1

TRANI: SEI ARRESTI E DUE FURTI DI RAME SVENTATI

Redazione

Trani – Si è concluso con sei arresti, una denuncia, e due furti di rame sventati un servizio straordinario di controllo del territorio effettuato nelle ultime ore dai Carabinieri della Compagnia di Trani finalizzato a prevenire e reprimere la commissione dei reati contro il patrimonio e dello spaccio di droga.
In particolare:
a Ruvo di Puglia, un 33enne del luogo, noto alle Forze dell'Ordine, è stato sorpreso in pieno giorno da una "gazzella" della locale Stazione in contrada Pantano mentre era intento a rubare cavi in rame da una cabina dell'Enel. I Carabinieri, in servizio di prevenzione dei reati contro il patrimonio nelle campagne prossime al centro abitato, hanno notato l'armadio metallico insolitamente aperto e i cavi elettrici in esso contenuti, peraltro funzionali all'alimentazione dell'impianto comunale di depurazione delle acque pluviali, appena tranciati. Insospettiti, hanno ispezionato l'area circostante scoprendo l'uomo nascosto nell'erba con gli arnesi "da lavoro" ancora tra le mani. Colto di sorpresa e senza fornire una plausibile giustificazione circa le sue condotte, l'uomo è stato arrestato con l'accusa di tentato furto e, su disposizione della Procura della Repubblica di Trani, collocato ai domiciliari;
è finita invece nel carcere di Trani la trasferta di tre romeni, di 23 e 27 anni, residenti ad Andria, che in orario serale sono stati sorpresi, sempre a Ruvo di Puglia sulla S.P. 231, mentre, a bordo di due ciclomotori, stavano rientrando a casa, dopo aver fatto razzia di materiale metallico in un opificio dismesso ubicato a Terlizzi. Due borsoni contenenti 60 kilogrammi di cavi, tubi, maniglie in rame, ferro e ottone sono stati recuperati dai militari con la collaborazione di personale del locale istituto di vigilanza "La metronotte", e restituiti al legittimo proprietario. I mezzi e numerosi arnesi da scasso sono stati sequestrati;
a Corato i Carabinieri della locale Stazione hanno eseguito un provvedimento di aggravamento, emesso dal G.I.P. del Tribunale di Trani, a carico di un 37enne del luogo per violazione della misura cautelare dell'obbligo di dimora, cui l'uomo era sottoposto, dopo essere stato incriminato per un furto in abitazione. Lo stesso sebbene obbligato a permanere in casa dalle 19 alle 7, era stato più volte sorpreso in quegli orari in giro per la città. IL 37enne è stato collocato ai domiciliari;
A Bisceglie un pregiudicato 33enne del luogo è stato arrestato con l'accusa di evasione in una vicenda alquanto insolita. L'uomo, spontaneamente si è presentato alla locale Tenenza dell'Arma, dove con stupore dei militari, ha manifestato l'intenzione di voler lasciare, per problemi di convivenza con i familiari, l'abitazione ove era ristretto, e proseguire la misura di custodia in carcere;
a Trani, infine, due studenti di 16 e 17 anni, sono stati sorpresi nei pressi della zona portuale con 6 grammi di marijuana, suddivisa in bustine di cellophane. Il primo è stato segnalato alla Prefettura di Barletta quale assuntore di droga mentre per il secondo è scattata una denuncia alla locale Procura della Repubblica per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.