Connect with us

Cronaca

Taranto, operazione “Brothers”: smantellato dalla Polizia di Stato market della droga nel Rione “Tamburi”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

TARANTO – La Polizia di Stato di Taranto  ha dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa di 6 misure cautelari personali (di cui 4 in carcere e 2 agli arresti domiciliari) emessa dal Gip presso il Tribunale di Taranto nei confronti di altrettanti soggetti ritenuti a vario titolo indiziati in concorso di detenzione e vendita di sostanze stupefacenti.

L’attività prende avvio a seguito di mirati servizi su un circolo ricreativo ubicato in via Orsini, nel popolare quartiere “Tamburi”.

Le indagini, condotte dal personale della Sezione Antidroga della Squadra Mobile della Questura di Taranto, hanno consentito di accertare come il piccolo circolo ricreativo, apparentemente il classico punto di ritrovo del quartiere dove poter trascorrere un po’ di tempo in compagnia e consumare qualche birra, fosse in realtà un market della droga, capace di soddisfare la domanda della “clientela” a qualsiasi ora del giorno e della notte. Il tutto grazie ad una distribuzione di ruoli e a turnazioni quotidiane che consentivano di non interrompere mai lo spaccio, al punto che lo stesso era divenuto un riferimento sicuro per numerosi consumatori di sostanze stupefacenti.

Nel corso dell’attività, i poliziotti hanno documentato innumerevoli cessioni di sostanza stupefacente, ricostruendo dettagliatamente il collaudato e articolato modus operandi del gruppo, che si caratterizzava per un’organizzazione “a staffetta” in cui ciascuno dei sodali, di volta in volta, svolgeva il ruolo di spacciatore, vedetta, custode o corriere.

Così, c’era chi, solitamente i gestori del circolo, rimanendo in attesa sulla porta, si occupava di ricevere gli acquirenti; chi, una volta ricevuto l’ordine, si occupava di consegnare la sostanza stupefacente e chi, solitamente residente a poca distanza dal circolo, si occupava di custodire lo stupefacente, assicurando così, al gruppo la possibilità di rapidi e costanti rifornimenti.

Infatti, in talune occasioni, finita la scorta nella disponibilità del pusher, i corrieri si allontanavano in sella a piccoli ed agili scooter, sfrecciando senza difficoltà nel traffico cittadino, per far ritorno, poco dopo, e consegnare le dosi per la vendita al minuto.

Eloquente anche l’atteggiamento degli acquirenti  che, dopo essersi trattenuti all’interno del circolo il tempo strettamente necessario per rifornirsi dello stupefacente, dopo aver occultato la droga sulla propria persona, si allontanavano dal circolo avvalendosi del controllo della zona operato a turno dagli arrestati. Cautele, queste, tipiche degli assuntori, evidentemente finalizzate ad evitare eventuali controlli e a preservare lo stupefacente appena acquistato da eventuali sequestri.

Le investigazioni, condotte sotto la direzione della Procura della Repubblica, hanno, in definitiva, consentito di dimostrare inconfutabilmente come gli arrestati siano inseriti stabilmente in un vasto circuito criminale, impegnato nello smercio quotidiano di droghe, sia leggere che pesanti (in particolare cocaina e hashish), per un elevato numero di cessioni giornaliere.

A riprova di ciò, vi è la circostanza che, nonostante gli arresti effettuati nel corso delle attività, la piazza di spaccio ha continuato a mantenere un elevato livello di efficienza, indicativa del radicamento nel tessuto criminale cittadino.

Sulla base del solido quadro indiziario rappresentato, il Giudice per le Indagini Preliminari ha ritenuto la pericolosità sociale degli indagati e le esigenze cautelari che  hanno giustificato l’applicazione delle misure restrittive.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Palermo, nubifragio: automobilisti abbandonano le auto e si salvano a nuoto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

PALERMO – Una bomba d’acqua ha investito una vasta area della Sicilia. A Palermo la situazione più drammatica: in alcuni sottopassi di viale della Regione siciliana, gli automobilisti sono rimasti intrappolati e hanno lasciato le auto salvandosi a nuoto.

La pioggia, iniziata nel primo pomeriggio, è caduta con intensità per circa tre ore.


Innumerevoli gli interventi dei vigili del fuoco. Il Comune di Palermo lamenta il mancato allarme da parte delle autorità preposte. 

Continua a leggere

Cronaca

Canosa di Puglia, furgone travolge bici elettrica: morti tre ragazzi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Tre ragazzi sono morti sulla strada statale 170 tra Andria e Barletta, all’altezza di Canosa di Puglia, investiti all’alba da un furgone mentre erano a bordo di una bicicletta elettrica.

Stando a quanto ricostruito, l’impatto è avvenuto intorno alle 5 del mattino

I passeggeri a bordo del furgone stavano andando a lavorare quando, per cause in corso di accertamento, hanno travolto la bici elettrica con a bordo tre ragazzi. Uno dei due deceduti aveva 19 anni ed era di Barletta; dell’altro è in corso l’identificazione perché non aveva documenti e il terzo è un 17enne di Barletta morto all’ospedale Bonomo di Andria, dove era stato trasferito.

Anche il conducente del furgone è in ospedale per accertamenti, mentre le due persone che viaggiavano con lui sono in caserma a Barletta per aiutare i Carabinieri a ricostruire la dinamica dell’incidente.

Continua a leggere

Cronaca

Milano, estate sforzesca al Castello: musica, danza e cinema fino al 21 settembre

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Quest’estate a Milano c’è Aria di Cultura: proseguono fino al 21 settembre gli 80 eventi, partiti lo scorso 15 giugno, di Estate Sforzesca al Castello con musica, danza e cinema; le proposte di design,  filosofia e musica in Triennale; il caleidoscopico programma della Milanesiana sul tema dei colori.

Musica e concerti. Concerti in Palazzina Liberty e a Palazzo Marino, passando per i Pomeriggi musicali alle Stelline sino ai concerti diffusi di Filarmonica della Scala e il magico settembre musicale di MiTo

Mostre e arte, George De La Tour, Tuthankamon e Roberto Cotroneo a Palazzo Reale. Da giugno un omaggio alla prima donna dell’agenzia Magnum Photos, Inge Morath al Museo Diocesano; i quadri di Letizia Fornasieri, grande amica di William Congdon; e poi Franco Guerzoni al Museo del ‘900

Teatro, il Piccolo va in scena in via Rovello e nei cortili dei quartieri, il Parenti ci invita ai bordi della piscina dei Bagni Misteriosi con giocolieri e ballerine, infine, il Teatro Menotti ci ospita all’Orto Botanico di Città Studi

Cinema all’aperto con AriAnteo a Palazzo Reale, Chiostro dell’incoronata e in Triennale. Oppure in auto al Drive In del Parco Nord

Contaminazioni artistiche e danza nel cortile del Mare culturale Urbano in via Bergognone e Performing PAC Made of Sound con 5 artisti in un percorso multisensoriale

In Aria di Cultura sono incluse alcune “City” e “Week” riprogrammate a seguito del lockdown: MuseoCity dal 31 luglio al 2 agosto; ArtWeek dal 7 al 13 settembre e MovieWeek dal 14 al 20 settembre.

Continua a leggere

I più letti