Connect with us

Senza categoria

Trieste, No Green pass e No vax: 8mila persone al corteo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Momenti concitati nei pressi di piazza Unità

Ottomila persone hanno partecipato al corteo del Coordinamento No Green pass a Trieste. Lo ha reso noto la Questura di Trieste. Per la città si è trattato di un numero molto alto, il secondo degli ultimi dieci anni dopo una delle ultime manifestazioni dei No Green pass e No vax, quando hanno sfilato in centro circa 15mila persone. Quello odierno è stato il settimo corteo a Trieste contro l’obbligatorietà del Green pass.     

Le persone si sono concentrate in piazza Libertà per la manifestazione organizzata dal Coordinamento No Green pass cittadino. Da qui è partito il corteo, aperto da un furgone sul quale era montato un altoparlante dal quale è stato più volte raccomandato ai partecipanti di indossare la mascherina e che illustrava le ragioni della protesta. Assente il leader del Coordinamento La gente come noi, Stefano Puzzer, oggi fuori città.

Giunto in piazza Oberdan, il corteo no green pass si è fermato invece di tornare al punto di partenza, in piazza della Libertà, come era previsto dal programma. Secondo quanto hanno spiegato gli organizzatori, i manifestanti si sono sciolti prima perché in piazza Oberdan ha sede il Consiglio regionale e dunque, simbolicamente, la protesta ha coinvolto anche le istituzioni locali dalle quali si sono sentiti “attaccati” nei giorni scorsi. Nel tardo pomeriggio, sul posto sono rimaste circa 300 persone.

Momenti concitati nei pressi di piazza Unità, dove i manifestanti hanno cercato di entrare nonostante le transenne e la presenza delle forze dell’ordine, oggetto di insulti al pari del presidente del Consiglio, Mario Draghi, e del sindaco Roberto Dipiazza.

Trieste si era svegliata con piazza Unità completamente transennata, in applicazione del decreto prefettizio del primo novembre scorso che vietava lo svolgimento di manifestazioni nell’area. 

Se non saranno “rispettate tutte le prescrizioni dell’Autorità di Pubblica Sicurezza” la Questura valuterà “le singole posizioni degli organizzatori e dei manifestanti in relazione alla previsione dell’art. 18 comma 5 del TULPS” secondo il quale “i contravventori al divieto o alla prescrizione dell’Autorità sono puniti con l’arresto fino a un anno e con l’ammenda da euro 206 a euro 413”. Lo riportava una nota della Questura di Trieste in risposta al Coordinamento No Green pass il quale aveva annunciato che alla manifestazione di oggi sarebbero stati rispettati gli obblighi di mascherina e distanziamento, ma non di costituire un servizio d’ordine.

Spintoni a giornalista a Milano, due in questura

Un giornalista di Fanpage è stato spintonato da un No Green pass in piazza Fontana prima dell’inizio del 16esimo corteo contro la certificazione verde. L’uomo, che ha messo una mano sulla telecamera del cronista, è stato accompagnato in questura insieme al fratello, sopraggiunto in un secondo momento per dargli manforte. Quest’ultimo era sprovvisto dei documenti d’identità.

I manifestanti si sono radunati intorno alle 17.00, in piazza Fontana almeno tremila persone, compresi alcuni manifestanti vestiti con i ‘gilet gialli’ in omaggio al movimento francese che per mesi è sceso in strada a Parigi. “Lavoratori contro il green pass, ora e sempre resistenza”, è lo striscione che espongono i ‘gilet gialli’ tra i quali figurano lavoratori della logistica. Tra i cori più gettonati “giù le mani dai bambini”, in riferimento alla possibile estensione dell’obbligo vaccinale.

In 3mila a Padova, insulti a una giornalista

Circa tremila manifestanti “no green pass” hanno sfilato oggi per le vie del centro storico di Padova, dove un paio di persone hanno aggredito verbalmente una giornalista di Telenuovo, mentre stava riprendendo il corteo. “Lei deve dormire male dalla vergogna, vi dovete vergognare tutti, vi siete fatti un vaccino inutile – le hanno inveito contro – ; lei ha il cervello fuso, voi raccontate solo quello che vi pare”. La provocazione è andata avanti dieci minuti, mentre la giornalista riprendeva tutto. L’eco della notizia di questa aggressione è stata duramente criticata sui social. Mai prima di oggi i manifestanti no pass avevano preso di mira i giornalisti in modo così esplicito. A parte questo episodio, la manifestazione è proseguita senza altri incidenti.Questo è probabilmente l’ultimo corteo autorizzato dei no pass,martedì prossimo è previsto un comitato in prefettura pervalutare lo stop.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Senza categoria

Paolucci campione a squadre e quinto individuale agli europei paralimpici

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti

image_pdfimage_print
Frascati (Rm) – Un’altra grande soddisfazione internazionale per Gianmarco Paolucci. L’atleta paralimpico del Frascati Scherma si è laureato campione europeo a squadre nella sciabola (categoria B) assieme ai compagni di nazionale Edoardo Giordan e Matteo Dei Rossi: gli azzurri, nella kermesse disputata a Varsavia (in Polonia) hanno sfoderato una prestazione perfetta, culminata con la netta vittoria in finale sull’Ungheria. Buono anche il quinto posto che Paolucci ha ottenuto nella prova individuale della stessa arma. A proposito di gare internazionali, va segnalato il bel sesto posto di Amelia Giovannelli nella prova di Coppa del Mondo Under 20 di sciabola a Sosnowiec (in Polonia) dove hanno gareggiato anche Manuela Spica (dodicesima individuale e quarta nella prova a squadre), Francesca Burli (37esima) e Valeria Fondi (59esima). Nella stessa gara al maschile, vittoria a squadre per Leonardo Tocci che si è piazzato 11esimo nella prova individuale con Giovanni Roussier Fusco 36esimo e Lupo Veccia Scavalli 38esimo. A Leszno (sempre in Polonia) si è disputata una prova di Coppa del Mondo Under 20 di fioretto con il buon decimo posto di Giuseppe Franzoni e il 22esimo di Mattia Raimondi: i due atleti tuscolani si sono anche piazzati al secondo posto nella prova a squadre. Rientrando in Italia, ci sono stati alcuni importanti appuntamenti dedicati agli Under 14. In particolare a Zevio (comune veneto della provincia di Verona) si è tenuta la prima prova nazionale di sciabola e i giovanissimi atleti tuscolani hanno ottenuto due podi: Lorenzo Cecchinelli ha trionfato tra i Maschietti, mentre Greta Vinci si è piazzata terza tra le Ragazze dove Matilde Reale ha chiuso sesta, Lavinia De Vito 30esima e Giulia Rossi 36esima. Tra le Bambine Benedetta Frare ha concluso 22esima, Greta Caico 25esima e Sophia Parabita 26esima, tra i Giovanissimi Luca Carmignani 21esimo, Lorenzo Molinari 32esimo, Enrico Canevari 45esimo e Mikail Sardar 46esimo. Vanno poi ricordati i piazzamenti tra le Giovanissime di Dea Scognamiglio (sesta), Sofia Micangeli (ottava) e Giulia Aquili (17esima), tra i Ragazzi di Filippo Landi (decimo), Alessandro Fanelli (13esimo), Riccardo Caico (22esimo) e Matteo Ciferri (46esimo), tra le Allieve di Ludovica Rossetti (11esima) e Asia Pirozzolo (30esima) e infine tra gli Allievi di Riccardo Aquili (settimo), Tristan Marcelli (16esimo), Lorenzo Tomassetti (19esimo), Davide Pasquini (28esimo) ed Emanuele Viscovo (35esimo). A Brescia (in Lombardia) si è invece tenuto l’International Fencing Challenge dedicato a spada e fioretto. Nella prima arma il miglior risultato è di Carlotta Pasqua, decima nella categoria Ragazze/Allieve, mentre Emanuele Cuculi ha concluso 24esimo tra i Maschietti/Giovanissimi e Flavio Pizzuti 47esimo nei Ragazzi/Allievi. Nel fioretto due podi nelle Ragazze/Allieve con Sofia Mancini seconda e Gloria Pasqualino terza, più indietro Agnese Rutigliano (26esima), Valeria Gneo (27) e Maya Toti (29), mentre tra i Ragazzi/Allievi il migliore è stato Damiano Pozzi (settimo) con Leonardo Papi 14esimo, Riccardo Mancini 19esimo, Davide Alteri 23esimo e Gianmarco Cecchi 60esimo.



Continua a leggere

Senza categoria

Reale 12esimo e Di Russo 15esimo nelle prove del circuito europeo Cadetti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti

image_pdfimage_print
Frascati (Rm) – Un week-end insolitamente “tranquillo” per il Frascati Scherma. Non sono stati molti gli atleti del club tuscolano impegnati nello scorso fine settimana in gare nazionali e internazionali. In Italia l’unico ad essere sceso in pedana è stato lo spadista Davide Stella, presente ai nastri di partenza della prova di qualificazione zonale Open che si è tenuta a Cascia. Per l’atleta del Frascati Scherma è arrivato un 135esimo posto finale che comunque ne ha arricchito il bagaglio di esperienza. Altri tesserati del club frascatano sono stati impegnati tra Strasburgo (Francia), Eislingen (Germania), Budapest (Ungheria) e Copenaghen (Danimarca). In terra transalpina era in programma una tappa del circuito europeo Under 23 di sciabola e non sono arrivati piazzamenti particolarmente brillanti né per Vally Giovannelli (28esima) nella prova femminile, né per Lorenzo Ottaviani (solo 40esimo) nella prova maschile. Il miglior risultato dell’intero week-end del Frascati Scherma, invece, lo ha ottenuto in Germania il giovane Leonardo Reale, capace di piazzarsi al dodicesimo posto della prova individuale del circuito europeo Cadetti di sciabola. Più indietro gli altri partecipanti: Matteo Ottaviani si è fermato al 73esimo posto, Tiziano Tomassetti al 78esimo, Andrea Roussier Fusco al 175esimo e infine Valerio Reale al 210imo. Nell’ambito di questa gara è stata fatta anche una prova a squadre in cui i fratelli Leonardo e Valerio Reale si sono piazzati ottavi, mentre Ottaviani, Tomassetti e Roussier Fusco si sono fermati al 27esimo posto. Un altro discreto risultato internazionale è arrivato da Budapest dove si è tenuta una prova del circuito europeo Cadetti di fioretto: si tratta del 15esimo posto di Manfredi Di Russo nella gara maschile, mentre in quella femminile Mariavittoria Berretta ha concluso al 33esimo posto. Sempre nel circuito europeo Cadetti, ma di spada, si è tenuta una prova a Copenaghen dove Luigi Minetti si è piazzato 151esimo e Niccolò Pizzuti 166esimo.



Continua a leggere

Senza categoria

Paolucci vince a squadre nella tappa di Coppa del Mondo paralimpica

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti

image_pdfimage_print
Frascati (Rm) – Altro successo internazionale per Gianmarco Paolucci. L’atleta paralimpico del Frascati Scherma ha trionfato nella prova di Coppa del Mondo a squadre di sciabola che si è tenuta a Egen (in Olanda). La squadra italiana (che assieme a Paolucci ha annoverato anche Edoardo Giordan e Matteo Dei Rossi) ha battuto in finale la Germania e si è aggiudicata la gara. Nella prova a squadre di spada, Paolucci ha dato il suo contributo nella conquista del terzo posto finale. Lo stesso atleta frascatano ha ottenuto un bel quinto posto individuale nella prova di sciabola della categoria B, mentre meno brillante è stato il 17esimo posto della gara di spada. Tornando in Italia, sono arrivate buone notizie anche dalla prima prova Open disputata a Carrara, in Toscana. Ben cinque i podi con due trionfi: nella sciabola maschile il più bravo di tutti è stato Riccardo Nuccio, mentre nel fioretto maschile è stato Guillaume Bianchi a sbaragliare la concorrenza. Nella gara di sciabola maschile in cui ha trionfato Nuccio, bisogna segnalare anche il nono posto di Michele Gallo, il decimo di Lorenzo Ottaviani, il 12esimo di Lupo Veccia Scavalli e poi a seguire i piazzamenti di Leonardo Tocci (19), Flavio Vinci (22), Giovanni Roussier Fusco (26), Alessandro Perugini (36), Matteo Ottaviani (53), Andrea Roussier Fusco (71) e Tiziano Tomassetti (81). Nella gara di fioretto maschile vinta da Bianchi, ottima prestazione anche per Damiano Rosatelli che ha concluso al terzo posto, poi bene anche Carlos Llavador che ha terminato quinto. Più indietro Federico Pistorio (12esimo), Guilherme Toldo (14), Federico Colamarco (25), Mattia Raimondi (27), Giuseppe Franzoni (29), Joel Ciani (46), Edoardo Gabrielli (54), Tommaso Archilei (61), Gianmarco Gridelli (65), Manfredi Di Russo (92), Lorenzo Gabrielli (106), Alexander Milano (108) e Adriano Genovese (111). Nel fioretto femminile podi anche per Camilla Mancini e Alice Volpi, rispettivamente seconda e terza. Più indietro Valentina De Costanzo (11esima), Francesca Palumbo (17), Claudia Memoli (20), Elena Tangherlini (23), Margherita Lorenzi (25), Serena Puglia (26), Ludovica Genovese (29), Mariavittoria Berretta (32) e Guia Di Russo (43). Infine nella sciabola femminile si è piazzata al nono posto Sofia Ciaraglia con Chiara Mormile decima e Benedetta Baldini 11esima, più indietro Vally Giovannelli (20), Lucia Lucarini (29), Manuela Spica (31), Amelia Giovannelli (39), Siria Mantegna (42), Flaminia Prearo (46) e Francesca Porzio (62).



Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

SEGUI SU Twitter

I più letti