Connect with us

Esteri

TreeHugging World Championship 2021: come una coscienza ecologica produce un’iniziativa imprenditoriale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 5 minuti
image_pdfimage_print

In Lapponia, gli alberi si adottano e si abbracciano

Nel 1951 venne istituzionalizzata in Italia la Festa degli Alberi anche per insegnare ai giovani il valore e l’importanza di queste entità viventi tanto utili all’umanità; anch’io, ai miei tempi, in genere il 21 novembre, ero lieto di scrivere componimenti e temi su questo argomento. Nel 1979 questa celebrazione venne delegata alle regioni che, come con tante altre cose, la fecero  languire e morire. Ma esiste un paese che occorre prendere ad esempio per le modalità con cui cura e gestisce il patrimonio arboricolo, ed è la Finlandia, ove le foreste occupano il 75% del territorio. La foresta è elemento vitale per i finlandesi ed amore e rispetto li si esprimono in varie forme. Particolarmente originale quelle ideate da una signora che vive nella zona di Levi, Lapponia finlandese. Riitta Raekallio-Wunderink. Insieme alla famiglia ha realizzato un sistema di adozione a distanza di alberi ed addirittura un campionato mondiale di abbraccio all’albero, la cui prima edizione è stata vinta l’anno scorso da una italiana  e la cui 2° edizione è in programma il 21 agosto. La vincitrice dell’edizione 2021, Stefania D, ha trascorso tutta la sua vita vicino o circondata da alberi, raccogliendo bacche e castagne, facendo sport o semplicemente godendosi l'energia trasmessa dai boschi. “Ero molto nervosa prima della partenza”, racconta Stefania. “Ma quando la competizione è finita, ero piena di energia positiva dagli alberi, dalla foresta e dall'amore che si riversava dagli altri partecipanti”. Secondo i giudici, il modo di incontrare gli alberi di Stefania è stato "convincentemente attento e perspicacemente profondo".

I Campionati del mondo di TreeHugging 2021

che combinano il divertimento sostenibile e i benefici della connessione con la natura, sono organizzati da HaliPuu, una piccola azienda a conduzione familiare dal cuore grande che dal 2015 opera in Lapponia, prima per proteggere la foresta di famiglia dall’abbattimento ed ora, a distanza di anni, per diffondere l’esperienza e i benefici dell’amare gli alberi in tutto il mondo sia nella propria foresta a Levi che online. In effetti, il nome finlandese dell’azienda vuol dire “abbraccia l’albero”, Ora più che mai, connettersi con la natura e trovare pace ed equilibrio tra gli alberi – vivi o virtuali – è diventato più essenziale e necessario. HaliPuu funge da connettore tra la natura e le persone e spera di aiutare tutti a trovare il proprio modo ideale di vivere l’amore per gli alberi anche nelle proprie comunità.

Il TreeHugging World Championship 2021 è diviso in due parti, una competizione dal vivo nella foresta di HaliPuu a Levi, in Finlandia, e una competizione online di due settimane a cui chiunque può partecipare in qualsiasi parte del mondo. L’evento dal vivo nella foresta di HaliPuu è in programma a Levi, Lapponia, Finlandia, sabato 21 agosto 2021 alle 12:00 CET (a causa di Covid solo su invito) mentre l’evento virtuale, in tutto il mondo, si svolge  dal 13 al 28 agosto 2021

L’evento dal vivo dà il via alla National Treehugging Week 23.8.-29.8.22021 che si celebra in Finlandia dal 2016. L’evento live sarà trasmesso in streaming il 21.8.2021 alle 12:00 CET sui canali di social media di HaliPuu, tra cui https://happs.tv/ @RiittaRW e su https://www.instagram.com/LeviLapland/. I video clip verranno pubblicati in seguito sul sito Web di HaliPuu e su altri canali.  Finora sono stati annunciati dieci concorrenti, in rappresentanza dei loro paesi o aree di origine. Attualmente risiedono tutti in Lapponia e quindi non hanno bisogno di viaggiare. I Paesi e le regioni rappresentate: Ucraina, Spagna, Italia, Finlandia, Germania, Svizzera, Sámiland, Russia, Scozia e USA. Ogni partecipante gareggerà in tre categorie:

‘Speedhugging’(abbraccio rapido): la maggior parte degli alberi viene è abbracciata in due minuti. In un’area chiaramente contrassegnata, abbracciando il maggior numero possibile di alberi in un minuto, ogni abbraccio della durata minima di cinque secondi,

“Dedica”: abbraccio dedicato di un albero specifico a scelta del concorrente della durata massima di un minuto,

“Stile libero”: l’abbraccio più creativo. Stile aperto alla propria interpretazione del concorrente, un solo albero, della durata massima di un minuto.

Il premio: il vincitore combinato di tutte e tre le categorie riceverà il prestigioso titolo di TreeHugging World Champion 2021 e riceverà un’esperienza privata di Arctic Cocooning (una specie di immersione nella natura artica) con la famiglia HaliPuu .

Giudici: HaliPuu-Pappa Kaarle Raekallio, boscaiolo in pensione e proprietario della foresta, Ritva Saarensalmi, consulente senior del Parco Nazionale Pallas-Yllästunturi, Heikki Hamunen, esperto di foreste e media, Misha del Val, artista visivo e curatore indipendente.

L’evento online mondiale

Chiunque in qualsiasi parte del mondo può partecipare scattando una foto del proprio treehug  e condividendola con HaliPuu. Le immagini verranno posizionate nell’app HaliPuuForest dove possono essere esplorate in base alla posizione sulla mappa.Per qualificarsi, i partecipanti devono fare tre cose:

caricare una fotografia (nessun video) di se stessi o di una persona cara/amica che abbraccia un albero su https://www.halipuu.com/treehuggingworldchampionships/   O pubblicarla su Instagram con entrambi gli hashtag #TreeHugging2021 e #HaliPuu entro le 11:00 CET di sabato 28 agosto 2021, includendovi le coordinate dell’albero in questione (in modo che si possa posizionarlo nell’app HaliPuu) nella fotografia. Questo può essere fatto ad esempio con le mappe di Google o la funzione bussola della maggior parte dei telefoni).

Includere una descrizione del motivo per cui piace questo albero specifico o l’abbraccio di un albero in generale. Il vincitore sarà selezionato dai giudici in base al sentimento profondo trasmesso nell’abbraccio all’albero,alla creatività e al espressività complessivi nell’immagine.

Il vincitore del concorso online sarà annunciato domenica 29 agosto, durante una normale trasmissione settimanale in diretta di HaliPuu a mezzogiorno CET (https://happs.tv/@RiittaRW)

I premi: il vincitore dei campionati mondiali online di TreeHugging 2021 sarà invitato a partecipare alla competizione dal vivo del 2022 nella foresta di HaliPuu, Levi, Finlandia. Riceverà biglietti in vagone letto per il viaggio in treno per due, Helsinki-Rovaniemi-Helsinki (per gentile concessione di VR, ferrovie finlandesi), un soggiorno di una settimana per due a Levi (per gentile concessione di Visit Levi) ed un viaggio privato per due nella foresta HaliPuu, il tutto durante il TreeHugging 2022 l’anno prossimo.

Maggiori dettagli sui Campionati Mondiali di TreeHugging 2021 pubblicati su https://www.halipuu.com/treehuggingworldchampionships/ e seguendo gli hashtag #TreeHugging2021 #HaliPuu

Oltre ai Campionati mondiali di TreeHugging, HaliPuu è noto per aver generato un’enorme attenzione da parte dei media con le sue idee innovative. È stata creata l’agenzia omonima per adottare un albero. Kaarle, il nonno, ‘Pappa’, il proprietario della foresta, ha selezionato personalmente alcuni dei migliori pini lapponi tra cui scegliere il potenziale adottando. HaliPuu offre, con tariffe esposte sul sito, anche una gamma di accessori prodotti localmente utilizzabili per personalizzare l’albero prescelto; si può tenere il proprio albero come amico personale o regalarlo a qualcuno. Una volta adottato un albero, è da amare e custodire per i duccessivi cinque anni (dopodiché sarà chiesto di riconfermare la propria adozione per assicurarsi che si sia ancora interessati). Viene contrassegnato e sono inviate le coordinate precise con un collegamento video dove è presentato il proprio albero che può anche esser visitato, se si vuole, in loco od a distanza.

Nel 2018, Halipuu ha ricevuto, come prodotto turistico,  il premio dall’ente turistico finlandese, VisitFinland, “VisitFinland authentic experience award “per una esperienza autentica.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Esteri

Russia, annesse le 4 regioni: scontro all’ONU

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

La risoluzione al consiglio di sicurezza Onu contro i referendum “farsa” russi e l’annessione di territori ucraini è stata bocciata per il veto di Mosca, mentre la Cina si è astenuta insieme a Brasile, India e Gabon. Dieci i voti a favore della mozione, presentata da Usa e Albania.

“I militari americani in Europa sono pronti ad ogni evenienza”, ha detto il consigliere per la sicurezza nazionale americana, Jake Sullivan, in un briefing con la stampa.

“Non vediamo al momento nessuna minaccia imminente sull’uso di armi nucleari da parte da Mosca ma continuiamo a monitorare la situazione in modo molto serio”, ha detto Sullivan. “Sulla Nato gli Stati Uniti hanno una politica della porta aperta, ma per il momento sostieniamo Kiev a difendere il proprio territorio”, ha detto Sullivan.

Nel discorso di quasi un’ora che ha preceduto la cerimonia della firma con i leader filo-russi delle province di Donetsk, Lugansk, Kherson e Zaporizhzhia, Putin ha riproposto la lista delle recriminazioni e delle accuse ai Paesi occidentali. A partire da quella di avere allargato i confini della Nato dopo il crollo dell’Urss nonostante le “sporche menzogne” con le quali avevano assicurato del contrario. Gli Usa e i loro alleati conducono “una guerra ibrida” contro la Russia con l’obiettivo di farne “una colonia”. Ma dopo “i tragici anni ’90”, quando “la gente moriva di fame”, Mosca ha riconquistato il suo posto nel mondo e ora è pronta a difendere “con tutti i mezzi a sua disposizione” i territori che tornano sotto il suo dominio. Tra le pieghe dell’infuocata requisitoria, Putin ha lasciato cadere una frase su un possibile cessate il fuoco. “Siamo pronti a tornare al tavolo dei negoziati”, ha detto. Ma la risposta del presidente ucraino Volodymyr Zelensky non ammette repliche: Kiev non negozierà con la Russia fino a quando Putin ne sarà il presidente e ha chiesto anzi di entrare nella Nato con una procedura accelerata. Un modo, ha minacciato l’ex presidente russo Dmitry Medvedev, per “accelerare l’inizio della Terza guerra mondiale”.

Il segretario generale dell’Alleanza, Jens Stotenberg, per il momento frena: “L’ingresso di un Paese nella Nato deve essere decisa dagli alleati all’unanimità”, ha sottolineato. Ma dall’Occidente è arrivata una reazione corale di sostegno al diritto dell’Ucraina di riconquistare tutti i territori occupati dai russi. A cominciare dagli Usa, che insieme alla Gran Bretagna hanno reagito varando un nuovo nutrito pacchetto di sanzioni contro personalità russe, compresa la governatrice della Banca centrale Elivra Nabiullina, ritenuta “una degli alleati più efficaci” di Putin per le capacità dimostrate nel tenere a galla l’economia del Paese nonostante le sanzioni occidentali. Il presidente americano Joe Biden ha assicurato che Washington continuerà a sostenere Kiev “con le armi e la diplomazia” e chiesto “a tutta la comunità internazionale” di “restare al fianco dell’Ucraina per tutto il tempo necessario”. 

Al rifiuto dell’annessione russa si sono associati il G7 e l’Unione europea. “Le minacce nucleari del Cremlino, la mobilitazione militare e la strategia di cercare di presentare falsamente il territorio ucraino come russo, sostenendo che la guerra potrebbe ora svolgersi sul suo territorio, non scuoteranno la nostra determinazione”, hanno affermato i leader dei 27 Paesi riuniti nel Consiglio Europeo. Mentre la Farnesina ha ribadito “il pieno sostegno dell’Italia alla sovranità, integrità territoriale e indipendenza dell’Ucraina”. Putin non ha fatto caso alle reazioni. “La vittoria sarà nostra”, ha promesso intervenendo sulla Piazza Rossa alla festa popolare organizzata sotto le mura del Cremlino. Mentre, ricorrendo ai suoi caratteristici toni, la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova ha risposto alla richiesta di Kiev di adesione al Patto atlantico affermando che “i sanguinari macellai che uccidono donne e bambini vanno nella discarica della Nato”. Quanto alle accuse rivolte alla Russia di pensare al ricorso all’atomica, il presidente ha replicato ricordando che “gli Stati Uniti sono stati il solo Paese al mondo ad aver usato le armi nucleari due volte ed hanno creato un precedente”. Mosca, ha assicurato Putin, può invece contare sull’ “amore indistruttibile” che i suoi cittadini nutrono per la patria. E, a conferma della missione di cui si sente investito, ha sottolineato che quella in corso con l’Occidente è anche una battaglia di valori. “Vogliamo che in Russia ci siano il genitore 1 e il genitore 2 invece di mamma e papà? Siamo completamente impazziti?”, si è chiesto il presidente, che della difesa della famiglia tradizionale ha fatto uno dei suoi cavalli di battaglia.

Continua a leggere

Esteri

Ambasciata Usa a Mosca: «Lasciare la Russia immediatamente»

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

I cittadini americani sono invitati a “lasciare la Russia immediatamente”, usando “le limitate opzioni” di trasporto commerciale ancora disponibili.Lo si legge nel sito dell’ambasciata Usa a Mosca, citata dalla Tass. Intanto la Russia sta per aprire un centro di reclutamento al confine con la Georgia, per intercettare uomini abili all’arruolamento nell’esercito per combattere in Ucraina fra le decine di migliaia di persone in coda che cercano di uscire dalla Federazione russa proprio per sfuggire a questa prospettiva.

Lo scrive la Bbc sul suo sito, citando fonti delle autorità locali. “Gli agenti al valico di frontiera di Verkhniy Lars saranno incaricati di convocare ‘cittadini in età di arruolamento’, dicono le autorità”, scrive Bbc, che aggiunge che le immagini satellitari mostrano code lunghe chilometri di auto alla frontiera caucasica.Gli Stati Uniti stanno preparando un nuovo pacchetto di armi da 1,1 miliardi di dollari per l’Ucraina in previsione dell’annuncio da parte della Russia dell’annessione di territori ucraini. Lo riferiscono fonti dell’amministrazione all’agenzia Reuters. Nel nuovo invito ci saranno i sistemi anti-missile Himars già inviati alle forze di Kiev in passato, munizioni, vari tipi di sistemi anti droni radar, precisano le fonti. L’amministrazione sta anche preparando nuove sanzioni contro Mosca in risposta ai referendum per l’annessione a Mosca.La Russia non rilascerà più passaporti alle persone richiamate alla leva in base alla mobilitazione voluta dal presidente russo Vladimir Putin. Lo ha reso noto il portale informativo del governo, in un momento in cui decine di migliaia di persone sono già fuggite all’estero. “Se un cittadino è già stato chiamato per il servizio militare o ha ricevuto una convocazione (per la mobilitazione o il servizio di leva), gli verrà negato il passaporto internazionale”, si legge sul portale.Il ministro degli Esteri polacco, Zbigniew Rau, ha dichiarato che la risposta della Nato a qualsiasi uso di armi nucleari da parte della Russia in Ucraina sarà “devastante”. In un’intervista al talk show della Nbc ‘Meet the Press’ il ministro, in visita a Washington, ha avvertito che se Putin dovesse usare la bomba atomica la Nato reagirà “in maniera convenzionale, quindi non usando un’arma nucleare, “ma la risposta sarà devastante”. “Questo è il messaggio che l’Alleanza sta inviando alla Russia in questo momento”, ha aggiunto il ministro di Varsavia.

Continua a leggere

Esteri

Russia, Putin ordina pene più severe per i disertori

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato un pacchetto di emendamenti al codice penale relativo al servizio militare. La diserzione o la mancata comparizione alla leva è punita con la reclusione da cinque a dieci anni.

Coloro che si arrendono volontariamente al nemico dovranno affrontare una pena detentiva fino a dieci anni. Inoltre, 15 anni di detenzione sono previsti per la diserzione durante la mobilitazione o la legge marziale, riporta la Tass. 

Putin ha anche firmato una legge che facilita l’accesso alla nazionalità russa per i cittadini stranieri che servono nell’esercito russo. La legge prevede che stranieri arruolati nell’esercito russo possano richiedere la cittadinanza russa senza presentare un permesso di residenza, riferisce la Tass. Una procedura cui possono avere accesso stranieri che hanno sottoscritto un contratto con l’esercito russo da almeno un anno, si precisa. 

Continua a leggere

I più letti