Connect with us

Esteri

TWITTER, L'ANNUNCIO SHOCK DEI TERRORISTI : "VOGLIAMO PARIGI PRIMA DI ROMA"

Clicca e condividi l'articolo

La minaccia agli Usa potrebbe essere dovuta alla recente uccisione del boia dell'Isis "Jihadi John"

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print
di Angelo Barraco

Parigi –  L’Isis rivendica gli attentati: “La Francia manda i suoi aerei in Siria, bombarda uccidendo i bambini, oggi beve dalla stessa coppa": è quanto afferma il canale Dabiq France (la rivista francese dello Stato islamico) assumendo la paternità degli attentati. Lo riferisce il Site. Dopo Parigi, ora "tocca a Roma, Londra e Washington”. Minacce che non promettono nulla di buono per i prossimi eventi in Italia come il Giubileo.

 
Negli attentati sono morte almeno 60 persone in seguito a sette sparatorie in una città messa a ferro e fuoco dai terroristi, ma questo era un bilancio provvisorio. La sala Bataclan è stata teatro di orribili morti e 104ostaggi. Le forze di Polizia che sono entrate all’interno della sala hanno trovato decine di corpi martoriati, ma il bilancio è provvisorio e i morti potrebbero essere un centinaio. 
 
“Stiamo ancora cercando di determinare la posizione di sicurezza e di tutta la nostra band e l'equipaggio. I nostri pensieri sono con tutte le persone coinvolte in questa tragica situazione”. Così scrivono gli Eagles Of Death Metal sulla propria pagina facebook facendo tirare un sospiro di sollievo ai fans. La Band questa sera ha suonato al Bataclan, dove si è compiuta la strage che è stata definita l’11 settembre della Francia.  
 
La minaccia agli Usa potrebbe essere dovuta alla recente uccisione del boia dell'Isis "Jihadi John". I mass media Usa hanno anticipato una notizia che  è stata confermata dal Pentagono ovvero che nel corso di un raid aereo in Siria è stato colpito il temibile boia dell’Isis “Jihadi John”, l’uomo che senza pietà ha tagliato la gola a tanti ostaggi stranieri. Il Pentagono però non è in grado di dire al momento se “Jihadi John” (il suo vero nome è Mohamed Emwazi), sia stato ucciso o no. Intanto arrivano commenti in merito a quanto accaduto è stato confermato da parte del portavoce della Difesa Peter Cook: “sono in corso verifiche del risultato dell'operazione di stanotte. Forniremo ulteriori informazioni se e quando sarà appropriato”.
 
La Abc ritiene che il boia sia stato ucciso poiché sarebbe rimasto colpito mentre lasciava un edificio a Raqqa mentre stava salendo a bordo di un veicolo. L’Abc ha citato fonti vicine ad Obama  e l’operazione è stata definita senza errori, senza danni collaterali e secondo le autorità il boia sarebbe stato disintegrato. Il boia chi era? Un 27enne completamente vestito di nero con pistola in una fondina di cuoio e in mano teneva un minaccioso coltello.
 
Chi sono state le sue vittime? Il primo a finire sotto le mani del boia è stato l’americano James Foley il 19 agosto 2014. Successivamente sono stati brutalmente sgozzati Steven Sotloff, i britannici David Haines e Alan Henning, l'americano Peter Kassig e i giapponesi Haruna Yukawa e Kenji Goto. Il terribile killer era in fuga da mesi. 
 
Madre del giornalista americano decapitato Se verrà confermata la morte di Jihadi John sarà «una piccolissima consolazione per noi». Lo ha detto Diane Foley, la madre del giornalista americano che è stato la prima vittima del 'boia dell'Is' nell'agosto del 2014, che ha sempre criticato l'amministrazione americana per non aver fatto abbastanza per liberare il figlio e gli altri ostaggi occidentali poi decapitati dallo Stato Islamico. «Questo enorme sforzo per dare la caccia a questo uomo folle pieno d'odio quando non hanno fatto neanche metà di questi sforzi per salvare gli ostaggi quando questi giovani americani quando erano ancora vivi», ha aggiunto Foley che in passato ha condannato Washington per la sua politica di non negoziare per la liberazione degli ostaggi. Dopo l'identificazione di Jihadi John come Mohammed Emwazi lo scorso febbraio, Foley aveva detto che è «sconvolgente come una persona giovane con molti talenti li possa usare per azioni così cattive» rivolgendo un pensiero anche alla sua famiglia. Poi aveva parlato della necessità di punire ma anche perdonare i responsabili dell'uccisione del figlio: «devono essere puniti perché la loro brutalità è orribile, ma dobbiamo anche perdonare perché ad un certo punto l'odio non può continuare».

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Esteri

Hong Kong, blitz della polizia all’Apple Daily: arrestati 5 dirigenti della testata giornalistica

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Il Dipartimento di sicurezza della polizia di Hong Kong ha fatto irruzione questa mattina negli uffici dell’Apple Daily, il tabloid pro-democrazia del tycoon Jimmy Lai, arrestando cinque dirigenti in base alla legge sulla sicurezza nazionale, incluso il suo direttore Ryan Law.
Il blitz è l’ultimo attacco contro la popolare testata che ha sostenuto il movimento a favore della democrazia del centro finanziario.

La polizia ha detto che cinque dirigenti sono stati arrestati “per collusione con un paese straniero o con elementi esterni per mettere in pericolo la sicurezza nazionale”.

Continua a leggere

Esteri

Caso Marò, è finita: chiusi tutti i procedimenti a carico di Salvatore Girone e Massimiliano Latorre

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

La Corte Suprema indiana ha ordinato la chiusura di tutti i procedimenti giudiziari nel Paese a carico di Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, i due Marò coinvolti nella morte di due pescatori indiani nel 2012. Lo riporta il giornale indiano in lingua inglese The Hindu.

La Corte Suprema indiana aveva rinviato la chiusura del caso lo scorso 19 aprile perche’ l’indennizzo di cento milioni di rupie (circa 1,1 milioni di euro) che l’Italia doveva versare alle famiglie delle vittime non era stato ancora depositato.

Nel corso dell’udienza del 19 aprile, che era stata presieduta dallo stesso presidente della Corte – Sharad Arvind Bobde – il procuratore generale dello Stato, Tushar Mehta, aveva dichiarato che “l’Italia ha avviato il trasferimento di denaro”, aggiungendo però che la somma non era ancora disponibile. Il nove aprile scorso la Corte aveva deciso che il caso sarebbe stato chiuso solo dopo il deposito del risarcimento pattuito. I due militari erano accusati di aver ucciso nel 2012 due pescatori indiani, al largo delle coste del Kerala: i fucilieri, che erano impegnati in una missione antipirateria a bordo della nave commerciale italiana Enrica Lexie, videro avvicinarsi il peschereccio Saint Antony e, temendo un attacco di pirati, spararono alcuni colpi di avvertimento in acqua. A bordo della piccola imbarcazione, però , morirono i due pescatori Ajeesh Pink e Valentine Jelastine, e rimase ferito l’armatore del peschereccio, Freddy Bosco. Dopo un lungo contenzioso, nel luglio del 2020 il tribunale internazionale dell’Aja, che aveva riconosciuto “l’immunità funzionale” ai fucilieri, aveva stabilito che la giurisdizione sul caso spettava all’Italia e aveva disposto il risarcimento alle famiglie delle vittime.

“Chiusi tutti i procedimenti giudiziari in India nei confronti dei nostri due marò, Salvatore Girone e Massimiliano Latorre. Grazie a chi ha lavorato con costanza al caso, grazie al nostro infaticabile corpo diplomatico. Si mette definitivamente un punto a questa lunga vicenda”. Lo scrive su twitter il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio.

Continua a leggere

Ambiente

Cina, paura per la centrale nucleare ma per le autorità tutto nella norma

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Uno dei reattori EPR della centrale nucleare di Taishan, nel sud della Cina, ha fatto registrare “un aumento della concentrazione di alcuni gas nobili nel circuito primario”, ha fatto sapere il gruppo francese EDF.

EDF, uno dei gruppi che ha partecipato alla costruzione dell’impianto, “è stata informata dell’aumento della concentrazione di alcuni gas nobili nel circuito primario del reattore n.1 della centrale nucleare di Taishan, gestita dal TNPJVC, joint-venture di CGN (70%) e EDF (30%)”, si legge in un comunicato. Il circuito primario è un circuito sigillato che contiene acqua sotto pressione, che si scalda nella vasca del reattore a contatto di elementi combustibili.

Fra i gas cosiddetti “nobili” o rari, ci sono l’argon, l’elio, il krypton, l’argon o il neon

“La presenza di alcuni gas nobili nel circuito primario – precisa EDF – è un fenomeno noto, studiato e previsto dalle procedure di gestione dei reattori”. La tv americana CNN, sulla base di una lettera inviata da Framatome al Dipartimento per l’Energia americano, ha parlato di una possibile “fuga” nella centrale, dove ci sono due reattori EPR con tecnologia francese. Secondo la CNN, le autorità per la sicurezza cinesi avrebbero rilevato limiti “accettabili” di radiazioni all’esterno del sito per evitare di sospendere l’attività della centrale. 

Continua a leggere

I più letti