Connect with us

Cronaca

Terrorismo, voleva avvelenare l’acqua pubblica a Natale: dal gip scena muta del lupo solitario Isis

Clicca e condividi l'articolo

Il 38enne nato in Arabia Saudita è rinchiuso nel carcere nuorese di Badu ‘e Carros, dopo il blitz del Nocs

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

SARDEGNA – Si è avvalso della facoltà di non rispondere Amin Alhaj Ahmad, il 38enne libanese di origini palestinesi arrestato a Macomer (Nuoro) con l’accusa di essere affiliato all’Isis e di voler progettare un attentato in Sardegna durante le feste di Natale, avvelenando le acque della rete idrica isolana con sostanze chimiche e cancerogene.

 

Scena muta

Davanti al gip del tribunale di Nuoro Claudio Cozzella, che lo ha interrogato nel carcere Nuorese di Badu ‘e Carros, alla presenza dell’avvocato d’ufficio del foro di Oristano, Aluise Barria, l’uomo ha fatto scena muta.

 

Il piano

Voleva avvelenare acquedotti pubblici utilizzando veleni come antrace e ricina. È questo il sospetto degli inquirenti che, questa mattina – in pieno centro a Macomer, con un blitz dei Nocs – hanno arrestato per associazione terroristica internazionale Amin Al Haj, 38enne di origini arabe.

 

Il fanatico Isis

Secondo riscontri investigativi, l’uomo – che viveva in una palazzina nel quartiere di Scalarba con la compagna marocchina e quattro figli – da tempo era seguito e monitorato dalle forze dell’ordine. Il suo progetto, stando alle accuse, era quello di avvelenare serbatoi e impianti di potabilizzazione dell’acqua. Al Haj sarebbe un fondamentalista vicino all’Isis. Aveva con sé documenti falsi, uno libanese e l’altro israeliano.

 

Le indagini

L’indagine, portata avanti dalla Procura di Cagliari e dalla Digos di Nuoro, è stata coordinata dalla Procura nazionale distrettuale antimafia. Nel pomeriggio, a Roma, sono stati illustrati i dettagli dell’operazione antiterrorismo. Le indagini sono state avviate a Cagliari il 17 settembre quando – attraverso l’Intelligence – è stata comunicata la presenza di un “palestinese” che si stava muovendo a Macomer pronto a fare un attentato con l’uso di veleni.

Le prove

L’informazione è arrivata dopo l’arresto in Libano di un cugino dell’indagato, accusato anche lui di aver aderito all’Isis e di aver portato avanti l’avvelenamento di una cisterna utilizzata dall’esercito libanese. Dalle indagini è emerso che nel suo smartphone è stata trovata documentazione relativa alle sostanze velenose e cancerogene come le aflatossine letali B1 e il pesticida Metomil. L’immediata perquisizione effettuata con l’aiuto della polizia scientifica ha portato al sequestro di supporti informatici e campioni di sostanze in polvere.

 

La ricerca sul web

L’uomo cercava dunque sul web componenti velenosi e pesticidi dalla concentrazione di molto superiore a quella consentita nei prodotti di libera vendita in Italia. E il materiale informativo raccolto sulle tossine alimenta il sospetto che ci fosse un progetto di attacco di tipo chimico-biologico. Amin si trova ora rinchiuso nel carcere nuorese di Badu ‘e Carros

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Cronaca

Roma, pusher per “noia”: nei guai due studenti di 16 e 17 anni

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROMA – Sembravano solamente due giovani annoiati che cercavano un po’ di “svago” portando con loro delle modiche dosi di hashish e marijuana, ma quando i Carabinieri della Stazione Roma Tor Tre Teste hanno fatto scattare i controlli nelle rispettive abitazioni, il quadro indiziario nei loro confronti è decisamente cambiato.

I giovani – uno studente 16enne e un 17enne con precedenti, entrambi romani – sono stati notati dai Carabinieri in via degli Ontani e, sottoposti ad un normale controllo, sono stati trovati in possesso, il primo di 1,46 g. di hashish, l’altro, di 1,75 di marijuana.

Le operazioni, poi, si sono spostate nelle rispettive abitazioni: in quella del 16enne – ubicata in viale Alessandrino – i Carabinieri hanno rinvenuto ben 576 g. di “erba”, oltre 300 g. di “fumo”, materiale per il taglio e il confezionamento delle singole dosi mentre a casa dell’amico 17enne, in via Emiliano degli Orfini, è stato trovato solo del materiale analogo per impacchettare le dosi da spacciare.

Per questi motivi, il 16enne è stato arrestato con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e portato nel Centro di Prima Accoglienza di via Virginia Agnelli; il suo amico, invece, pur dovendo rispondere allo stesso reato, è stato denunciato a piede libero.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Roma, basilica di San Paolo: presa coppia di ladri di offerte: ecco come agivano

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROMA – Ieri pomeriggio, i Carabinieri della Stazione Roma San Paolo hanno arrestato una coppia, lui romano, di 52 anni, lei romena di 24, entrambi senza fissa dimora, nullafacenti e con precedenti, con l’accusa di furto aggravato in concorso.

I militari, su segnalazione della Gendarmeria Vaticana, sono intervenuti in piazzale San Paolo all’esterno della Basilica di San Paolo fuori le Mura, dove hanno arrestato i due che erano stati poco prima sorpresi mentre stavano rubando il denaro contenuto nella cassetta delle offerte dei fedeli, utilizzando un semplice laccio delle scarpe bianco ed un pezzo di nastro bi-adesivo, collocato ad una estremità.

La perquisizione personale ha permesso ai militari di rinvenire e sequestrare circa 25 euro e 20 dollari in contanti, per la maggior parte in banconote, custodite nelle tasche dei due ladri. Tutto il denaro è stato poi riconsegnato ad un responsabile della Basilica.

I due dopo l’arresto sono stati condotti in caserma dove sono stati trattenuti, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa del rito direttissimo che si terrà lunedì mattina. Il laccio è stato sequestrato.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Incendio Monte Tuscolo, Bruno Astorre: “Infinita rabbia”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

“Provo un senso di infinita rabbia e di profonda tristezza nel vedere le immagini del nostro Tuscolo in fiamme ad opera di maledetti criminali. Mi auguro che gli autori di questo delitto siano individuati e per loro ci siano pene esemplari.
In questo momento il mio grazie va a tutti i soccorritori, vigili del fuoco, volontari della Protezione civile, guardiaparco che hanno operato per domare l’incendio e limitare il più possibile i danni”. Queste le parole del segretario regionale Pd e senatore della Repubblica Bruno Astorre, molto legato all’area dei Castelli Romani e fautore della riqualificazione del Parco Archeologico del Tuscolo che fortunatamente non ha subito danni.

Serena Gara, vicepresidente della Comunità Montana non vedeva episodi del genere da oltre due anni: “Non si è mai verificato un incendio di questa portata – dice – neppure cinque anni fa quando un altro grosso incendio ha colpito il Tuscolo. Fortunatamente le fasce tagliafuoco che abbiamo installato a giugno hanno evitato che l’incendio colpisse l’aria archeologica che si è salvata tranne una parte di vegetazione vicino ai sepolcri. Abbiamo messo a disposizione degli inquirenti le immagini dell’unica telecamera che punta nella zona dell’incendio che si è propagato dalla zona Anagnina a salire”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Agosto: 2019
L M M G V S D
« Lug    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it