Connect with us

Cronaca

TOTO' RIINA E LE SUE "GRAVI CONDIZIONI DI SALUTE"

Clicca e condividi l'articolo

E' quanto afferma l’avvocato del boss che dichiara: “Salvatore Riina versa in gravissime condizioni di salute. La situazione è precipitata nell'ultimo periodo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

di Angelo Barraco

Firenze – Le condizioni di salute di Totò Riina sarebbero precipitate, è quanto afferma l’avvocato del boss che dichiara: “Salvatore Riina versa in gravissime condizioni di salute. La situazione è precipitata nell'ultimo periodo. I medici disperano di salvarlo e dovrà subire presto un difficilissimo intervento chirurgico, non ha avuto alcuna ischemia, ma soffre di gravi patologie. È costretto in sedia a rotelle e si muove a fatica. Caso unico in Italia, Riina è degente in ospedale, viene prelevato per fare udienza e poi riportato in ospedale”. Il legale del boss ha dichiarato anche che Riina sarà presente alle prossime udienze, la prima sarà il 3 marzo. Si attendono dettagli in merito, nel frattempo non possiamo fare altro che ricordare le indirette esternazioni del boss in carcere durante l’ora d’aria e riflettere su quanto il boss, malgrado l’età e gli acciacchi, sembrerebbe ancora intenzionato a mobilitarsi e ad attaccare il potere costituente. Negli anni Riina, dal momento in cui è stato arrestato, ha sempre mostrato reticenza nel parlare e infatti non ha mai parlato, adesso invece la situazione è cambiata, adesso Riina parla, dice cose, indirettamente ma le dice, e questo è un elemento importante ai fini investigativi poiché ha fatto capire a noi che stiamo dall’altra parte dello schermo che il boss è ancora attivo.Riina le sue esternazioni, le sue confidenze, i suoi pensieri, li dava ad un altro boss durante l’ora d’aria che avevano in comune.

E non può non ritornarci in mente l'ultima puntata della prima serie di Gomorra dove il boss "Pietro Savastano", in carcere da oltre un anno, aveva finto di essere in gravi condizioni di salute tanto da non rispondere più all'ambiente esterno, con difficoltà deambulatorie e di comprensione tanto da non interloquire neppure con il figlio e la moglie. Savastano non mostrò le sue emozioni neanche quando gli comunicarono che la moglie era stata ammazzatta. Quando le istituzioni programmarono il suo trasferimento in una struttura psichiatrica, il boss della camorra riuscì ad evadere durante il tragitto. Naturalmente questo è solo un film. La realtà sarà senz'altro diversa nel caso di Riina. Ma come si dice,  a pensar male si fa peccato ma quasi sempre s'indovina.

Cronaca

Pescara, incendio devasta la zona sud della città: fuggi fuggi dalle spiagge

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Un disastro di proporzioni inimmaginabili

PESCARA – Scene drammatiche a Pescara per un incendio che sta devastando la zona sud della città. Le fiamme hanno raggiunto le abitazioni. 

Fuggi fuggi dalle spiagge: le scintille spinte dal vento hanno fatto incendiare le palme degli stabilimenti balneari. 

Sta bruciando anche la Riserva Dannunziana di Pescara e nella zona sud della città ci sono decine e decine di uomini di tutte le forze dell’ordine. “Abbiamo dovuto evacuare diverse abitazioni e anche stabilimenti balneari a causa del fumo e dei lapilli. Stiamo lavorando con tutti gli uomini disponibili. Il principale avversario è il vento caldo. Con l’elicottero dei vigili del fuoco si sta cercando di limitare i danni”. Queste le parole del sindaco di Pescara Carlo Masci che sta coordinando le operazioni di spegnimento del vasto rogo. 

Cinque, al momento, le persone trasportate in ospedale

Tra queste una bambina e due suore che risiedono in una struttura che si trova nell’area interessata dal rogo. Avrebbero tutte riportato un’intossicazione dopo aver inalato fumo, ma le loro condizioni non sarebbero gravi. È intanto in corso il trasferimento di una quarantina di persone evacuate nel palafiere del porto turistico. Oltre a diverse abitazioni è stata evacuata la casa di riposo di via Paolo De Cecco. Per curare gli intossicati lievi è stato aperto al porto turistico un posto di soccorso gestito dal 118. Sono una quarantina al momento le persone che sono state portate o invitate a recarsi nel posto di primo soccorso al Marina di Pescara. Dalle notizie arrivate in questi minuti risulta che sono almeno una quindicina le ambulanze in servizio.

Continua a leggere

Cronaca

Si sente male durante il concerto: migliorano le condizioni di Gaetano Curreri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

“Siamo veramente felici di comunicarvi che Gaetano ha superato brillantemente l’infarto e adesso sta bene”. Così il gruppo Stadio su facebook, dopo il ricovero del frontman in ospedale per un malore che lo ha colto la scorsa notte a San Benedetto del Tronto.

“L’abbiamo sentito via telefono e ringrazia tutti per l’affetto e le belle parole spese per lui. Ci uniamo anche noi ai suoi ringraziamenti che condividiamo pienamente, in queste ore difficili il vostro supporto ci ha aiutato tanto, vi teniamo aggiornati” conclude il post.

Il cantante bolognese Gaetano Curreri è ricoverato in terapia intensiva cardiologica presso l’ospedale Mazzoni di Ascoli Piceno dopo essere stato colto da un malore la scorsa notte mentre stava concedendo l’ultimo bis del concerto che ha tenuto a San Benedetto del Tronto nell’ambito della rassegna “Nel cuore e nell’anima. Ritratti d’autore in musica e parole”. Curreri, leader degli Stadio, si è improvvisamente accasciato sul palcoscenico dove si è esibito insieme al Solis String Quartet con “Canzoni da camera”. I primi soccorsi gli sono stati portati da un medico che stava assistendo al concerto, poi l’artista è stato poi trasferito con urgenza in ambulanza al nosocomio ascolano. I medici si sono riservati la prognosi. 

Continua a leggere

Cronaca

Si sente male durante il concerto: il leader degli Stadio ricoverato in terapia intensiva cardiologica

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Il cantante bolognese Gaetano Curreri è ricoverato in terapia intensiva cardiologica presso l’ospedale Mazzoni di Ascoli Piceno dopo essere stato colto da un malore la scorsa notte mentre stava concedendo l’ultimo bis del concerto che ha tenuto a San Benedetto del Tronto nell’ambito della rassegna “Nel cuore e nell’anima. Ritratti d’autore in musica e parole”.

Curreri, leader degli Stadio, si è improvvisamente accasciato sul palcoscenico dove si è esibito insieme al Solis String Quartet con “Canzoni da camera”. I primi soccorsi gli sono stati portati da un medico che stava assistendo al concerto, poi l’artista è stato poi trasferito con urgenza in ambulanza al nosocomio ascolano. I medici si sono riservati la prognosi. 

Continua a leggere

I più letti