1

Rocca di Papa, tra approvazione bilancio e veleni incrociati: l’assessore Rossetti fa il punto

ROCCA DI PAPA (RM) – Approvato il Bilancio di previsione 2018 a Rocca di Papa con 9 voti favorevoli e 6 contrari. Un traguardo per la Giunta Crestini che arriva dopo un primo tentativo andato male per la bocciatura, da parte di otto consiglieri di minoranza, a un punto propedeutico del bilancio di previsione e in cui tre consiglieri di maggioranza, Lorenzo Romei, Roberta Carnevali e Massimiliano Calcagni erano passati all’opposizione.

Vincenzo Rossetti: “Il Bilancio di Previsione ha assunto il vero ruolo di programmazione della vita amministrativa di una Città”

“Il Consiglio Comunale di ieri è stato certamente importante, non solo per la preoccupazione dovuta ai numeri della maggioranza e della minoranza perchè questa è una cosa che nella dialettica politica è bene che ci sia. – Commenta Vincenzo Rossetti, assessore al Bilancio del Comune di Rocca di Papa – Ma era in ballo l’approvazione del Bilancio di previsione 2018/2020, – prosegue l’assessore – documento questo di importanza vitale. Oggi, con la nuova normativa, che non tutti conoscono, il Bilancio di Previsione ha assunto il vero ruolo di programmazione della vita amministrativa di una Città. E non è affatto vero che è stato avanzato lo spauracchio del Commissario Prefettizio come un danno per il Paese. Io sono stato il primo a dire che se fosse o dovesse venire un Commissario, che normalmente viene nominato dopo la caduta di una giunta e quasi sempre dopo la mancata approvazione di un bilancio, avrebbe trovato o troverebbe un Bilancio pronto ‘all’uso’; il Commissario, cioè, non dovrebbe preoccuparsi di fare quadrare i conti, perché anche lui deve avere i conti in ordine, ma dovrebbe amministrare e preoccuparsi di altri aspetti della vita quotidiana. Quali?”

Rossetti dopo aver ribadito i conti in ordine dell’Ente locale attraverso quello che ha definito un “bilancio pronto all’uso” punta il dito sulle passate amministrazioni e sulla delicata questione delle demolizioni

“Ritengo – aggiunge Rossetti – che uno dei suoi primari compiti – riferimento a un ipotetico Commissario Ndr. – sarebbe quello di far rispettare le ordinanze di demolizioni emesse dalla Procura della Repubblica, che vengono ancor prima della sentenza del Consiglio di Stato, la quale non ordina la demolizione, ma giudica sull’ operato del Comune negli anni passati.”

Rossetti elogia la scelta del passaggio tra le fila della maggioranza del consigliere Danilo Romei

“Ieri, in Consiglio, – prosegue l’assessore – abbiamo assistito ad un altro cambiamento di fronte. Il Consigliere Romei (Danilo) ha pubblicamente dichiarato di voler sostenere la Giunta Crestini non solo con il proprio voto favorevole al Bilancio e a tutti gli altri atti, ma vuole (come in effetti è stato) passare nelle fila della maggioranza, cambiando anche la sua collocazione logistica. Un atto di coraggio e di scelta che non potrà che portare vantaggi a Rocca di Papa. Il Bilancio presentato è un bilancio estremamente tecnico, come del resto lo sono quelli di tutti i Comuni d’Italia e lo dico soprattutto nella mia qualità di Revisore dei Conti di vari Comuni. Ho cercato di fare capire ai Consiglieri di minoranza che oggi, soprattutto dopo le tragedie perpetrate negli ultimi anni, è rimasto ben poco spazio per erogare i servizi che merita una città che voglia definirsi tale”.

L’assessore al bilancio non ha risparmiato stafilettate verso la precedente Giunta

“Stiamo coprendo ancora i tanti debiti lasciati dalla precedente Giunta, – dice Rossetti – basti pensare che il primo gennaio di ogni anno e per i prossimi 27, ogni abitante di Rocca di Papa, neonati compresi, deve versare nelle casse del Comune, o non avere servizi corrispondenti all’importo di 16 euro. Il Mef ha ispezionato i conti e tutti gli atti compiuti dalla Giunta Boccia e ha interessato la Corte dei Conti di intervenire individuando i responsabili dei danni e l’ammontare del danno stesso. Ma ieri Boccia ha ben pensato, come fanno tutti i politici, di distrarre l’attenzione della città da questi aspetti, citando ancora una volta le accuse ricevute , con riferimenti anche alla sua posizione familiare. Sarà la Corte dei Conti a stabilire se e quali danni sono stati arrecati al Paese, ma intanto la relazione del MEF li ha anticipati. Si è poi fatta della ilarità sulla “aleatorietà” delle Entrate indicate in bilancio. Questa eventualità è stata dichiarata da un Revisore dei Conti che ho presentato agli altri membri della Commissione Bilancio durante i suoi lavori e lo stesso, alla domanda di cosa ne pensasse del bilancio ha espresso quello che è stato, strumentalmente travisato. Ha detto, cioè, che le entrate sono aleatorie. Ma come sanno tutti i consiglieri che hanno ricevuto gli atti allegati al bilancio il parere dei Revisori è stato positivo, senza riserve e senza suggerimenti!!! Ebbene, e lo possiamo sempre appurare, aggiungo io, tutte le Entrate degli Enti locali hanno la caratteristica dell’”aleatorietà” in quanto sono somme iscritte in bilancio che risentono della “sensibilità” del cittadino a sentirsi tale o a vivere da parassita e non pagare i tributi dovuti. La legge, che riguarda tutti i Comuni d’Italia grandi e piccoli e non solo Rocca di Papa, vuole che, proprio per questo atteggiamento della collettività, vengano blindate le entrate e che quindi la spesa non avvenga comunque e a prescindere dall’ effettivo incasso del tributi. Se prevedo che dall’IMU io abbia titolo (quindi non mi invento) di incassare 1000, devo appostare un Fondo Crediti Dubbia Esigibilità di una percentuale che varia da anno ad anno. Pensate nel 2020 tale percentuale sarà del 100% rispetto alle Entrate. Cosa significa questo? che se in cittadini non faranno il loro dovere, un Comune non avrà modo neanche di far funzionare un semaforo stradale. Pensiamo a questo e non alle chiacchiere strumentali”.

Rossetti ha riservato poi la conclusione delle sue considerazioni al consigliere Lorenzo Romeo e alla ex vice sindaca

“Un ultimo cenno lo voglio fare al consigliere Romei (Lorenzo), al quale, secondo lui, devo la mia nomina ad Assessore. Gli voglio ricordare che lui rappresenta, a differenza del sottoscritto, tutti quelli che lo hanno votato e anche quelli che non lo hanno votato e allora anziché strumentalizzare ogni cosa, si impegni davvero nella gestione della cosa pubblica con una opposizione costruttiva e non recriminando che il suo lavoro non lo può svolgere perché non gli hanno ancora consegnato la videoregistrazione dell’ultimo Consiglio Comunale, o che qualcuno lo ha minacciato di non so che cosa. Spero che le Autorità competenti, che sicuramente sono a conoscenza di queste accuse (e di quelle di Veronica Giannone che sono sulla stessa falsa riga) intervengano e magari chiedano anche a me qualche spiegazione. Io andrò in Procura”.




Rocca di Papa, l’ex vice sindaco Giannone in un esposto: “Affidamenti diretti a parenti di dirigenti”

ROCCA DI PAPA (RM) – A gennaio scorso è stato affidato un incarico al marito di una dirigente dell’Ufficio Urbanistica. Questo il contenuto di un esposto presentato il 19 marzo scorso alla Guardia di Finanza di Frascati dall’ex vicesindaco e assessore all’Urbanistica di Rocca di Papa Veronica Giannone. L’attuale sindaco civico Emanuele Crestini le ha tolto le deleghe circa sei mesi e lei ha diffuso un video di denuncia sul “malaffare e corruzione” che ha colpito la cittadina castellana.

Nell’esposto di Giannone viene raccontato un fatto in particolare

La Regione Lazio ha stanziato al Comune di Rocca di Papa un contributo di circa 20 mila e 250 euro per un programma di indagini di microzonazione sismica e condizione limite dell’emergenza. A questi soldi il Comune contribuisce con altri 6 mila e 750 euro per un importo complessivo di 27 mila euro. Un cifra che prevede, una consultazione di almeno 5 ditte, sottolinea la Giannone nell’esposto, in quanto “gli affidamenti diretti sono previsti per incarichi inferiori a 10 mila euro”.

Il fatto

A luglio , vengono protocollate in Comune ben due manifestazioni d’interesse per l’affidamento di quell’incarico. La seconda proposta arriva dal marito della dirigente dell’ufficio Urbanistica Elisabetta Santangeli impiegata nello stesso settore interessato dall’affidamento dell’incarico. Il 6 novembre la Giunta, su proposta dell’Assessore all’Ambiente Veronica Cimino, approva l’adesione al contributo e dà mandato al responsabile del settore Ambiente Luigi de Minicis di procedere all’affidamento dell’incarico. Il giorno dopo la delibera è la dirigente Santangeli a compilare nel suo ufficio la determina dirigenziale deliberata dalla Giunta che affiderà l’incarico a suo marito, il geologo Rocco Sarli. L’atto è stato firmato il 22 gennaio scorso dal responsabile del settore Ambiente Luigi de Minicis il quale con affidamento diretto ha conferito ufficialmente l’incarico al coniuge della dirigente Santangeli.

Le considerazioni dell’ex vice sindaco e assessore all’Urbanistica di Rocca di Papa Veronica Giannone a margine dell’esposto

In primis la singolarità del fatto che il sindaco Emanuele Crestini abbia ricevuto la manifestazione d’interesse dallo studio del marito della dirigente prima ancora la delibera di indirizzo della giunta e la determina di incarico. Poi che lo stesso signore è già stato destinatario di altri incarichi con affidamento diretto e di natura fiduciaria. E che, tra le altre evidenze, c’è una relazione del Ministero Economia e Finanza evidenzia un sistema collaudato di affidamento non in linea con trattato Ue e direttive comunitarie.

L’ex vicesindaco fa sapere di questo esposto poche ore prima del consiglio Comunale previsto per oggi sull’approvazione del bilancio

È il secondo tentativo di approvazione del bilancio dopo gli eventi dell’ultima seduta incandescente della settimana scorsa in cui c’è stato il passaggio all’opposizione dei tre consiglieri Lorenzo Romei, Roberta Carnevali e il presidente del consiglio Massimiliano Calcagni. E il bilancio non è stato approvato perché Crestini, dopo la bocciatura di otto consiglieri di minoranza a un punto propedeutico al bilancio di previsione, ha lasciato l’aula insieme ai suoi della maggioranza. Mancavano i numeri: 8 consiglieri contro 8 dell’opposizione che sarebbero stati nove se fosse stato presente Danilo Romei.

Giannone affonda sul sindaco

“Crestini ha detto che il Mef ha evidenziato molte irregolarità fra cui illegittimi affidamenti diretti di lavori pubblici, appalti dichiarati illegali. – Dice l’ex vice sindaco e assessore all’Urbanistica – La cosa sconcertante – prosegue Giannone – è che oggi il sindaco agisce sulla scia dei suoi predecessori. La determina incriminante che rifiutai di portare in Giunta come organo proponente, infatti rappresenta la perfetta continuità con un sistema politico che favorisce logiche personalistiche diviso tra i vecchi affari e nuovi appetiti, non solo dei politici, ma di tutti coloro che in quel sistema ci sguazzano da anni”.

La replica del sindaco Emanuele Crestini

“Non sono a conoscenza di casi come quelli a cui si riferisce. – Dice il sindaco di Rocca di Papa – Il “modus operandi” della nostra Amministrazione – prosegue Crestini – è basato sull’attenta osservanza delle leggi e delle norme che regolano la vita amministrativa dell’Ente comunale e che ne garantiscono non solo la piena legittimità, ma anche l’attuazione dei principi di trasparenza. La signora Veronica Giannone, che da quanto apprendo denuncerebbe delle irregolarità, si è segnalata da mesi per un ostruzionismo personale nei confronti di questa Amministrazione. Da rilevare che, dopo tanto tempo, le sue accuse e denunce hanno portato a un nulla di fatto. Giannone è stata vicesindaco, con responsabilità dirette e importanti per questa Amministrazione. Dal momento in cui sono stato costretto a rimuoverla dall’incarico, si è scagliata contro i suoi ex compagni politici. Un “modus operandi” visto tante volte, la cui psicologia ha alla base l’inconfessabile consapevolezza della sua incapacità, che lei vede riflessa negli altri. La politica – conclude il primo cittadino – è fatta di idee e impegno quotidiano. Per altri è solo una vetrina per le proprie manie di protagonismo”.

 




Rocca di Papa, crisi governo Crestini: il Pd vicino ai cittadini. Giannone: “Romei coraggioso, adesso l’appello alla magistratura”

ROCCA DI PAPA (RM) – All’indomani del Consiglio comunale del 3 aprile 2018, il PD di Rocca di Papa rivendica il voto contrario espresso, punto per punto, sulle delibere che è stato possibile votare finché la maggioranza non ha fatto mancare il numero legale per la prosecuzione dei lavori: “Invitiamo il Sindaco Crestini e i Consiglieri comunali eletti con le sue liste – fa sapere Massimo Litta, segretario del Pd di Rocca di Papa – ad una profonda riflessione su quanto accaduto ieri perché, a dispetto delle voci che sono sempre circolate sino ad oggi, il PD è pronto a lavorare per Rocca di Papa soltanto a condizione che il Sindaco possa andare avanti con una propria maggioranza. In caso contrario, per quanto triste sia l’idea che arrivi un Commissario prefettizio nella nostra cittadina, è inevitabile che la parola torni ai cittadini”.

Martedì si è consumato un consiglio comunale di fuoco a Rocca di Papa: tre consiglieri di maggioranza si sono seduti all’opposizione, il bilancio non è stato approvato e il sindaco del Pd Emanuele Crestini ha interrotto la seduta lasciando l’aula consiliare ma non per cinque minuti, definitivamente.

Lorenzo Romei ha detto di aver ricevuto intimidazioni e pressioni estese anche ai propri familiari finalizzate a limitare l’attività politica: “La prossima volta che ci sarà un’intromissione volta a intimidire il nostro libero mandato – ha detto Romei – ci recheremo dalle autorità competenti”. Parole che di fatto hanno palesato l’uscita dalla maggioranza insieme alla conigliera Roberta Carnevali e al presidente del consiglio comunale Massimiliano Calcagni. Romei ha anche messo a verbale una lettera, che risale a circa un anno fa, firmata dal sindaco e da alcuni consiglieri di maggioranza, dove si chiedono le dimissioni del presidente.

Insomma le sue parole hanno risuonato alla stessa maniera del discorso fatto dall’ex vicesindaco Veronica Giannone alla quale Crestini ha tolto le deleghe: “Il bilancio di previsione – ha detto Veronica Giannone – uno step importante per un’amministrazione comunale si, ma questo verosimilmente non è il fatto più importante accaduto ieri in Consiglio Comunale. La comunicazione più significativa la fa un mio ex collega, Lorenzo Romei, il quale con coraggio ha dichiarato nell’assise comunale, di fatto rimarcando ciò che enunciai io con non poca fatica ai cittadini di Rocca di Papa prima che mi venissero revocate le deleghe dal Sindaco Crestini, di aver subito anch’esso minacce e pressioni in virtù del suo ruolo pubblico. Tutto ciò, un fatto che fa emergere una situazione gravissima, una rivelazione che va oltre la politica, oltre il buon senso e la ragionevolezza. Quello che voglio fare ancora una volta è un appello forte dritto e conciso alla Magistratura e alle forze dell’ordine anfinchè agiscano nell’immediatezza per ripristinare la legalità. Rocca di Papa ha bisogno di essere liberata”