Connect with us

Cronaca

Trento, dopo anni riqualificato il quadrilatero di Roncafort: la riapertura il 14 settembre

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

TRENTO – Una piazza pavimentata, luogo di incontro, di mercato, di feste. Un campo polifunzionale e una zona per attrezzature fitness. Un’area giochi pensata per diverse fasce d’età, accessibile anche ai disabili. E ancora un grande prato, un pergolato ombreggiante, il raccordo con la nuova ciclabile prevista su via Caneppele, un parcheggio da dieci posti auto.

Si presenta così, pieno di verde, arredi e nuove funzioni, il quadrilatero di quasi cinquemila metri quadrati, un tempo incolto, che da anni attendeva di essere riqualificato nel cuore di Roncafort.

L’accordo con Itea, proprietaria dell’area, ha permesso di superare lo stallo e di sbloccare la riqualificazione: Itea infatti ha messo a disposizione il terreno in attesa di cederlo al Comune.“Nell’ambito di operazioni patrimoniali che potranno eventualmente coinvolgere la Provincia autonoma di Trento”. Ottocentomila euro il costo dell’intervento, finanziato dal fondo strategico della Provincia. Il parco è sostanzialmente già terminato e aprirà lunedì 14 settembre, in coincidenza con il riavvio delle scuole, ma l’accesso ad alcune aree a prato sarà interdetto per dar modo all’erba di attecchire.

Ecco nel dettaglio gli interventi realizzati, che tengono conto delle indicazioni e dei suggerimenti dei cittadini del quartiere. Innanzitutto un parcheggio a servizio dell’area verde collocato a sud, per una decina di posti auto, sotto al quale c’è la vasca di laminazione delle acque bianche. Dal parcheggio si accede a uno spazio pavimentato, ovvero alla piazza, sufficientemente ampia per ospitare future feste e manifestazioni. In corrispondenza di questo spazio ci sono i sottoservizi e le predisposizioni necessarie per una futura eventuale edificazione di volumi a servizio del verde pubblico, per attività di mercato e per le feste.

Un pergolato parallelo alla ciclabile, a portali metallici, con la funzione di filtro e limite rispetto alla strada, contiene gli arredi principali (portabiciclette, segnaletiche, pedane, totem, ecc.) utili all’aggregazione e all’incontro. Il porticato è predisposto per l’installazione di tende ombreggianti in attesa della crescita della vegetazione rampicante.

Nell’area centrale, verso est, un campo polifunzionale dà risposta alle tante domande di attrezzature sportive e gioco. È parzialmente recintato e con la sola predisposizione di illuminazione. Accanto al campo, un’area con giochi inclusivi per diverse fasce d’età, con aiuole, sedute, attrezzature per giovani adolescenti e per bambini più piccoli nell’area a nord del parco più protetta e vicina alle scuole dell’infanzia. C’è anche un’area fitness aperta a tutti.

Infine non manca il verde, un grande prato, una serie di alberate di ombreggio dei viali e della piazza, aiuole lineari tra la ciclabile ed il porticato e aiuole fiorite lungo i viali interni. Un tratto di raccordo di percorso ciclabile nell’estremo nord del parco collega l’area alla nuova ciclabile prevista su via Caneppele e con il sottopasso ferroviario posto a nord-est e con via dell’Asilo dove è stato ricavato un ulteriore accesso al giardino.

Tutto il percorso di realizzazione del parco è stato curato dal servizio Gestione strade e parchi. Il progetto esecutivo è stato redatto da un gruppo composto dai dipendenti comunali Giovanna Ulrici, architetto (progettazione definitiva ed esecutiva architettonica e il coordinamento) e Alberto Pisoni, geologo (redazione della relazione geologica/geotecnica) affiancati dai professionisti esterni Davide Consolati, architetto (assistenza grafica alla progettazione definitiva ed esecutiva, coordinamento per la sicurezza progettuale) e Arturo Maffei, ingegnere, studio associato Artecno (progettazione definitiva ed esecutiva degli impianti e calcoli strutturali). I lavori sono stati seguiti dal geometra Stefano Patton, dell’ufficio Parchi e giardini, e realizzati dall’impresa appaltatrice Costruzioni Daniele di Folgaria.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Ariccia, prove di carico sul ponte: martedi cambia la viabilità

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

L’Anas ha comunicato al Comune di Ariccia  che martedì prossimo, 27 luglio 2021, eseguirà le prove di carico sul Ponte Monumentale. Per questo motivo è prevista la chiusura al transito ( dalle ore 8,00 alle 17 e comunque fino al termine delle operazioni di rilevamento ) di Via Appia Nuova Viadotto Ponte Monumentale, per tutte le categorie di veicoli e per i pedoni. Queste  le disposizioni contenute nell’ordinanza n. 90 del 23 luglio 2021 :

PER I VEICOLI

DIREZIONE OBBLIGATORIA A SINISTRA PER VIA VITO VOLTERRA per tutti i veicoli provenienti da Albano Laziale;

DIREZIONE OBBLIGATORIA A DESTRA PER LARGO PORTA NAPOLETANA per tutti i veicoli provenienti da Genzano di Roma, ad esclusione del  traffico locale dei  residenti del Centro Storico di Ariccia;

PER IL T.P.L.

LINEA PUBBLICA DI COLLEGAMENTO GENZANO DI ROMA – ALBANO LAZIALE E ALTRE LINEE DEL T. P. L.

Si dispone la DEVIAZIONE e, comunque, fino al termine delle operazioni, il giorno 27 luglio 2021, della Linea S T L di collegamento Albano Laziale-Ariccia-Genzano di Roma sul seguente percorso:

Direzione Albano Laziale-Ariccia-Genzano di Roma

Piazza Mazzini, corso Matteotti, Borgo Garibaldi, via Villini, via Vito Volterra, via B.Tortolini, via Virgilio, via Bertolini, via Parco Chigi, via Uccelliera,  Largo Porta Napoletana, via Appia Nuova, viale F.lli Rosselli, corso Gramsci, viale Matteotti, piazzale Cina;

Direzione Genzano di Roma – Ariccia – Albano LazialePiazzale Cina, viale Matteotti corso Gramsci, via F.lli Rosselli, via Appia Nuova, Largo Porta Napoletana, via Antonietta Chigi Chigi, via Ottaviani, via Uccelliera, via Parco Chigi, via Ireneo Aleandri, via Virgilio, corso Matteotti, Piazza Mazzini;

Continua a leggere

Cronaca

Tragedia a Capri, minibus di linea esce fuori strada: un morto e feriti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Da Napoli sono partiti elicotteri sia della Polizia che della Guardia di Finanza per trasferire sull’isola medici e riportare in città, all’ospedale del Mare, i casi gravi. Finora due i trasferimenti eseguiti.

Il pulmino sarebbe precipitato per 5-6 metri. Il bus di linea precipitato a Capri è caduto da un’altezza di alcuni metri, rompendo la barriera di protezione della strada: è accaduto nella zona della spiaggia libera di Marina Grande. Sul posto le ambulanze del 118 che stanno trasportando i feriti nell’ospedale dell’isola.

Sul posto anche i carabinieri dell’isola. Per il momento non si segnalano vittime. Il minibus, dell’azienda Atc, era impegnato nel servizio di trasporto pubblico sull’isola e pare che a bordo avesse una decina di passeggeri.

Il minibus è rimasto incastrato tra la scogliera e una struttura metallica, su un tratto di spiaggia libera, nei pressi del porto commerciale, non lontano da uno stabilimento balneare. Molta paura ma nessun ferito tra coloro che si trovavano sull’arenile, alcuni dei qual raccontano di essere intervenuti per confortare i feriti in attesa delle ambulanze

Continua a leggere

Cronaca

Palermo, scoperta serra di canapa in contrada Mulinazzo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

I Carabinieri della Stazione di Villafrati, nel contesto delle attività di prevenzione e repressione del traffico di sostanze stupefacenti, a seguito di una perquisizione domiciliare in contrada Mulinazzo, hanno tratto in arresto per coltivazione di sostanza stupefacente, un 57enne del luogo, già noto alle forze dell’ordine.

I militari hanno scoperto nella sua abitazione una serra con 5 piante di cannabis indica di diversa tipologia, alte circa 2 metri.

L’arrestato, come disposto dal Pubblico Ministero di Termini Imerese, è stato posto “ai domiciliari” in attesa dell’udienza di convalida; le piante, che a completa essicazione avrebbero potuto fruttare fino a 8 chili di marijuana, sono state sequestrate nell’attesa degli esami di laboratorio del Comando Provinciale di Palermo.

Continua a leggere

I più letti