Connect with us

Cronaca

TARANTO, ANIMALI IN STRADA PER PUBBLICIZZARE IL CIRCO: SCOPPIANO LE PROTESTE

Clicca e condividi l'articolo

L’associazione animalista italiana LAV ha inviato un comunicato al Comune di Taranto, chiedendo di verificare il regolamento CITES del 2006 per il mantenimento degli animali nei circhi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

di Christian Montagna

GUARDA LA FOTO GALLERY IN FONDO ALL'ARTICOLO


Taranto – E’ la foto di un dromedario in giro per le strade di Taranto che ha fatto in pochi giorni il giro del web a richiamare la nostra attenzione sul problema del Circo con gli animali. A Taranto, dal 3 al 19 Ottobre, andrà in scena il Circo di Spagna nel Parco Archeologico delle Mura Greche. Ma, le proteste non sono mancate. L’associazione animalista italiana LAV, attiva dal 1977, ha inviato un comunicato al Comune di Taranto chiedendo di verificare il regolamento CITES del 2006 per il mantenimento degli animali dei circhi e nelle mostre itineranti, invitando i cittadini a boicottare l’evento.


La denuncia della FVE. Già la FVE (Federazione Europea dei Veterinari) aveva bocciato ampiamente l’utilizzo di animali esotici nei circhi invitando “tutte le autorità Europee competenti di proibire l’utilizzo di mammiferi esotici nei circhi in quanto non vi è affatto la possibilità che le loro esigenze fisiologiche, mentali e sociali, possano essere adeguatamente soddisfatte”, precisando poi come non ci sia “alcun beneficio di carattere di conservazione, ricerca o educazione che possa giustificare l’uso di animali esotici nei circhi”.


Anni e anni di lavoro, gruppi e conferenze internazionali si sono susseguiti negli anni per vietare quella che a tutti gli effetti è una mattanza di animali anche se, nel nostro bel paese, non esiste ancora alcuna legge che lo vieti ufficialmente. A differenza di molti paesi europei e non, nel paese del finto moralismo, si stima secondo quanto si legge dal comunicato LAV, che “ circa 2000 animali siano detenuti nei circhi italiani, tra cui 250 grandi felini (leoni e tigri) e 50 elefanti, cifre elevatissime rispetto ad altri Stati. Inoltre l’Italia “ è l’unico Paese che finanzia con fondi pubblici i circhi con animali, con uno stanziamento di circa 3 milioni di euro all’anno. Per questo motivo la LAV ha lanciato una petizione per chiedere di cancellare il finanziamento pubblico ai circhi con animali.”

 

Finanziare una mattanza? In Italia si può. Non sono bastati i blitz degli attivisti animalisti nel corso degli anni e chissà per quanto ancora non basteranno: la legge italiana non vuole vietare le violenze perpetrate a danno degli animali nei circhi- lager. Violenze che si ripetono di giorno in giorno, sotto gli occhi ciechi di spettatori che, silenti, partecipano ad una sofferente denaturazione. Molestie, umiliazioni, costrizioni al lavoro e privazioni sono all’ordine del giorno in quelle che per gli ignari bambini sono oasi felici ma che per tutti noi sono veri e propri lager. Animali privati dei loro habitat, delle loro caratteristiche fisiologiche ed etologiche, mutilati degli istinti naturali, sedati perché ribelli, offesi perché indifesi. Eppure, hanno un cuore, un’anima che accumula emozioni e le trasforma in amari ricordi. Incredibile pensare che un dromedario possa passeggiare per le strade sull’asfalto rovente; incredibile pensare che tutto ciò non possa nuocergli alla salute. Gli animali detenuti passano tutta la loro vita in gabbie, fuori dal loro ambiente naturale, costretti a viaggi massacranti, addestrati spesso con la violenza e con esercizi contrari alle loro caratteristiche fisiche ed etologiche. Per non parlare poi degli spettacoli, tra luci abbaglianti e rumori assordanti, che alimentano ancor di più il terribile stress.


Il reportage. Grazie alla collaborazione di Alba Buzzacchino, siamo riusciti ad avere delle foto del circo ma, degli animali, nemmeno l’ombra. Stivati in gabbie per giorni prima del debutto, costretti a lavori forzati e ritmi circensi, i poveri animali, anche in questa occasione, mi sa che frutteranno migliaia di euro ai loro aguzzini senza che nessuno li fermi.


Le proteste degli animalisti. Era a San Lazzaro, come a Napoli, come a Roma, come a Pavia, come a Milano che gli animalisti, quelli veri, nel corso degli anni avevano fatto sentire la propria voce. Non c’è circo che tenga senza una vagonata di proteste che lo precedono, lo accompagnano e lo seguono. Lo avevano fatto contro la campagna Valfrutta ambientata nel mondo del circo, tappezzando la sede aziendale con cartelli e striscioni al grido di “Vergogna”. Invano. Anche i militanti di CasaPound avevano protestato contro il Circo Orfei, chiedendo la fine delle violenze sugli animali e invitando il Comune ad ostacolare gli spettacoli.


“Disumane, inutili, diseducative e dispendiose barbarie” : così, erano state descritte le violenze dai movimenti animalisti e seppure avessero fatto non poco scalpore, purtroppo, il divieto, non essendo legge, non ha potuto annullare gli spettacoli . Anche a Padova, gli attivisti 100% animalisti avevano oscurato i manifesti che pubblicizzavano il circo e durante la notte, con un raid, si erano scagliati contro i negozianti che lo sponsorizzavano.

Purtroppo, c’è chi ha il coraggio di sponsorizzarlo come “paradiso” popolato da animali felici ma, continua, a mio avviso, ad essere la più grande offesa alla dignità di esseri viventi e senzienti.

 

Cronaca

Pescara, incendio devasta la zona sud della città: fuggi fuggi dalle spiagge

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Un disastro di proporzioni inimmaginabili

PESCARA – Scene drammatiche a Pescara per un incendio che sta devastando la zona sud della città. Le fiamme hanno raggiunto le abitazioni. 

Fuggi fuggi dalle spiagge: le scintille spinte dal vento hanno fatto incendiare le palme degli stabilimenti balneari. 

Sta bruciando anche la Riserva Dannunziana di Pescara e nella zona sud della città ci sono decine e decine di uomini di tutte le forze dell’ordine. “Abbiamo dovuto evacuare diverse abitazioni e anche stabilimenti balneari a causa del fumo e dei lapilli. Stiamo lavorando con tutti gli uomini disponibili. Il principale avversario è il vento caldo. Con l’elicottero dei vigili del fuoco si sta cercando di limitare i danni”. Queste le parole del sindaco di Pescara Carlo Masci che sta coordinando le operazioni di spegnimento del vasto rogo. 

Cinque, al momento, le persone trasportate in ospedale

Tra queste una bambina e due suore che risiedono in una struttura che si trova nell’area interessata dal rogo. Avrebbero tutte riportato un’intossicazione dopo aver inalato fumo, ma le loro condizioni non sarebbero gravi. È intanto in corso il trasferimento di una quarantina di persone evacuate nel palafiere del porto turistico. Oltre a diverse abitazioni è stata evacuata la casa di riposo di via Paolo De Cecco. Per curare gli intossicati lievi è stato aperto al porto turistico un posto di soccorso gestito dal 118. Sono una quarantina al momento le persone che sono state portate o invitate a recarsi nel posto di primo soccorso al Marina di Pescara. Dalle notizie arrivate in questi minuti risulta che sono almeno una quindicina le ambulanze in servizio.

Continua a leggere

Cronaca

Si sente male durante il concerto: migliorano le condizioni di Gaetano Curreri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

“Siamo veramente felici di comunicarvi che Gaetano ha superato brillantemente l’infarto e adesso sta bene”. Così il gruppo Stadio su facebook, dopo il ricovero del frontman in ospedale per un malore che lo ha colto la scorsa notte a San Benedetto del Tronto.

“L’abbiamo sentito via telefono e ringrazia tutti per l’affetto e le belle parole spese per lui. Ci uniamo anche noi ai suoi ringraziamenti che condividiamo pienamente, in queste ore difficili il vostro supporto ci ha aiutato tanto, vi teniamo aggiornati” conclude il post.

Il cantante bolognese Gaetano Curreri è ricoverato in terapia intensiva cardiologica presso l’ospedale Mazzoni di Ascoli Piceno dopo essere stato colto da un malore la scorsa notte mentre stava concedendo l’ultimo bis del concerto che ha tenuto a San Benedetto del Tronto nell’ambito della rassegna “Nel cuore e nell’anima. Ritratti d’autore in musica e parole”. Curreri, leader degli Stadio, si è improvvisamente accasciato sul palcoscenico dove si è esibito insieme al Solis String Quartet con “Canzoni da camera”. I primi soccorsi gli sono stati portati da un medico che stava assistendo al concerto, poi l’artista è stato poi trasferito con urgenza in ambulanza al nosocomio ascolano. I medici si sono riservati la prognosi. 

Continua a leggere

Cronaca

Si sente male durante il concerto: il leader degli Stadio ricoverato in terapia intensiva cardiologica

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Il cantante bolognese Gaetano Curreri è ricoverato in terapia intensiva cardiologica presso l’ospedale Mazzoni di Ascoli Piceno dopo essere stato colto da un malore la scorsa notte mentre stava concedendo l’ultimo bis del concerto che ha tenuto a San Benedetto del Tronto nell’ambito della rassegna “Nel cuore e nell’anima. Ritratti d’autore in musica e parole”.

Curreri, leader degli Stadio, si è improvvisamente accasciato sul palcoscenico dove si è esibito insieme al Solis String Quartet con “Canzoni da camera”. I primi soccorsi gli sono stati portati da un medico che stava assistendo al concerto, poi l’artista è stato poi trasferito con urgenza in ambulanza al nosocomio ascolano. I medici si sono riservati la prognosi. 

Continua a leggere

I più letti