Connect with us

Sport

Uln Consalvo (calcio, Under 17 prov.), Del Monaco dopo il primo k.o.: «Prima o poi doveva capitare»

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Roma – Prima sconfitta stagionale per l’Under 17 provinciale (ex Allievi fascia A) del Consalvo. La squadra di mister Sergio Del Monaco ha ceduto tra le mura amiche per 3-1 al cospetto dell’Atletico Monteporzio. «Una partita davvero storta che abbiamo approcciato male e in cui siamo mancati dal punto di vista dell’atteggiamento mentale e da quello tattico. Siamo andati sotto dopo pochi minuti e prima dell’intervallo abbiamo subito la rete del raddoppio ospite. Nell’intervallo ho provato a scuotere i ragazzi, ma la squadra anche nel secondo tempo è parsa spaesata e slegata e pure nella seconda parte ha subito una rete all’inizio della frazione. Il gol della bandiera lo ha realizzato Rinaldi che poco prima aveva sbagliato un calcio di rigore, ma il senso del risultato non è cambiato». Il tecnico sottolinea di «aspettarsi prima o poi una battuta d’arresto di questo tipo perché il percorso di crescita di questi ragazzi è ancora lungo». In questo senso, la sosta forzata dei campionati per i noti fatti di violenza su un arbitro a San Basilio potrebbe anche essere un “rammarico” per l’Under 17 provinciale del Consalvo che non potrà riscattarsi immediatamente. «Non la penso così, anzi la pausa ci permetterà di riordinare un po’ le idee – dice Del Monaco – In questi giorni stiamo lavorando di più dal punto di vista fisico, poi torneremo ad analizzare alcuni aspetti tattici nella prossima settimana». L’inizio di stagione del gruppo capitolino (3 vittorie e 1 pareggio) non può essere macchiato dalla sconfitta di domenica scorsa. «Abbiamo un gruppo valido che, a livello di campo, deve provare ad arrivare nella parte medio-alta della classifica. Ma principalmente questi ragazzi devono crescere e diventare sempre di più “giocatori” a tutto tondo. Lavorando in una determinata maniera ci si potrà preparare al meglio al salto nella categoria Juniores» conclude Del Monaco.

Commenti

Sport

Fondazione Rugby Frascati: la nota di addio a Paolo Paoletti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

“Ciao Paolo ,

ieri ci hai lasciato silenziosamente mentre tutti noi , soffrendo , siamo costretti a rimanere a casa . Sei stato discreto e sei andato via in un momento tragico per la comunità , tanto che non ti potremmo accompagnare al tuo funerale e quindi , nel nostro immaginario , sarai sempre presente, anche per il lutto mancato .

Sarai sempre presente perché Te , con Tanfani e Spagnoli , avete fatto inchinare le prime linee di tutto il mondo ….e poi con Paladini , Bargelli , Soli , Porzio , Giorgetti , Balestra ,De Simone , Pasquini …, e le nuove leve , che onorano la maglia della nazionale , siete stati l’anima del Rugby Frascati .

Sarai sempre presente anche per la tua esuberanza di giovane frascatano cresciuto tra i vigneti , che per chi non ti conosceva a volte appariva eccessiva , ma ti rendeva ai nostri occhi di giovani rugbisti un mito .

Sarai sempre presente per la tua indipendenza , per la tua lealtà , per la tua capacità di valutare le cose scevro da ogni preconcetto

Sarai sempre presente per i tanti aneddoti con te vissuti sul campo e fuori campo

Oggi ti stanno salutando da tutta Italia , il Presidente della FIR Gavazzi, il segretario Peruzza, il Presidente del Comitato regionale , gli ex Blessano, Pratichetti, Ancillotti, Vittorio Munari, Camiscioni e tanti ex nazionali ed ex rugbisti italiani e stranieri , perché Te Paolo , eri conosciuto nel mondo rugbistico internazionale

Sarai sempre presente alla tua meravigliosa famiglia che abbracciamo , Luisa come una sorella e Andrea e Francesco come nipoti .

Sarai sempre presente perché di fronte ad una accusa ingiusta hai , con dignità , aspettato che la verità venisse a galla dandoti ragione . Da vero rugbista non hai mai pianto ma hai lottato

Sarai sempre presente perché ci hai dato anche tu la forza per fare rilanciare la storia del Rugby Frascati

Noi ti promettiamo Paolo che saremo sempre presenti per i tuoi cari e che gli impegni assunti insieme di realizzare , il campo , il monumento e il libro li porteremo a compimenti anche per te .

Ciao Paolo alziamo il bicchiere di vino per brindare a te , e sappi che non ti libererai di noi, perché ti daremo fastidio , sorridendo e raccontando di te , nei nostri incontri e nei nostri ricordi , come sempre , nel nostro non dietetico terzo tempo , spesso contro i consigli dei medici , ma per la gioia della vita

Viva Paolo Paoletti . Viva il Rugby Frascati . !

Continua a leggere

Sport

Frascati Scherma, Gregorio: “Olimpiadi? Aspettare un anno non sarà facile, ma la decisione è giusta”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Frascati (Rm) – Da qualche giorno il Cio ha ufficializzato il rinvio delle Olimpiadi di Tokyo 2020 all’anno prossimo: una decisione quasi inevitabile vista la pandemia mondiale legata al Coronavirus. La sciabolatrice Rossella Gregorio, uno dei campioni del Frascati Scherma in “odore” di convocazione, aveva virtualmente in tasca un biglietto per il Giappone e il rinvio non può certo farle piacere: “Spostare di un anno la preparazione di questo avvenimento ci crea qualche difficoltà e personalmente avrei preferito disputarlo comunque entro la fine del 2020, ma la decisione è assolutamente giusta: bisogna dare la possibilità agli atleti di preparare una Olimpiade nel migliore dei modi, ma al tempo stesso tutelare a livello sanitario l’enorme flusso di persone che sono coinvolte in un avvenimento del genere. Siamo in un momento di emergenza mondiale, ma voglio essere fiduciosa e penso che questa possa rappresentare una preziosa esperienza di vita per tutti”. L’esperta atleta campana, che ha già vissuto la magica atmosfera di un’Olimpiade a Rio nel 2016, sottolinea quale sarà l’aspetto decisivo in vista dell’appuntamento a Cinque cerchi: “Sarà fondamentale la preparazione all’evento, sia a livello individuale che di squadra. A tal proposito con le mie compagne avevamo ottenuto il “pass” proprio nell’ultimo appuntamento di Coppa del Mondo che si è disputato a inizio marzo ad Atene e questo tempo in più ci permetterà di aumentare la consapevolezza nei nostri mezzi”. Proprio nella capitale greca l’atleta allenata da Lucio Landi era tornata tra le prime otto piazzate in una gara individuale di Coppa del Mondo a distanza di quasi due stagioni: “Ho vissuto un calo di stimoli ed emotivo e al tempo stesso avevo alzato troppo le pretese nei confronti di me stessa. Sono convinta che il buon risultato di Atene sia stato figlio dell’accettazione di determinate situazioni e che nel prossimo futuro potrò ritornare ad avere continuità di prestazioni”.

Continua a leggere

Sport

Volley Club Frascati (Under 16/f), Federici: “Mi manca la mia seconda famiglia, triste non giocare”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Frascati (Rm) – Continua la pausa forzata del mondo dello sport e nello specifico della pallavolo. Nell’attesa (e nella speranza) che si riprendano le attività, le squadre del Volley Club Frascati continuano la loro preparazione “fatta in casa”. Così sta facendo anche l’Under 16 femminile Eccellenza del club tuscolano: le ragazze dei coach Flavia Mola e Andrea Chessa stanno seguendo un programma fisico di “mantenimento” con alcune schede da seguire a casa, nel rispetto delle disposizioni governative riguardanti l’emergenza Coronavirus. “Proviamo a tenerci in forma così, ma è chiaro che non è la stessa cosa – conferma l’opposto classe 2004 Clarissa Federici – Ci manca l’allenamento in gruppo e il contatto col pallone e ci manca la pallavolo: questa situazione è un colpo al cuore, anche perché personalmente ritengo il Volley Club Frascati una seconda famiglia”. La Federici ne approfitta per tracciare un bilancio della prima parte di stagione dell’Under 16 femminile Eccellenza: “Abbiamo ottenuto un buon terzo posto al termine della prima fase. Il mio giudizio è sicuramente positivo, anche se c’è stato qualche alto e basso di rendimento dovuto pure ad alcuni infortuni. Davanti a noi si sono classificate il Volleyro’ e il Volley Friends, ma negli scontri diretti abbiamo dimostrato di poter dire la nostra”. Una considerazione che la Federici “proietta” in una (eventuale) ottica di tabellone conclusivo: “Siamo in attesa di poter giocare le partite ad eliminazione diretta. La Federazione ha annunciato la cancellazione delle finali giovanili nazionali e dunque quel possibile obiettivo è sfumato, ma vogliamo comunque cercare di arrivare il più lontano possibile nel tabellone regionale”. Il giovane opposto, arrivata due stagioni fa dal Volleyro’ nell’ambito della proficua collaborazione che c’è tra i due club, parla della sua esperienza frascatana: “Sono stata subito accolta benissimo e la società e lo staff tecnico ha sempre dimostrato grande stima nei miei confronti. Con la Mola e con Chessa c’è un ottimo rapporto: sono due tecnici preparati e “severi”, ma al tempo stesso due persone con cui ci si può confrontare su diversi argomenti”.

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Aprile: 2020
L M M G V S D
« Mar    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it