Connect with us

Cronaca

Trapani, individuata la rete dei pizzini di Matteo Messina Denaro: 22 arresti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

TRAPANI – Individuata la rete relazionale funzionale allo smistamento dei “pizzini” con i quali Matteo Messina Denaro impartiva le disposizioni ai suoi sodali.

L´operazione della Polizia, Carabinieri e D.I.A.., coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo, ha confermato il perdurante ruolo apicale di Matteo Messina Denaro della provincia mafiosa trapanese e quello di reggente del mandamento di Castelvetrano assunto da un cognato, in conseguenza dell´arresto di altri membri del circuito familiare.

Si stringe dunque il cerchio sul capo di cosa nostra Matteo Messina Denaro:

Polizia, Carabinieri e Direzione investigativa antimafia (Dia) stanno eseguendo un provvedimento di fermo emesso dalla Direzione distrettuale antimafia (Dda) di Palermo nei confronti di 22 presunti affiliati alle famiglie mafiose di Castelvetrano, Campobello di Mazara e Partanna (Trapani). L’indagine che ha portato al blitz in provincia di Trapani, con il fermo di una ventina tra presunti boss e fiancheggiatori di Matteo Messina Denaro, ha consentito di individuare la rete utilizzata dal capo di Cosa nostra per lo smistamento dei ‘pizzini’ con i quali dava le disposizioni agli affiliati. Le indagini di Polizia, Carabinieri e Dia, inoltre, hanno confermato sia il ruolo di vertice di Messina Denaro sulla provincia di Trapani sia quello del cognato, reggente del mandamento di Castelvetrano in seguito all’arresto di altri familiari.

Pedinamenti, appostamenti e intercettazioni

hanno ribadito come cosa nostra eserciti un controllo capillare del territorio e ricorra sistematicamente alle intimidazioni per infiltrare il tessuto economico e sociale. Tra gli arrestati ci sono anche due cognati del boss mafioso latitante Matteo Messina Denaro. Si tratta di Gaspare Como e Rosario Allegra, i mariti di Bice e Giovanna Messina Denaro. Secondo gli inquirenti sarebbero stati proprio loro a organizzare la latitanza della primula rossa ricercata dal 1993. Il legame di sangue guida il boss latitante Matteo Messina Denaro nella scelta degli uomini a cui affidare affari e gestione delle attivit illecite. Il vincolo mafioso finisce col coincidere con quello familiare. Le indagini nel tempo hanno individuato al vertice delle cosche il cognato del capomafia Filippo Guttadauro, poi il fratello Salvatore Messina Denaro, quindi il cognato Vincenzo Panicola e il cugino Giovanni Filardo. E ancora il cugino acquisito Lorenzo Cimarosa, poi pentitosi, la sorella Patrizia Messina Denaro, i nipoti Francesco Guttadauro e Luca Bellomo.

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

Cronaca

Colleferro, nascondeva la marijuana in casa: preso 21enne

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

COLLEFERRO – Rimane alta l’attenzione dei Carabinieri della Compagnia di Colleferro sul fronte della repressione del fenomeno dello spaccio di droga.
I militari della Stazione di Colleferro, in un servizio coordinato, hanno arrestato un 21enne del luogo, con precedenti di polizia, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
I militari hanno, quindi, predisposto mirati controlli nel corso dei quali hanno controllato il pusher a bordo della propria autovettura, insieme ad altri coetanei, trovandolo in possesso di 2 grammi di marijuana già suddivisa in dosi.
Le attività di verifica dei Carabinieri di Colleferro si sono spostate nel suo domicilio dove sono stati rinvenuti altri cento grammi di marijuana, un bilancino elettronico di precisione e vario materiale per il confezionamento e per la coltivazione della droga.
Le analisi sulla droga hanno confermato l’alto principio attivo della sostanza da cui era possibile ricavare 365 dosi.
Il 21enne è stato portato in caserma in stato di arresto e, successivamente, sottoposto agli arresti domiciliari. All’esito del giudizio per il 21enne è scattato l’obbligo di permanenza nell’abitazione dalle ore 20 alle ore 7.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Momenti di panico a Nepi: pregiudicato sequestra 14enne e lo minaccia con una sciabola

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Un pregiudicato di circa 50 anni, si è scagliato contro un gruppo di
ragazzini di 14 anni, a Nepi all’ interno di un parcheggio di un
supermercato, dove lui era solito lasciare parcheggiati i suoi due
motorini, che a suo dire li aveva ritrovati danneggiati dando la
colpa proprio ai giovani quattordicenni; a quel punto in un gesto
di ira ha sequestrato uno dei giovani e lo ha trascinato in macchina
e trasportato in giro per Nepi, minacciandolo costantemente con
una sciabola a che lui e i suoi amici trovassero i soldi per riparare i
motorini; immediatamente sono scattate le ricerche dei carabinieri
della stazione attivati dagli amici rimasti nel parcheggio, e poco
dopo proprio i carabinieri della stazione hanno rintracciato il
pregiudicato nei pressi del supermercato ed immediatamente
hanno messo in sicurezza i giovani e bloccato il pregiudicato.
Subito hanno perquisito l’auto ed hanno sequestrato la sciabola
usata per la minaccia .Al termine dell’ azione di polizia il soggetto è
stato arrestato ed i ragazzi sono risultati tutti illesi ed in sicurezza

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Pomezia, al via i lavori di manutenzione straordinaria anche a Torvaianica

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Partiranno nel corso della prossima settimana (salvo condizioni meteorologiche avverse) i lavori di manutenzione straordinaria per il rifacimento del manto stradale delle vie di Pomezia e Torvaianica più ammalorate. I lavori interesseranno:

  • via Danimarca
  • lungomare delle Meduse
  • via di Torvaianica Alta
  • via delle Orchidee
  • via Castagnetta
  • via Fratelli Bandiera
  • via Virgilio
  • via Cavour
  • piazza San Benedetto da Norcia

“Un intervento importante – spiega l’Assessore Federica Castagnacci – interamente finanziato con fondi comunali per un costo di circa 500mila euro netti, che va ad aggiungersi ai cantieri già aperti ieri mattina a Pomezia centro per il rifacimento completo di via Confalonieri e via Filippo Re. Lavori, questi ultimi, frutto dell’accordo con SNAM Rete Gas in compensazione per gli scavi realizzati nei mesi scorsi”.

Prossima anche l’opera di realizzazione della pista ciclabile in via Varrone, via Augusto Imperatore, via Martiri delle Foibe e via Romualdi, che, nell’ambito del Piano Nazionale di Sicurezza Stradale cofinanziato dalla Regione Lazio, consentirà il rifacimento del manto stradale nelle vie interessate dal cantiere. In corso invece i lavori su via Campobello, che si concluderanno anch’essi con la riasfaltatura completa dell’arteria stradale. Anche questo intervento è cofinanziato con quota parte di fondi comunali.

“Lavori straordinari sulle strade della nostra Città – dichiara il Sindaco Adriano Zuccalà –. Oltre 10 km di vie comunali completamente nuove e più sicure. Un investimento importante per la sicurezza di automobilisti, ciclisti e pedoni che, come ho avuto modo di dire nel corso della giornata sulla sicurezza stradale, è una delle priorità di questa Amministrazione”.
I lavori seguiranno un cronoprogramma definito che verrà puntualmente comunicato alla cittadinanza al fine di evitare il più possibile i disagi al traffico in Città.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Novembre: 2019
L M M G V S D
« Ott    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it