Connect with us

Viterbo

TARQUINIA: STUDENTI DEL PRIMO ANNO DI AGRARIA VISITANO DUE IMPORTANTI AZIENDE LOCALI

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti "L’obiettivo principale delle due uscite è stato quello di iniziare a motivare l’impegno dei ragazzi che hanno appena iniziato il loro percorso di studio".

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Redazione

Tarquinia (VT) – Gli studenti del primo anno dell’indirizzo di “Agraria, Agroalimentare e Agroindustria”, accompagnati dal prof. Odoardo Basili, hanno visitato due importanti aziende locali. Il 29 ottobre, in occasione della vendemmia, hanno effettuato un’uscita didattica presso l’azienda Sant’Isidoro, mentre il 31 ottobre sono stati ospitati dall’azienda agricola Quattrini a Marina Velka per la raccolta delle olive. Le attività si inquadrano in una serie di progetti e di importanti collaborazioni, che hanno come obiettivo un fondamentale raccordo tra il nuovo indirizzo di Agraria e il mondo del lavoro, per consentire la crescita di un settore, quello agricolo, di fondamentale importanza nel nostro territorio, grazie alla creazione di professionisti in grado di effettuare un salto nella crescita imprenditoriale, nella valorizzazione dell'ambiente e nello sviluppo di un’agricoltura sostenibile.

«L’obiettivo principale delle due uscite – spiega Basili – è stato quello di iniziare a motivare l’impegno dei ragazzi che hanno appena iniziato il loro percorso di studio. Siamo consapevoli che gli argomenti trattati richiedono uno sviluppo tecnico e teorico adeguato. Tuttavia, un primo approccio con i diversi temi delle due visite, il rapporto tra coltivazione e ambiente, la difesa del territorio, il miglioramento qualitativo, la consapevolezza delle eccellenze e tipicità dei prodotti agricoli della nostra provincia, possono essere fonte di stimolo a uno studio sempre più profondo e motivato già dalle prime fasi del percorso educativo».
In particolare per il prodotto olivicolo, l’uscita ha permesso di iniziare un approfondimento sulla tipicità dell’olio della provincia di Viterbo e le sue caratteristiche organolettiche, per migliorare la conoscenza e la valorizzazione di questo straordinario prodotto. Sono state, infatti, messe in cantiere anche visite a oleifici nel territorio di Tarquinia e di Canino.

«Desidero ringraziare la famiglia Palombi e la famiglia Quattrini per avere messo a disposizione dei nostri studenti le loro strutture, unitamente a una grande esperienza e professionalità. – dichiara il dirigente scolastico Laura Piroli – Per i nostri studenti dell’indirizzo di Agraria è fondamentale poter andare sul “campo” e toccare con mano alcune delle realtà agricole più importanti del nostro territorio. Abbiamo avviato collaborazioni importanti con enti pubblici e privati, quali il Corpo Forestale dello Stato, l’Arsial e numerose aziende, per offrire ai nostri studenti una formazione che li trasformi in veri e seri professionisti del settore. Il nostro istituto può effettivamente diventare, per lo sviluppo agricolo, un fulcro di iniziative e un polo di aggregazione tra le diverse strutture che lavorano sul nostro territorio».

 

Gallery

Civita Castellana, “Buongiorno Ceramica” fa il pieno: grande successo per la kermesse con Anna Fendi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print


CIVITA CASTELLANA (VT)
– Grande partecipazione e grande successo per la due giorni di eventi della kermesse nazionale “Buongiorno Ceramica”. Particolarmente coinvolgente è stato il discorso dell’ospite d’onore Anna Fendi, nota stilista e appassionata di ceramica, che ha catturato l’attenzione dei presenti e suscitato notevoli riflessioni. All’iniziativa, insieme alla direttrice del museo dell’Agro Falisco nel Forte Sangallo Sara De Angelis, hanno partecipato il sindaco Luca Giampieri, il vice sindaco Andrea Sebastiani, l’assessore alle attività produttive Massimiliano Carrisi e la consigliera comunale Giovanna Fortuna.

Durante la conferenza di apertura, Anna Fendi è stata premiata per il suo genio creativo e imprenditoriale con un’opera dai motivi cosmateschi. Un tributo speciale è stato destinato al maestro d’arte Franco Giorgi, (già sindaco e ambasciatore dell’associazione città di antica tradizione ceramica), mentre la storica Ceramica VARM ha ricevuto il riconoscimento annuale 2022 per la visione imprenditoriale del suo fondatore, Gastone Vitali, con toccanti testimonianze da parte dei figli Valentina e Daniele. L’evento, presentato da Maria Vittoria Patera e Tamara Patilli – rispettivamente direttore scientifico e responsabile del Museo della ceramica Casimiro Marcantoni – ha visto anche la partecipazione di Maria Anna De Lucia Brolli, già direttore del Museo nazionale etrusco di Villa Giulia a Roma e del Museo archeologico dell’Agro Falisco nel Forte Sangallo. De Lucia Brolli è intervenuta in merito al lavoro di ricostruzione storica da lei curato e dal titolo “Dai Falisci ai Borgia, un mondo da scoprire tra Arte e Imprenditoria”. A concludere l’evento è stato l’intervento sull’imprenditoria del XXI secolo del direttore generale del Centro Ceramica, Raffaella Cerica.

La manifestazione è poi proseguita per tutto il fine settimana con altre interessanti attività che hanno registrato anch’esse notevole gradimento. In particolare la mostra d’arte contemporanea di Jessica Pintaldi e Leonardo Cuccoli, “Tracciami” (visitabile fino al 29 maggio), allestita al Museo Marcantoni, con la performance dal titolo “La tua impronta nella mia” che ha coinvolto attivamente i visitatori, invitandoli a lasciare ciascuno la propria impronta sull’argilla fresca. Anche l’installazione fotografica dell’artista Leonarco Cuccoli ha rappresentato un’esperienza davvero originale. Infine, il workshop di Ceramica Astratta ha contribuito a promuovere l’arte contemporanea insieme alle visite guidate che hanno accompagnato i visitatori alla scoperta dei luoghi simbolo della ceramica e dei segreti del mestiere, tra museo Marcantoni, casa museo Giorgi nel centro storico, museo archeologico e botteghe artigiane.

Continua a leggere

Cronaca

Civita Castellana, usa la carta Postamat del reddito di cittadinanza per rifornire gli automobilisti al self service

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

58enne di Ronciglione denunciato per truffa

CIVITA CASTELLANA (VT) – Usa la carta Postamat dove riceve il reddito di cittadinanza per rifornire di carburante gli automobilisti al distributore self service. E’ accaduto a Civita Castellana in provincia di Viterbo dove i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, durante un servizio di controllo del territorio, hanno sorpreso un cinquantottenne, residente a Ronciglione, mentre utilizzava la propria carta postamat, dedicata esclusivamente alla ricezione del reddito di cittadinanza, per effettuare rifornimenti ad altri automobilisti, facendosi poi consegnare il corrispettivo del carburante introdotto in contante.

L’uomo è stato deferito a piede libero per truffa e la carta Postamat è stata posta sotto sequestro.

Continua a leggere

Cronaca

Tarquinia, la Pro Loco e l’Airc in piazza per l’Azalea della ricerca

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Le mattine del 7 maggio, al civico 19 di via Giuseppe Garibaldi, e dell’8 maggio, a piazza Cavour

TARQUINIA (VT) – L’Azalea della Ricerca colora Tarquinia. Le mattine del 7 e dell’8 maggio i volontari della Pro loco Tarquinia e della Fondazione Airc per la ricerca sul cancro saranno in piazza per distribuire le piante con una donazione di 15 euro.

“Il 7 maggio saremmo nella nostra sede al civico 19 di via Giuseppe Garibaldi, mentre l’8 maggio, per la festa della mamma, allestiremo la postazione in piazza Cavour, di fronte a palazzo Vitelleschi – fanno sapere dalla Pro loco Tarquinia -. Abbiamo accolto con piacere l’invito dell’Airc di partecipare alla campagna di solidarietà. Siamo certi che i cittadini tarquiniesi sapranno rispondere con grande generosità”.

In 38 anni di vita l’Azalea della Ricerca è diventata il simbolo della festa della mamma. Un fiore speciale da regalare a tutte le donne e un prezioso alleato per la salute al femminile che ha permesso nel tempo di raccogliere oltre 280 milioni di euro. Questi fondi hanno consentito ai migliori scienziati oncologici di lavorare senza interruzioni, nel tentativo di diagnosticare più precocemente tutte le forme di cancro e di curare con maggiore efficacia tutte le pazienti.

Continua a leggere

I più letti