. Ieri il Torrenova ha infilato il secondo successo consecutivo (il primo al Tre Torri dopo lo sfortunato 1-1 dell’esordio con il Sermoneta che pareggiò in pieno recupero) battendo il Tormarancio per 2-0 grazie ai sigilli di Babbucci nel primo tempo e di Giuliani nella ripresa. Un risultato chiaro che secondo il primo marcatore Giacomo Babbucci non racconta in pieno come sia andato realmente il match. «Nella prima frazione – dice il 24enne attaccante ex Casalotti, Maccarese e Guidonia – abbiamo creato tante occasioni e abbiamo avuto il torto di non capitalizzare di più. Il mio gol? E’ nato sugli sviluppi di un corner: dopo una conclusione di Consorti respinta dal portiere, sono arrivato sul pallone e l’ho messo nel sacco. Nella ripresa il match è stato più equilibrato anche se non abbiamo corso troppi rischi e poi abbiamo raddoppiato i conti con Giuliani che si è presentato a tu per tu col numero uno avversario e lo ha battuto». L’attaccante è onesto quando parla dell’ottimo avvio di stagione del Torrenova. «Probabilmente non mi aspettavo neanche io di poter conquistare sette punti nelle prime tre giornate – ammette Babbucci – perché la nostra è una squadra nuova con un allenatore nuovo e quindi pensavo ci volesse un po’ di tempo per conoscerci come aveva dimostrato anche il pre-campionato. Invece con l’arrivo delle gare da tre punti ci siamo compattati ancor di più e ora ci godiamo questa bella classifica anche se dobbiamo rimanere umili e restare coi piedi ben saldi a terra». Il prossimo turno vedrà il club del presidente Mailar fare visita ai Vigili Urbani. «Di loro sappiamo poco, tranne che hanno un solo punto in classifica. Ma saremmo ingenui a pensare di andare lì e vincere facilmente. Il campionato di Promozione – sottolinea Babbucci – nasconde insidie in ogni partita e quindi dobbiamo aspettarci un match molto duro».




TORRENOVA CALCIO, PROMOZIONE – IL DS GELLI: «CONTENTI DELLA PRIMA VITTORIA, MA TESTA GIÀ AL TORMARANCIO»

Redazione

Roma – Il Torrenova ha festeggiato ieri la prima vittoria nel campionato di Promozione 2014-15. Il successo, sfiorato nell’esordio casalingo col Sermoneta (pari beffa nel finale dei pontini), è arrivato sul difficile campo della Pescatori Ostia. Un 2-0 all’inglese firmato dal gol di Babbucci (sull’asse Di Benedetto-Messina) a inizio primo tempo e da un’autorete a metà ripresa. In mezzo anche l’espulsione di Messina con la squadra di mister Domenico Tripodi che ha saputo gestire egregiamente il periodo in inferiorità numerica. «Siamo molto contenti di aver ottenuto questi tre punti – dice il direttore sportivo del Torrenova, Fabio Gelli -. Non era semplice giocare sul campo della Pescatori che voleva riscattare la sconfitta della prima di campionato e far valere il fattore casalingo. Abbiamo trovato un avversario aggressivo, ma la squadra non si è mai disunita e ha saputo gestire bene le fasi dell’incontro con tranquillità e attenzione». Il Torrenova avrebbe potuto essere a punteggio pieno dopo due giornate. «E’ chiaro che brucia ancora un po’ il pareggio rimediato in casa la domenica precedente con un gol subito in pieno recupero – dice Gelli -, ma bisogna guardare avanti e sottolineare che i quattro punti conquistati sono decisamente un buon bottino per cominciare. Sin d’ora pensiamo alla sfida di domenica al “Tre Torri” contro il Tormarancio». Anche il prossimo avversario ha conquistato ieri il primo successo stagionale (2-1 interno alla Garbatella). «Ma al di là del loro inizio di campionato sappiamo poco – ammette Gelli -. In ogni caso conterà fare una buona prestazione e dare tutto: speriamo di fare bene. Dovremo fare i conti con le sicure assenze di Messina per squalifica e degli infortunati Sgrulloni, Di Cicco e Palladino che comunque potrebbero rientrare a breve tra i disponibili». Il Torrenova vuole continuare a correre.




TORRENOVA CALCIO, PROMOZIONE – FATELLO: «COL SERMONETA MERITAVAMO DI VINCERE»

Redazione

Roma – Le emozioni in fondo. Il Torrenova esordisce con un pareggio nel campionato di Promozione: la squadra di mister Domenico Tripodi ha toccato con mano la vittoria nella sfida col Sermoneta dopo essere passata in vantaggio grazie ad un colpo di testa del difensore Luigi Fatello sugli sviluppi di un corner a cinque minuti dal 90’. Ma la doccia gelata (non intesa come l’ormai nota campagna per la lotta alla Sla) è arrivata in pieno recupero con un tiro-cross di Cinelli che ha beffato il portiere del Torrenova Cicalissi. L’1-1 finale del “Tre Torri” (che ha riaperto le porte dopo gli interventi sul manto erboso) lascia un po’ di amarezza in casa capitolina. «Un vero peccato – dice l’autore del gol Fatello – perché a quel punto avevamo la vittoria in pugno e viste le occasioni create l’avremmo anche meritata. Il Sermoneta, comunque, si è dimostrato un buon avversario, rimane il rammarico per quell’episodio in chiusura e per una ghiotta occasione per il 2-0 non sfruttata pochi istanti prima del pareggio». Fatello promuove la prima prestazione stagionale del Torrenova in campionato, in cui tra l’altro si è visto l’esordio (per qualche minuto) dell’ultimo arrivato, l’attaccante Davide Di Benedetto. «Abbiamo fatto una buona gara, considerando che questa è una squadra molto rinnovata e dunque servirà un po’ di tempo per trovare la giusta intesa. Ma sono certo che possiamo fare un buon campionato». L’ex difensore di Astrea e Valmontone è reduce da un lungo infortunio, ma sembra già aver messo tutto alle spalle. «Sto riprendendo pian piano – dice con un sorriso -, speravo che il mio gol fruttasse la vittoria, ma ci prendiamo questo punto e guardiamo avanti». Il prossimo avversario sarà la Pescatori Ostia che nella gara d’esordio di ieri ha perso 3-1 sul campo della Garbatella. «Sinceramente so poco di loro – conclude Fatello -, ma in campo si va sempre in undici contro undici e noi vogliamo cercare di fare il massimo».




TORRENOVA CALCIO, PROMOZIONE – IL PRESIDENTE ONORARIO NARDI: «NON SIAMO TRA LE FAVORITE, MA…»

Redazione

Roma – Si riaprono domenica le porte del “Tre Torri” di Torrenova. La squadra del presidente Gualtiero Mailar e del presidente onorario Nazzareno Nardi inizia l’avventura nel campionato di Promozione e lo fa ospitando (calcio di inizio alle ore 11) l’ostico Sermoneta. «So poco dell’avversario – dice Nardi -, ma certamente sarà una sfida complicata come tutte quelle di inizio stagione». Tante le novità in casa Torrenova: da mister Tripodi in panchina ai diversi innesti tra i giocatori per finire con il campo di gioco. «La società ha fatto dei sensibili interventi al manto erboso che è stato riseminato – sottolinea Nardi – e anche per questo si è deciso di fare la preparazione nel vicino impianto della Roma VIII.  Per domenica il campo sarà in buone condizioni». E il Torrenova? «I risultati del pre-campionato hanno poca importanza – specifica Nardi -, ma ho visto la squadra crescere riuscendo a trovare un giusto mix tra i confermati della scorsa annata e i nuovi arrivati. Le favorite del girone? Da quello che ho sentito credo si possa dire che Città di Ciampino e Lepanto Marino partono davanti a tutte. Il Torrenova non è tra le favorite, ma vedremo cosa accadrà durante la stagione». A proposito del girone, Nardi parla della scelta del comitato di “rimescolare” un po’ le carte dei vari gruppi. «E’ vero, nel nostro raggruppamento ci sono squadre in parte diverse da quelle della scorsa annata. In passato ci è già capitato di affrontare trasferte non proprio agevoli, magari per confrontarci con club del frusinate mentre l’anno passato eravamo stati inseriti in un girone che comprendeva le squadre “top” della categoria. Quest’anno, forse, tra i vari gruppi c’è maggior equilibrio, poi comunque c’è sempre la possibilità che escano delle outsider impreviste e quindi non ci resta che attendere il verdetto del campo». Per il primo di questi servirà aspettare solo qualche altra ora.