Connect with us

Roma

TRENITALIA LINEA FL3 ROMA CESANO VITERBO: NUOVO CAMBIO DI ORARIO DAL 9 GIUGNO 2013

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 3 minuti Il Comitato Pendolari FL3 Lago di Bracciano fa chiarezza su orari e fermate

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Luca Pagni

Bracciano (RM) – Il Comitato Pendolari FL3 Lago di Bracciano dopo aver letto su un quotidiano della provincia di Viterbo edizione del 20 maggio 2013 la lamentela di un cittadino A.M. di Tre Croci, che afferma di essere tagliato fuori dal mondo, risponde con le rassicurazioni evidenziate nell’incontro del 10 maggio 2013 con Regione Lazio, Trenitalia, RFI, Comuni e comitati pendolari della FL3 Roma-Cesano-Viterbo:

Ecco in sintesi i treni che fermeranno a partire dal cambio orario dal 9 giugno, nella località Tre Croci

Di seguito il riferimento al treno con relativa periodicità

–         23681                Viterbo PF 7.03 –  Ostiense 8.57 (lun-ven)

–         23763                Viterbo PF 15.53 –  Ostiense 17.42 (lun-ven)

–         23997                Viterbo PF 20.32 –  Ostiense 22.56 (circola tutti i giorni)

–         23760                Ostiense 17.02 –  Viterbo PF 18.46 (lun-ven)

–         23978                Ostiense 19.52  –  Viterbo PF 21.47 (circola tutti i giorni)

–         23684                Ostiense 8.52 –  Viterbo PF 10.49 (circola tutti i giorni)

–         23683                Viterbo PF 7.03 –  Ostiense 9.10 (sab e fest)

–         23753                Viterbo PF 14.50 – Ostiense 16.54 (sab e fest)

–         23765                Viterbo PF 15.53 –  Ostiense 17.54 (sab)

–         23779                Viterbo PF 16.50 – Ostiense 18.54 (sab e fest)

–         23758                Ostiense 16.52–  Viterbo PF 18.46 (sab e fest)

Tali servizi si aggiungono a  quelli già programmati. Pertanto il numero delle fermate a Tre Croci passa da 6 a 12 nei giorni feriali e da  1 a 8 nei giorni festivi.

 In aggiunta a tali provvedimenti, sempre dal 9 giugno: Vengono assegnate  le fermate di Oriolo e Manziana al treno RV 23768  Roma Ostiense 17.32  –  Viterbo PF 19. 12

A seguito di tale novità il numero delle fermate in dette stazioni incrementa di 1, treno rispetto all'orario in vigore fino allo scorso 9 marzo. passando da 36 a 37 fermate /giorno ed in particolare nella fascia oraria 17-18 viene assicurata una frequenza semioraria (mezz’ora) di servizi anche per Oriolo e Manziana.     

 Questi provvedimenti si aggiungono a quelli entrati in vigore dal 14 aprile (nuova fermata a Manziana del RV 23653 e istituzione del doppio TAF al treno R 23671 La Storta  – Roma Ostiense delle 7.31). 

Per il cambio orario di giugno, non risulta possibile dare seguito alla ulteriori richieste (es: Treno diretto VT-Roma, fermate presso Bassano Romano, etc.) in quanto richiedono ulteriori approfondimenti non solo sul piano programmatorio, ma anche industriale (vincoli infrastrutturali e nuovo materiale rotabile).

Quest’ultima precisazione riguarda due delle richieste fatte dal Comitato Pendolari FL3 Lago di Bracciano, che dopo aver trattato delle varie criticità sofferte dai pendolari in area sia urbana che extraurbana, ha presentato circa 2.000 firme, raccolte dall’imprenditore agricolo bassanese Carlo Leoni

per chiedere che a Bassano Romano siano effettuate almeno 2 fermate al mattino e 2 al pomeriggio al fine di consentire alle persone anziane e/o persone con difficoltà motorie e magari senza accompagnamento, di poter raggiungere il Poliambulatorio di Vetralla sito in Loc. La Botte, S.S. Cassia Km. 63,

e/o gli ospedali di Belcolle a Viterbo, e San Filippo Neri e Gemelli a Roma, per visite e cure mediche periodiche necessarie, in nome del diritto inviolabile alla sanità' ed alla mobilità', tenendo conto che il Poliambulatorio a Vetralla è aperto nei giorni feriali 8- 12,40 e 13,30-17.

Il Comitato Pendolari FL3 Lago di Bracciano, ha ricevuto un primo riscontro verbale favorevole da Trenitalia il 15 maggio 2013, circa la possibilità che almeno 2 o 4 fermate possano essere non più a richiesta ma permanente negli orari non di punta, ossia tra le 9 e le 16. Nella stessa giornata del 15 maggio 2013 la Dott.ssa Amelia Italiano di Trenitalia ha comunicato formalmente che “ l’eventualità della fermata presso la stazione di Bassano deve essere oggetto di studio da parte del Gestore dell’Infrastruttura RFI e della Regione Lazio, che sono al corrente della vostra richiesta. La discussione sugli orari è sicuramente un atto successivo e consequenziale.

Tutto questo perché la stazione di Bassano Romano non è ancora abilitata al normale servizio viaggiatori  e necessita dunque di vari adempimenti infrastrutturali per essere messa in sicurezza, per attivare gli scambi tra i due binari, oltre agli impianti semaforici e di segnalazione del passaggio di un treno in entrata ed in uscita, fino alle informazioni acustiche, alle obliteratrici e ad altri servizi di in stazione. Le informazioni sono appena state fornite dalla Dott.ssa Amelia Italiano responsabile dell’offerta commerciale per il Lazio, della Direzione Regionale Lazio di Trenitalia S.p.A. 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Metropoli

Bracciano, trovato un uomo impiccato sul lungo lago: è giallo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

BRACCIANO (RM) – Giallo sul lago di Bracciano, dove questa mattina è stato trovato un uomo impiccato. A fare la macabra scoperta una signora mentre passeggiava sul lungo lago Argenti.

L’uomo era legato ad una corda, esanime, sul patio di un ristorante all’altezza del civico 20.
Ancora ignota l’identità del cadavere, apparentemente sembra una persona del Nord-Est Europa. La salma si trova al momento presso l’ospedale Padre Pio di Bracciano. Con tutta probabilità l’autorità giudiziaria disporrà l’autopsia. Sul caso indagano i Carabinieri della Compagnia di Bracciano comandati dal Capitano Simone Anelli.

Continua a leggere

Metropoli

Canale Monterano, antiche ricette e tradizione: dopo due anni di fermo torna “La Sagra delle Fettuccine Paesane”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

24-25-26 giugno 2022

CANALE MONTERANO (RM) – Torna la Sagra delle Fettuccine a Canale Monterano, il borgo situato a nord della Capitale a pochi chilometri dal lago di Bracciano. Dal 24 al 26 giugno si potrà degustare questa pasta all’uovo “de na vorta”, rigorosamente lavorata a mano dalle nonne del paese portatrici delle antiche ricette della tradizione e dando vita ad uno dei piatti più celebri e gustosi della cucina del borgo e dell’intera regione Lazio.

Dopo due anni di fermo, a causa dell’emergenza pandemica – le donne delle varie contrade di Canale Monterano torneranno a creare diversi tipi di fettuccine in abbinamento a diversi tipi di sughi che faranno immergere i visitatori nei sapori di una volta.


Un appuntamento che con La sagra delle Fettuccine Paesane che sarà anche l’occasione per visitare il borgo di Canale Monterano e la suggestiva Monterano Antica, una delle città fantasma più note del Lazio.

Continua a leggere

Metropoli

Bracciano, a fuoco il muro della chiesa della Misericordia. Il sindaco confuso sull’accaduto?

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

BRACCIANO (RM) – In fiamme nella notte il muro della chiesa della Misericordia a Bracciano, un simbolo per la comunità. Sul lato della chiesa erano posizionati dei cartoni che hanno preso fuoco. Nessuno ha visto o capito cosa sia successo, con tutta probabilità si tratta di un gesto sconsiderato di qualcuno rimasto ad oggi ignoto. Le fiamme non si sono propagate nel circondario. A dare notizia del gesto il parroco Don Piero Rongoni: “Forse un mozzicone di sigaretta “accidentalmente caduto”….. o forse un raro fenomeno di autocombustione, oppure qualche persona annoiata dalla monotonia della quotidianità…. O peggio ancora un atteggiamento irresponsabile verso la chiesa della Misericordia, luogo importante e significativo della nostra comunità braccianese.

Fatto sta che ieri sera del fuoco si è sprigionato bruciando i cartoni appoggiati sulla parete della chiesa, luogo in cui oltre 30 volontari cercano di sostenere oltre 80 famiglie attraverso la consegna di derrate alimentari con il nostro Banco.

Non nego la tristezza e la delusione per questo gesto irresponsabile….. ma non ci arresteremo: puliremo, tinteggeremo, sistemeremo e continueremo la nostra opera sociale e caritativa”.

Non ha forse ben compreso cosa sia successo il sindaco Marco Crocicchi il quale nel dare la solidarietà ha scritto di un terribile incidente che avrebbe mandato in fumo il lavoro di oltre 30 volontari: “Voglio esprimere a nome di tutta l’amministrazione e, ne sono certo, di tutta la comunità di Bracciano, la massima solidarietà per il terribile incidente che stanotte ha mandato letteralmente in fumo il preziosissimo lavoro di raccolta di oltre 30 volontari che stanno cercando di sostenere oltre 80 famiglie attraverso la consegna di derrate alimentari con il Banco organizzato dalla chiesa della Misericordia. Al coraggio e all’impegno dei volontari, della parrocchia e del suo parroco, Don Piero Rongoni l’amministrazione non resterà indifferente e offrirà tutto l’aiuto perchè il loro lavoro è una bellissima pagina della storia della nostra città e va supportato e rilanciato”

Per fortuna il loro lavoro, o meglio le opere e impegno dei volontari sono salvi. Il parroco ha spiegato che l’incendio ha colpito un luogo dove sono impegnati ogni giorno oltre 30 persone.

Continua a leggere

I più letti