Connect with us

Metropoli

Tivoli, l’ufficio Prevenzioni dei Vigili del Fuoco trasloca in Capitale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

TIVOLI (RM) – Dal Primo Luglio si sposta da Villa Adriana un ufficio che interessa seicentomila persone e migliaia di aziende. L’ennesimo Ufficio pubblico che abbandona il territorio.

15 parole molto semplici scritte su 4 righe di un foglio di carta conferma quello che da anni ci si aspettava

Con queste 4 righe emigra a Roma l’ Ufficio Prevenzioni dei Vigili del Fuoco di stanza nella caserma a Villa Adriana con cui era collegato dopo che per anni era stato ospite nei locali comunali di fianco alla delegazione ed ai VVUU. Un assetto dell’Amministrazione che già dal 2010 aveva considerato questa eventualità poi disattesa. L’ufficio è di vitale importanza in quanto è competente su 56 Comuni. Svolge un lavoro delicatissimo e prezioso. Come dice la parola fa prevenzione, controlli su: distributori di gas e carburante, bombole di gas propano, ospedali, pubblici spettacoli, centrali termiche , cinema, alberghi, edifici pubblici, esposizione e vendita, autorimesse, ristoranti e scuole, su, ripeto 56 Comuni.

In pratica chiunque, privato od azienda che abbia necessità di controlli ed autorizzazioni faceva capo a Villa Adriana. Dal primo luglio gli utenti oltre che con la Pec dovranno riferirsi all’ufficio sito affianco alla caserma dei Vigili del Fuoco a Roma in via Romagnoli zona Talenti.

Una sessantina di km tra andata e ritorno dal vecchio ufficio in strada Paterno: una pacchia per il traffico sulla Tiburtina, alla faccia dei servizi. Ma tant’è. I soldi sono finiti, ed allora, per sopravvivere, i servizi chiudono perché una burocrazia miope ha pensato di accentrare tutto nella Capitale.

Fortuna che sono rimasti i 20 Vigili del Fuoco operativi

I 4 o 5 dipendenti dell’Ufficio saranno posizionati a Roma per tornare ogni giorno sul territorio ed essere operativi. Resta un mistero la risposta dei burocrati, sul perché un funzionario dei Vigili del Fuoco deve farsi ogni giorno due ore di macchina per tornare operativi intorno Villa Adriana, con una spesa non indifferente in termini economici e sociali oltre con tempi più ristretti alla reale fattibilità operativa.

L’Ufficio Prevenzione non ha costi perché insito nella Caserma: un servizio reso solo più difficile e lontano con utenza oltremodo a domanda, quindi con tributi da pagare, si obbligano i cittadini ad andare a Roma in zone che definire trafficate è un eufemismo. Stiamo parlando della consolare più trafficata d’Italia con una zona a Talenti tra le più congestionate di Roma.

Il consigliere di Guidonia Montecelio di Fratelli d’Italia, Giovanna Ammaturo ha detto: “La provincia romana ed in particolare ad est della Capitale fa venire l’orticaria agli Uffici pubblici e di grandi Aziende private. A Guidonia Montecelio sono andati via tutti, da INPS, Enel, Telecom, Ufficio del Lavoro, Scuole Aeronautiche ecc.ecc. Adesso i Vigili del Fuoco iniziano da Tivoli a portare via un ufficio tanto importante e necessario per la cittadinanza. Si pensi alla necessità dei controlli per prevenzione sulle pubbliche scuole. 56 Comuni ed oltre 300 scuole, non basterebbe un anno a girarle tutte ed inoltre i funzionari devono venire da Roma in macchina farsi due ore di coda e senza sirena così come sono andati via. Parliamo di un bacino di utenza che investe direttamente seicentomila cittadini di cui è necessario avere cura e offrire servizi. Presenterò al Sindaco di Guidonia una mozione perche si impegni con tutti gli altri 55 Sindaci a far ripensare il Comando dei Vigili del Fuoco sulla sciagurata decisione.

L’Ufficio per il Nulla Osta operativo deve rimanere nel territorio, abbiamo troppo rispetto per i Vigili del Fuoco non possiamo permetterci di perderne neanche uno.”

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Metropoli

Manziana, camionista preso a mazzate in testa per non aver dato la precedenza

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

MANZIANA (RM) – Non mi dai la precedenza? E io ti picchio in testa con una mazza da hochey. Più o meno è andata così, ieri mattina, in via Braccianese nel territorio di Manziana. Al termine di un litigio per questioni di precedenza stradale in via Braccianese, un camionista è stato aggredito con una mazza da Hockey al volto, da un ignoto automobilista, successivamente fuggito.

Grazie alla segnalazione al “112” del Pronto Soccorso di Bracciano, ove la vittima si era recata per le medicazioni, i Carabinieri sono riusciti a ricostruire la dinamica dell’episodio e, al termine di mirati accertamenti, hanno identificato l’aggressore e sequestrato l’arma usata durante la colluttazione. Il violento è stato denunciato alla Procura di Civitavecchia.
Le condizioni della vittima non destano preoccupazione.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

In evidenza

Anguillara Sabazia, quella tomba imbarazzante per l’amministrazione Anselmo: un fatto che dovrebbe indignare tutti… Consiglieri compresi!

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Come nella vita di ogni essere anche in quella dell’amministrazione comunale, soprattutto quando il baratro è imminente, si cominciano ad avvertire dei segnali che indicano che ormai la carriera del sindaco è arrivata al capolinea. E questo stato terminale dell’amministratore pubblico lo si può tranquillamente definire come il rantolo di fine carriera politica.

Ai più attenti non sarà certamente sfuggito l’operato ansante, sempre più frequentemente affannoso della sindaca di Anguillara Sabazia. E nel caso specifico, che si tratta in questo articolo, irrispettoso dei sentimenti altrui ed insensibile agli affetti ed ai cari ricordi di chi ha avuto la sfortuna di piangere un suo caro. Tanti sarebbero i fatti da narrare sulle gesta di questa sindaca, ma quello di oggi dovrebbe indignare l’intera cittadinanza di Anguillara Sabazia, consiglieri di maggioranza inclusi.

I fatti:

Dopo la delibera di Giunta comunale n.30 del 22/02/2018 e dopo la conseguente Ordinanza Dirigenziale n.117/2018 con cui è stata predisposta la requisizione di una prima tranche di loculi presso il cimitero cittadino, il 27 settembre di quest’anno veniva recapitata ad un residente, concessionario del loculo cimiteriale n.20, 3° fila, blocco B5, una lettera raccomandata, protocollo 30705.

Con la lettera il Comune avvisava il residente concessionario, che il suo loculo veniva “provvisoriamente occupato da altra salma.”

Nella lettera del Comune si specificava anche: “Non appena il Comune sarà nelle condizioni di traslare il feretro in altra sepoltura libera da concessione, il suddetto loculo sarà liberato”. Firmato: Il responsabile di Area/Dott.Maria Eugenio De Rose.

Ebbene lo scorso 27 settembre il loculo del residente è stato occupato dalla salma del signor GB.P ed effettuata muratura e rifinitura con stuccatura a calce. E il 1 novembre, dopo appena un mese, l’apertura del loculo è stata rivestita con una lapide di marmo, personalizzata con l’incisione di nome e cognome, data di nascita e del decesso, corredata con lampada votiva accesa e tanto di foto del de cuius impressa nel marmo.

Il residente, concessionario legittimo del loculo, trovandosi di fronte a quello che tutto gli è sembrato tranne che una occupazione provvisoria del proprio loculo ha fatto intervenire al cimitero la Polizia Locale che il 5 novembre scorso ha redatto un verbale fotografando la situazione come a loro rappresentata.

A questo punto sono tante le domande e qualcuno dovrebbe rispondere perché i dubbi si infittiscono ed i sospetti pure, perché come usava dire Andreotti “A pensar male si fa peccato ma quasi sempre ci si indovina”
“……il feretro in altra sepoltura libera da concessione, ……”.

L’agenzia funebre che pubblicizza la compra vendita di tombe

Al Capo Area che probabilmente ancora crede che le sepolture libere piovano dal cielo consigliamo di fare una visitina all’agenzia funebre che pubblicizza la compra vendita di loculi, tombe e annessi e si convinca che disponibilità libere da concessioni si trovano sul mercato.

Come mai? Al Comune, solerte ed implacabile, questo dettaglio non può essere sfuggito. Basta indagare chi sono i concessionari che stanno vendendo; non dovrebbe essere difficile per l’ufficio cimiteriale.

La seconda domanda, importante quanto la precedente, tratta materia molto delicata. Ci si chiede, quale ufficio del Comune ha autorizzato la copertura e la rifinitura in marmo del loculo n.20, 3° fila, blocco B5, requisito ed occupato provvisoriamente da altra salma? E quali operai hanno murato il marmo? Quali sono i documenti per cui questi operai cimiteriali hanno potuto procedere nella privatizzazione e personalizzazione del loculo requisito “provvisoriamente?”

Ci sarebbe poi da sapere quale ufficio del Comune ha firmato il contratto con gli eredi del defunto sig. GB.P. per la fornitura di corrente per la luce votiva.

Se per l’amministrazione guidata dalla sindaca Anselmo tutto questo è considerato come “normale amministrazione” allora le cose sono più gravi di quanto si possa immaginare.,

A chiusura si citano le brevi parole proferite da Don Giorgio Trotta rivolte agli esponenti dell’Amministrazione Comunale e della Sovrintendenza ai beni artistici e culturali della Puglia in occasione della benedizione dei lavori di recupero delle necropoli viestani: “Il rispetto della città dei morti sia il preambolo perché venga rispettata la città dei vivi”. Chi ha orecchi per intendere, intenda!

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Metropoli

Anguillara Sabazia, Manciuria (AnguillaraSvolta): “Strisce blu gratuite… non c’è fine al peggio”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – “La notizia del dramma degli operai EX ILVA, in pratica l’ennesimo pastrocchio pentastellato, campeggia  su tutti i quotidiani nazionali ed europei e la ‘diversamente amministrazione’ di Anguillara per non essere da meno ne imita l’esempio dimenticandosi di appaltare i parcheggi pubblici a pagamento, con  conseguente ripercussione sulle casse comunali per il mancato introito delle tariffe di sosta”

Commenta così Sergio Manciuria, Presidente di AnguillaraSvolta, la verifica del mancato funzionamento dei parcometri – per esempio a Piazza del Molo – affidati come per il resto del territorio, alla Etruria Parking srl.

“In un primo momento – ironizza il referente sabatino – abbiamo sperato in un’improbabile “svolta” della politica grillina anguillarina per incentivare il turismo, ridotto ormai a lontano ricordo, quanto meno nel week end, ma memori del disastro sui container adibiti ad aule scolastiche non potevamo che avere conferma del consueto lassismo della Giunta Anselmo dalla quale pretendiamo chiarezza nell’azione amministrativa e assunzione di responsabilità di chi sta omettendo questo servizio ”

“Consultando l’Albo pretorio – conferma il presidente di Anguillara Svolta –  non ci risulta, ad oggi, alcuna revoca o riformulazione delle strisce blu cosi come regolate  dal 2014. Ci domandiamo come si possa “dimenticare” di riappaltare, nelle more della proroga all’attuale gestore, una fonte di utile per il Comune sia in termini di tariffe (circa la metà) sia di multe per chi omette di pagare il pedaggio (90% circa).

“Non ci interessa come confezioneranno l’ennesima bufala a difesa della conclamata inefficienza,  tantomeno il rimpallo di carteggi tra Comandante dei Vigili e Responsabile Anac del comune, bensì – conclude Manciuria –  chi dal 15 ottobre scorso pagherà di tasca propria, i mancati proventi a favore dei cittadini di Anguillara, considerato che  in questo momento nessuno si sta preoccupando di incassare o multare per le strisce blu. Se non ci fossimo già arrivati, verrebbe da dire che non c’è fine al peggio”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Novembre: 2019
L M M G V S D
« Ott    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it